Living: trailer e anticipazioni del remake con Bill Nighy ispirato al classico “Vivere” di Akira Kurosawa

Bill Nighy protagonista di “Living”, un remake britannico di Oliver Hermanus del classico “Vivere” del regista di culto Akira Kurosawa.

Dopo la tappa al Sundance, il 23 dicembre 2022 arriva nei cinema americani con Sony Pictures Classic Living, un rifacimento in lingua inglese del classico “Vivere” (Ikiru) del regista giapponese Akira Kurosawa, diretto da Oliver Hermanus (The Endless River) e con protagonista un memorabile Bill Nighy.

Living – Trama e cast

La trama ufficiale: 1953. Una Londra distrutta dalla seconda guerra mondiale è ancora in ripresa. Williams (Bill Nighy), un funzionario statale veterano, è un impotente ingranaggio all’interno della burocrazia della città mentre lotta per ricostruirsi. Sepolto sotto le scartoffie in ufficio, solo a casa, la sua vita si è sentita a lungo vuota e priva di significato. Quindi una sconvolgente diagnosi medica lo costringe a fare un bilancio e a cercare di afferrare la realizzazione prima che vada oltre la sua portata.

Il film è interpretato anche da Alex Sharp, Adrian Rawlins, Hubert Burton, Oliver Chris, Michael Cochrane, Aimee Lou Wood, Zoe Boyle, Lia Williams, Jessica Flood , Jamie Wilkes, Richard Cunningham, John Mackay , Ffion Jolly, Celeste Dodwell, Jonathan Keeble.

Living – Trailer e video

Curiosità sul film

  • Oliver Hermanus (Moffie, The Endless River, Skoonheid, Shirley Adams) dirige “Living” da una sceneggiatura scritta dal giapponese Kazuo Ishiguro (Non lasciarmi, La contessa bianca, La canzone più triste del mondo, Quel che resta del giorno) basata sulla sceneggiatura originale di Akira Kurosawa.
  • Questo è il terzo rifacimento del film di Kurosawa dopo il film per la tv del 2007, una moderna tivisitazione nel quale recitava il famoso attore kabuki Matsumoto Kōshirō. e la versione made in Bollywood del 2005 dal titolo Waqt: La corsa contro il tempo, nel quale recitano Amitabh Bachchan nel ruolo di Takashi Shimura mentre Akshay Kumar impersonava suo figlio.
  • Kazuo Ishiguro sognava da molti anni di fare un remake di Vivere (Ikiru) in inglese con Bill Nighy. Una notte lui e sua moglie finirono per condividere un taxi con Nighy dopo una festa, e lui lanciò l’idea. Nighy non aveva mai visto Vivere, ma dopo averlo visto ha aderito con entusiasmo al progetto.
  • Durante una sessione di domande e risposte all’AFI Film Festival del 2022, Bill Nighy ha confessato che, nonostante le numerose opportunità, non ha visto il film finito. Non gli piace guardarsi sullo schermo e non ha visto la maggior parte dei suoi film.
  • Bill Nighy canta in questo film. L’attore ha cantato anche in “Love Actually” (2003).
  • Gli scenografi si sono impegnati molto per far sembrare questo film come se fosse stato realizzato nell’era in cui era ambientato, evitando un montaggio rapido, ammorbidendo la tavolozza dei colori e utilizzando un font pertinente per i titoli di coda.
  • I filmati vintage dei cinegiornali a colori degli anni ’50 sono stati ripuliti digitalmente per questo film per aggiungere autenticità alle riprese di Londra.
  • La Lyons Corner Houses era una catena di esclusive sale da tè che, al suo apice, ne contava 250 solo a Londra, anche se la loro popolarità è diminuita dopo la seconda guerra mondiale a causa del cambiamento dei gusti, l’ultima ha chiuso nel 1977. È interessante notare che Lyons è stato direttamente responsabile dell’introduzione di computer mainframe elettronici programmabili nel Regno Unito dopo aver incaricato un team di ingegneri di costruirne uno per aiutare ad automatizzare parte dell’attività. Il risultato è stato un tale successo e ha guadagnato così tanta attenzione che Lyons ha avviato la propria divisione di produzione computer, chiamata LEO per produrre e vendere sistemi informatici aziendali commerciali. I computer con il marchio LEO erano ancora in uso fino all’inizio degli anni ’80, sebbene l’azienda fosse scomparsa molto prima di allora, diventando infine ICL.

Ikiru – Il film originale

Vivere / Ikiru del 1952 è diretto da Akira Kurosawa e scritto dallo stesso Kurosawa con Shinobu Hashimoto e Hideo Oguni. Il film segue un burocrate (il Takashi Shimura de I sette samurai) che cerca di trovare un senso alla propria vita dopo aver scoperto di essere affetto da un cancro terminale. La sceneggiatura è stata in parte ispirata dal romanzo di Leo Tolstoy del 1886 “La morte di Ivan Ilyich”.

  • Hideo Oguni, uno dei tre scrittori principali, originariamente immaginava il personaggio di Takashi Shimura come uno yakuza (gangster) anziché un burocrate del governo.
  • Si dice che questo sia il film preferito di Steven Spielberg.
  • Al Festival Internazionale del Cinema di Berlino nel 1954, il film ha ricevuto l’Orso d’argento.
  • Questo film ha una valutazione del 100% su Rotten Tomatoes.
  • In The Fountain di Darren Aronofsky, il personaggio di Hugh Jackman viene visto uscire da un ospedale in totale silenzio, per trasmettere lo shock della scena precedente, finché non nota finalmente le immagini e i suoni della strada trafficata. La scena è molto simile all’esperienza di Kanji quando lascia lo studio del medico dopo la diagnosi.

Living – La colonna sonora

  • Le musiche originali del film sono del compositrice Emilie Levienaise-Farrouch (Censor, La battaglia dimenticata, Rocks, Only You).
  • La colonna sonora include il brano “The Rowan Tree” di Lisa Knapp.

TRACK LISTINGS:

1. County Hall (1:41)
2. Memories (2:14)
3. Tent (2:23)
4. Williams and Margaret (1:35)
5. You Have to Speak to Him (2:03)
6. When the Time Comes (5:24)
7. Changed (7:53)
8. Peter in the Eastend (2:04)
9. The Rowan Tree – Lisa Knapp (2:49)

 

Ultime notizie su Film Europei

Tutto su Film Europei →