La Crociata: trailer italiano e tutte le anticipazioni sulla commedia di Louis Garrel

Tutto quello che c’è da sapere su “la Crociata”, la commedia con Louis Garrel e Laetitia Casta al cinema dal 5 gennaio con Movies Inspired.

Dal 5 gennaio arriva nei cinema italiani con Movies Inspired la commedia francese La Crociata, il nuovo film da regista dell’attore Louis Garrel che è anche protagonista al fianco di Laetitia Casta e Joseph Engel.

La trama

La trama ufficiale: Abel, Marianne e il figlio tredicenne Joseph vivono insieme a Parigi. La loro esistenza quotidiana viene sconvolta il giorno in cui scoprono che Joseph, a loro insaputa, ha venduto alcuni oggetti di valore prelevati dalla casa per finanziare un misterioso progetto ecologico che Joseph con i suoi amici porta avanti in Africa, con lo scopo di salvare il pianeta.

Il cast è completato da Ilinka Lony, Julia Boème, Lionel Dray, Clémence Jeanguillaume, Lazare Minoungou, Farid Bouzenad, Basilis Athanassiadis, Patrice Trohel, Oumy Bruni Garrel, Gloria Deparis, Emiliano Laurenti, Mathieu Maricau, Moustapha Mbengue, Maïmouna Gueye, Sokhna Diallo, Mohamed Kane e Hadidiatou Sakho.

La Crociata – trailer e video

Trailer italiano ufficiale pubblicato il 3 gennaio 2022

Curiosità

  • Il film segna la terza regia per l’attore Louis Garrel dopo Due amici (2015) e L’uomo fedele (2018)
  • Louis Garrel dirige “La Crociata” da una sua sceneggiatura scritta con Jean-Claude Carrière (Van Gogh – Sulla soglia dell’eternità).
  • L’attrice Laetitia Casta è alla sua seconda collaborazione con Louis Garrel dopo L’uomo fedele. Dal 2015 Garrel è legato alla modella e attrice francese, con la quale si è sposato nel giugno 2017 e da cui ha avuto un figlio, Azel, nel marzo 2021.
  • Louis Garell è qui alla sua prima collaborazione con il direttore della fotogarfia Julien Poupard (I miserabili, Divines e Pallottole in Libertà): “Non avevo mai lavorato con lui ma avevo notato che era un eccellente cameraman, soprattutto quando gira camera in spalla. Tutta La Crociata è girata in spalla, non credo ci sia una sola inquadratura classica. I miei film precedenti erano attivi e funzionanti, ma quando scegli questa opzione, inizi ad avere idee per inquadrature più composte, anche più in posa, e io non lo volevo affatto per questo film, volevo al contrario che fosse vivace.

Intervista al regista

Louis Garrel racconta come è nata l’idea per il film.

Stavamo tornando da New York con Jean-Claude (Carrière) e lui mi dice che ha avuto un’idea davvero buona per una scena sull’aereo. Aveva spesso molte idee sopra le nuvole. A Parigi mi legge questa scena, che sarebbe diventata la prima sequenza de La Crociata. Gli dico: “Ma questo è assurdo! “…bambini appassionati di ecologia! Ho pensato che fosse un’idea adulta che abbiamo messo Nella mente dei bambini, mi dava fastidio, non mi sembrava giusto. Ne parlo con gli amici, leggo loro la scena e tutti sono d’accordo con me che non suona realistico. Jean-Claude era un po’ turbato, perché era sicuro di sé. Passano tre mesi e sento alla televisione che un’adolescente svedese ha fatto lo sciopero della fame perché sta facendo una campagna per l’ambiente e non più sopportare che nessuno faccia niente. Era Greta Thunberg. Chiamo Jean-Claude: “Sei davanti alla televisione?”. Non l’aveva ancora visto. Gli ho detto che era fantastico, proprio come nella scena che aveva scritto. E quattro mesi dopo ci sono state tutte queste dimostrazioni di piazza.

Garrel paragona il suo film ad una favola.

Mi piace che il film tenda al sogno, all’utopia. Ciò non esclude passaggi più angoscianti come la sequenza di allerta. Ho pensato al film di Peter Watkins War Time – Tempo di guerra, dove filma un attacco nucleare simulato. Questa sequenza de La Crociata è un avvertimento nel film e anche un avvertimento per gli spettatori, che pensano che “qualcosa del genere non dovrebbe accadere un giorno …”. Alla fine, ha senso che la madre interpretata da Laetitia (Casta) sia sullo schermo e non il padre, interpretato da me. La madre è meno scettica del padre, aderisce più rapidamente al progetto dei figli. Pensi che sia ingenua, ma in realtà ha senso. La fine è un miraggio, a miraggio del cinema che significa che il film stesso crede nel progetto utopico.

Garrel parla del lavorare con collaboratori abituali come la moglie Laetitia Casta e l’amico Joseph Engel.

Faccio film con le persone intorno a me perché sono a loro agio a provare e mi piace provare tutto il tempo. È più facile con i parenti. Laetitia, è ovvio, è un’attrice, ha talento, viviamo insieme, quindi possiamo lavorare a casa. Joseph è figlio di amici, quindi facile da raggiungere per i ragazzi abituali. La coppia di amici sono veri amici nella vita. C’è qualcosa di balistico nella scrittura del film, nel senso che gli attori assumono ruoli compositi. Stavo dicendo loro “So che non pensi come il tuo personaggio, ma devi credere di pensare in quel modo”. Joseph non è affatto un attivista verde nella vita reale, ma è riuscito a convincermi che lo era.

La colonna sonora

  • Le musiche originali del film sono del compositore Grégoire Hetzel (Racconto di Natale, I fantasmi d’Ismael, Per mio figlio, Chiamate un dottore!).
  • Grégoire Hetzel si riunisce con Louis Garrel dopo il mediometraggio “Petit tailleur” (2010) mentre il regista ha chiamato Philippe Sarde per i suoi primi due lungometraggi (“I due amici”, “L’uomo fedele”).

Nei film precedenti avevo remixato musiche di Philippe Sarde, ero un DJ Sarde! Il, Avevo bisogno di musica originale. Ci abbiamo armeggiato. Ha composto di notte e abbiamo registrato con l’orchestra di Praga su Facetime, a causa del Covid! Mi sono presentato da Grégoire alle 9 del mattino e sul suo computer ho visto l’orchestra. Si sono scambiati osservazioni e indicazioni su Facetime e hop. Era tutto preparato in un’ora e mezza. [Loui Garrel]

Foto e poster