Vicini di casa: trailer, clip e anticipazioni del film con Claudio Bisio al cinema dal 1° dicembre

Tutto quello che c’è da sapere su “Vicini di casa”, la commedia di Paolo Costella con Claudio Bisio. Vittoria Puccini, Vinicio Marchioni e Valentina Lodovini al cinema dal 1° dicembre con Medusa.

Dal 1° dicembre nei cinema d’Italia con Medusa Vicini di casa, la commedia sentimentale con Claudio Bisio, Vittoria Puccini, Valentina Lodovini e Vinicio Marchioni diretti da Paolo Costella regista (Baciato dalla fortuna, Per tutta la vita).

Vicini di casa – trama e cast

La trama ufficiale: Giulio e Federica (Claudio Bisio e Vittoria Puccini) stanno insieme da molti anni ma il loro matrimonio non funziona più come una volta. A malapena si parlano e solo per punzecchiarsi, i conflitti quotidiani sono diventati la norma. Una sera Federica decide di invitare i nuovi vicini del piano di sopra, Laura e Salvatore (Valentina Lodovini e Vinicio Marchioni), una coppia affiatata, vitale, vivace e spesso “rumorosa”. I due faranno loro una proposta provocatoria che cambierà la sorte della serata con conseguenze sorprendenti…

Vicini di casa – trailer  e video

Curiosità sul film

  • Paolo Costella dirige “Vicini di casa” da una sua sceneggiatura scritta con Giacomo Ciarrapico (Boris il film, Ogni maledetto Natale, Uno di famiglia, La Regola d’oro).
  • Il team che ha supportato il regista Paolo Costella dietro le quinte ha incluso il direttore della fotografia Fabrizio Lucci (Per tutta la vita, Perfetto sconosciuti), il montatore Mirco Garrone (La siciliana ribelle, Io sono Tempesta), la scenografa Ivana Gargiulo (Per tutta la vita, Napoli velata) e la costumista Nicoletta Ercole (Sono solo fantasmi, Gli idoli delle donne).
  • Il film è liberamente ispirato alla commedia spagnola “Sentimental” (2020) di Cesc Gay.
  • “Vicini di casa” è una produzione Lotus Production – Leone Film Group, Baires Produzioni, Medusa Film

Note di regia

 

Con “Vicini di casa”, dopo l’esperienza di “Per tutta la vita” e gli ultimi film scritti con Paolo Genovese e Gabriele Muccino, porto ancora avanti il mio viaggio all’interno della coppia come contenitore di temi e di storie. In questo film ho cercato di raccontare i sentimenti con ironia e umorismo, il punto di vista secondo me più adatto dal momento che Vicini di casa esplora la sfera più intima della coppia, usando il sesso come chiave di lettura dei segreti e delle problematiche nella convivenza tra due esseri umani. La scommessa è stata sin dall’inizio quella di affrontare i “non detti” di una coppia, anche quelli più provocanti e provocatori, senza falsi pudori, e senza rinunciare agli appuntamenti curiosi e divertenti che la storia offriva. E ho provato a farlo attaccandomi alla verità: nella recitazione, grazie anche a quattro attori che pur avendo frequentato la commedia in misura e con ruoli diversi si sono venuti incontro raggiungendo una felice armonia; e nella messinscena, calando il testo in un’ambientazione dal vero, al centro di Roma, e muovendo i personaggi con azioni che avessero almeno lo stesso peso delle parole. Con l’obiettivo di entrare nell’intimità di una coppia senza mai ridere alle spalle dei miei personaggi ma sorridendo insieme dei loro imbarazzi e turbamenti. [Paolo Costella]

Paolo Costella – Note biografiche

Dal 1982 al 1988 collabora come giornalista pubblicista per diversi quotidiani e riviste con articoli su televisione, cinema e costume. Dal 1984 lavora come sceneggiatore, casting director e aiuto regista per Carlo Verdone, Enrico Oldoini, Christian De Sica e Marco Ferreri. Tra le sceneggiature, per il cinema: Bellifreschi (1987), Bye bye baby (1987), La carne (1990, presentato in concorso alla 44ª edizione del Festival di Cannes), Ricky & Barabba (1992); e, per la televisione, la serie Dio vede e provvede (1996). Nel 1998 scrive e dirige la serie Dio vede e provvede 2, a cui segue la miniserie Il Commissario Raimondi. Nel 1999 la prima regia per il cinema, Tutti gli uomini del deficiente (1999), di cui è anche sceneggiatore (insieme alla Gialappa’s Band). Nel 2001 collabora con Laura Betti alla regia di Pier Paolo Pasolini e la ragione di un sogno, presentato alla 58ª Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia. Nel 2003 scrive il soggetto La voce di mia madre, pubblicato nel volume Premio Sacher per soggetti cinematografici a cura di Nanni Moretti e Angelo Barbagallo, edito da Cinemazero. Nel 2005 scrive e dirige il documentario La libertà di Jaana sulle prigioni aperte in Finlandia. Negli anni che seguono cura la regia di Amore con la S maiuscola (2002), per la tv scrive e dirige la serie Fratelli Benvenuti (2010) e Natale a 4 zampe (2012) e, per il cinema, A Natale mi sposo (2010), Baciato dalla fortuna (2011) e Matrimonio al Sud (2015). Nel 2016 scrive (insieme a Paolo Genovese, Filippo Bologna, Paola Mammini e Rolando Ravello) la sceneggiatura di Perfetti sconosciuti, regia di Paolo Genovese, presentato in concorso al 15° Tribeca Film Festival (dove ottiene il premio come Migliore Sceneggiatura), Miglior Film e Migliore Sceneggiatura ai David di Donatello. Con Gabriele Muccino scrive A casa tutti bene (2018) e Gli anni più belli (2020), entrambi diretti dallo stesso Muccino. Con Liliana Cavani scrive (insieme a Carlo Rovelli) la sceneggiatura de L’ordine del tempo, liberamente tratta dall’omonimo libro di Rovelli, per la regia della stessa Cavani. Con Paolo Genovese scrive (insieme a Rolando Ravello) Supereroi (2021) e (insieme anche a Isabella Aguilar) Il primo giorno della mia vita (2022). Nel 2021 scrive (con Antonella Lattanzi e Paolo Genovese) e dirige Per Tutta la vita.

Vicini di casa – foto e poster

Foto: Stefano Schirato

Ultime notizie su Film Italiani

Tutto su Film Italiani →