• Film

Navalny: la colonna sonora del documentario che ha trionfato al Sundance 2022

In un documentario premiato al Sundance, al cinema dal 10 maggio, la storia dell’avvelenamento dell’attivista e politico russo Alexei Navalny.

Dopo la distribuzione in oltre 800 sale statunitensi, il 10 maggio 2022 arriva nelle sale italiane e in contemporanea sulla piattaforma IWONDERFULL, il documentario Navalny. Co-prodotto da CNN Films e HBO Max, il film racconta il tentato omicidio nei confronti di Alexei Navalny, coraggioso oppositore di Vladimir Putin, avvelenato nell’agosto del 2020. “Navalny” è un’indagine approfondita e condotta grazie a testimonianze dirette degli eventi successivi all’agosto 2020, quando Alexei Navalny si ammalò all’improvviso su un volo tra Tomsk e Mosca. Dopo un atterraggio di emergenza a Omsk, Navalny fu ricoverato in ospedale, dove cadde in coma. Trasportato d’urgenza a Berlino, ulteriori accertamenti hanno rilevato tracce di avvelenamento tramite una sostanza nota come Novichok. Il film ricostruisce l’indagine che ha portato alla verità rispetto all’accaduto. Rientrato in Russia il 17 gennaio del 2021, Navalny è in carcere da quel giorno, accusato di appropriazione indebita. Uscito di prigione solo in seguito al suo prolungato sciopero della fame, è stato incarcerato nuovamente dopo essere stato curato. Al momento Navalny è condannato a scontare una pena di nove anni. “Navalny” è un documentario fondamentale per capire la situazione internazionale contemporanea e racconta la coraggiosa lotta di un uomo contro il potere e la corruzione.

Trama e cast

La trama ufficiale: Navalny, diretto da Daniel Roher con il ritmo appassionante di un thriller, segue il leader dell’opposizione russa Alexei Navalny nella sua indagine per identificare gli uomini che lo hanno avvelenato nell’agosto 2020. Girato in Germania nel pieno degli eventi che racconta, “Navalny” è un documentario sbalorditivo e anche un’analisi attenta dell’uomo Navalny, un leader intenzionato a riformare il suo paese, la Russia, e che non si fermerà davanti a nulla, compresi il suo tentato omicidio.

Il cast oltre allo stesso Alexey Navalny, sua moglie Yulia Navalnaya e la figlia Dasha Navalnaya include interventi dell’attivista, politico e blogger russo di origini ucraine Zakhar Navalny, l giornalista investigativa russa Mariya Pevchikh, il giornalista investigativo bulgaro Christo Grozev, il politico, informatico, attivista russo ecapo di gabinetto della campagna di Alexei Navalny per le elezioni presidenziali del 2018 Leonid Volkov, la portavoce di Navalny Kira Yarmysh, l’attivista russo Georgy Alburov, l’atleta russa Anna Biryukova, il giornalista del settimanale tedesco Der Spiegel Fidelius Schmid, il giornalista della CNN Tim Lister e la giornalista e conduttrice televisiva della CNN Clarissa Ward.

Navalny – trailer e video

Trailer ufficiale in lingua originale pubblicato il 31 marzo 2022

Spot tv in lingua originale pubblicato il 6 aprile 2022

Clip ufficiale in lingua originale pubblicato il 12 aprile 2022

Trailer italiano ufficiale pubblicato il 21 aprile 2022

Curiosità

  • Il film si è aggiudicato due premi al Sundance Film Festival 2022: Premio del pubblico per il miglior documentario americano e il Festival Favorite Award.
  • Il regista Daniel Roher ha diretto anche il documentario Ghosts of our Forest (2017) su una tribù indigena dell’Uganda violentemente allontanata dalla sua foresta natale, i cui sopravvissuti sono lasciati a riconciliarsi con i fantasmi dei loro antenati mentre lottano per mantenere la loro identità culturale, e Once Were Brothers: Robbie Robertson and The Band (2019), un racconto confessione, ammonitore e occasionalmente divertente della gioventù di Robbie Robertson e della creazione di uno dei gruppi più duraturi nella storia della musica popolare, The Band.
  • Durante la realizzazione del film, il suo team si è riferito al film con il titolo provvisorio “Untitled LP9”. I produttori hanno detto che alludeva a un soprannome che hanno visto usare dall’agenzia di sicurezza russa per il Novichok: “Love Potion n. 9 / Filtro d’amore n. 9”.
  • Il film ha fruito della fotografia di Niki Waltl (Exploring Kyrgyzstan), del montaggio di Maya Hawke (Cave of Forgotten Dreams) & Langdon Page (Salinger – Il mistero del giovane Holden).
  • “Navalny” è una coproduzione CNN e HBO Max, in associazione con Fishbowl Films, RaeFilm Studios e Cottage M. Prodotto da Odessa Rae per RaeFilm Studios, Diane Becker e Melanie Miller per Fishbowl Films, Shane Boris per Cottage M. Produttori esecutivi: Amy Entelis e Courtney Sexton per CNN Films e Maria Pevchikh.

Chi è Alexei Navalny?

Alexei Anatolievich Navalny nasce il 4 giugno 1976, avvocato, leader dell’opposizione e attivista russo contro la corruzione, ha organizzato manifestazioni anti-governative e si è candidato alla carica per sostenere le riforme contro la corruzione in Russia e contro il presidente Vladimir Putin e il suo governo, che evita di riferirsi direttamente a Navalny per nome. Navalny è il leader del partito Russia del Futuro e fondatore della Fondazione Anticorruzione (FBK). Nel 2021, Navalny aveva più di sei milioni di abbonati YouTube. Attraverso i suoi canali social pubblica materiale sulla corruzione in Russia, organizza manifestazioni politiche e promuove le sue campagne. In un’intervista radiofonica del 2011, ha descritto il partito al governo russo, Russia Unita, come un “partito di criminali e ladri”. Navalny e la FBK hanno pubblicato indagini che dettagliano la presunta corruzione da parte di alti funzionari russi. Nel marzo 2017, Navalny e la FBK hanno pubblicato il documentario He Is Not Dimon to You, accusando Dmitry Medvedev, l’allora primo ministro ed ex presidente della Russia, di corruzione, provocando proteste di massa in tutto il paese. Nel luglio 2013, Navalny ha ricevuto una condanna sospesa per appropriazione indebita.Nonostante ciò, gli è stato permesso di candidarsi alle elezioni come sindaco di Mosca nel 2013 ed è arrivato secondo, con il 27% dei voti, superando le aspettative ma perdendo contro il sindaco in carica Sergey Sobyanin, un incaricato di Putin. Nel dicembre 2014, Navalny ha ricevuto un’altra condanna sospesa per appropriazione indebita. Entrambi i suoi casi penali sono stati ampiamente considerati politicamente motivati ​​e intesi a impedirgli di candidarsi alle elezioni future. La Corte europea dei diritti dell’uomo (CEDU) ha successivamente stabilito che i casi violavano il diritto di Navalny a un processo equo, ma le sue sentenze non sono mai state annullate. Nel dicembre 2016, Navalny ha lanciato la sua campagna presidenziale per le elezioni presidenziali del 2018, ma è stato escluso dalla Commissione elettorale centrale russa (CEC) dopo essersi registrato a causa della sua precedente condanna penale; la Corte Suprema russa ha successivamente respinto il suo ricorso.Nel 2018, Navalny ha avviato lo Smart Voting, una strategia di voto tattica intesa a consolidare i voti di coloro che si oppongono al partito Russia Unita il cui leader “de facto” è Vladimir Putin. Nell’agosto 2020, Navalny è stato ricoverato in ospedale in gravi condizioni dopo essere stato avvelenato con un agente nervino noto come Novichok. Trasferito a Berlino e dimesso un mese dopo, Navalny ha accusato Putin di essere responsabile del suo avvelenamento e un’indagine ha visto coinvolti agenti del Servizio di sicurezza federale (FSB). L’UE, il Regno Unito e gli Stati Uniti hanno risposto imponendo sanzioni agli alti funzionari russi. Nel gennaio 2021, Navalny è tornato in Russia ed è stato immediatamente trattenuto con l’accusa di violazione delle condizioni di libertà vigilata mentre si trovava in Germania, imposte a seguito della sua condanna del 2014. Dopo il suo arresto e la pubblicazione del documentario “Putin’s Palace”, che accusava Putin di corruzione, si sono svolte proteste di massa in tutta la Russia. A febbraio, la sua pena sospesa è stata sostituita con una pena detentiva di oltre due anni e mezzo. Una risoluzione della CEDU (Corte europea dei diritti dell’uomo) ne chiedeva il rilascio.[36] Mentre era in prigione, Navalny e gruppi per i diritti umani hanno accusato le autorità russe di averlo sottoposto a tortura.È riconosciuto da Amnesty International come prigioniero di coscienza cioè condannato epr ragioni politiche. Nell’ottobre 2021, mentre era ancora in carcere, è stato insignito del Premio Sacharov per il suo lavoro sui diritti umani. Nel marzo 2022, Navalny è stato condannato ad altri nove anni di carcere dopo essere stato riconosciuto colpevole di appropriazione indebita e oltraggio alla corte in un nuovo processo.

Intervista al regista Daniel Roher

A più di quattro settimane dall’inizio della disastrosa guerra russa in Ucraina, e solo una settimana dopo che un tribunale aveva condannato il leader dell’opposizione russa Alexei Navalny a nove anni in una prigione di massima sicurezza, il regista di “Navalny” Daniel Roher ha lanciato un appello appassionato (via Variety) a nome del politico incarcerato, scagliandosi contro il regime “omicida” del presidente Vladimir Putin e sostenendo che i registi devono “prendere posizione” in un mondo sempre più fratturato e polarizzato.

C’è un lato giusto della politica. E sì, i registi scelgono da che parte stare. Perché o sei dalla parte della moralità, della giustizia, dello stato di diritto e della democrazia, o sei dalla parte di una dittatura omicida che lancia invasioni di nazioni sovrane e uccide bambini ogni giorno…La possibilità e la probabilità che questa fosse la sua ultima intervista era nella mia mente e non sapevamo cosa sarebbe successo. Non sapevamo se sarebbe stato ucciso. Non sapevamo se sarebbe stato condannato al carcere per il resto della sua vita. Ma quella domanda era molto reale…

Nelle settimane successive alla vivace premiere di “Navalny” al Sundance, la macchina della propaganda russa ha fatto del suo meglio per cancellare sia il leader dell’opposizione che il regista. I media statali hanno cominciato a costruire profili terrificanti creati ad hoc, accusandoli di essere agenti della CIA, pornografi e nemici dello stato – ciò che il regista ha descritto come “affermazioni spaventose, ma anche esilaranti e assurde”.

Colonna sonora

  • Le musiche originali di “Navalny” sono dei compositori Marius De Vries (CODA – I segni del cuore) & Matt Robertson (The Forest) in collaborazione con la compositrice moscovita Anna Drubich (A cena con il lupo).

TRACK LISTINGS:

1. Hello (Anna Drubich) 1:43
2. A Genuine Challenger (Marius de Vries, Matt Robertson & Anna Drubich) 4:01
3. Omsk (Marius de Vries, Matt Robertson & Anna Drubich) 3:07
4. The World Expects Answers (Anna Drubich) 1:42
5. Domestic Assassination Machine (Marius de Vries & Matt Robertson) 2:53
6. A Horse and a Donkey (Anna Drubich) 2:36
7. Juggling (Marius de Vries & Matt Robertson) 2:41
8. The Plot Thickens (Marius de Vries & Matt Robertson) 4:03
9. See You Tomorrow (Marius de Vries & Matt Robertson) 1:08
10. Leaving the Black Forest (Marius de Vries & Matt Robertson) 3:02
11. Press Conference (Anna Drubich) 1:42
12. An Amazing Pass (Marius de Vries & Matt Robertson) 3:02
13. Primitive Politics (Marius de Vries & Matt Robertson) 2:01
14. Leap of Faith (Marius de Vries & Matt Robertson) 5:17
15. Arrivals / Yulia (Marius de Vries & Matt Robertson) 6:27
16. Message (Marius de Vries & Matt Robertson) 2:51

La colonna sonora di “Navalny” è disponibile su Amazon.

Foto e poster