• Film

William Hurt: 15 film, citazioni e curiosità sull’attore premio Oscar

Blogo ricorda William Hurt – 15 film, citazioni e curiosità sull’attore premio Oscar americano scomparso a 71 anni.

E’ scomparso ad una settimana dal suo 72esimo compleanno William Hurt, attore premio Oscar per Il bacio della donna ragno e interprete di svariati classici hollywoodiani come Il grande freddo e Brivido caldo. Blogo vuole ricordare Hurt con una speciale classifica con 15 film interpretati dall’attore che hanno contrassegnato la sua carriera, a partire dal suo debutto nel cult sci-fi anni ottanta Stati di allucinazione di Ken Russell.

Hurt era anche un grande fan dei fumetti dell’Incredibile Hulk, quindi quando nel 2008 gli proposero il ruolo del generale Thaddeus “Thunderbolt” Ross nel film L’incredibile Hulk con Edward Norton nei panni di Bruce Banner, Hurt accettò con entusiasmo. L’attore riprenderà poi il ruolo all’interno dell’Universo Cinematografico Marvel in Captain America: Civil War, Avengers: Infinity War, Avengers: Endgame e Black Widow.

Il semplice fatto di esistere, di essere consapevoli di essere consapevoli; questo per me è il fatto più sorprendente. E penso che abbia qualcosa a che fare con la morte. Quando sei un bambino sei assalito dalle paure e pensi: “Risolverò la paura vivendo per sempre e diventando una star del cinema”. Ma non vivrò per sempre. E più lo so, più sono stupito di essere qui. Sono così elettrizzato dal privilegio della vita, eppure allo stesso tempo so che devo lasciar perdere.

1. Stati di allucinazione di Ken Russell (1980)

Uno psicofisiologo sperimenta con farmaci e una vasca di deprivazione sensoriale e ha visioni che crede siano memorie genetiche.

William Hurt ha raccontato che sapeva poco del regista Ken Russell prima di lavorare con lui, e quel poco era perché aveva visto i film che aveva scritto. Riguardo al suo primo incontro con Russell, Hurt ha detto in un’intervista: “Eravamo in questa stanzetta e c’erano questo termosifone, una piccola scrivania e una sedia e non ci siamo seduti per mezz’ora, nessuno dei due. Alla fine si è seduto su un termosifone e io mi sono seduto sul pavimento. Quando si è seduto sul termosifone si è tirato su i pantaloni e ho visto che indossava i calzini di Betty Boop. È stato allora che ho pensato: ‘Lo farò'”.

[su Stati di allucinazione] Stavo saltando fuori dalla mia pelle perché Paddy Chayefsky stava articolando idee che erano così in anticipo sui tempi. Biologia molecolare e fisica quantistica, le fonti dell’altruismo, la nozione di amore sulla verità. Avevo pensato agli inizi della nostra situazione attuale, alla proprietà intellettuale nella bioingegneria, avevo pensato ai computer e tutto il resto. E poi ho letto questo copione ed ero in una caffetteria cubana tra la 78esima e Amsterdam e non riuscivo a smettere di leggerlo, non riuscivo a smettere di piangere per circa mezz’ora e non riuscivo a stare in piedi per 45 minuti perché era ogni idea a cui stavo pensando. Tutto era in questa cosa.

2. Brivido caldo di Lawrence Kasdan (1981)

Nel pieno di un’ondata di calore in Florida, una donna convince il suo amante ad assassinare il ricco marito.

Il film segna l’esordio sul grande schermo dell’attrice Kathleen Turner e il debutto alla regia di Lawrence Kasdan. William Hurt e Kathleen Turner volevano che la troupe si sentisse a proprio agio nel filmare le loro scene d’amore, quindi hanno messo in fila la troupe ed entrambi gli attori si sono presentati a ciascun membro della troupe. Quando lo fecero entrambi erano nudi.

Brivido caldo è stato il film meglio strutturato che abbia mai letto. Era una struttura migliore di Stati di allucinazion. Ma ho passato le prime sei ore della mia vita con Larry Kasdan dicendogli perché non poteva dirigerlo. Non sapeva cosa aveva in mano. Era un gioiello, puro e semplice. Ha ascoltato. Perché ero l’unica persona onesta con lui. Non aveva diretto prima. Stavo semplicemente dicendo che le sue probabilità di farcela erano remote. Il che era vero. È molto più bello essere trattati con onestà che essere trattati in modo fatuo.

3. Gorky Park di Michael Apted (1983)

Un agente di polizia di Mosca indaga su un terribile triplice omicidio e si imbatte in una cospirazione politica internazionale di alto livello.

Dustin Hoffman e Robert Redford sono stati presi in considerazione per il ruolo di Arkady Renko, ma alla fine è stato scelto l’attore William Hurt. Secondo quanto riferito, Hoffman non era disponibile e i produttori Hawk Koch e Gene Kirkwood credevano che l’immagine di Redford sarebbe stata in contrasto con il pubblico e il personaggio di Renko e, come tale, non lo hanno cercato per il ruolo maschile principale del film.

I nemici della recitazione sono l’umore, l’atteggiamento e altre entità dirompenti omogenee in generale. Mentre recitare riguarda l’azione – fare – e a meno che tu non riesca a trovare un modo per creare una realtà immaginativa a cui non ti sottometti, sarai fuori controllo. Andrai fuori di testa. Il compito è l’essere sorpresi.

4. Il grande freddo di Lawrence Kasdan (1983)

In un weekend di sesso, droga, ricordi e pazzie, un gruppo di amici si ritrova e scopre che la vita è più facile se non si è soli.

Secondo di quattro film che William Hurt e lo sceneggiatore e regista Lawrence Kasdan hanno realizzato insieme. Gli altri sono Brivido caldo (1981), Turista per caso (1988) e Ti amerò… fino ad ammazzarti (1990). Hurt ha dichiarato che il suo rapporto professionale con Kasdan è stato il più gratificante della sua carriera.

Non mi sento ancora a mio agio con tutto questo. Non mi sento a mio agio a camminare sul tappeto rosso in smoking e vedere tutte le donne con le tette sollevate e tutti gli uomini vestiti da pinguini, in particolare quando il soggetto del tuo film è la natura della violenza e dell’umanità. Ma questa è la natura di Cannes. Questo è il processo con cui entrambi abbiamo a che fare oggi.

5. Il bacio della donna ragno di Héctor Babenco (1985)

Un uomo omosessuale e un prigioniero politico sono insieme in una prigione. L’uomo gay racconta le trame di due film mai realizzati e la storia della propria vita.

L’Oscar come miglior attore vinto da William Hurt per questo film è stato il primo Oscar vinto da un attore per aver interpretato un personaggio apertamente gay. Hurt appare anche travestito in questo film, l’oscar vinto per film è una rara occasione in cui un Oscar per la recitazione è stato vinto con un attore travestito.

[Sull’interpretazione di un travestito ne Il bacio della donna ragno] – Non l’ho interpretato come gay. L’ho interpretato come una donna … la chiave per me come artista, stavo esplorando il personaggio – avevo un insegnante di danza meraviglioso che mi stava aiutando a cercare di capire come muovermi, perché ogni personaggio ha movimenti diversi … E ho passato del tempo… nei bar gay e cercando di assorbire anche quello – non sono gay io stesso, ma molti dei miei amici lo sono – e non lo capivo. C’era qualcosa che non funzionava. E un giorno stavo camminando per strada e stavo guardando una donna che camminava davanti a noi, e ho detto “Non credo che Molina sia gay. Penso che sia una donna. Penso che sia davvero una donna, una donna prigionera nel corpo di un uomo”. Come a volte sono un attore prigioniero nel corpo di una star del cinema.

6. Figli di un dio minore di Randa Haines (1986)

Uno specialista in terapia della parola di una scuola per non udenti si innamora di una inserviente, una donna sorda che si rifiuta di parlare.

Per il suo discorso di accettazione dell’Oscar come migliore attrice, l’attrice Marlee Matlin con l’aiuto e l’assistenza di un interprete ha ringraziato il cast e la troupe del film, “in particolare William Hurt per il suo grande sostegno e amore”.

Non sono un attore. Sono solo un uomo a cui piace recitare. Sono quello che sono. Non sono nessuno. Io non esisto. Ma il lavoro esiste. Il lavoro è più dell’attore.

7. Dentro la notizia – Broadcast News di James L. Brooks (1987)

La produttrice di news Jane Craig (Holly Hunter) si innamora del nuovo giornalista Tom Grunnick (William Hurt), un bel tipo che rappresenta la tendenza verso le notizie di intrattenimento che disprezza. Aaron Altman (Albert Brooks), un corrispondente di talento ma semplice, ha una cotta non corrisposta per Jane. Le scintille volano tra i tre mentre la rete si prepara a grandi cambiamenti, e sia le news che Jane devono decidere tra stile e sostanza.

Il film è stato candidato a 7 premi Oscar: Miglior film, attore protagonista (William Hurt), attrice protagonista (Holly Hunter), attore non protagonista (Albert Brooks), sceneggiatura originale (James L. Brooks), Migliore fotografia (Michael Ballhaus) e Miglior montaggio (Richard Marks). William Hurt e Holly Hunter condividono la stessa data di nascita (20 marzo). Hurt è nato nel 1950 e Hunter è nata nel 1958. Entrambi hanno vinto un Oscar. Nel 2018 “Dentro la notizia” è stato scelto per la conservazione nel National Film Registry della Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti.

[sulla vittoria dell’Oscar come miglior attore nel 1986] C’è sempre una parte di te che vuole essere, sai, il cosiddetto migliore. Ma quando sei un essere umano sai che questa cosa non esiste. […] Sono salito sul palco con Sally Field che conoscevo molto bene, perché avevamo fatto uno spettacolo insieme che è stato trasmesso in diretta, lei porta la stauetta e io le ho detto: “Sally” – queste sono le parole che le ho detto sul palco, me l’ha messo in mano e ho detto: “Sally, che diavolo me ne faccio di questo?” Mi ha guardato intensamente perché mi conosceva – era una donna meravigliosa – si è voltata indietro e ha detto: “Ci convivi”, che è stata una risposta meravigliosa. Così l’ho tenuto, mi sono avvicinato e ho iniziato a conviverci.

8. Turista per caso di Lawrence Kasdan (1988)

Uno scrittore di guide turistiche emotivamente distaccato deve continuare la sua vita dopo che suo figlio viene ucciso e il suo matrimonio si sgretola.

La star William Hurt a Taiwan nel 1989 ha vinto un Golden Horse Award come miglior attore straniero per la sua interpretazione in questo film.

[Sul bere] Questo è un argomento importante. E non voglio usare i miei problemi come esempio di cosa fare e cosa non fare. Ma c’è quel vecchio detto, in vino veritas. Nel vino sta la verità. E molte persone ci credono. Ma un giorno ti svegli e dici: ‘Questo è stupido e questo è sbagliato.’ Ed era sbagliato, quindi ho fatto qualcosa al riguardo. È un mito completo che vivere una vita al limite porti a una grande recitazione. Ma è anche un altro mito pensare che dovresti essere teso come un tamburo e non avere debolezze o fragilità. Quindi devi trovare quell’equilibrio. Tutto quello che so è che il mio lavoro migliore è venuto fuori dall’essere impegnato e felice.

9. Fino alla fine del mondo di Wim Wenders (1991)

Con una catastrofe che incombe sul pianeta, nel 1999 la vita di Claire (Solveig Dommartin) cambia per sempre dopo essere sopravvissuta a un incidente d’auto con una coppia di rapinatori di banche. Inizia così per lei un viaggio durante il quale incontra Sam (William Hurt), un fuggitivo che dice di essere braccato da un’organizzazione segreta.

Il montaggio preliminare originale di Wim Wenders per questo film era di venti ore. Ci sono voluti 14 anni e 23 milioni di dollari a Wenders per portare la sua visione sullo schermo, girando in 15 diverse città in sette diversi paesi in quattro diversi continenti.

[2010] Sono la persona più fortunata che conosco per quanto riguarda la mia vocazione; Non riesco a immaginare di essere più felice o più soddisfatto come artista di quanto mi è stato permesso di essere. Ho lottato – lotto potentemente. Ma sono abbastanza fortunato da poter lottare – è qualcosa che apprezzo. Soprattutto quando invecchi e sai che i giorni stanno diminuendo.

10. Un padre in prestito di Chris Menges (1994)

Graham Holt è un solitario uomo di mezza età che gestisce una sottostazione postale in un piccolo villaggio in Inghilterra. Decide di adottare un figlio. James è il giovane travagliato che ottiene con l’assistenza dell’assistente sociale Debbie. James è stato in un orfanotrofio per anni da quando sua madre si è suicidata. Adora suo padre John, fuorilegge, mandato in prigione non molto tempo dopo la morte della madre. James può imparare ad amare Graham? Graham può accontentarsi di essere al secondo posto?

Tre curiosità su William Hurt: Ha rifiutato il ruolo di Paul Sheldon in Misery non deve morire; È un grande fan del personaggio dei fumetti L’incredibile Hulk e ha avuto modo di interpretare il suo nemico Thaddeus Ross nell’adattamento del 2008; negli anni 80 ha vissuto per alcuni anni con l’attrice Marlee Matlin con cui ha recitato in Figli di un dio minore.

Non si può essere felici fino a quando non si può essere tristi e non si può essere tristi se si interrompono tutte le emozioni. A volte ti viene l’idea che la nuova etica in America è che nella ricerca della felicità noi respingiamo la tristezza e il dolore. Ma non si escludono a vicenda. In realtà sono parenti. L’imbuto del sentimento profondo e della profonda soddisfazione nella vita deriva dalla capacità di sentire.

11. Jane Eyre di Franco Zeffirelli (1996)

Jane Eyre è un’orfana cacciata da giovane da sua zia e inviata in una scuola per ragazze. Lì impara a fare l’insegnante e cerca un impiego. Riceve risposta dalla governante di Thornfield Hall, la signora Fairfax.

Il cast del film comprende tre vincitori dell’Oscar: William Hurt, Julian Fellowes e Anna Paquin; e una candidata all’Oscar: Dame Joan Plowright.

Recitare è costruire la punta dell’iceberg, devi costruire ciò che non si vede e poi interpretare la punta. Si vede solo una piccola parte dell’iceberg, ma è enorme. A volte è difficile da fare nei film americani, dove la filosofia è mostrare l’intero iceberg. Non siamo abituati ad avere eroi passivi, siamo abituati a quelli attivi, vai a prenderli ragazzo. […] Mi oppongo a questa idea che dobbiamo vivere indirettamente nelle immagini degli eroi del cinema che sanno sempre cosa accadrà dopo. Non è così che è la vita. Cosa c’è di sbagliato nell’eroismo nell’essere un uomo che ha viaggiato per 5 centimetri? Quei 5 centimentri sono molto profondi. I veri eroi sono le persone che camminano e parlano per le strade, nelle case e nell’aria. Perché nei film dobbiamo passare così tanto tempo a scappare invece di essere liberati con l’accettazione?

12. A.I. – Intelligenza artificiale di Steven Spielberg (2001)

In un futuro non lontano le calotte polari si sono sciolte e il conseguente innalzamento delle acque oceaniche ha sommerso tutte le città costiere del mondo. Ritirata all’interno dei continenti, la razza umana continua ad avanzare, arrivando al punto di creare robot realistici (chiamati mecha) come servitori. Una delle aziende produttrici di mecha costruisce David, un ragazzino artificiale che è il primo ad avere dei veri sentimenti, in particolare un amore infinito per sua “madre”, Monica. Monica è la donna che lo ha adottato come sostituto del suo vero figlio, la donna però è in criostasi, colpita da una malattia incurabile. David vive felicemente con Monica e suo marito, ma quando il loro vero figlio torna a casa dopo che viene scoperta una cura, la vita di David cambia radicalmente.

Stanley Kubrick ha lavorato al progetto per due decenni prima della sua morte, ma lungo la strada ha deciso di chiedere a Steven Spielberg di dirigere, dicendo che era “più vicino alla sua sensibilità”. I due hanno collaborato per diversi anni, con il risultato che Kubrick ha fornito a Spielberg un trattamento completo della storia e molta arte concettuale per il film prima della sua morte, materiale che Spielberg ha usato per scrivere la sua sceneggiatura.

[Sui ruoli] È sempre diverso. È come se indossassi sempre una maschera. È la maschera che indossi. Quale stai usando? Più completa è la tua maschera, che sia in flagranza di reato o sottile, più completa è nella sua psicologia, più vedi l’anima del tuo stesso essere. Ecco a cosa servono le maschere. La chiave della maschera è che se la maschera che crei dimostra il tuo valore, dimostra che sei stato attento a un essere umano, allora attraverso quei buchi oscuri sei lì dentro. Questo è ciò che vuoi. Vuoi condividerlo. Vuoi essere lì con gli altri. Ed è una sensazione che non riesco a descrivere. Devo farlo. Io ci sono stato. L’ho fatto. Ho partecipato a momenti in cui è stato raggiunto ed è un premio senza prezzo. Non è quantificabile. È uno stato così meraviglioso, così utile, che non puoi venderlo, non puoi comprarlo a buon mercato. Ed è per questo che lo fai. Ecco perché lo faccio.

13. The Village di M. Night Shyamalan (2004)

In un isolato villaggio della Pennsylvania, gli abitanti vivono secondo poche ma rigide regole imposte dal capo del villaggio Edward (William Hurt). La più importante di queste regoel è che non devono lasciare il villaggio o i mostri che sorvegliano i dintorni li attaccheranno. Lucius e Ivy (Joaquin Phoenix e Bryce Dallas Howard) sono innamorati, ma quando Noah (Adrien Brody), un uomo con una disabilità intellettiva e che ha anche dei sentimenti per Ivy, scopre che i due si piacciono, aggredisce Lucius ferendolo gravemente. Lucius morirà se la coraggiosa Ivy (che è cieca) non oltrepasserà i confini del villaggio per cercare aiuto.

Tre curiosità su William Hurt: Ha rifiutato il ruolo poi andato a Sam Neill in Jurassic Park; Ha vinto il primo Spencer Tracy Award nel 1988; ha rinunciato al suo compenso per Il bacio della donna ragno in modo che il film potesse essere realizzato entro il budget stabilito.

Molto di quello che facciamo ora come attori, semplicemente non è recitare. Perché non puoi avere un copione alle 23 di sera e girare alle 9 del mattino successivo e chiamarlo recitazione. Puoi chiamarlo essere ben utilizzato da un regista. Puoi definirlo un meraviglioso riflesso di ciò che i tuoi insegnanti hanno instillato in te nel corso degli anni e degli anni di studio pieni di speranza. Ma non puoi chiamarla partecipazione personale al lavoro. Puoi chiamarlo mostrarsi nel terrore.

14. A History of Violence di David Cronenberg (2005)

Un uomo mite diventa un eroe locale grazie a un episodio di violenza che scatena ripercussioni che sconvolgeranno la sua famiglia.

William Hurt ha ricevuto una nomination all’Oscar per questo film come miglior attore non protagonista nonostante fosse solo in una scena che è durata meno di 10 minuti.

Hurt ha avuto un ruolo nel film biografico Midnight Rider di Gregg Allman, pellicola mai terminata. La produzione è stata interrotta quando un membro dell’equipaggio rimase ucciso e altri 7 furono feriti dopo essere stati colpiti da un treno merci il primo giorno di riprese.

[Sul suo ruolo di supporto come il cattivo in A History of Violence] – David [Cronenberg] è stato così gentile con me. Sono arrivato con 10 giorni di anticipo. Ho filmato solo per un paio di giorni. Sono della convinzione ‘Non ci sono piccoli ruoli. Solo piccoli attori.’ … I cosiddetti personaggi principali? Che significa? Siamo tutti personaggi principali. Siamo tutti protagonisti delle nostre vite.

15. Robin Hood di Ridley Scott (2010)

Nell’Inghilterra del 12esimo secolo, Robin e la sua banda di briganti lottano contro la corruzione in villaggio e conducono una rivolta contro la corona che altererà per sempre l’equilibrio del potere.

William Hurt nel film interpreta il cavaliere medievale inglese William Marshall (Guglielmo il Maresciallo) I° conte di Pembroke.

Hurt ha recitato in cinque film degli anni 80 nominati all’Oscar per il miglior film: Il grande freddo (1983), Il bacio della donna ragno (1985), Figli di un dio minore (1986), Dentro la notizia (1987) e Turista per caso (1988). È stato nominato per tre anni consecutivi (dal 1985 al 1987) come miglior attore in tre di questi: Il bacio della donna ragno (che ha vinto), Figli di un dio minore e Dentro la notizia.

[2013] La fama….è stata una sfida, mettiamola così. È un privilegio e una responsabilità, e non sono sicuro di aver portato bene la responsabilità a volte, il che è imbarazzante. E ho dovuto cercare ed essere deluso di tanto in tanto da me stesso per come mi sono comportato in alcune circostanze.