Riunione di famiglia: nuove clip in italiano di “Non sposate le mie figlie 3” al cinema dal 1° dicembre

Tutto quello che c’è da sapere su “Riunione di famiglia – Non sposate le mie figlie 3”, Christian Clavier torna al cinema dal 1° dicembre con 01 Distribution.

Dal 1° dicembre nei cinema italiani con 01 Distribution Riunione di famiglia (Non sposate le mie figlie 3), torna con un terzo capitolo l’acclamata saga diretta da Philippe De Chauveron con Christian Clavier e Chantal Lauby, che si è aggiudicata un posto nella Top 100 dei maggiori successi della storia del cinema in Francia e che ha divertito milioni di spettatori in tutto il mondo.

Riunione di famiglia – Trama e cast

La trama ufficiale: Questa volta i coniugi Claude e Marie Verneuil (Christian Clavier & Chantal Lauby) stanno per festeggiare i 40 anni di matrimonio; per l’occasione, le loro quattro figlie decidono di organizzare una grande festa a sorpresa nella casa di famiglia a Chinon, e di invitare anche i rispettivi suoceri per alcuni giorni. Claude e Marie si ritroveranno così ad accogliere sotto il loro tetto i genitori di Rachid (Medi Sadoun), David (Ary Abittan), Chao (Frédéric Chau) e Charles (Noom Diawara): un soggiorno “in famiglia” che si preannuncia movimentato.

Il cast di “Riunione di famiglia” include anche Frédérique Bel, Émilie Caen, Élodie Fontan, Alice David, Pascal N’Zonzi, Salimata Kamate, Tatiana Rojo, Daniel Russo, Nanou Garcia, Abbes Zahmani, Farida Ouchani, Bing Yin, Heling Li, Loïc Legendre, Jochen Hägele, Nathalie Bécue, Marie-Hélène Lentini, Arnaud Henriet, Jean-Luc Porraz, Marc Arnaud.

Riunione di famiglia – Trailer e video

Nuove clip ufficiali in italiano pubblicate il 30 novembre 2022

Curiosità sul film

  • Il regista Philippe De Chauveron dirige “Riunione di famiglia” da una sua sceneggiatura scritta con Guy Laurent. De Chauveron e Laurent hanno scritto insieme anche Non sposate le mie figlie 1 & 2 e Benvenuti a casa mia.
  • In questo film Odile Verneuil (sposata Benichou) è interpretata da Alice David, in sostituzione di Julia Piaton che interpretava Odile in Non sposate le mie figlie! (2014) e Non sposate le mie figlie 2 (2019). Piaton non era disponibile a causa di conflitti di programmazione.
  • Lo sceneggiatore Guy Laurent sul collaborare con il regista Philippe De Chauveron: “Ha un’idea precisa di ciò che vuole e poiché ha il senso della commedia, individua molto rapidamente ciò che è divertente e ciò che non lo è. Un’altra delle sue grandi qualità è quella di essere un ottimo cliente per ciò che gli viene offerto perché chiede solo di ridere. È con me, ma lo è anche con gli attori, un vero spettatore: non partecipa ma osserva e reagisce istintivamente. E quando sta girando, sa subito quale scena intende tenere.”

Intervista a cast e regista

Il regista Philippe De Chauveron parla del grande successo riscosso dei primi due film della serie.

Quanto a me, il successo del franchise l’ho sempre vissuto bene. Quando abbiamo riunito così tante persone nelle sale (12,3 milioni di entrate francesi per la prima e 6,8 milioni per la seconda) e quando con questa storia al 100% francese siamo riusciti a raggiungere il mondo intero (9,7 milioni di entrate all’estero per la primo e quasi 4 milioni per il secondo), è stato fantastico! In Africa, Maghreb, Libano, Uruguay, Giappone…il film ha fatto ridere ovunque. E in Germania “Monsieur Claude” è diventata un’espressione per descrivere un francese! Quindi, ovviamente, quando i primi due film sono entrati nella Top 100 dei più grandi successi della storia del cinema in Francia, sapevamo che avremmo fatto fatica a raggiungere gli stessi numeri ma questo non tarpa le ali, anzi!

De Chauveron racconta quando è nato il progetto per una terza parte.

Ogni volta l’idea viene un po’ più naturale perché è guidata dal desiderio di lavorare di nuovo con gli attori. Dopo la seconda parte, questo desiderio era così palpabile che ci siamo detti che non avremmo aspettato troppo per ritrovarci. E siccome non è facile riunire tanti attori così impegnati, abbiamo persino organizzato le nostre agende per concordare le date delle riprese del terzo, ancora prima di iniziare a scrivere la sceneggiatura.

Il regista racconta come è stata la reunion di tutta la squadra sul set e spiega come riesce a gestire Christian Clavier.

È stato gioioso perché tutti si piacciono. Christian Clavier e Chantal Lauby sono complici, si ammirano molto e amano recitare insieme, sia davanti alla macchina da presa che fuori dal set, lanciandosi in improvvisazioni. I “generi” sono diventati piuttosto intimi nella vita e le ragazze sono ottime amiche. In breve, c’è una bella atmosfera tra di loro, ma dal momento che sono anche tutti molto professionali, non sembra nemmeno un campo estivo.

De Chauveron racconta come gestisce sul set il vulcanico Christian Clavier.

Siccome ci conosciamo bene, ci piacciamo e lui ha un talento immenso, non ho molto da fare, basta dargli una cornice e concedergli, all’interno di quella cornice, tutta la libertà di cui ha bisogno. Era particolarmente felice di queste riprese perché la freschezza della storia lo ha galvanizzato. E poi sa a memoria il suo personaggio, quando è arrivato sul set, si era già trasformato in Claude Verneuil.

Il regista descrive il giovane tedesco Helmut, interpretato da Jochen Hägele, come il cattivo del film.

Helmut è il cattivo del film! Per ricominciare la storia servivano nuove sfide e questo ragazzo rappresenta il pericolo perché è bello, ricco, colto, non lascia impassibile Ségolène e agli occhi di Claude Verneuil è il genero ideale. Jochen Hägele, che interpreta questo ruolo, ha attirato la mia attenzione nella serie tv Baron noir, dove interpretava il Primo Ministro tedesco. Oltre al suo talento, aveva la capacità di parlare perfettamente il francese, una condizione indispensabile per interpretare Helmut.

Christian Clavier racconta il suo coinvolgimento in questa terza avventura.

Ho totale fiducia in Philippe de Chauveron perché è un eccellente autore che ha sempre scritto molto bene per me. Quindi quando mi dice che sta pensando a me per un film, so che lo farò. E se l’idea di ripartire, per la terza volta, nell’avventura poteva sembrare folle, Philippe ha saputo rinnovare molto bene la saga: l’arrivo dei suoceri riporta la freschezza del primo episodio perché, in un certo senso, sostituiscono i generi. Inoltre, l’intervento del giovane tedesco è stato un’ottima idea perché l’incomprensione delle sue intenzioni provoca necessariamente una situazione comica. Di fronte a questi nuovi arrivati, Claude Verneuil è preso dal suo stesso gioco e pagherà caro i suoi preconcetti.

Clavier racconta del suo apporto alla sceneggiatura e del suo trasformarsi quotidianamente in Claude Verneuil.

Dato che sono anche un autore, Philippe mi chiede volentieri la mia opinione sulla sceneggiatura e a volte gli do dei suggerimenti per migliorare un po’ certe situazioni. Ma essendo stato formato da Tsilla Chelton, ho un profondo rispetto per gli autori: quando ero apprendista attore, lavoravo sui classici, ed era facile rispettare Shakespeare, Molière, Feydeau o Bossuet, ma deve essere lo stesso con bravi autori contemporanei. E se avrò qualcosa da aggiungere alla sceneggiatura, sarà sempre nella direzione del personaggio. Per quattro o cinque settimane, prima delle riprese, faccio un lavoro quasi teatrale sul testo che mi permette di imparare tutte le mie battute, di immergermi in ogni situazione ma anche di integrare tutto ciò che riguarda gli altri personaggi. Questo mi dà una visione d’insieme dello scenario e del ritmo del mio personaggio. Quando arrivo sul set, sono così allenato che non recito più, sono Claude Verneuil! È molto importante perché mi permette di inventare, di fargli vivere cose al di fuori dei dialoghi e di spingere al massimo le situazioni. Inoltre, alla fine di ogni scena, Philippe mi permette di improvvisare o suggerirgli. Lui mi dà la direzione e io gli offro la mia interpretazione; Abbiamo fatto così dall’inizio della nostra collaborazione e ha sempre funzionato bene.

Chantal Lauby che interpreta Marie Verneuil racconta il suo impatto con la sceneggiatura.

Sono rimasta piacevolmente sorpresa. Ho pensato che fosse fantastico poter scoprire il resto della famiglia, vale a dire i suoceri delle ragazze. Ci rendiamo allora conto che non tutto è così chiaro ed evidente e questo comportava dei rischi. Ma soprattutto ci ha permesso di capire l’universo e le origini di tutti i generi. Inoltre ogni membro della famiglia ha il proprio mondo: Claude Verneuil con la scrittura, Marie con i suoi dubbi, ecc. Mi sono piaciuti molto questi elementi perché ci hanno permesso di scavare più a fondo nei nostri personaggi. Ho così scoperto che al mio è successo qualcosa di totalmente inaspettato. Una di quelle sorprese che portano una vera freschezza all’avventura…

Lauby racconta come è stato tornare nei panni di Marie Verneuil e il rapporto che ha instaurato il suo personaggio.

Devo dire che questa volta sono rimasta un po’ spiazzata dal suo cambio di look perché, per me, Marie è un taglio di capelli, uno stile di abbigliamento abbastanza immutabile e piccole abitudini che la rassicurano. Ma questo restyling è stato molto divertente da interpretare. Dopo tre film, la conosco bene: è una donnina simpatica che cerca sempre di sistemare la situazione. Rappresenta ai miei occhi una madre che era classica, cioè aveva certezze e preoccupazioni, ma che improvvisamente si è lasciata condurre dalla vita e dalle sue figlie. Questo lasciarsi andare gli permette di scoprire molte cose, di imparare a vivere diversamente e di assaporare la novità.

Lauby racconta come è stato tornare a collaborare con il regista Philippe De Chauveron e il collega Christian Clavier.

Ritrovare Christian è stato immenso piacere perché siamo legati da una forte complicità. Come una vecchia coppia, ritroviamo rapidamente le nostre abitudini. Lui ha un lato nervoso, ma anche molto simpatico e lei ha una fastidiosa tendenza a controllare tutto quello che dice. In questo, questa coppia è come tante altre. Inoltre, traggo spesso ispirazione da persone che conosco, soprattutto donne che, invecchiando, diventano molto materne con i mariti e si comportano come infermiere o maestre. Philippe De Chauveron è tanto discreto quanto determinato. Siccome sa esattamente quello che vuole, se l’intonazione non è quella che ha in mente, te lo dice spontaneamente. Ma oltre a questo, lascia molta libertà agli attori. E’ lui il nostro primo spettatore: quando lo vediamo ridere come un ragazzino dietro il monitor, ci galvanizza e ci rafforza l’idea che quello che abbiamo fatto era buono. Tuttavia, dopo tre film insieme, cominciamo a conoscere i suoi gusti e a sapere come accontentarlo.

Riunione di famiglia – La colonna sonora

  • Le musiche originali del film sono del compositore Matthieu Gonet (Se sposti un posto a tavola, Les profs, Les profs 2, Canterville – Un fantasma per antenato).

TRACK LISTINGS:

1. Dead Wrong (Hanni El Khatib) 3:28
2. On est dans le noir complet (Dialogue) 0:24
3. Seka Seka (Dj Marechal) 5:12
4. La demande en mariage (Marc Chouarain) 0:40
5. Mariages (Marc Chouarain) 0:58
6. Tu m’as pris pour l’oncle Bens? (Dialogue) 0:09
7. The Hour (Valerie June) 3:50
8. Dépression (Marc Chouarain) 0:45
9. Barbès pour un provincial (Dialogue) 0:10
10. Douce France (Charles Trenet) 3:10
11. L’Humour juif (Dialogue) 0:22
12. Réunion de famille (Marc Chouarain) 1:08
13. Je n’aime pas les lychees (Dialogue) 0:07
14. Bamboo Wok (Claude Sacre Abaji) 2:14
15. Antoine, Lucas ou… Mahmoud (Dialogue) 0:27
16. Enti Mek Toubi (Ilan Abou Sylvain Lux) 1:49
17. Il veut rien payer Amin Dada (Dialogue) 0:30
18. Zumba He Zumba Ha (Dj Mam’s, feat. Soldat Jahman & Luis Guisao) 3:12
19. La famille Benetton (Dialogue) 0:17
20. Jour de paix (Marc Chouarain) 1:10
21. Non, pas les morgues(Dialogue) 0:14
22. La séparation (Marc Chouarain) 0:54
23. Le malaise du ministre (Dialogue) 0:23
24. La valse de l’amour (Marc Chouarain) 1:26
25. La Marche Nuptiale (Felix Mendelssohn) 2:30
26. On peut rire de tout mais pas avec n’importe qui (Dialogue) 0:09
27. Mastiboulance (La Jet Set) 4:56
28. Watch Out For This (Major Lazer) 4:29

La colonna sonora di “Riunione di famiglia” è disponibile su Amazon.

Riunione di famiglia – Foto e poster

Ultime notizie su Film Europei

Tutto su Film Europei →