• Film

Stephen King: 21 romanzi e racconti che diventeranno film

Scopriamo 21 tra romanzi e racconti dello scrittore Stephen King pronti per la sala o in varie fasi di sviluppo.

Dopo una serie di adattamenti riusciti IT, Il gioco di gerald, 1922 e Nell’erba alta e qualche altro meno riuscito, vedi La torre nera, Stephen King si conferma lo scrittore più saccheggiato dal cinema e dalla tv con ben 21 adattamenti cinematografici attualmente in sviluppo in varie fasi, tra cui nuovi adattamenti de L’incendiaria e Le notti di Salem, pellicole rispettivamente in post-produzione e pre-produzione.

Oltre ai titoli che troverete nella lista a seguire vi ricordiamo che altri due racconti della raccolta Se scorre il sangue (If It Bleeds) di Stephen King sono stati opzionati per farne due film. Ben Stiller ha acquisito i diritti del racconto Ratto, che Stiller produrrà, dirigerà e interpreterà mentre Darren Aronofsky ha optato per La vita di Chuck che il regista produrrà attraverso la sua società Protozoa. “Ratto” è incentrato sullo scrittore Drew Larson che dopo un acclamato racconto al suo attivo si è dedicato al mondo accademico perché ogni volta che cerca di trasformare una buona idea in un romanzo, le cose vanno molto male, mentalmente, fisicamente o entrambe. Ma la sua ultima storia, un thriller western, viene accolto molto bene, così Larson si ritira in una vecchia baita di famiglia nel bosco per portare a termine il romanzo. Quando tempeste, insicurezze e malattia colpiscono, Drew fa un sinistro affare con un topo che si rivela essere una stimolante versione della famigerata Zampa di scimmia. Il ratto si propone di di aiutarlo a superare il blocco dello scrittore in cambio della morte di una delle persone care di Larson. “La vita di Chuck” è una storia in tre atti raccontata al contrario, a partire dalla fine della vita di Chuck Krantz mentre il mondo che lo circonda si sbriciola nell’oblio e la gente comincia a rendersi conto che la fine è vicina. Il racconto inizia con la diagnosi di Chuck di un tumore al cervello e termina con la sua infanzia. L’unico indizio sulla causa di questa apocalisse incombente è una serie di misteriose apparizioni di un uomo di nome Chuck, che si presenta ovunque a partire da un messaggio che inizia a comparire sui cartelloni pubblicitari e sugli edifici delle città – “39 GRANDI ANNI! GRAZIE, CHUCK!”. La raccolta “Se scorre il sangue” si concentra su Holly Gibney partner dell’agenzia investigativa Chi perde paga (Finders Keepers) che sta cercando di trovare un cane scomparso quando legge la notizia di un attentato dinamitardo in una scuola e si convince che il giornalista su quella storia potrebbe non essere affatto obiettivo. Il personaggio, in origine spalla del detective Bill Hodges, fa la sua comparsa sul romanzo Mr Mercedes del 2014 e torna poi in Chi perde paga (Finders Keepers – 2015), Fine Turno (End of Watch – 2016) e The Outsider (2018), romanzo in cui Holly lavora ormai in proprio.

1. L’incendiaria

L’incendiaria è stato già adattato per il cinema nel 1984 in Fenomeni paranormali incontrollabili diretto da Mark L. Lester e interpretato da Drew Barrymore, David Keith, George C. Scott, Heather Locklear e Martin Sheen. Il film ha fruito di un sequel formato miniserie tv, Firestarter: Rekindled, prodotto nel 2002 con Marguerite Moreau nei panni di una Charlie adulta e Malcolm McDowell in quelli di Rainbird. Nell’aprile 2017, Jason Blum e Akiva Goldsman hanno annunciato un remake targato Universal e Blumhouse con Goldsman e Scott Teems. A giugno 2018 Fatih Akin (Soul Kitchen) è stato annunciato alla regia del remake, sostituito a dicembre 2019 da Keith Thomas. I casting confermati del remake includono Zac Efron, Michael Greyeyes, Ryan Kiera Armstrong.

La trama: Charlie: una bimba terrorizzata e terrorizzante dotata di energie psichiche straordinarie. La “Bottega”: un’agenzia governativa decisa a sfruttare tali facoltà per i suoi folli scopi. Si scatena così una ricerca senza quartiere per braccare la piccola che tuttavia riserverà qualche sorpresa ai suoi persecutori.

2. Le notti di Salem (Salem’s Lot)

Nel 1979 Le Notti Salem è stato adattato in una miniserie televisiva in due parti diretta da Tobe Hooper (Non aprite quella porta) e con David Soul nel ruolo di Ben Mears. Una versione tagliata e rimontata della miniserie tv della durata di due ore è uscita nei cinema di alcuni paesi. Nel 1987 viene girato il film I vampiri di Salem’s Lot sequel delle vicende raccontate nella miniserie del 1979. Nel 2004 fu girata un’altra miniserie, Salem’s Lot, più aderente al libro rispetto alla prima miniserie. Nel 2004,+ TNT ha presentato in anteprima un nuovo adattamento televisivo di ‘Salem’s Lot’ con protagonista Rob Lowe. Un nuovo adattamento del romanzo di New Line Cinema è stato annunciato nell’aprile 2019, con James Wan alla produzione e Gary Dauberman (Annabelle 2) a bordo come sceneggiatore e produttore esecutivo. Le riprese sono iniziate a Boston nel settembre 2021 con la regia di Dauberman e la produzione di Wan. Il cast include Lewis Pullman come Ben Mears, Spencer Treat Clark come Mike Ryersone e Makenzie Leigh come Susan Norton.

La trama: Una casa abbandonata, un paesino sperduto, vampiri assetati di sangue. Quando il giovane Stephen King decise di trapiantare Bram Stoker nel New England sapeva che la sua idea, nonostante le apparenze, era buona, ma forse neanche la sua fervida immaginazione avrebbe saputo dire quanto. Era il 1975 e, da allora, il racconto dell’avvento del Male a Jerusalem’s Lot, meglio conosciuta come ‘salem’s Lot, non ha mai cessato di terrorizzare milioni di lettori, consacrando il suo autore come maestro dell’horror. Questo piccolo classico contemporaneo viene ora riproposto in un’edizione illustrata arricchita da una nuova introduzione, due racconti e un sostanzioso apparato che raccoglie le pagine eliminate nella stesura finale.

3. Pet Sematary 2

Dopo un primo adattamento anni ottanta del romanzo “Cimitero vivente” di Stephen King diventato di culto e che ha generato anche un sequel, nel 2019 è approdato nei cinema un mediocre rifacimento con qualche cambiamento rispetto al film originale e un cast che includeva Jason Clarke, Amy Seimetz e John Lithgow. Il reboot ha cambiato ad esempio il genere del bambino che torna dall’oltretomba. A differenza del libro originale e del primo adattamento non sarà il piccolo Gage ma bensì la sorella maggiore Ellie a morire e tornare in versione zombie e a perpetrare la strage che vedrà l’intera famiglia zombificata entro la fine del film. Il remake nonostante non abbia entusiasmato ha comunque incassato 100 milioni di dollari a livello globale da un budget di 21 milioni, quindi la Paramount tenta il bis con una storia del tutto originale. Nel marzo 2019 il produttore Lorenzo di Bonaventura ha dichiarato che erano iniziate le discussioni sullo sviluppo di un prequel. Lo sceneggiatore Jeff Buhler lo ha ribadito, affermando che una continuazione della storia esplorerà “scavando nella mitologia della città, nei rituali dei bambini, la mitologia del Miꞌkmaq, del Wendigo, il cimitero, le origini, la vita di Jud”. Nel febbraio 2021, il film ha ricevuto ufficialmente il via libera con Buhler e di Bonaventura che tornano nei loro ruoli rispettivamente di sceneggiatore e produttore. Il progetto uscirà in streaming e in esclusiva su Paramount+. Nel maggio 2021, è stato annunciato che Lindsey Beer farà del prequel il suo debutto alla regia. Il cast include Jackson White come un giovane Jud Crandall al fianco di Pam Grier, Jack Mulhern, Forrest Goodluck, Natalie Alyn Lind, Isabella Star LaBlanc, Samantha Mathis e Henry Thomas.

La trama: “La morte è un mistero e la sepoltura è un segreto”. Il dottor Louis Creed ha appena accettato l’incarico di direttore sanitario dell’Università del Maine, e con un certo entusiasmo: posizione di prestigio, magnifica villa di campagna dove Eileen e Gage, i suoi bambini, possono crescere tranquilli, vicini gentili e generosi in una cittadina idilliaca lontana dal caos metropolitano. Persino Winston Churchill, detto Church, il loro pigro e inseparabile gattone, sembra subito godere dei vantaggi della nuova situazione. Ben presto, però, la serena esistenza dei Creed viene sconvolta da una serie di episodi inquietanti: piccoli incidenti inspiegabili che coinvolgono i bambini, pericolosi e giganteschi camion che sfrecciano sulla superstrada proprio sotto casa Creed, incontri diabolicamente sorprendenti e, soprattutto, sogni. Sogni oscuri e terribilmente realistici che perseguitano Louis da quando ha visitato il Pet Sematary, il cimitero dove i ragazzi di Ludlow seppelliscono da sempre i loro animali domestici. Ufficialmente. Perché oltre quella radura, nascosto tra gli alberi, c’è un altro terreno di sepoltura, ben più terrificante. Un luogo carico di presagi e di richiami, spaventosi quanto irresistibili, provenienti da un altro mondo. Un luogo dove al dottor Creed toccherà una scoperta raggelante: a volte è meglio essere morti… Pet Sematary, è un vero e proprio classico della letteratura horror, ispirato, parola di King, da un leggendario racconto popolare: “La zampa di scimmia”.

4. Christine

Il racconto di Stephen King è stato adattato una prima volta nel 1983 in Christine – La macchina infernale, film diretto da John Carpenter che ha incassato 21 milioni di dollari da un budget di 10 milioni. Nonostante l’adattamento di John Carpenter viene considerato tra i più grandi adattamenti tratti da Stephen King, la pellicola si discosta parecchio dal materiale originale e trascorsi 40 anni i tempi sembrano maturi per un remake, così a giugno 2021 è stato annunciato per la prima volta che un remake sarà realizzato da Blumhouse Productions e Sony Pictures. Jason Blum sta producendo insieme a Vincenzo Natali (Nell’erba alta, The Stand) e Bryan Fuller che sta scrivendo la sceneggiatura con l’intenzione di dirigere il film.

La trama: Tre amici vivono la loro adolescenza in una tranquilla cittadina di provincia. Le novità sono poche, finché non compare Christine, un’auto – una Playmouth del 1958 – che Arnie, uno dei ragazzi, vuole a ogni costo rimmettere a nuovo. Un’impresa disperata, che per lui si trasforma in un’ossessione, mentre la macchina inizia a manifestare un’inquietante vita propria. E nelle buie strade del paese la gente comincia a morire.

5. Elevation

Elevation, romanzo del 2018 e ultimo libro di King ambientato nella città immaginaria di Castle Rock, approderà sul grande schermo per mano di Jack Bender, regista che ha lavorato a serie tv come Under The Dome, Mr. Mercedes e The Outsider, e sta attualmente sviluppando una versione miniserie del romanzo The Institute del 2019. Durante un’intervista Bender ha parlato dell’adattamento del libro e di come ha già presentato l’idea a Stephen King e le modifiche che ha apportato alla storia: “È molto generoso su questo quando funziona. Recentemente ho adattato un suo libro intitolato Elevation, che trasformeremo in un film. E ho inventato e aggiunto alcune cose, ed ero nervoso perché non aveva mai letto niente di quello che avevo scritto, diretto e prodotto. E inutile dire che ero nervoso per questo, ma a lui è piaciuto. È molto gentile e sa che quando facciamo una serie televisiva, ci saranno cose aggiunte e altre che verranno tolte; è così che va.” “Elevation” è descritta come una “storia avvincente, straordinariamente inquietante e commovente su un uomo la cui misteriosa malattia riunisce una piccola città: una storia tempestiva e ottimista sulla ricerca di un terreno comune nonostante le differenze profonde.”

La trama: Scott Carey sta percorrendo senza fretta il tratto di strada che lo separa dal suo appuntamento. Si è lasciato alle spalle la casa di Castle Rock, troppo grande e solitaria da quando la moglie se n’è andata, se non fosse per Bill, il gattone pigro che gli tiene compagnia. Non ha fretta, Scott, perché quello che deve raccontare al dottor Bob, amico di una vita, è davvero molto strano e ha paura che il vecchio medico lo prenda per matto. Infatti Scott sta perdendo peso, lo dice la bilancia, ma il suo aspetto non è cambiato di una virgola. Come se la forza di gravità stesse progressivamente dissolvendosi nel suo corpo. Eppure, nonostante la preoccupazione, Scott si sente felice, come non era da molto tempo, tanto euforico da provare a rimettere le cose a posto, a Castle Rock. Tanto, da provare a riaffermare il potere della parola sull’ottusità del pregiudizio. Tanto, da voler dimostrare che l’amicizia è sempre a portata di mano. In questo racconto, che è anche un omaggio ai suoi maestri, King si prende la libertà, più che legittima, di dare una possibile risposta alle tristi derive del nostro tempo.

6. L’uomo in fuga (The Running Man)

Il classico racconto distopico pubblicato da Stephen King nel 1982 con lo pseudonimo di Richard Bachman, è stato già adattato nel film d’azione L’implacabile del 1987 con protagonista Arnold Schwarzenegger. La storia si svolge negli Stati Uniti nell’anno 2025, che vede l’economia in rovina e la violenza in drammatica escalation. “L’implacabile” era molto vago rispetto al materiale originale, al punto da mantenere solo l’idea generale dello spettacolo violento e alcuni nomi. Il film è stato successivamente trasformato in un videogioco pubblicato su diverse piattaforme di home computer. Ora un nuovo adattamento cinematografico de L’uomo in fuga è in fase di sviluppo con la regia di Edgar Wright (Baby Driver) e la sceneggiatura di Michael Bacall (Scott Pilgrim vs The World, 22 Jump Street) da una storia che ha scritto insieme a Wright. Simon Kinberg (X-Men: Dark Phoenix) e Audrey Chon produrranno il film. La nuova versione del film sarà molto più fedele al materiale originale rispetto al film con Schwarzenegger che era liberamente basato sul racconto che King scrisse in 72 ore.

La trama: Ben Richards è un uomo disperato. Senza lavoro, senza soldi, senza via d’uscita e con una giovane figlia bisognosa di cure mediche adeguate, deve rivolgersi all’unica possibilità di diventare ricco in questa America distopica del prossimo futuro: partecipare ad una serie di programmi televisivi ultraviolenti approvati dal governo e trasmessi da Games Network. Ben presto si ritrova selezionato come concorrente sul più grande e il migliore che Games Network ha da offrire: “L’uomo in fuga”, una lotta senza esclusione di colpi di trenta giorni per rimanere in vita come nemico pubblico numero uno, inesorabilmente braccato da una forza d’attacco d’élite decisa a ucciderlo il più rapidamente possibile di fronte ad un pubblico fin troppo ansioso di vederlo accadere. Significa un miliardo di dollari di premio in denaro se riesce a vivere per il prossimo mese. Nessuno è mai sopravvissuto per più di otto giorni. Ma la disperazione può spingere una persona a fare cose che non avrebbe mai creduto possibili, e Ben Richards è disposto ad andare lontano in questo gioco finale di vita e morte…

7. La bambina che amava Tom Gordon

George A. Romero prima della sua morte era incaricato di scrivere e dirigere un adattamento del racconto pubblicato da Stephen King nel 1999, ma i piani si sono arenati prima della scomparsa del regista. Nell’agosto 2019, il progetto è stato ripreso, con la società di produzione di Romero ancora collegata. Le parti coinvolte nella nuova produzione includono Chris Romero come produttrice, Roy Lee produttore di IT, Jon Berg di Vertigo Entertainment e Ryan Silbert di Origin Story. La società di produzione che curerà il remake è la Sanibel Films, la società di produzione di Chris Romero e del suo defunto marito George Romero. A novembre 2020 è stato annunciato che Lynne Ramsay era stata scelta per dirigere il film.

La trama: “Il mondo aveva i denti e in qualsiasi momento ti poteva morsicare”. Questo Trisha McFarland scoprì a nove anni. Alle dieci di una mattina di giugno era sul sedile posteriore della Dodge Caravan di sua madre con addosso la sua maglietta blu dei Red Sox (quella che ha 36 Gordon sulla schiena) a giocare con Mona, la sua bambola. Alle dieci e mezzo era persa nel bosco. Alle undici cercava di non essere terrorizzata, cercava di non pensare: ‘Questa è una cosa seria, questa è una cosa molto seria’. Cercava di non pensare che certe volte a perdersi nel bosco ci si poteva fare anche molto male. Certe volte si moriva.

8. La lunga marcia

La lunga marcia è un romanzo horror distopico pubblicato da Stephen King nel 1979 con lo pseudonimo di Richard Bachman. Ambientato in una futura America distopica, governata da un dittatore totalitario e militarista, la trama ruota attorno ai concorrenti di un’estenuante gara annuale di marcia. Sebbene non sia il primo dei romanzi di King ad essere pubblicato, “La lunga marcia” è stato il primo romanzo che ha scritto, avendolo iniziato nel 1966-67 durante il suo primo anno all’Università del Maine, circa otto anni prima che il suo primo romanzo Carrie venisse pubblicato nel 1974. Nel 1988, George A. Romero è stato contattato per dirigere l’adattamento cinematografico, ma il progetto non andò in porto. Nel 2007 Frank Darabont si era assicurato i diritti per l’adattamento cinematografico del romanzo e progettava di renderlo un film a basso budget, “strano, esistenziale e molto autonomo”. Nell’aprile 2018 è stato annunciato che New Line Cinema avrebbe sviluppato un adattamento cinematografico del romanzo. I diritti di Darabont sul film nel frattempo erano scaduti e il regista James Vanderbilt (Independence Day – Rigenerazione) è intervenuto per scrivere e produrre il film con Bradley Fischer e William Sherak della società di produzione Mythology Entertainment. Il 21 maggio 2019, New Line ha annunciato che sarà André Øvredal (Scary Stories to Tell in the Dark) a dirigere l’adattamento.

La trama del romanzo: Dai confini con il Canada sino a Boston a piedi, senza soste. Una sfida mortale, con un regolamento implacabile, per cento volontari: un passo falso, una caduta, un malore.., e si viene abbattuti. Ma chi riesce a tagliare il traguardo otterrà il Premio. Tra i partecipanti, fra cui spicca il sedicenne Garraty, si creano rapporti di sfida, di solidarietà e di lucida follia, lungo il terribile percorso scandito dagli incitamenti della folla assiepata ai margini della strada.

9. Il telefono del Signor Harrigan

Blumhouse, Ryan Murphy di American Horror Story e il canale streaming Netflix hanno siglato una partnership per realizzare un film basato sul racconto Il telefono del signor Harrigan (Mr. Harrigan’s Phone) di Stephen King. Parte della raccolta di racconti Se scorre il sangue (If It Bleeds) di King, “Il telefono del Signor Harrigan” sarà adattato per il grande schermo da John Lee Hancock (Saving Mr. Banks) che è designato anche alla regia. “Il telefono del Signor Harrigan” è il quarto racconto dell’antologia “Se scorre il sangue” e presenta tra i personaggi la detective chiaroveggente Holly Gibney recentemente interpretata da Cynthia Erivo nella miniserie tv The Outsider della HBO. Murphy produrrà il film insieme a Jason Blum e Carla Hacken. Marci Wiseman e Jeremy Gold di Blumhouse Television serviranno come produttori esecutivi del progetto che sarà il quarto adattamento King realizzato da Netflix dopo 1922, Il gioco di Gerald e Nell’erba alta.

La trama: Un adolescente scopre che il cellulare di un amico morto, sepolto con il corpo, comunica ancora dall’oltre la tomba. Craig trova lavoro dal pensionato Mr. Harrigan quando ha solo nove anni, annaffiando le piante e leggendo per l’anziano vecchio, che si è ritirato nella cittadina di Harlow, nel Maine, dopo una carriera di successo negli affari. Gli anni trascorrono e Craig ad un certo punto acquista un iPhone per Harrigan con la vincita di un gratta e vinci che l’anziano gli aveva regalato. Harrigan è riluttante ad accettare il telefono all’inizio, ma poi decide di goderselo. Quando il signor Harrigan muore, Craig mette il telefono in tasca dell’uomo affinché venga seppellito con lui. Una notte in cui sente la mancanza dell’amico defunto gli invia un messaggio vocale e con sua sorpresa, riceve un messaggio di risposta…

10. Throttle

Throttle è un romanzo scritto da Joe Hill e Stephen King pubblicato nel febbraio 2009 da Gauntlet Press in un’antologia in edizione limitata intitolata “He Is Legend”, in onore di Richard Matheson, e in un audiolibro intitolato Road Rage, contenente anche il racconto di Matheson “Duel”, che è servito come ispirazione per Throttle. Dal racconto è stato tratto anche un adattamento a fumetti della IDW Publishing pubblicato nella primavera del 2012 e più recentemente “Throttle” è stato incluso nell’antologia “A tutto gas” di Joe Hill. Il 30 marzo 2017 il produttore di Army of One Emile Gladstone ha annunciato che avrebbe prodotto un film basato sul racconto di King con la sceneggiatura affidata a John Scott III. Il 13 maggio 2020 è stato annunciato che HBO Max avrebbe distribuito il film con la produzione di David S. Goyer e Keith Levine di Phantom Four e la sceneggiatura affidata a Leigh Dana Jackson (Dion).

La trama: Ispirato al classico “Duel” di Richard Matheson, “Throttle” segue un duello di un tipo diverso, che contrappone un camionista senza volto ad una tribù di motociclistici fuorilegge nel bollente deserto del Nevada. La loro battaglia è combattuta su 32 chilometri della strada più solitaria del paese, un luogo in cui l’unica cosa peggiore di non sapere con che cosa stai lottando, è rallentare.

11. La metà oscura

La metà oscura è stato pubblicato nel 1989 diventando il secondo libro più venduto dell’anno dietro “Pericolo imminente” di Tom Clancy. Il romanzo è stato adattato per il cinema da George A. Romero nel 1990 in un film poi uscito nel 1993 con un cast che include Timothy Hutton, Michael Rooker e Julie Harris. Il film ha ispirato anche un videogioco di avventura rilasciato per DOS nel 1992 da Capstone Software. Nel dicembre 2019, è stato annunciato che la MGM avrebbe sviluppato un nuovo adattamento cinematografico del romanzo, con Alex Ross Perry (Her Smell) destinato a scrivere e dirigere.

La trama: Thad Beaumont è uno scrittore di successo che per anni ha pubblicato romanzi con lo pseudonimo di George Stark: storie violente e di successo, che lo hanno reso ricco e famoso. Ora può finalmente scrivere con il vero nome, ma non sa che la figura di Stark, la sua metà oscura, non intende affatto sparire: più viva e spietatata che mai, diventa una macchina di morte che distrugge quanto incontra sulla strada che conduce al suo creatore. Per difendersi da questa orribile minaccia, Thad dovrà spingersi negli angoli più inquietanti della sua mente…

12. Buick 8

Stephen King pubblica Buick 8 il 24 settembre 2002, si tratta del secondo romanzo di King a presentare un’auto sovrannaturale (la prima è Christine). Secondo la copertina del libro: “Buick 8 è un romanzo sul nostro fascino per le cose mortali, sulla nostra insistenza sulle risposte quando non ce ne sono, sul terrore e sul coraggio di fronte all’inconoscibile”. Il titolo originale “From a Buick 8” deriva dalla canzone di Bob Dylan “From a Buick 6”. Il primo adattamento viene annunciato nel 2005 con George A. Romero alla regia e una sceneggiatura di Johnathon Schaech e Richard Chizmar. Nel 2007 Tobe Hooper sostituisce Romero, ma la produzione si arena nel nel 2009 a causa di problemi nell’ottenere finanziamenti. Un secondo tentativo di adattare “Buick 8” risale al 2018 con William Brent Bell (The Boy) come regista e sceneggiatore. Nel dicembre 2019 Thomas Jane ha annunciato l’intenzione di adattare “Buick 8” in collaborazione con la produttrice Lauren Penn tramite la loro nuova casa di produzione, la Renegade Entertainment, con Jim Mickle (Stake Land) alla regia. Ad agosto 2020 Thomas Jane ha confermato il coinvolgimento di Mickle nell’adattamento.

La trama: Fa la sua comparsa nel lontano 1979 e continua la sua presenza sorniona in un capannone dietro la stazione di polizia della squadra D. È una macchina, una Buick blu notte, dentro sembra un giocattolo, ma un fatto è certo: dai copertoni sui quali non si posa mai un grammo di polvere, alla carrozzeria che si guarisce da sola, è viva come un animale… uno strano essere animato che a lunghi periodi di letargo alterna brevi, violenti attimi di attività.

13. Area di sosta (Rest Stop)

Stephen King pubblica originariamente il racconto “Area di sosta” nel dicembre 2003 su Esquire e poi incluso nella raccolta di King Al crepuscolo del 2008. Il racconto è ispirato ad un’esperienza personale di King. Durante il tragitto di ritorno da una conferenza in un college di St. Petersburg, fermatosi in un’area di sosta della Florida Turnpike per andare alla toilette, assistendo al litigio tra un uomo e una donna ebbe il pensiero che al suo posto avrebbe dovuto esserci Richard Bachman (lo pseudonimo con cui ha firmato alcuni romanzi), un alter ego interiore più adatto ad affrontare una situazione del genere. Nell’aprile 2019, è stato annunciato che Legendary Entertainment avrebbe sviluppato un adattamento cinematografico del racconto, con Alex Ross Perry (Queen of Earth) designato alla regia e alla sceneggiatura.

La trama: L’autore John Dykstra, che scrive sotto lo pseudonimo di Rick Hardin, ha bevuto troppa birra alla riunione del gruppo del suo scrittore di gialli e ha un disperato bisogno di trovare una sosta al suo ritorno da Jacksonville a Sarasota. C’è solo un’altra macchina presso l’area di servizio e sente i suoi occupanti nel bagno delle donne. È la voce di una donna e di un uomo che sente provenire dal bagno e chiaramente l’uomo sta abusando fisicamente della donna. John Dykstra deve decidere come, o anche se, agirà per fermarlo.

14. Miglio 81

Stephen King ha originariamente pubblicato Miglio 81 come e-book il 1° settembre 2011 poi incluso nella raccolta Il bazar dei brutti sogni (2015).La storia è incentrata su un piccolo gruppo di estranei che cercano di sopravvivere ad un attacco di una forza misteriosa assediati in un’area di sosta. Nel febbraio 2019 è stato annunciato che era in fase di sviluppo un adattamento cinematografico con Alastair Lagrand (The Diabolical) alla regia.

La trama: Al Miglio 81 dell’autostrada che attraversa il Maine c’è una stazione di servizio chiusa, dove i ragazzi del liceo vanno a bere a cacciarsi nei guai, come tutti i ragazzi di quell’età. È proprio lì che finisce Pete Simmons, quando suo fratello maggiore lo lascia solo per andare a giocare con gli amici. Pete si infila nel fast food abbandonato, con una bottiglia di vodka mezza piena. Ne beve abbastanza da addormentarsi. Poco dopo, una station wagon sfonda l’ingresso dell’area di servizio. La portiera si apre, ma non esce nessuno. Doug Clayton, un assicuratore di Bangor, sta guidando la sua Prius diretto a un convegno. Sul sedile posteriore c’è la borsa con i documenti mentre su quello del passeggero tiene la Bibbia, che considera l’unico vero manuale di assicurazione. Ma non gli servirà a niente, certo non a salvargli la vita, quando decide di fare il buon samaritano aiutando il proprietario della station wagon in panne. Parcheggia dietro di lui, aziona le luci di emergenza e poi si accorge che la macchina è senza targa. Poco dopo Julianne Vernon, alla guida di un pick-up che traina un rimorchio per cavalli, intravede le due auto e accosta. Julianne trova il cellulare rotto di Doug vicino alla portiera della station wagon – e si china per raccoglierlo. Quando Pete si risveglia dal torpore dell’alcol, ci sono cinque macchine ferme al Miglio 81. Due bambini – Rachel e Blake Lussier – e un cavallo che si chiama DeeDee sono gli unici esseri viventi rimasti. Se non si conta la station wagon.

15. Il Baubau (The Boogeyman)

Stephen King ha pubblicato Il Baubau per la prima volta nel numero di marzo 1973 della rivista Cavalier, e successivamente incluso nella raccolta di King A volte ritornano del 1978. Il racconto è stato adattato una prima volta nel film The Boogeyman di Jeff Schiro del 1982. È stato anche rappresentato all’Edinburgh Festival Fringe come uno spettacolo teatrale e adattato in un corto di 27 minuti. Nel 2018 gli scrittori Scott Beck e Bryan Woods hanno annunciato che avrebbero adattato la storia. Nel settembre 2019, Beck e Woods hanno rivelato che stavano ancora lavorando al progetto alla 20th Century Fox nonostante il suo acquisto da parte della Disney. Nel maggio del 2020, quando gli è stato chiesto se l’adattamento fosse ancora in corso, Beck e Woods hanno detto che al momento non erano sicuri se il progetto sarebbe andato avanti.

La trama: La storia è ambientata in uno studio psichiatrico, dove un paziente spiega nervosamente al dottore come i suoi tre figli siano stati uccisi da qualcosa o qualcuno che l’uomo riconosce come “baubau”, una creatura assassina che crede abitare gli armadi delle camere da letto. Egli ritiene che i suoi figli siano stati uccisi tutti e tre vicino a uno stanzino buio, dove, secondo il presunto “pazzoide”, viva ancora (come evidenziato dall’anta leggermente aperta dopo ogni omicidio). Il racconto dell’uomo lo mostra irrazionale, con una seconda personalità, in questo modo King porta il lettore a credere che egli sia il killer, sperando di convincere lo psichiatra che è pazzo per evitare una condanna per omicidio. La storia si chiude quando l’uomo scopre troppo tardi che il baubau è, in effetti, molto reale.

16. Le creature del buio – Tommyknockers

Tommyknockers è un romanzo di fantascienza del 1987. Pur mantenendo uno stile horror, il romanzo è un’incursione nel regno della fantascienza per King, poiché gli abitanti della città di Haven nel Maine cadono gradualmente sotto l’influenza di un misterioso oggetto sepolto nei boschi. King ha un pessimo ricordo del romanzo tanto da descriverlo come “un libro terribile”. Il racconto è stato adattato una prima volta in una miniserie televisiva in due parti trasmessa nel 1993 dalla ABC, con Jimmy Smits nei panni di Jim Gardner e Marg Helgenberger nei panni di Bobbi Anderson. La NBC ha annunciato nel luglio 2013 che avrebbero prodotto una nuova miniserie basata su “Tommyknockers”. Il 29 marzo 2018 il regista di The Conjuring James Wan e il produttore di IT Roy Lee si sarebbero uniti al produttore Larry Sanitsky per creare una versione cinematografica di “Tommyknockers” che sarà scritto da Jeremy Slater creatore e showrunner della serie tv The Exorcist di Fox.

La trama: La scrittrice Roberta Anderson scopre un giorno, nel bosco dietro casa, un enorme, sinistro oggetto sepolto lì da milioni di anni, e che tuttavia vibra ancora di un’ignota forma di vita. Con cautela, la giovane comincia a scavare per disseppellirla e, man mano che il suo lavoro procede, gli abitanti del borgo in cui lei risiede cominciano a cambiare, fondendosi in un’entità spaventevole asservita ai misteriosi esseri che ogni notte bussano alle loro porte: i Tommyknocker…

17. Torno a prenderti (The Gingerbread Girl)

Stephen King ha pubblicato originariamente Torno a prenderti nel numero di luglio 2007 di Esquire. Successivamente è stato incluso nella raccolta Crepuscolo del 2008. Il titolo originale “The Gingerbread Girl” è un’allusione alla fiaba “The Gingerbread Boy” (noto anche come “The Gingerbread Man” aka “L’omino di pan di zenzero”). Nel maggio 2018 è stato annunciato che Brainstorm Media avrebbe prodotto un adattamento cinematografico. Craig R. Baxley (Arma non convenzionale, Forza d’urto) dirigerà, con la sceneggiatura scritta da Baxley e Stephen King.

La trama: Emily si è rifugiata in un disabitato luogo di villeggiatura. Un giorno mentre fa jogging lancia uno sguardo incauto al bagagliaio dell’auto del vicino… e si risveglia saldamente legata nella cucina di lui, in procinto di essere torturata e fatta a pezzi come la vittima che aveva casualmente adocchiato. Immobilizzata e indifesa, senza nessuno che possa sentirla nel raggio di chilometri, Emily tenta disperatamente di escogitare un piano prima che il mostro torni a prenderla.

18. Bambinate (Suffer The Little Children)

Stephen King ha pubblicato “Bambinate” per la prima volta su Cavalier nel febbraio 1972. La storia è stata successivamente pubblicata come parte della raccolta “Incubi & Deliri” nel 1993. King ha rivelato che originariamente il racconto doveva essere pubblicato nella sua raccolta A volte ritornano del 1978, ma l’editore Bill Thompson decise di tagliarlo. King avrebbe voluto tagliare ” Materia grigia”, ma si è rimesso alla scelta di Thompson. King ha affermato che la storia gli ricorda le opere di Ray Bradbury e che anche altri autori hanno notato le medesime somiglianze. La storia segue Miss Emily Sidley, un’insegnante divorziata di prima elementare, che comincia a notare che i suoi studenti si comportano in modo un po’ strano, e alla fine viene rivelato che non sono affatto suoi studenti, ma invece creature aliene che abitano i corpi dei suoi studenti. “Bambinate” è stato già adattato nel corto “Let the children in” del 2017 diretto da Alexander Domogarov Jr. e realizzato per la piattaforma YouTube in lingua russa con sottotitoli in inglese. Un adattamento cinematografico diretto da Sean Carter è attualmente in lavorazione dai produttori Craig Flores, Nicolas Chartier e Sriram Das.

La trama: Miss Sidley, un’insegnante di mezza età, lavora in una scuola elementare. Un giorno la protagonista comincia a sospettare che i proprio alunni non siano normali: negli occhi di uno studente, di nome Robert, Miss Sidley vede qualcosa nel riflesso dei suoi occhiali, Robert si trasforma in qualcosa…Il tutto avviene cosi velocemente da far pensare che sia frutto esclusivamente della sua fantasia, e il giorno dopo si ripresenta a scuola come se nulla fosse. Conscia di questo fatto però, la protagonista comincia ad accorgersi di tutte quelle cose a cui prima non dava peso: sguardi di sottecchi, frasi che potrebbero riguardarla…

19. Rose Madder

Rose Madder pubblicato nel 1995 si occupa degli effetti della violenza domestica (di cui Stephen King aveva già accennato nei romanzi It, Insomnia, Dolores Claiborne, Cose preziose e molti altri) e, insolitamente per un romanzo di King, si affida per il suo elemento fantastico alla mitologia greca. Un adattamento cinematografico di “Rose Madder” era in fase di sviluppo nel 2011, ma il progetto è naufragato. Un secondo tentativo di questo libro è stato annunciato nell’estate 2017, con il regista Assaf Bernstein (The Debt) alla regia.

La trama: In fuga da Norman, il marito che la tormenta da quattordici anni, Rose riesce a rifarsi una vita e perfino a incontrare l’uomo giusto. Proprio nella stessa occasione, s’imbatte anche in uno strano quadro, un ritratto, che misteriosamente comincia a interagire con lei… Purtroppo, il sadico Norman si è intanto messo sulle tracce della moglie, lasciandosi dietro una scia di sangue e terrore. E quando la raggiunge, Rose capisce che per salvarsi dovrà calarsi nel “suo” mito – celato nel quadro – e trasformarsi in una dea vendicatrice…

20. Fuochi d’artificio ubriachi

Fuochi d’artificio ubriachi è un romanzo / audiolibro scritto da Stephen King e letto da Tim Sample pubblicato nel giugno 2015. È una storia umoristica che racconta come una competizione amichevole e competitiva di fuochi d’artificio si intensifica di anno in anno fino a culminare in un disastro. La storia è stata successivamente pubblicata in forma cartacea come parte della raccolta di King Il bazar dei brutti sogni nel novembre 2015. Ad un certo punto era in fase di sviluppo un adattamento cinematografico opzionato da Rabbit Bandini Productions e Rubicon Entertainment. L’annuncio è arrivato nel giugno 2016, all’epoca era stato annunciato anche il casting di James Franco.

La trama: Alden McCausland e sua madre sono quelli che chiamano “ricchi da incidenti”; grazie ad un inaspettato pagamento di una polizza di assicurazione sulla vita e a un gratta e vinci Big Maine Millions, Alden e sua madre sono in grado di trascorrere le loro estati lungo il lago Abenaki, bevendo pigramente e trascorrendo i loro giorni in una capanna di tre stanze con un vecchio molo e una striscia di una spiaggia.

21. Il metodo di respirazione

Stephen King ha pubblicato originariamente Il metodo di respirazione come parte della sua raccolta Stagioni diverse del 1982. La raccolta oltre a “Il metodo di respirazione” include altri tre raccconti che hanno ispirato i film “Le ali della libertà”, “L’allievo” e “Stand by me”. Il regista Scott Derrickson (Doctor Strange, The Exorcism of Emily Rose, Sinister) è stato assunto da Blumhouse nell’ottobre 2012 per adattare Il metodo di respirazione, ma il progetto non ha fatto alcun progresso da quando è stato segnalato per la prima volta.

La trama: C’è un club a New York dove gli uomini si raccontano storie. Alcune di queste sono misteriose, alcune sono orribili. Una notte un medico racconta la storia di una giovane donna che dà alla luce il suo bambino. Un evento abbastanza normale? Non questo.