R.I.P.D. 2: Rise of the Damned – trailer e anticipazioni del sequel di “Poliziotti dall’aldilà”

R.I.P.D. – Poliziotti dell’aldilà del 2013 ha fruito di un sequel direct-to-video intitolato R.I.P.D. 2: Rise of the Damned. In molti si sono divertiti a stroncare il bizzarro ma intrigante film d’azione sovrannaturale con Jeff Bridges e Ryan Reynolds che presentava una strana coppia di poliziotti / acchiappafantasmi / men in Black in puro stile

R.I.P.D. – Poliziotti dell’aldilà del 2013 ha fruito di un sequel direct-to-video intitolato R.I.P.D. 2: Rise of the Damned. In molti si sono divertiti a stroncare il bizzarro ma intrigante film d’azione sovrannaturale con Jeff Bridges e Ryan Reynolds che presentava una strana coppia di poliziotti / acchiappafantasmi / men in Black in puro stile “buddy cop” affiancati da un luciferino Kevin Bacon come corrotto villain con distintivo. Questo sequel ambientato come Ritorno al Futuro Parte III nel vecchio West del 1876, è in realtà un prequel che vede Jeffrey Donovan nei panni di Roy Pulsipher, una versione più giovane del burbero sceriffo interpretato nel film originale da Jeffrey Bridges.

R.I.P.D. 2 – Trama e cast

 

La trama ufficiale: Il selvaggio West è andato all’inferno, letteralmente, e la migliore speranza del mondo di essere salvato risiede nelle mani armate dello sceriffo Roy Pulsipher (Jeffrey Donovan) mentre diventa il nuovo ufficiale del Dipartimento Rest In Peace (RIPD) che impone le leggi dell’aldilà. Se il Vecchio West era selvaggio mentre era vivo, aspetta che Roy veda quanto diventa strano una volta morto. Roy pensava di unirsi al R.I.P.D. gli avrebbe dato la possibilità di rivedere sua figlia e risolvere il mistero del suo omicidio. Invece, ha le sue fondine piene di caos e fuoco infernale quando gli viene affidata la missione di impedire a un pericoloso demone di aprire un portale per gli inferi. Il destino dei vivi e dei morti ora dipende da Roy e dalla sua compagna Jeanne (Penelope Mitchell), una misteriosa spadaccina, mentre i cowboy si scontrano con le creature e la follia dei non morti scatena il caos apocalittico.

Il cast del film è completato da Rachel Adedeji, Evlyne Oyedokun, Jake Choi, Richard Brake, Craige Els, Stephanie Levi-John, Tilly Keeper, Richard Fleeshman, Nick Wittman, Kevin Harvey, Nóra Trokán, Matt Silverman, Kerry Knuppe.

R.I.P.D. 2 – Trailer e video

Curiosità sul film

  • “R.I.P.D. 2” è diretto dall’attore e regista australiano Paul Leyden che ha diretto anche il film horror Come Back To Me, la commedia Ragazze sul ring ed episodi della serie tv Cleaners.
  • Paul Leyden dirige “R.I.P.D. 2” da una sua sceneggiatura scritta con Andrew Klein.
  • L’attore protagonista Jeffrey Donovan (Roy) è noto per aver interpretato l’ex agente della CIA Michael Westen nella serie tv Burn Notice – Duro a morire in onda dal 2007 al 2013 e il cui cast includeva anche Bruce Campbell. Da allora Donovan si è tenuto molto impegnato, è apparso nella serie tv Fargo nel ruolo di Dodd Gerhardt e ha recitato con Liam Neeson in Onest Thief, con Benicio del Toro in Soldado, con Zac Efron in Ted Bundy – Fascino criminale, con Jason Statham in La furia di un uomo – Wrath of Man e interpretato il Detective Frank Cosgrove in 12 episodi della serie tv Law & Order – I due volti della giustizia.

R.I.P.D. – Il film originale

In quel di Boston il detective Nick Walker (Ryan Reynolds) viene ucciso nel compimento del suo dovere, colpito a morte durante un blitz in un magazzino. Dopo la sua violenta dipartita Walker è in procinto di affrontare l’ultimo viaggio verso la “luce” che lo porterà nell’aldilà, ma qualcosa lo strappa dalla sua beatitudine per portarlo in uno scialbo ufficio dove Mildred Proctor (Mary Louise-Parker), comandante del “Dipartimento Riposa in Pace”, recluta Walker per dare la caccia ai “Deados”, anime tormentate che sfuggite alla “luce” si celano tra i vivi sotto mentite spoglie umane. Comincia così l’avventura di Walker presso l’R.I.P.D. e la sua collaborazione con Roy Pulsipher (Jeff Bridges), uno sceriffo federale del vecchio West dai modi spicci, con cui Walker si troverà ad affrontare nientemeno che un complotto sovrannaturale atto a scatenare un’apocalisse spettrale.

Il regista Robert Schwentke, rinunciato a girare il sequel Red 2, si cimenta con l’adattamento di un fumetto con tutte le potenzialità action del franchise Men in Black e l’appeal comedy di un classico come Ghostbusters, il risultato però si pone al di sotto di tali potenzialità trasformandosi di fatto in una grossa occasione persa.

R.I.P.D. – Poliziotti dall’aldilà si presenta con un notevole appeal visivo, con creature piacevolmente grottesche, scenografie che richiamano Men in Black (vedi il quartier generale) e una strizzatina d’occhio in fase di sceneggiatura al filone “buddy cop” che ha in Arma letale il suo massimo rappresentante e che qui si pone con la medesima ironia di film come Tango and Cash e film per cultori come Sbirri oltre la vita.

Il problema è che se il film scorre via senza troppi intoppi, durante la visione si ha la netta sensazione che ci sia troppa carne al fuoco e che per mettere in risalto il lato action, si sia lasciato il resto ad un livello troppo superficiale, vedi ad esempio il rapporto tra i due protagonisti che dovrebbe rappresentare il cuore del film e di cui invece si ricorda solo la divertente e divertita performance di Bridges e il suo fantastico accento (che tra l’altro con il doppiaggio va inevitabilmente perduto), performance poco supportata da un Ryan Reynolds praticamente evanescente.

Se abbiamo apprezzato il dinamismo sincopato dato dalla regia di Schwentke, che trova anche il tempo di costellare il film di piccole citazioni che omaggiano il romantico Ghost, sottoutilizzati risultano invece Kevin Bacon e il suo villain, nonostante il carisma dell’attore che gioca tutto sul filo dell’ambiguità siamo ad anni luce dal Sebastian Shaw di X-Men: L’inizio.

Il film dalla critica oltreoceano è stato paragonato, esagerando a dir poco, al disastroso Jonah Hex e si è addirittura rispolverato per l’occasione il flop anni ottanta di Howard il papero, sotto questi due aspetti ci troviamo in netto disaccordo, benché davvero poco ispirato il film di Schwentke ha un suo fascino e ce la mette davvero tutta per intrattenere, niente a che vedere con il pessimo “Jonah Hex” e soprattutto è davvero improprio il paragone in negativo con il divertente Howard e il destino del mondo, sulle cui numerose qualità extra-fumetto ci sarebbe molto da discutere.

R.I.P.D. 2 – La colonna sonora

  • Le musiche originali del film sono del compositore J. Peter Robinson (Cocktail, Furia cieca, Nightmare – Nuovo incubo, Solo per vendetta, Tempesta di fuoco).

TRACK LISTINGS:

1. Roy’s Mission (RIPD 2 Theme) (1:04)
2. The Possession of Otis (3:07)
3. The Train Station (1:41)
4. Shootout at the Train Station (1:51)
5. My Name Is Jeanne / The Robbery (2:05)
6. Roy and Charlotte (1:24)
7. Roy and Jeanne Fight / Bizarre Revelation (2:07)
8. The Incident at Snake Gully (4:55)
9. Holy Water (2:05)
10. Slim’s Water Flicks (0:36)
11. Otis’ Lair (3:47)
12. Thanks for Saving My Soul (2:11)
13. Otis Plunders a Soul (1:58)
14. Exodus of the Workers (1:05)
15. When I Was Alive (1:01)
16. Hotel Check-In (2:18)
17. Angus at the Mine (2:19)
18. Disturbing Discovery at Butterfield’s Office (2:49)
19. You’re Joan of Arc? / Countdown from Otis / The Rift Opens (2:41)
20. Seige of Orleans / Slim Shows His True Colours / Roy Fights the Minion (8:36)
21. The Buried Sword / Astaroth’s Last Stand (4:49)
22. Back to Town / Wedding Bells / Roy Says Goodbye to Charlotte (2:33)
23. Roy Discovers 100 Year Contract (1:14)
24. Roy’s Continuing Mission (End Credits) (1:12)

La colonna sonora di “R.I.P.D. 2 – Rise Of The Damned” è disponibile su Amazon.

R.I.P.D. 2 – Foto e poster

Ultime notizie su Film Americani

Tutto su Film Americani →