Venezia 79, La Syndacaliste: trama e anticipazioni del film con Isabelle Huppert in concorso ad Orizzonti

Tutto quello che c’è da sapere su “La Syndacaliste”, la storia vera con Isabelle Huppert in concorso a Venezia 79 nella sezione Orizzonti.

Dopo il successo de La padrina, il regista Jean-Paul Salomé torna a dirigere Isabelle Huppert in La Syndacaliste (The Sitting Duck), presentato in concorso nella Sezione Orizzonti della 79esima edizione della Mostra Internazionale del Cinema di Venezia.

Trama e cast

La trama ufficiale: La syndicaliste è la vera storia di Maureen Kearney, rappresentante sindacale della centrale nucleare di una multinazionale francese, che divenne un’informatrice, denunciando accordi top-secret che scossero il settore nucleare francese. Sola contro il mondo, lottò con le unghie e con i denti contro ministri e capitani d’industria per portare alla luce lo scandalo e difendere più di 50.000 posti di lavoro… La sua vita venne sconvolta quando fu assalita violentemente in casa sua… Le indagini si svolgono sotto pressione: la questione è delicata. Improvvisamente, nuovi elementi generano dubbi negli investigatori. Da vittima, Maureen diventa sospettata.

Il cast del film include anche Alexandra Maria Lara, Benoît Magimel, Marina Foïs, Yvan Attal, Grégory Gadebois, Pierre Deladonchamps, Geno Lechner, François-Xavier Demaison, Gilles Cohen, Aloïse Sauvage, Yves Heck, Antoine Basler e Andréa Bescond, Niko Ravel e Clément Giren.

Curiosità

  • La Syndacaliste è ispirato alla vera storia di Maureen Kearney, rappresentante sindacale della centrale nucleare di una multinazionale francese, che divenne un’informatrice, denunciando accordi top-secret che scossero il settore nucleare francese. Sola contro il mondo, lottò con le unghie e con i denti contro ministri e capitani d’industria per portare alla luce lo scandalo e difendere più di 50.000 posti di lavoro…
  • Il regista Jean-Paul Salomé oltre a La Padrina – Parigi ha una nuova regina ha diretto anche Belfagor – Il fantasma del Louvre, Fatal Agents, Io faccio il morto e l’Arsenio Lupin con Romain Duris.
  • Jean-Paul Salomé dirige La Syndacaliste da una sua sceneggiatura scritta con Fadette Drouard basata sull’omonimo libro di Caroline Michel-Aguirre.
  • La Syndacaliste Jean-Paul Salomé sarà distribuito prossimamente in Italia da I WONDER PICTURES in collaborazione con Unipol Biografilm Collection.

Note di regia

Data la sua natura, il film rientra nella tradizione dei grandi thriller paranoici di cui sono particolarmente appassionato. Tocca temi attuali e scottanti come il posto occupato dalle donne nelle sfere del potere; l’importanza attribuita alle loro parole; e l’ipotesi che siano pazze e abbiano una natura manipolatoria. L’affare Kearney è la storia di un’informatrice, ma anche di una donna in un mondo di uomini non abituati a vedere donne rischiare il tutto per tutto per attaccare chi sta ai vertici. Questo lungometraggio mi ha dato la possibilità di continuare a collaborare con Isabelle Huppert, ma questa volta utilizzando un registro completamente diverso, e sempre con la volontà di farle interpretare un personaggio ancorato alla realtà. [Jean-Paul Salomé]

Il libro di Caroline Michel-Aguirre

Maureen Kearney, irlandese, insegnava inglese ad Areva dal 1987. Era un rappresentante esecutivo della CFDT eletta segretaria generale del Comitato aziendale europeo dal 2004. Nel 2012 Maureen Kearney era vicina a diversi ministri e membri eletti del nuovo governo. Nell’estate del 2012 un ministro l’ha informata dell’esistenza di un accordo segreto tra EDF e CGNPC, una compagnia nucleare cinese. Alla fine trova una copia dell’accordo. Smuove cielo e terra per fermare questo accordo. Ha previsto un trasferimento di know-how da Areva da parte di EDF al loro partner cinese. Nel dicembre 2012 viene brutalmente aggredita in casa. Perseguita dallo Stato francese per “crimine immaginario” sono necessari 6 anni per essere assolta e uscirne. Nel 2019 Caroline Michel, giornalista di Obs, racconta la sua incredibile storia in un libro edito da Stock: “La Syndacaliste”.

La sinossi ufficiale del libro: In una casa della periferia parigina, il 17 dicembre 2012, una donna è stata trovata in stato di stupore, legata a una sedia, con il manico di un coltello conficcato nella vagina. Una “A” è stata disegnata da una lama sulla sua pancia. Si chiama Maureen Kearney, è la sindacalista di Areva. Per anni Maureen ha difeso gli interessi dell’ammiraglia nucleare francese. È vicina ad Anne Lauvergeon, frequenta ministri e capitani d’industria. Quando viene a sapere che il nemico giurato di Areva, EDF, è pronto a firmare un contratto con i cinesi che potrebbe portare a un trasferimento di tecnologie, si fa avanti, allerta i politici. Fino a quel giorno di dicembre 2012. In seguito al suo attacco, è stata avviata un’indagine da parte della gendarmeria. Quindi tutto cambia. E se la sindacalista avesse inventato tutto? Maureen sarebbe un’isterica, una manipolatrice? O semplicemente un informatore schiacciato da un sistema che va al di là di lei? Teso come un thriller, l’indagine di Caroline Michel-Aguirre ci immerge nel cuore di una terrificante storia di potere, politica, industria, ma soprattutto umana.

Il libro “La Syndacaliste” è disponibile nell’edizione francese su Amazon.

Ultime notizie su Festival di Venezia

Tutto su Festival di Venezia →