Venezia 79, Aru Otoko (Un Uomo): trailer e anticipazioni del film giapponese in Concorso a Orizzonti

Tutto quello che c’è da sapere su Aru Otoko (Un Uomo), il film di Kei Ishikawa dal romanzo di Keiichiro Hirano a Venezia 79 – Orizzonti.

Sarà presentato in anteprima a Venezia 79, in Concorso nella sezione Orizzonti, il dramma psicologico giapponese Aru Otoko (Un Uomo) del regista Kei Ishikawa. La trama segue un avvocato che su richiesta di una sua ex cliente esegue un controllo sui precedenti del defunto marito di quest’ultima, che scoprirà che il coniuge non era l’uomo che conosceva.

Trama e cast

La trama ufficiale: Dopo il divorzio, Rie ha trovato la felicità con il suo secondo marito Daisuke, con cui ha formato una nuova famiglia. Ma quando Daisuke muore in un tragico incidente, Rie scopre che lui non era l’uomo che pensava fosse. Rie chiama l’avvocato Kido perché la aiuti a scoprire la verità sull’identità dell’uomo che amava. La ricerca aprirà interrogativi ancora più grandi sulla natura stessa dell’identità e su cosa renda una persona veramente reale.

Il cast del film include Satoshi Tsumabuki (Paradise Next), Sakura Andô (Un affare di famiglia), Masataka Kubota (L’ultimo Yakuza) e Nana Seino (Tokyo Tribe).

Aru Otoko (Un Uomo) – trailer e video

Curiosità

  • Il regista Kei Ishikawa è al suo quarto lungometraggio dopo il giallo Gukoroku – Traces of Sin (2017), il dramma musicale Listen to the Universe (2019) e il dramma fantascientifico Arc (2021). Ishikawa ha diretto anche episodi della serie tv Innocent Days e un episodio del dramma antologico Jû-nen: Ten Years Japan (2018).
  • Kei Ishikawa dirige “Aru Otoko (Un Uomo)” da una sceneggiatura di Kôsuke Mukai (Linda Linda Linda) basata sull’omonimo romanzo di Keiichiro Hirano. Mukai e il regista Kei Ishikawa hanno collaborato anche per “Gukoroku – Traces of Sin” e “Listen to the Universe”.

Note di regia

Quando ci innamoriamo, cosa sappiamo della persona di cui siamo innamorati? Che succede se quella persona si rivela essere qualcuno di completamente diverso? Che succede se il suo passato nascosto cela il più inaspettato dei segreti? Questa domanda mi ha tormentato a lungo. Aru Otoko non offre risposte semplici alla domanda “Chi è X?”, il misterioso uomo al centro del film, ma piuttosto dà vita a un labirinto senza via d’uscita. Il titolo è volutamente vago per mostrare che X potrebbe essere chiunque. Vorrei che potessimo vedere la luce che X avrebbe trovato alla fine del lungo, tortuoso labirinto della sua esistenza, perché credo fermamente che questo ci ricorderà quanto sia preziosa la vita.

Il romanzo originale

Keiichiro Hirano (22 giugno 1975) è uno scrittore giapponese nato a Gamagori, nella prefettura di Aichi. Ha pubblicato il suo primo romanzo (Nisshoku, 日蝕) nel 1998 e l’anno successivo ha vinto il Premio Akutagawa come uno dei più giovani vincitori di sempre (a 23 anni). Si è laureato presso il Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università di Kyoto nel 1999. Nel 2005 è stato nominato ambasciatore culturale e ha trascorso un anno in Francia. “Aru Otoko (Un Uomo)” è il primo romanzo di Keiichiro Hirano tradotto in inglese.

 

La sinossi ufficiale del romanzo: “Un uomo” segue la scia di bugie di un altro uomo in una avvincente storia psicologica sulla ricerca dell’identità, del pluripremiato fenomeno letterario giapponese Keiichiro Hirano nel suo primo romanzo ad essere tradotto in inglese. Akira Kido è un avvocato divorzista il cui matrimonio rischia di essere distrutto da una disconnessione emotiva. Con una crisi di mezza età incombente, la vita di Kido viene sconvolta dal riemergere di una ex cliente, Rié Takemoto. Vuole che Kido indaghi su un uomo morto, il suo marito recentemente scomparso, Daisuké. Alla sua morte ha scoperto che stava vivendo una bugia. Il suo nome, il suo passato, tutta la sua identità appartenevano a qualcun altro, un perfetto sconosciuto. L’indagine trascina Kido in due misteri intriganti: scoprire chi fosse veramente il marito di Rié e scoprire di più sull’uomo che fingeva di essere. Presto, con ogni nuova rivelazione, Kido arriverà a condividere l’ossessione e l’esca di cancellare una vita per crearne una nuova. In “Un Uomo”, vincitore del prestigioso Premio Yomiuri giapponese per la letteratura, Keiichiro Hirano esplora la ricerca dell’identità, l’ambiguità della memoria, l’eredità con cui viviamo e moriamo e la riconciliazione di chi speravi di essere con chi hai effettivamente diventare.

Il romanzo “A Man” di Keiichiro Hirano è disponibile in edizione inglese su Amazon.

Foto e poster

Ultime notizie su Festival di Venezia

Tutto su Festival di Venezia →