• Film

James Bond: Steven Soderbergh ha rifiutato di dirigere due film di 007

Il regista Steven Soderbergh rivela di aver rifiutato ben due proposte per dirigere un film della saga di James Bond.

No Time To Die, venticinquesimo film di James Bond, debutterà nei cinema il 2 aprile 2021 con al timone il regista Cary Fukunaga (Beasts of No Nation) e Daniel Craig nella sua ultima volta nei panni di 007. Il sito Collider ci segnala una recente intervista con il podcast Happy So Confused in cui Steven Soderbergh ha parlato delle voci che si sono susseguite negli anni di trattative in corso del regista per dirigere un film della saga di Bond.

Soderbergh ha confermato che si ci sono state richieste da parte dei produttori di Bond di coinvolgerlo nella saga di 007.

Assolutamente. Sì. Adoro quel mondo. Penso che eravamo in disaccordo su alcune cose importanti. Abbiamo avuto delle conversazioni fantastiche ed è stato divertente pensarci. Ma non potevamo…gli ultimi dieci metri erano, non potevamo farlo. Semplicemente non riuscivamo a capirlo.

A Soderbergh è stato anche chiesto come sarebbe stato il suo approccio al personaggio e forse è proprio questo elemento che può aver creato il “disaccordo” accennato dal regista-

Beh, sai, non lo sapremo mai. Aspetti di esso sono apparsi altrove. Direi che ci sono cose in Haywire, in termini di approccio al personaggio – non è un grande film, ma c’è un po ‘di attività. Questo è un indizio del tipo di atteggiamento che stavo cercando. Ma guarda, stanno andando molto bene.

Steven Soderbergh avrebbe poi affrontato il genere di spionaggio e azione con il suo Knockout – Resa dei conti che ha visto protagonista la campionessa di arti marziali miste Gina Carano affiancata da un cast stellare che includeva Channing Tatum, Michael Fassbender, Ewan McGregor, Michael Douglas e Antonio Banderas.

Gli ultimi lavori di Soderbergh lo hanno visto sperimentare il formato iPhone con il thriler Unsane e il dramma sportivo High Flying Bird e optare per le piattaforme di streaming con Panama Papers realizzato per Netflix e l’imminente crime-thriller No Sudden Move prodotto da HBO Max, nel mezzo il regista ha diretto M,eryl Streep nella commedia drammatica Let Them All Talk.