• Film

Titane: nuove clip in italiano e tutte le anticipazioni sul film premiato a Cannes 2021

Tutto quello che c’è da sapere su “Titane”, il film Palma d’Oro che ha scioccato il Festival di Cannes nei cinema italiani il 30 settembre 2021.

Il 29 settembre I Wonder Pictures porterà nei cinema d’Italia Titane, il thriller-horror diretto da Julia Ducournau e premiato con la Palma d’Oro al Festival di Cannes 2021 che ha scioccato e scosso la Croisette ed è stato scelto dal presidente della giuria Spike Lee come vincitore della prestigiosa kermesse d’oltralpe. A seguito di una serie di crimini inspiegabili, un padre ritrova il figlio scomparso da 10 anni.

Trama e cast

La trama ufficiale: Alexia (Agathe Rousselle) adora le automobili, sin da quando, bambina, un incidente le ha donato una placca di titanio nella testa. Facendola rinascere, gonfia di rabbia e amore represso che la trasformeranno in un essere ibrido e nuovo. Perché la metamorfosi si completi, dovrà scoprire la forza potente che muove le cose del mondo: l’essere umani. Titane è un vero manifesto della nostra contemporaneità fluida e del cinema del futuro, materia pulsante densa di risonanze. Un film unico, provocatorio, innovativo, che attraversa l’immaginario techno-rock-pop new pangender e ha stupito e trionfato al 74. Festival di Cannes vincendo la Palma d’oro.

Nel cast anche Vincent Lindon, Garance Marillier, Laïs Salameh, Vincent Lindon, Agathe Rousselle, Mara Cisse, Marin Judas, Diong-Kéba Tacu, Myriem Akheddiou, Bertrand Bonello, Céline Carrère, Adèle Guigue, Thibault Cathalifaud, Dominique Frot, Lamine Cissokho, Florence Janas e Frédéric Jardin.

Titane – trailer e video

Primo trailer italiano ufficiale pubblicato il 2 agosto 2021

Nuovo trailer inglese “red band” pubblicato il 10 settembre 2021

Nuove clip in italiano pubblicate il 21 settembre 2021

Curiosità

  • “Titane” è diretto dalla regista francese Julia Ducournau al suo secondo lungometraggio dopo aver realizzato il successo indipendente Raw – Una cruda verità.
  • Julia Ducournau dirige “Titane” da una sua sceneggiatura scritta in collaborazione con Jacques Akchoti(Non ti voltare) e Jean-Christophe Bouzy.
  • Con questo film, Julia Ducournau è diventata la seconda regista donna e la quarta donna a vincere la Palma d’oro a Cannes. La regista Jane Campion ha vinto il premio nel 1993 per Lezioni di piano; le attrici Léa Seydoux e Adèle Exarchopoulos hanno ricevuto la Palma d’Oro per la loro collaborazione con il regista Abdellatif Kechiche in La vita di Adele nel 2013.
  • Durante l’inizio della cerimonia di chiusura, al presidente della giuria Spike Lee è stato detto in francese di rivelare il “primo premio”, ma ha interpretato erroneamente la frase con il significato di “primo posto”. Di conseguenza, ha rivelato prematuramente che il film aveva vinto la Palma d’oro.
  • Il film ha ricevuto una standing ovation di 9 minuti dopo la sua prima a Cannes.
  • Alla premiere nordamericana del film al Toronto International Film Festival il 10 settembre 2021, secondo quanto riferito, un membro del pubblico è svenuto. Per fortuna un medico tra il pubblico è intervenuto per aiutare.
  • Una sinossi alternativa rilasciata durante Cannes recitava: “Titane, termine francese per Titanio, metallo altamente resistente al calore e alla corrosione, con leghe ad alta resistenza alla trazione, spesso utilizzato nelle protesi mediche a causa della sua pronunciata biocompatibilità”.
  • Fin dai suoi primi cortometraggi, Julia Ducournau si è specializzata in body-horror. Sin da Junior (il suo cortometraggio del 2011), la regista ha mostrato un debole per le protesi, gli effetti speciali e le mutazioni corporee, e dopo Raw – Una cruda verità (il suo cruento dramma “cannibal” del 2016), continua questa esplorazione con “Titane”.
  • Titane affronta la violenza “come l’inizio di qualcosa, come uno scuotimento di fondamenta che esistono da troppo tempo”, spiega la regista. Si approfondisce anche il tema della discendenza e dell’amore, o più precisamente “un racconto di come nasce l’amore”.
  • Per questo film Julia Ducournau ha scritto un ruolo su misura appositamente per Vincent Lindon. Quest’ultimo dopo aver visto Grave voleva lavorare assolumente con lei. Titane gli ha richiesto di passare un anno a sollevare pesi prima che il film fosse girato. la regista ha voluto contrapporre a lui uno sconosciuto, un volto sul quale non si potevano proiettare preconcetti, e ha scelto Agathe Rousselle per il compito. Garance Marillier, un attore che ha avuto un ruolo chiave nell’ascesa al successo di Julia Ducournau, completa il cast.
  • Il team che ha supportato dietro le quinte Julia Ducournau ha incluso Ruben Impens (Alabama Monroe – Una storia d’amore), il montatore Jean-Christophe Bouzy (Raw – Una cruda verità), gli scenografi Laurie Colson (Raw – Una cruda verità) & Lise Péault (Un marito a metà).

La colonna sonora

  •  Le musiche originali del film sono dei compositori Séverin Favriau (Fratelli di sangue) & Jim Williams (Kill List). Williams ha già collaborato con la regista Julia Ducournau per la colonna sonora di “Raw – Una cruda verità””.
  • La colonna sonora include anche una versione di Lisa Abbott della canzone folk “Wayfaring Stranger” e i brani “She’s Not There” di The Zombies e “Doing It to Death” di The Kills.

TRACK LISTINGS:

1. Gym to Car (0:30)
2. Fan in Car Kill (1:22)
3. Car Fuck (3:07)
4. Beach Puke (1:04)
5. Justine Kills Scrape (0:54)
6. House Burning (2:17)
7. Airport (1:28)
8. Simulator (1:25)
9. Bathroom Pieta (2:19)
10. Belly Oil (2:15)
11. Forest Fire (1:09)
12. Sarabande (2:45)
13. Ending from Bedroom (1:24)
14. Ending from Kiss (1:21)
15. End Credits (5:25)
16. Wayfaring Stranger – Lisa Abbott (2:58)
17. Apocalypse – Séverin Favriau (1:42)
18. God and Drug – Séverin Favriau (1:14)

Foto e poster

Foto: Philippe Quaisse / Carole Bethuel