Stasera in tv: “Peter Rabbit” su Rai 2

Rai 2 stasera propone “Peter Rabbit”, film live-action ispirato al “Peter Coniglio” di Beatrix Potter con Domhnall Gleeson, Rose Byrne e Sam Neill.

Cast e personaggi

Domhnall Gleeson: Thomas McGregor
Rose Byrne: Bea
Sam Neill: Sig. McGregor
Marianne Jean-Baptiste: Direttore Generale
Felix Williamson: Derek

Doppiatori originali

James Corden: Peter Rabbit
Daisy Ridley: Coda-Tonda
Margot Robbie: Flopsy Rabbit
Elizabeth Debicki: Mopsy Rabbit
Colin Moody: Benjamin Bunny
Domhnall Gleeson: Jeremy Fisher
Rose Byrne: Jemima Puddle-Duck
Sam Neill: Tommy Brock
Sia: Sig.ra Tiggy-Winkle
Fayssal Bazzi: Sig. Tod
Christian Gazal: Felix D’Eer
Rachel Ward: Josephine Rabbit
Bryan Brown: Sig. Rabbit
David Wenham: Johnny Town-Mouse
Will Reichelt: JW, il gallo

Doppiatori italiani

Nicola Savino: Peter Rabbit
Emiliano Coltorti: Thomas McGregor
Valentina Favazza: Bea
Bruno Alessandro: Sig. McGregor
Silvia Tortarolo: Direttore Generale
Sergio Lucchetti: Derek
Alessia Amendola: Coda-Tonda
Francesca Manicone: Flopsy Rabbit
Domitilla D’Amico: Mopsy Rabbit
Edoardo Stoppacciaro: Benjamin Bunny
Antonio Palumbo: Jeremy Fisher
Alessia Rubini: Jemima Puddle-Duck
Marco Fumarola: Tommy Brock
Francesca Draghetti: Sig.ra Tiggy-Winkle
Paolo Macedonio: Sig. Tod
Sacha Pilara: Felix D’Eer
Stefanella Marrama: Josephine Rabbit
Rodolfo Traversa: Sig. Rabbit
Nanni Baldini: Johnny Town-Mouse
Oreste Baldini: JW, il gallo

La trama

In Peter Rabbit, l’eroe dispettoso e audace che ha affascinato intere generazioni di lettori, ora è il protagonista di una commedia di ambientazione contemporanea. Nel film, l’ostilità tra Peter e Mr. Thomas McGregor (Domhnall Gleeson) si intensifica più che mai, quando arrivano a contendersi il controllo dell’ambito orto di McGregor e l’affetto della loro vicina di casa, una ragazza adorabile e amante degli animali (Rose Byrne), e si estende dal Lake District a Londra.

Curiosità

  • Il personaggio di Peter Rabbit fu creato per la prima volta da Beatrix Potter nel 1893, in modo piuttosto anticonvenzionale. L’autrice ha creato il personaggio e ha scritto questa prima storia, “Il racconto di Peter Coniglio”, come parte di una lettera a Noel Moore, il figlio di cinque anni della ex governante della Potter, Annie Moore. Beatrix Potter saputo che il ragazzino si era ammalato gli scrisse questa storia per sollevargli il morale, racconto che includeva una serie di disegni che illustravano la narrazione. Un decennio dopo, nel 1903, un’edizione commerciale di quella storia fu pubblicata da Frederick Warne & Co, con oltre 28.000 copie della storia in stampa solo quell’anno. A partire dal 2008, “Il racconto di Peter Coniglio” ha venduto oltre 40 milioni di copie in tutto il mondo, e l’intera serie di Peter Rabbit ha venduto oltre 150 milioni di copie.
  • Il film ha fruito di un sequel dal titolo Peter Rabbit 2 – Un birbante in fuga (Peter Rabbit 2: The Runaway) ancora diretto da Will Gluck e in uscita nelle sale dal 2 aprile 2021.
  • Molte delle scene live-action sono state girate in Australia. Fortunatamente, i conigli non erano reali, in quanto sono un parassita introdotto in Australia (nel 1800, il paese era invaso da conigli) e i conigli vivi non possono essere portati nel paese, con pochissime eccezioni.
  • Il personaggio Bea (Rose Byrne) è basato su Beatrix Potter, la creatrice di Peter Rabbit.
  • Negli anni ’30, Walt Disney prese in considerazione l’idea di realizzare un adattamento di Peter Rabbit dopo Biancaneve e i sette nani (1937), ma l’autrice Beatrix Potter rifiutò l’offerta.
  • I membri del cast live-action Domhnall Gleeson, Rose Byrne e Sam Neill danno la voce anche ad alcuni dei personaggi animali del film: Jeremy Fisher, Jemima Puddle Duck e Tommy Brock
  • Quando Bea (Rose Byrne) e Tom (Domhnall Gleeson) stanno giocando con le tessere delle lettere, il primo forma la parola “Potter”, un riferimento a Beatrix Potter, l’autrice originale dei libri di Peter Rabbit su cui si basa questo film.
  • Il personaggio Felix D’eer (doppiato da Christian Gazal) non era in nessuna delle storie originali di Peter Rabbit di Beatrix Potter. È stato creato per questo film.

  • L’attrice Rachel Ward e l’attore Bryan Brown interpretano rispettivamente la voce della madre e del padre di Peter. I due sono sposati nella vita reale e hanno tre figli insieme.
  • Lavorando accanto a personaggi generati dal computer, Domhnall Gleeson e Rose Byrne, che interpretano i ruoli live-action nel film, hanno guardato palline da tennis, stick di colla e uomini in body durante gran parte delle riprese.
  • Questa è stata la terza collaborazione di Margot Robbie e Domhnall Gleeson, dopo Questione di tempo (2013) e Vi presento Christopher Robin (2017)
  • Durante una proiezione del film a Innaloo, nell’Australia occidentale, è stato accidentalmente mostrato il trailer del film horror vietato ai minori Hereditary – Le radici del male. Il risultato è stato un po’ di panico, con alcuni genitori che sono fuggiti dal cinema con i loro figli. Il cinema  alla fine ha spento lo schermo e ha offerto a tutti i membri del pubblico un pass gratuito per il film per scusarsi del loro errore. “Hereditary” è stato descritto come “uno dei film horror più traumaticamente terrificanti degli ultimi anni”.
  • Lo sviluppo del film è stato rivelato per la prima volta nell’aprile 2015, attraverso messaggi di posta elettronica trapelati a seguito dell’hacking di Sony Pictures. L’annuncio ufficiale del film è arrivato a dicembre.
  • Una metà della famiglia Rabbit è doppiata da attori britannici, mentre l’altra metà è doppiata da attori australiani. James Corden (Peter) e Daisy Ridley (Cotton-Tail) sono britannici, mentre Margot Robbie (Flopsy) ed Elizabeth Debicki (Mopsy) sono entrambe australiane.
  • Daisy Ridley e Domhnall Gleeson sono apparsi entrambi in Star Wars – Il risveglio della Forza (2015), Star Wars – Gli ultimi Jedi (2017) e Star Wars: L’Ascesa di Skywalker (2019).
  • La produzione è iniziata a dicembre 2016. Le scene live-action sono state girate al Centennial Park di Sydney, in Australia. Nel marzo 2017, le riprese si sono svolte presso la stazione ferroviaria centrale di Sydney, che è stata usata come come la stazione di London Paddington, insieme alla stazione ferroviaria Mortuary rappresentata come la stazione di campagna nel film.

  • Secondo il regista Will Gluck, sono occorsi circa 60 giorni per girare le scene live-action, la durata di una normale ripresa di un film. L’animazione è iniziata durante le riprese e ha richiesto quasi 12 mesi. L’animazione è stata completata all’inizio di febbraio 2018, solo sei giorni prima dell’uscita del film.
  • Elizabeth Debicki (voce di Mopsy) e Sacha Horler, che ha un piccolo ruolo nel film come la tassista Betty, in precedenza hanno recitato una opposta all’altra nella popolare serie televisiva australiana The Kettering Incident (2016), in cui Debicki ha interpretato il personaggio centrale.
  • Il regista Will Gluck ha prodotto il film insieme a Zareh Nalbandian di Animal Logic, che ha fornito gli effetti visivi e l’animazione del film. La troupe ha raggiunto il picco di 80 animatori, lavorando come sei team principali, ciascuno con un animatore capo e un animatore tecnico.
  • Lo scenografo Roger Ford ha creato due case per il film – quella di Mr.McGregor e quella di Beatrix Potter – che gli hanno concesso una certa libertà creativa riflettendo anche la consueta architettura delle case sul lago del Lake District in Inghilterra (il film è stato girato in Australia). Per la casa di McGregor, Ford “ha sollevato” l’interno per renderlo più luminoso e più adatto ai bambini rispetto al maniero dai pannelli di legno scuro dei libri.
  • Questo è stato il primo film di Sony Animation del 2018. I successivi sono stati Hotel Transylvania 3 – Una vacanza mostruosa (2018), Piccoli Brividi 2 – I fantasmi di Halloween (2018) e Spider-Man: Un nuovo universo (2018).
  • Simile al suo personaggio Mopsy Rabbit nel film, che crede di essere la maggiore delle tre gemelle, Elizabeth Debicki è la maggiore di tre fratelli nella vita reale. Ha una sorella e un fratello minori. Allo stesso modo, Margot Robbie (Flopsy) è una di quattro fratelli, ovvero quanti coniglietti fratelli ci sono nel film se includi Peter.
  • Questo è stato il secondo film ibrido live-action / CGI ad avere un coniglio come protagonista principale, dopo Hop (2011).
  • Il modo in cui il viso di Peter diventa rosso dopo essere stato attaccato dal signor Thomas McGregor (interpretato da Domhnall Gleeson) ricorda leggermente un coniglio ferito del film d’animazione britannico La collina dei conigli (1978). Quel film parla anche di conigli in Inghilterra e ha come protagonista John Hurt, che in precedenza aveva collaborato con James Corden negli adattamenti cinematografici d’animazione di Il Gruffalo (2009) e The Gruffalo’s Child (2011).

  • Questo è il terzo film con un coniglio animato al computer come protagonista, dopo Hop (2011) e Zootropolis (2016).
  • Questa è la terza volta che la cantautrice australiana Sia doppia un film animato, dopo C’era una volta il Principe Azzurro (2018) e My Little Pony: Il film (2017).
  • L’attrice Daisy Ridley (che nel film interpreta Cotton-Tail) è nata nel 1992, lo stesso anno in cui la serie televisiva antologica d’animazione britannica Il mondo di Peter Coniglio e dei suoi amici (1992), che ha realizzato per la prima volta gli adattamenti delle storie di Beatrix Potter, ha debuttato in televisione.
  • Nel febbraio 2018 – 24 ore dopo il suo rilascio – Sony si è scusata con i sostenitori dei gruppi di allergie alimentari che hanno affermato che la scena con un agricoltore che va in shock allergico non è divertente e incoraggia anche il bullismo alimentare.
  • Prima dell’uscita del film, la gente pensava che il personaggio di McGregor nel film fosse lo stesso McGregor delle storie originali, ma si è scoperto che quel personaggio era in realtà il suo pronipote interpretato da Domhnall Gleeson, mentre il “vero” McGregor aveva un ruolo nel film ed è stato interpretato da Sam Neill.
  • Durante i titoli di coda, viene mostrato che Bea (Rose Byrne) e Thomas (Domhnall Gleeson) aprono insieme un negozio di giocattoli e uno studio di artisti a Windermere, dove Bea inizia a scrivere e illustrare libri basati su Peter e sui suoi amici. Questa è un’allusione alla creatrice di Peter Rabbit, Beatrix Potter, su cui è basato il personaggio di Bea nel film.
  • Il film costato 50 milioni di dollari ne ha incassati nel mondo circa 351.

Note di produzione

“Quando ero bambino, mio padre mi leggeva i libri di Peter Rabbit, quindi sono legato a lui da sempre; e quando ho avuto dei figli, a mia volta li ho letti a loro”, dice Will Gluck, il co-sceneggiatore / regista della prima avventura cinematografica del famoso coniglietto, Peter Rabbit. “La cosa che più mi piace, è che Peter è un birbone! Ho pensato che fosse una grande opportunità cogliere quel caratterino che Beatrix Potter ha dato a Peter, ed espandere la sua personalità in una storia ambientata ai giorni d’oggi”. Per l’animazione, Gluck e il collega produttore Zareh Nalbandian hanno collaborato con l’animazione e gli effetti speciali dell’azienda di Nalbandian, la Animal Logic, i cui precedenti crediti includono The LEGO ® Movie, Happy Feet e tanti altri, per un film che combina l’animazione con l’azione dal vivo. “Volevamo utilizzare tutti i personaggi di Beatrix Potter per onorare ciò che ha creato – continua Gluck – conosciamo tutti i suoi bellissimi disegni ad acquerello: e semmai avessero dovuto prendere vita nel mondo reale, speriamo che sia così che dovrebbero apparire”. L’ispirazione sono stati proprio i disegni originali della Potter. “Will ed io siamo andati a vedere le immagini originali negli archivi di Beatrix Potter a Londra. Li ha letteralmente dipinti delle dimensioni in cui appaiono nei libri – spiega Nalbandian – la sfida è stata partire da lavori così piccoli, e mantenere l’integrità di questi personaggi tanto amati dei libri, collocando Peter nel XXI° secolo. Per noi è stata una grande opportunità lavorare su un progetto che non si è mai visto prima”. Un modo per mantenere l’integrità dei disegni originali, è stato fare riferimento alle illustrazioni quando possibile. “Il nostro obiettivo era fare in modo che i conigli e gli altri personaggi animali sembrassero veri, ma con vestiti ed espressioni suggerite dai libri”, dice Gluck.

Susan Bolsover direttore delle licenze e dei prodotti per la Frederick Warne & Co. Ltd, parte della Penguin Random House ritiene che il film Peter Rabbit si connetterà al pubblico moderno in modo simile a quanto avvenuto con il libro per i lettori nel 1902, perché i temi dell’avventura e delle birichinate sono senza tempo. “Penso che Beatrix Potter sia stata in grado di appassionare così tante persone con ‘La Storia di Peter Coniglio’ (The Tale of Peter Rabbit) perché è una storia divertente e intramontabile che cattura l’immaginazione dei bambini – e aggiunge – Beatrix ha capito l’importanza di parlare ai bambini con il loro linguaggio, e ha creato una storia ambientata nel mondo della natura che tutti i bambini conoscono, con temi universalmente affascinanti”.

John Moffat, General Manager dei beni di Beatrix Potter presso il National Trust, nota: “Beatrix Potter ha lasciato una grande eredità al National Trust, che cura la sua casa, Hill Top, molte opere d’arte originali, le fattorie e i terreni che sono una parte enorme della nostra opera di conservazione e protezione dell’eredità storica e naturale del Lake District. Era una donna straordinaria, e siamo onorati di condividere il suo lavoro e i suoi racconti con le famiglie di tutto il mondo. Siamo tutti molto entusiasti del film, e speriamo che possa avvicinare nuovi spettatori a Beatrix e spronarli a visitare le zone dei Laghi che l’hanno ispirata a scrivere i suoi racconti”.

La colonna sonora

  • Le musiche originali del film sono di Dominic Lewis (Free Birds – Tacchini in fuga, Boog & Elliot 4 – Il mistero della foresta, My Spy, Piccoli Brividi 2 – I fantasmi di Halloween). Lewis ha musicato anche il sequel Peter Rabbit 2: Un birbante in fuga.
  • La colonna sonora include i brani “The Kids Don’t Stand a Chance”, “M79” e “Cousins” di Vampire Weekend, “Do Your Thing” di Basement Jaxx, “We No Speak Americano” di Yolanda Be Cool & DCUP, “Steal My Sunshine” di Len, “Flashdance… What a Feeling” di David Das, “Time Bomb” di Rancid.

TRACK LISTINGS:

1. Rascal Rebel Rabbit
2. The Tale of Peter Rabbit
3. Mr. McGregor’s Garden
4. The Jacket
5. Bunnies on Broomsticks
6. Dressing on the Side
7. Garden Games
8. Benji Rescue
9. Wet Hare
10. Scuffling Scuttlebutts
11. Rabicide
12. Arms Up
13. Dies EARea
14. Wistful Windemere
15. Sawrey
16. Mission Impawsible
17. Bea
18. Hawkshead

[Per guardare il video clicca sull’immagine in alto]

Ultime notizie su Film in tv

Tutto su Film in tv →