Tutti amano Jeanne: trailer italiano e anticipazioni del film di Céline Devaux al cinema dal 22 settembre

Tutto quello che c’è da sapere su “Tutti amano Jeanne”, la commedia della regista e illustratrice Céline Devaux al cinema dal 22 settembre.

Dal 22 settembre al cinema con Notorious Pictures Tutti amano Jeanne, esordio in un lungometraggio per la regista e illustratrice Céline Devaux che che per l’occasione dirige un cast guidato da Blanche Gardin (Tamara, Una squadra da sogno, #IoSonoQui) e Laurent Lafitte (Piccole bugie tra amici, Due agenti molto speciali, O mamma o papà).

Trama e cast

La sinossi ufficiale: Jeanne (Blanche Gardin) è veramente determinata a cambiare il mondo, inventa pertanto un apparecchio per pulire gli oceani, ma durante la cerimonia di lancio, Jeanne stessa finisce in acqua per provare a recuperare la propria invenzione: Dopo questo clamoroso flop in diretta televisiva tutti i suoi finanziatori si ritirano, lasciandola in bancarotta. Per ripagare i debiti si trova costretta a dover vendere la casa di famiglia a Lisbona. Mentre si interroga su questa difficile decisione viene all’improvviso affiancata da «un piccolo fantasma capellone», che commenta ogni sua mossa. Il piccolo fantasma è solitario, divertente, canta e balla, e non esita a sussurrare oscenità nelle orecchie di Jeanne, diventando praticamente la voce della sua coscienza che non la abbandona mai.

Il cast di “Tutti amano Jeanne” include anche Laurent Lafitte, Maxence Tual, Nuno Lopes, Jeanne Marthe Keller, Lisa Mirey, Andrew Sanko Logan, Samira Sedira, Patty Hannock, Pedro Lacerda, Elé Asu, Carla Santana Viera, Ana Paula Mota, Fernando Lupach, Lydie Barbara, Isabel Cardoso, Louise Loeb e Léa Mysius.

Tutti amano Jeanne – trailer e video

Curiosità

  • Cèline Devaux ha scritto, diretto e disegnato il film supportata dal direttore della fotografia Olivier Boonjing, la montatrice Gabrielle Stemmer, lo scenografo Artur Pinheiro e la costumista Marine Peyraud.
  • Il film è una co-produzione Francia-Portogallo.
  • La regista Céline Devaux è al suo primo lungometraggio dopo aver diretto i cortometraggi animati Sunday Lunch vincitore di un César e You Will Be Fine, che si è aggiudicato un premio a Venezia: “Il giorno in cui Vincent Macaigne ha registrato la sua voce per Sunday Lunch è stata una rivelazione per me! Vincent ha immediatamente offerto un livello di interpretazione, gioia, creatività ed energia totalmente inaspettato per una voce fuori campo. Dopo Sunday Lunch ho voluto fare un film ibrido, per mescolare diversi tipi di lavorazioni. Sono riuscita a parlare di dolore e amore, temi importanti per me, e ho scoperto per la prima volta come lavorare con gli attori. Sono contenta di aver avuto modo di girare You Will Be Fine, ma penso di essere rimasta un po’ troppo politically correct.”

Chi è Céline Devaux?

Céline Devaux è una regista e illustratrice nata nel 1987. Dopo gli studi in Lettere e Storia, si diploma alla Scuola Nazionale di Arti Decorative di Parigi. Il suo film di diploma, Life and Death of the Great Raspoutine, ha vinto numerosi premi, in particolare al Clermont-Ferrand International Festival e all’Angers Premiers Plans Film Festival. Il suo secondo cortometraggio, Sunday Lunch, è stato selezionato al concorso ufficiale di Cannes nel 2015 e ha vinto il César per il miglior cortometraggio d’animazione nel 2016. You Will Be Fine, il suo terzo cortometraggio ha vinto il Leone d’Oro a Venezia nel 2017.

Intervista al regista

La regista Céline Devaux al suo primo lungometraggio parla della sua esperienza con questo nuovo formato e del supporto avuto da Sylvie Pialat, sceneggiatrice e produttrice francese che Deavux descrive come una mentore.

Sylvie Pialat è stata designata come mia «mentore» a un festival di cortometraggi: una prova immediata. Per il mio primo film volevo parlare di espatrio, perché è legato alla mia esperienza personale (non sono cresciuta in Francia). Volevo anche parlare dell’ansia individuale che ci colpisce tutti (come devo comportarmi, sono una brava persona, come posso liberarmi da tutti i pensieri tossici che ho nella testa) in un mondo di ansia universale (come vivremo tra vent’anni, che capacità di azione ho in questo mondo folle). Siamo in un mondo in cui l’informazione è onnipresente, in uno stato di vigilanza permanente. Il peggio è che ormai ci siamo quasi abituati. In effetti, se si analizza la situazione, è quasi la definizione clinica di depressione: alzarsi, sapere che è tutto una schifezza e non avere possibilità di agire. Tutte queste ansie sono portate da Jeanne, che scopriamo all’inizio come una supereroina moderna… Sì, ha un lavoro onorevole. Si potrebbe anche dire che ha IL lavoro più onorevole poiché vuole salvare il mondo! Ma fallirà la sua missione e questo fallimento le rovinerà la vita.

Devaux parla dei casting di Blanche Gardin (Jeanne) e Laurent Lafitte (Jean).

Inizialmente non sapevo chi avrebbe interpretato Jeanne, il che rendeva più difficile scrivere. Ho quindi iniziato a immaginare Blanche come Jeanne, senza nemmeno sapere se avrebbe accettato la parte, e questo ha sbloccato tutto. Il semplice fatto che esistesse e che fosse così brillante era abbastanza per motivarmi. Alla fine ci siamo incontrati, ha letto la sceneggiatura, le è piaciuta e mi ha fatto molti commenti fantastici. Il suo aver accettato di fare il film è stato un regalo per me. Blanche ha un’ammirevole sobrietà nella sua recitazione, ha offerto qualcosa che ha servito enormemente sia il film che il personaggio. Laurent Lafitte interpreta un uomo simile a Lebowski, è interessante! La complicità con Blanche è stata subito evidente, il loro legame è organico sullo schermo. Laurent ha una gamma comica incredibile, che si esprime attraverso il corpo, le pause, i tempi, i silenzi. Era importante non cadere nel grottesco. Jean ha ancora un aspetto oltraggioso: la sua maglietta a maniche corte, la cintura mal allacciata, gli occhiali da pin-up. Con tutto ciò, era necessario essere molto moderati affinché l’intera cosa funzionasse! Jean è un tipo di persona che vorrei per me stessa. È libero, ammette senza scusarsi che la vita è dura, che il lavoro non è proprio il suo genere, si apre sulle sue lotte mentali senza alcuna inibizione o vergogna. Non ha paura, a differenza di Jeanne che ha paura di tutto. Il detto che «l’amore non ha bisogno di parole» mi è sempre sembrato strano, perché le persone abbastanza coraggiose da parlare d’amore sono irresistibili! Volevo davvero che Jean fosse così. All’inizio infastidisce davvero Jeanne, ma piano piano la tranquillizza: parla per due, le fa dono di tutte queste parole che non ha paura di pronunciare.

Devaux parla del tema della depressione in un film d’esordio.

Volevo scrivere una commedia sulla depressione e quindi parlare di tutti i pensieri tossici che ci attraversano quando non ci sentiamo bene. Dovevo trovare un modo per raccontarli con leggerezza. Da qui l’idea di questo «piccolo fantasma» animato? Probabilmente un piccolo fantasma è venuto da me in sogno… È una creatura pelosa, né uomo né donna, che assilla Jeanne tutto il giorno. Una sorta di riflesso della vergogna. È anche il ricordo di tutte le voci che Jeanne ha sentito accumularsi nel suo cervello. I capelli lunghi all’inizio mi hanno fatto ridere, ma mi hanno anche permesso di trasformare questo piccolo fantasma, di giocare con il suo aspetto. Volevo raccontare cosa stava succedendo nella testa di questa donna che la sta perdendo completamente. È anche un enorme elemento comico, perché possiamo destreggiarci tra ciò che dice e ciò che pensa veramente.

La regista spiega quale tecnica di animazione ha utilizzato per il film.

Uso la stessa tecnica da quando ho iniziato a fare film: faccio tutto a mano, disegno con colori acrilici o pennarelli su un foglio trasparente. Sotto questo foglio, ho una tavoletta leggera e, sopra, una fotocamera. Disegnare su questa superficie mi permette di graffiare la vernice, di sviluppare un personaggio sullo stesso supporto e di improvvisare.

La colonna sonora

  • Le musiche originali del film sono di Flavien Berger (The Endless Days of Youth, Jour de gloire, Mala Mala).
  • La regista Céline Devaux parla della colonna sonora che ha un ruolo importante nel film, la descrive ricca come il mondo interiore di Jeanne:

Flavien Berger ed io ci siamo conosciuti quando eravamo studenti. Lavoriamo insieme da molto tempo. Lo chiamo spesso per condividere le storie che ho in mente. È un amico nella vita e anche un amico di scrittura. Gli piace anche raccontare storie nella sua musica. Ci piace parlare di canzoni che ci rimandano a un certo ricordo o emozione. Siamo andati insieme a Lisbona mentre stavo lavorando alla sceneggiatura: abbiamo realizzato una mappa sonora, con registrazioni sul campo della città, di eventi particolari. Nelle tracce che Flavien ha composto per il film, ha utilizzato alcune di queste registrazioni: suoni di motori reali, suoni di acqua, suoni di strada. È un’orchestra di suoni sia reali che inventati, accuratamente arrangiati in modo che sembri naturale, trasportandoci senza che noi sappiamo come o perché, lasciando solo cullare dall’emozione.

TRACK LISTINGS:

1. intermezzo gro gro Jeanne 1:55
2. soulo 01 2:19
3. sperenza 1:15
4. bip bip 1:52
5. Claudia 25 avril 3:19
6. Jeanne intermezzo nu 0:54
7. Jeanne intermezzo jamais 0:46
8. tout va bien 2:18
9. Claudia nuit 0:58
10. geist rouge 2:36
11. oubliée dans le ciel 1:32
12. Jeanne intermezzo lento 1:58
13. sobrancelha 4:06

La colonna sonora di “Tutti amano Jeanne” è disponibile su Amazon.

Foto e poster