• Film

Top Gun compie 35 anni: storia e curiosità del film con Tom Cruise

35 anni fa usciva nelle sale Top Gun e in attesa del sequel Top Gun: Maverick, in uscita il 19 novembre, celebriamo l’uscita dell’originale di Tony Scott.

35 anni fa usciva nelle sale Top Gun e il 19 novembre arriverà nelle sale americane il sequel Top Gun: Maverick quindi quale migliore occasione per celebrare l’originale che nel lontano 1986 sbancò il box-office, lanciò il divo Tom Cruise e impose lo stile visivo del compianto Tony Scott alla sua seconda regia dopo l’esordio con l’horror con vampiri Miriam si sveglia a mezzanotte del 1983. Su schermo la summa del cinema di Scott in un action spettacolare e coinvolgente, scene aeree tra le più realistiche mai viste sul grande schermo, un protagonista carismatico, una storia d’amore e amicizia e il tutto accompagnato da una memorabile colonna sonora tra le più celebri e amate della storia del cinema.

La storia del film

Prodotto da Don Simpson e Jerry Bruckheimer, in associazione con la Paramount Pictures, una prima bozza della sceneggiatura di “Top Gun” è stata scritta da Jim Cash e Jack Epps Jr. che si sono ispirati ad un articolo intitolato “Top Guns” pubblicato sul magazine California che presentava fotografie aeree dell’allora tenente comandante Charles “Heater” Heatley. L’articolo descriveva in dettaglio la vita dei piloti di caccia alla Naval Air Station Miramar di San Diego soprannominata “Fightertown USA”. Cruise nel film interpreta il tenente Pete “Maverick” Mitchell, un giovane aviatore della marina a bordo della portaerei USS Enterprise. Lui e il suo ufficiale preposto al radar Nick “Goose” Bradshaw (Anthony Edwards) hanno la possibilità di addestrarsi presso la Fighter Weapons School della Marina degli Stati Uniti presso la Naval Air Station Miramar a San Diego, in California. Tony Scott è stato assunto per dirigere sulla base di uno spot che aveva fatto per la casa automobilistica svedese Saab nei primi anni ’80, in cui una Saab 900 turbo viene mostrata mentre corre con un jet da combattimento Saab 37 Viggen.

I produttori volevano l’assistenza della Marina degli Stati Uniti nella produzione del film. La Marina è stata influente in relazione all’approvazione della sceneggiatura, che ha comportato diverse modifiche. Il duello aereo di apertura è stato spostato in acque internazionali anziché a Cuba, il linguaggio è stato attenuato e anche una scena che ha coinvolto uno schianto sul ponte di una portaerei è stata cancellata. AncheL’interesse amoroso di Maverick è stato cambiato da un membro femminile arruolato della Marina ad un appaltatore civile con la Marina, a causa del divieto delle forze armate statunitensi di fraternizzazione tra ufficiali e personale arruolato. Il personaggio di “Charlie” ha anche sostituito un istruttore di aerobica da una prima bozza come interesse amoroso per Maverick dopo che i produttori sono stati presentati a Christine “Legs” Fox, una matematica civile impiegata dal Center for Naval Analysis come specialista in Maritime Air Superiority (MAS), lo sviluppo di tattiche per la difesa delle portaerei.

Il film è stato un enorme successo commerciale con un incasso di 356 milioni di dollari a fronte di un budget di produzione di soli 15 milioni di dollari. Il film ha mantenuto la sua popolarità nel corso degli anni e ha ottenuto una riedizione IMAX 3D nel 2013. Inoltre, il film ha vinto un Oscar per la migliore canzone originale per “Take My Breath Away” eseguita da Berlin e nel 2015 la Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti ha selezionato il film per la conservazione nel National Film Registry.

Curiosità

  • Il film è stato candidato a 4 Premi Oscar: Miglior canzone (Take My Breath Away), Miglior montaggio, Miglior sonoro e Miglior montaggio sonoro vincendo una statuetta per la Miglior canzone.
  • Il regista del film Tony Scott è morto suicida il 19 agosto 2012 lanciandosi dal Vincent Thomas Bridge di San Pedro a Los Angeles.
  • Alla vera scuola Top Gun si viene multati di cinque dollari ogni qualvolta si cita il film.
  • Val Kilmer non avrebbe voluto essere nel film, ma è stato costretto da obblighi contrattuali.
  • Il regista Tony Scott è stato ufficialmente licenziato tre volte durante la produzione.
  • A differenza di Ufficiale e gentiluomo del 1981, il Dipartimento di Difesa americano ha sponsorizzato Top Gun.
  • Charlotte Blackwood, nome in codice “Charlie”, l’astrofisica interpretata da Kelly McGillis consulente del programma di addestramento esisteva davvero. Era Christine Fox un analista civile del Pentagono, nelle aule si faceva rispettare tanto da meritare il rispetto dei piloti che la temevano e stimavano. I produttori la notarono nella base di a Miramar dove assisteva i piloti che poi venivano assegnati alle varie squadriglie. Era un’esperta di radar, missili ed apparati elettronici, ispirandosi al sul suo profilo ritagliarono il personaggio sexy e professionale di Charlie. Nel 2013 è stata nominata vice segretario alla Difesa ad interim dal presidente Obama.
  • Matthew Modine fu scelto inizialmente per il ruolo di Maverick, ma rifiutò la parte contestando l’utilizzo della Guerra fredda come escamotage narrativo per poi interpretare la pellicola Full Metal Jacket di Stanley Kubrick.
  • Anthony Edwards, Michael Ironside e Rick Rossovich presero tutti parte alla serie televisiva E.R. – Medici in prima linea (1994). Il primo interpretò il dottor Mark Greene, dal 1994 al 2002.
  • In alcune scene nello spogliatoio, si può vedere un armadietto con il nome TEX. È il nome in codice del tenente William “TEX” Spence, vero istruttore Top Gun che nel film è uno dei piloti degli F-14.
    Il “vecchio” compagno di Charlie nel locale notturno “Oak Club”, nella vita reale è il vero “Viper” ed era consulente tecnico nel film. In realtà l’Oak Club è lo “O” Club, che sta a significare Officers Club (una sorta di circolo ufficiali).
  • Tom Cruise non sapeva andare in moto al tempo delle riprese. Ha infatti dovuto prendere delle lezioni in un parcheggio di un concessionario. In particolare, l’attore fa uso della Kawasaki modello GPZ 900R, all’epoca la moto di serie più veloce del mondo.
  • La scena del piano e quella finale del juke-box, sono state girate a San Diego in un bar-ristorante di nome “Kansas City BBQ” che si trova all’angolo tra Kettner Blvd e W. Harbor Drive. Il ristorante al suo interno conserva ancora numerosi cimeli usati nel film e foto ricordo incluso il juke-box, il piano di Goose e il casco di Maverick al sicuro dentro una teca.
  • La scena d’amore tra Charlie e Maverick fu girata molto dopo la fine delle riprese. Tanto che Kelly McGillis aveva già iniziato a girare un nuovo film (Sotto accusa) per il quale aveva già cambiato il colore e il taglio dei capelli. Ecco il motivo per il quale la scena è stata girata nell’oscurità con giochi di ombre.
  • Anche la scena dell’ascensore fu girata in post produzione. Si noti che Charlie porta un opportuno cappellino per mascherare il diverso taglio di capelli e Tom Cruise ha i capelli più lunghi che nel resto del film.
  • Il nome di battaglia di Pete Mitchell, Maverick, è ispirato dal missile aria-terra AGM-65 Maverick.
  • La Marina degli Stati Uniti fece installare degli uffici mobili di reclutamento nei pressi dei maggiori cinema delle grandi città per attirare giovani apiranti reclute spinte dal film. La cosa funzionò perché ebbero il più elevato numero di matricole mai registrato dalla seconda guerra mondiale dopo l’attacco a Pearl Harbour.
  • Alla fine dell’inseguimento in auto, Charlie dice a Maverick che non vuole che nessuno scopra che si è innamorata di lui. A quel punto Tom Cruise aveva in copione una battuta, ma non ricordandola ha improvvisato baciando la Mc Gillis. A Tony Scott piacque l’improvvisazione e decise di mantenere la scena invariata.
  • Tom Cruise per girare la scena dello spogliatoio in cui Jester lo rimproverava dicendogli “Non devi mai lasciare l’aereo con cui fai coppia” ha voluto un’aggiuntiva di 200.000 dollari per posare seminudo.
  • Patrick Swayze, Emilio Estevez, Nicolas Cage, John Cusack, Matthew Broderick, Sean Penn, Michael J. Fox, Scott Baio e Tom Hanks hanno tutti rifiutato il ruolo di Maverick. Tra i candidati c’è stato anche Charlie Sheen che avrebbe poi parodiato il ruolo nella commedia Hot Shots!.

Gli aerei nel film

  • La maggior parte degli attori che impersonano piloti volarono veramente sugli F-14. Molte delle scene di volo sono state girate in queste occasioni.
  • L’aereo di Maverick non è mai appartenuto ad un preciso reparto o a un pilota in particolare, Maverick appare su diversi F-14 appartenuti a diversi reparti. Quello più utilizzato è un F-14 del VF-1 Wolfpack.
  • Il pilota che viene sormontato (con “dito medio” e foto) da Maverick e Goose è l’Ammiraglio Robert F. Willard, capo coreografo delle riprese in volo.
  • Contrariamente ad altri MiG cinematografici (come per esempio il MiG-31 Firefox caccia completamente inventato se non per la sigla Mig-31 appartenente al Foxhound) il MiG-28 non esiste come aereo da caccia: tutti gli aerei da caccia sovietici/russi prodotti dalla Mikoyan Gurevich hanno numerazione dispari.
  • L’aereo del film è un F-5 Tiger II. Dopo le riprese del film gli F-5 utilizzati vennero lasciati con quello schema di colori e reintegrati nello Aggressor squadron (una squadriglia che sin dalla fine degli anni sessanta simula le manovre dei caccia sovietici), appunto come “aggressori” nelle simulazioni a scopo di addestramento per la vera scuola Top Gun.
  • Durante le riprese di alcune sequenze di aerei civili, il pilota acrobatico Art Scholl è rimasto ucciso. Un biplano su cui volava è precipitato al largo della costa del Pacifico. Il film è dedicato alla sua memoria.
  • La Paramount Pictures ha commissionato alla Grumman, i creatori dell’F-14, lo sviluppo e l’installazione sugli aerei di speciali macchine da presa. Questo ha permesso ai realizzatori di usare veri filmati aerei con riprese dal punto di vista del Tomcat in volo.
    In preparazione per il suo ruolo a Tom Cruise è stato permesso di fare 3 voli su un F-14 Tomcat. Ha vomitato durante il primo viaggio, ma è andata meglio durante gli altri due.

La vera scuola di Top Gun

La United States Navy Fighter Weapons School, comunemente chiamata Top Gun, esiste veramente, ed è la scuola di combattimento per piloti della Marina Militare Statunitense. Nacque il 3 marzo del 1969 nella base aerea della marina di Miramar, in California. Lo scopo fondamentale è quello di perfezionare le tattiche di combattimento aereo dei migliori piloti della marina affinché possano fare da istruttori agli altri piloti una volta rientrati ai propri squadroni di provenienza. L’esigenza della nascita della scuola fu sottolineata da uno studio del Capitano Frank Ault, pubblicato nel 1968, che rimarcava le gravi lacune dei piloti da combattimento della US Navy dell’epoca nel combattimento aria-aria ravvicinato, lacune dovute a svariati motivi come per esempio lo scarso addestramento specifico al riguardo, l’inesperienza della nuova generazione di piloti che aveva sostituito la precedente impegnata (con ottimi risultati) nella Guerra Di Corea ed infine le caratteristiche del più importante caccia americano dell’epoca, l’F-4 Phantom II, nato con requisiti da intercettore (velocità ed equipaggio di due ufficiali) e caccia-bombardiere (alto carico bellico e versatilità di utilizzo) ma non di caccia da superiorità aerea (agilità e manovrabilità). Per rimediare alle mancanze dell’F-4 si procedette con profondi aggiornamenti di avionica, meccanica ed armamento, mentre per migliorare il livello di addestramento dei piloti venne appunto fondata la Top Gun.

La colonna sonora

Uno dei punti di forza di “Top Gun” è senza alcun dubbio la sua memorabile colonna sonora, con l’album che ha raggiunto il numero uno nelle classifiche statunitensi. È stata la colonna sonora più venduta del 1986 e una delle più vendute di tutti i tempi. Nella colonna sonora spiccano hit romantiche come “Take my Breath Away” composta dall’italiano Giorgio Moroder (Flashdance), interpretata dai Berlin e premiata con un Oscar per la miglior canzone originale, ma anche vigorosi pezzi strumentali come l’evocativo “Top Gun Anthem”, composto da Harold Faltermeyer (anche autore del memorabile tema di Un piedipiatti a Beverly Hills) supportato per l’occasione dalla chitarra di Steve Stevens che regala toni epici ad un pezzo che insieme al “Danger Zone” di Kenny Loggins riporta subito alla mente le spettacolari sequenze aeree del film ancora oggi ineguagliate.

  • Le musiche originali del film sono di Harold Faltermeyer noto per aver composto “Axel F”, il celebre tema del film Beverly Hills Cop e che per il brano “Top Gun Anthem” scritto per il film di Tony Scott in collaborazione con il chitarrista Steve Stevens ha vinto un Grammy.
  • Giorgio Moroder ha scritto la maggior parte della musica per le canzoni della colonna sonora. Tom Whitlock, che ha scritto la maggior parte dei testi di queste canzoni, era in realtà il meccanico che ha lavorato sulla vettura sportiva di Moroder.
  • Il brano “Take My Breath Away” scritto da Giorgio Moroder e Tom Whitlock e interpretato dai Berlin ha vinto un Premio Oscar e un Golden Globe per la miglior canzone.
  • In uno dei primi trailer si può ascolatre il brano “Stranger Eyes” dei Cars, brano che però non compare nel film e nella colonna sonora.
  • Kenny Loggins non era la prima scelta per registrare la canzone “Danger Zone” per il film. I Toto e REO Speedwagon sono stati due dei gruppi considerati prima di Loggins.
  • A Bryan Adams fu chiesto di poter utilizzare la sua canzone “Only the Strong Survive” nella colonna sonora, ma il cantante rifiutò perché ritenne che il film glorificasse la guerra.
  • Nel 1999, è stato ristampato in una Special Expanded Edition con brani aggiuntivi. Nel 2006, è stato ristampato di nuovo in una Deluxe Edition con ancora più canzoni incluse la malinconica Memories, pezzo strumentale che accompagna la crisi di Maverick dopo la morte dell’amico e navigatore Goose (Anthony Edwards) e diversi classici disseminati lungo la pellicola tra cui brani di Otis Redding, Jerry Lee Lewis e Righteous Brothers.

TRACK LISTINGS:

1. “Danger Zone” by Kenny Loggins – 3:36
2. “Mighty Wings” by Cheap Trick – 3:51
3. “Playing with the Boys” by Kenny Loggins – 3:59
4. “Lead Me On” by Teena Marie – 3:47
5. “Take My Breath Away (Love Theme from Top Gun)” by Berlin – 4:11
6. “Hot Summer Nights” by Miami Sound Machine – 3:38
7. “Heaven in Your Eyes” by Loverboy – 4:04
8. “Through the Fire” by Larry Greene – 3:46
9. “Destination Unknown” by Marietta – 3:48
10. “Top Gun Anthem” by Harold Faltermeyer & Steve Stevens – 4:12