• Film

The Suicide Squad: curiosità sul film e le cover a fumetti di “Suicide Squad 2”

Curiosità su The Suicide Squad – Missione Suicida, il sequel di James Gunn che riporta la Task Force X dei fumetti sul grande schermo.

The Suicide Squad – Missione Suicida ha debuttato e James Gunn ha confezionato un piccolo classico che strizza l’occhio a Deadpool, ma molto più efferato, ruvido e girato strizzando l’occhio ai film di guerra degli anni ’70.

Benvenuti all’inferno, cioè a Belle Reve, la prigione con il più alto tasso di mortalità degli Stati Uniti, dove sono rinchiusi i peggiori supercriminali, che faranno di tutto per uscirne – anche unirsi alla super segreta e oscura Task Force X. Il motto del giorno è ‘O la va o la spacca’: si riuniscano una serie di truffatori, tra cui Bloodsport, Peacemaker, Capitan Boomerang, Ratcatcher 2, Savant, Re Squalo, Blackguard, Javelin e la psicopatica più amata di tutti, Harley Quinn. Quindi si armino pesantemente e si lascino cadere (letteralmente) sulla remota isola di Corto Maltese, piena di nemici. Avventurandosi in una giungla brulicante di avversari militanti e forze di guerriglia, la Squadra sarà coinvolta in una missione di ricerca e distruzione, sotto la guida sul territorio del colonnello Rick Flag… e le direttive degli esperti tecnologici del governo di Amanda Waller nelle orecchie, che seguono ogni loro movimento. E come sempre, ad ogni mossa falsa rischiano la morte (per mano dei loro avversari, di un compagno di squadra o della stessa Waller). A voler scommetterci, la vincita è a loro sfavore – contro ognuno di loro.

Curiosità sul film

  • James Gunn ha specificamente riempito The Suicide Squad di cattivi oscuri e sconosciuti poiché sentiva che era più fedele alla Squad nei fumetti: “Volevo restare fedele alla visione originale di John Ostrander di antagonisti per lo più di secondo piano. C’è un elemento tragico innato nei supercriminali che non sono nemmeno così bravi ad essere cattivi.”
  • Per quanto riguarda il modo in cui James Gunn ha convinto Sylvester Stallone a doppiare il ruolo, non ci è voluto molto per convincerlo: Gunn gli ha detto “Ho scritto questo ruolo per te in The Suicide Squad. Non ci vorrà molto del tuo tempo.” Stallone ha risposto: “Ah sì?” Al che Gunn ha detto: “Sì. È uno grande squalo, un po’ paffuto, mangiatore di esseri umani.”, Al che Stallone ha detto: “Qualsiasi cosa per te, fratello”.
  • James Gunn considerava The Suicide Squad il film più divertente che avesse realizzato, cosa che attribuiva alla priorità della creatività rispetto al perfezionismo, trovarsi nel posto migliore mentalmente ed emotivamente, avere un cast e una troupe “stupefacenti” e uno studio di supporto (Warner Bros. che non ha interferito con la sua visione e aveva dato solo alcune note minori al riguardo), e sentendo che era all’altezza delle sue capacità di regia.
  • Idris Elba è stato inizialmente assunto per sostituire Will Smith come Floyd Lawton/Deadshot, ma in seguito è stato deciso che Elba avrebbe interpretato un nuovo personaggio (Bloodsport) per consentire a Smith di tornare in futuro.
  • Margot Robbie ha detto che interprerà Harley Quinn il più a lungo possibile, poiché ama interpretarla nell’Universi Esteso DC.

  • Lo scrittore dei fumetti di “Suicide Squad” John Ostrander interpreta il Dr. Fitzgibbon nel film.
  • James Gunn ha descritto il film come una commedia d’azione e un film di guerra degli anni ’70.
  • A James Gunn è stato dato il permesso di usare qualsiasi personaggio volesse. Tuttavia, ha volutamente scelto di utilizzare personaggi per lo più meno conosciuti. In un tweet Gunn ha scritto: “Ho preso in considerazione molti altri eroi e fuorilegge famosi, ma volevo rimanere fedele alla visione originale di Ostrander di antagonisti per lo più di seconda categoria”.
  • James Gunn ha usato principalmente effetti visivi pratici in questo film. Lo ha trovato un sollievo dopo aver lavorato ai film dei “Guardiani della Galassia” in cui si utilizzava pesantemente CGI.
  • James Gunn ha descritto Ratcatcher 2 come il “cuore del film”.
  • James Gunn è stato chiamato per scrivere e potenzialmente dirigere il sequel dopo il suo licenziamento dalla Disney, inseguito rientrato.
  • Joel Kinnaman ha detto che il film è stata un’opportunità per dare al suo personaggio una tabula rasa, e ha detto che Flag era più sciocco, meno stanco, più ingenuo e più divertente rispetto alla sua interpretazione nel primo Suicide Squad (2016).
  • James Gunn voleva che Dave Bautista interpretasse Peacemaker, ma Bautista ha rifiutato per interpretare il ruolo principale in Army of the Dead di Zack Snyder (2021).
  • James Gunn ha descritto il film come né un sequel diretto né un reboot del primo film, ma come “quello che è”.

  • John Cena ha descritto il suo Peacemaker come un “Captain America stro**o”.
  • James Gunn ha paragonato questo film a Guardiani della Galassia (2014) ha parlato delle differenze intrinseche dei due franchise: “Penso che tu sappia dall’inizio dei primi Guardiani che molto probabilmente, nel cuore di ognuno, Peter Quill è buono, Gamora è buono, Rocket è buono, Drax è buono. Mentre sia The Suicide Squad che Guardiani della Galassia includono un gruppo selvaggio di eroi dei fumetti che combattono insieme, ma le squadre non potrebbero essere più diverse. Uno contiene eroi che combattono per il bene (e denaro), mentre la Task Force X è composta da cattivi e assassini.” E rispetto a Guardiani, Gunn ha chiarito che la distinzione principale è esattamente “chi” compone ogni squadra. Gunn ha continuato parlando del gruppo di cattivi della Task Force X aggiungendo: “Alcuni non sono brave persone. Sono cattive persone. È meno sentimentale in questo modo. King Shark è molto meno sentimentale di Groot”.
  • Harley Quinn sfoggia i colori rosso e nero sui suoi capelli/vestiti in questo film, basati sulla sua apparizione nella serie a fumetti “New 52” di DC Comics e sul videogioco “Batman: Arkham City”. James Gunn voleva che la sua giacca avesse la scritta “stile gang di motociclisti” sul retro e ha scelto “Vivi veloce, muori da clown” rispetto ad altre potenziali opzioni “Clown AF” e “Il miglior papà del mondo”. Gunn ha anche rimosso il tatuaggio facciale “Rotten” di Harley dai precedenti film dell’UEDC perché sia ​​a lui che a Robbie non piaceva.
  • Margot Robbie ha condiviso alcuni pensieri su cosa aspettarsi dal ritorno del suo personaggio: “Una delle prime cose che ho detto a James è stata, penso che Harley sia un catalizzatore del caos. Non è necessariamente il tuo centro narrativo, e a volte è fantastico quando i punti della trama possono riposare sulle spalle degli altri personaggi, e lei può essere la cosa che fa esplodere un’intera sequenza di eventi. È qualcosa con cui sentivo che era d’accordo, in base a ciò che stavo leggendo nella sceneggiatura…[In termini di] come è cambiata, è sempre interessante esplorare le caratteristiche verso cui gravitano i diversi registi rispetto al personaggio. Il denominatore comune è il materiale di partenza, che è quello che ho comunque e che ha sempre costruito il personaggio. Poi si evolve in modi diversi sotto la direzione di persone diverse”.

  • I fan della DC Comics non hanno potuto fare a meno di notare che King Shark differisce dalle sue origini del fumetto “New 52”, ​​per le quali è tipicamente uno squalo martello. Quindi, come spesso fa, il regista James Gunn si è preso il tempo di accompagnare i fan curiosi attraverso il suo processo di progettazione del personaggio. Secondo Gunn, in realtà hanno cercato di emulare l’aspetto martello di King Shark, ma alcune cose sembrano semplicemente migliori su una pagina di un fumetto che davanti ad una macchina da presa. Ha spiegato su Twitter: “Ho fatto dei test con il design della testa di martello, che adoro e inizialmente pensavo di usare. Ma avere gli occhi sui lati distanti rendeva le interazioni nelle scene con altre persona incredibilmente imbarazzanti con altre persone. Non potevi davvero vederlo guardare l’altra persona e le inquadrature tendevano ad essere troppo ampie. Ma ho insistito sul fisico da papà con la pancetta fin dall’inizio perché non pensavo che King Shark avrebbe avuto una struttura corporea simile a quella dei mammiferi”.
  • Rick Flag indossa una maglietta gialla in questo film, un elemento che arriva direttamente dai fumetti.
  • David Ayer doveva dirigere il sequel, ma è stato scelto per non tornare a causa delle differenze creative e della deludente accoglienza del suo predecessore. Ayer, tuttavia, è ancora legato allo spin-off Gotham City Sirens, ma quel progetto alla fine si è sviluppato senza di lui ed è diventato “Birds of Prey”, spinoff per il quale è ancora accreditato come produttore.
  • Il film segna il ritorno di John Murphy come compositore di colonne sonore cinematografiche da Kick-Ass (2010).
  • Guy Ritchie ha espresso interesse per la regia.

  • Il comico Steve Agee ha un doppio ruolo in questo film: ha impersonato sul set King Shark poi realizzato in CGI e doppiato da Sylvester Stallone e ha interpretato John Economos, direttore del penitenziario di Belle Reve e aiutante di Amanda Waller.
  • Il regista di Suicide Squad (2016) David Ayer ha augurato a James Gunn tutto il meglio per aver diretto il sequel. Ayer si sentiva insoddisfatto del primo film, poiché la Warner Bros. ordinò riprese di 10 settimane e cambiò la maggior parte del film rispetto alla visione originale pensata da Ayer.
  • I produttori Marvel Kevin Feige e Louis D’Esposito hanno visitato il set durante le riprese.
  • Il film è stato girato interamente con telecamere RED certificate IMAX, questo sarà il primo film con un dievieto ai minori di 17 anni ad essere girato interamente in IMAX.
  • Gavin O’Connor doveva dirigere, ma è stato successivamente licenziato una volta che James Gunn è stato portato a bordo. O’Connor non ne è stato informato fino a quando la notizia non è stata diffusa sui social media.
  • James Gunn ha affermato in diverse interviste di aver ricevuto molta più libertà creativa durante le riprese rispetto ai film dei Guardiani della Galassia dell’UCM.
  • Mel Gibson, Ruben Fleischer, Daniel Espinosa e Jonathan Levine erano tutti in trattative per dirigere il sequel durante diversi punti dello sviluppo del film.
  • Gavin O’Connor è stato incaricato di dirigere il film dopo che David Ayer non è stato scelto per tornare per il sequel a causa di differenze creative. Tuttavia, O’Connor avrebbe lasciato il progetto a causa dei continui ritardi e conflitti del film con il programma di produzione di Will Smith.
  • Sol Soria, leader della resistenza di Corto Maltese interpretata da Alice Braga, prende il nome da Juan Soria, un membro della Suicide Squad nei fumetti.

  • The Suicide Squad è la sesta collaborazione tra James Gunn e Michael Rooker. Avevano già lavorato insieme in Slither (2006), Super – Attento crimine!!! (2010), Guardiani della Galassia (2014), Guardiani della Galassia Vol. 2 (2017) e il video musicale Guardians of the Galaxy: Inferno (2017).
  • I fan hanno chiesto a James Gunn una serie di cose interessanti, tra cui quale attore è il suo preferito quando si tratta di interpretare l’iconico cattivo di Batman, il Joker. In uno scambio di battute su Instagram Gunn ha rivelato di avere difficoltà a scegliere un preferito, ma ce ne sono stati due che sono saltati fuori: Heath Ledger e Joaquin Phoenix. “Ho difficoltà a scegliere tra Ledger e Phoenix”, ha detto Gunn.
  • Jaume Collet-Serra sarebbe stato considerato il regista se Mel Gibson non avesse preso il timone. Collet-Serra avrebbe abbandonato la contesa per dirigere Jungle Cruise con Dwayne Johnson ed Emily Blunt. Ironia della sorte, Collet-Serra ha anche trovato un altro progetto con supereroi firmando per Black Adam (2022) in cui è tornato a dirigere Dwayne Johnson.
  • Isabela Merced è stata presa in considerazione per il ruolo di Ratcatcher.
  • Ruben Fleischer era in considerazione per dirigere il film, ma dopo aver raggiunto le trattative finali per dirigere un altro film tratto da un fumetto, il Venom con Tom Hardy, ha abbandonato i giochi.
  • Zak Penn ha scritto un nuovo trattamento della storia, rendendo questo il suo sesto film basato su un fumetto dopo X-Men 2 (2003), Elektra (2005), X-Men: Conflitto finale (2006), L’incredibile Hulk (2008) e The Avengers ( 2012).
  • Mel Gibson era il presunto favorito alla regia. Per coincidenza, Gibson è stato uno degli attori considerati per interpretare Bruce Wayne/Batman nel Batman di Tim Burton (1989) e Due Facce in Batman Forever (1995).
  • Questa è la quarta collaborazione tra James Gunn (il regista del film) e Nathan Fillion (T.D.K.). Avevano già lavorato insieme in Slither (2006), Super – Attento crimine!!! (2010) e Guardiani della Galassia (2014).

  • Il produttore Peter Safran ha definito The Suicide Squad un “grintoso film di guerra degli anni ’70 combinato con la brillantezza dei personaggi e della commedia di James Gunn”, mentre Gunn ha detto che era la versione con supereroi Quella sporca dozzina (1967). Gunn ha anche citato La grande fuga (1963), Dove osano le aquile (1968) e I guerrieri (1970) come influenze.
  • Questo sarà il secondo film di Suicide Squad classificato con un divieto ai minori di 17 anni dopo il film d’animazione Suicide Squad – Un inferno da scontare (2018) e il terzo film dell’Universo Esteso DC con il medesimo divieto dopo Birds of Prey e la fantasmagorica rinascita di Harley Quinn ( 2020) e Zack Snyder’s Justice League (2021).
  • Quando viene presentato, King Shark è visto leggere il testo teologico classico “Le varie forme dell’esperienza religiosa. Uno studio sulla natura umana” del filosofo William James.
  • Todd Stashwick, co-sceneggiatore del film con David Bar Katz, appare anche nella serie tv DC Gotham come Richard Sionis / The Mask.
  • La scenografa Beth Mickle ha detto che James Gunn voleva che il film fosse “grigio, scialbo e monotono” fino all’arrivo dei personaggi a Corto Maltese, e che poi voleva far “esplodere il colore” come Panama e Havana. Mickle ha preso ispirazione specifica per la tavolozza dei colori dell’isola da Colón, Panama.
  • La scena preferita di James Gunn nel film è quando King Shark fa a pezzi un uomo. King Shark era realizzato in CGI mentre la sua vittima era un manichino con protesi.
  • Idris Elba interpreta Bloodsport, condannato per aver sparato a Superman con un proiettile di kryptonite e averlo spedito in rianimazione.
  • Questo è il debutto live-action del supercriminale stella marina aliena Starro.

Le cover a fumetti ispirate al film

DC Comics per accompagnare l’uscita del film ha annunciato la pubblicazioni di tredici cover varianti a tema “The Suicide Squad – Missione Suicida”, ognuna delle quali sarà legata ad una serie diversa all’interno della linea attuale di DC.

Batman #111 di Lucio Parrillo (3 agosto)
Suicide Squad #6 di Jorge Molina (3 agosto)
Green Lantern #5 di Felipe Massafera (3 agosto)
The Joker #6 di Jonboy Meyers (10 agosto)
Wonder Woman #777 di Will Murai (10 agosto)
Superman: Son of Kal-El #2 di Sami Basri (10 agosto)
Infinite Frontier #4 di John K. Snyder III 10 agosto)
Future State: Gotham #4 di Dima Ivanov (10 agosto)
Blue Gold #2 di Jason Howard (17 agosto)
Catwoman #34 di Steve Lieber (17 agosto)
The Flash #773 di Alan Quah (17 agosto)
Harley Quinn #6di Riccardo Federici (24 agosto)
Infinite Frontier #5 di John K. Snyder III (24 agosto)