David di Donatello 2010: trionfano L'uomo che verrà e Vincere di Marco Bellocchio, delusione per Virzì

David di Donatello 2010: trionfano L'uomo che verrà e Bellocchio, delusione per Virzì

Aspettando la differita televisiva di questa sera, alle 23:20 su Rai1 (una vergogna tutta italiana, questi sono i nostri Oscar e così li 'valorizziamo'), i David di Donatello del 2010 hanno assegnato i loro verdetti. A trionfare, a sorpresa, il bellissimo l'Uomo che Verrà di Giorgio Diritti (premiato anche con il David per il Miglior Fonico di Presa Diretta e l'Aranciafilm come Miglior Produttore e) , già visto e premiato al Festival del cinema di Roma ed incoronato Miglior Film dell'Anno. Un titolo amatissimo dalla critica ma poco considerato al box office, considerato il 1.190.000 euro incassato e le sole 42 copie a disposizione. Un'ingiustizia che speriamo venga ripagata da questo meritato trionfo, con una riuscita in sala. Ad uscire sconfitto, considerando soprattutto le 18 candidature di partenza, è stato l'emozionante, favoritissimo e toccante La prima cosa Bella di Paolo Virzì, che a conti fatti si è portato a casa 'solo' tre statuette. Miglior Sceneggiatura e Migliori Interpreti, ovvero Valerio Mastandrea e Micaela Ramazotti, moglie del regista.

Pioggia di David anche per il discusso Vincere di Marco Bellocchio, rimasto a bocca asciutta lo scorso anno a Cannes e ripagato così dal cinema nostrano, con 8 statuette, tra le quali quella per la Migliore Regia (oltre a scenografia, costumi, trucco, acconciatura, montaggio ed effetti speciali). Due i David vinti da Ferzan Ozpetek e il suo Mine Vaganti, ovvero quelli per gli attori non protagonisti, Ilaria Occhini ed Ennio Fantastichini, mentre tra i registi esordienti l'ha spuntata Valerio Mieli con il suo Dieci inverni. Solo due David per Baaria di Tornatore, premiato per le musiche di Morricone e con il David Giovani, mentre a Jovanotti è andata la statuetta per la migliore canzone, Baciami ancora, scritta per l'omonimo film di Gabriele Muccino, a Tarantino quella per il Miglior Film Straniero, con Bastardi senza Gloria e a Radu Mihaileanu quella come Miglior Film per l'Unione Europea con Il Concerto.

Una premiazione dominata dalle polemiche dei Centoautori, in lotta contro il Governo ed i tagli previsti ed imposti dal Ministro della Cultura Bondi, incredibilmente assente alla serata, al grido "Non chiediamo elemosine, difendiamo un diritto". Ma ora cliccate su continua per dare un'occhiata a tutti i vincitori, senza dimenticarvi di dirci cosa ne pensate. Siete d'accordo con i premiati?

MIGLIOR FILM
L'UOMO CHE VERRA'
prodotto da Aranciafilm (Simone Bachini, Giorgio Diritti), RAI Cinema per la regia di Giorgio Diritti

MIGLIOR REGISTA
Marco BELLOCCHIO per "Vincere"

MIGLIORE ATTRICE
Micaela RAMAZZOTTI per "La prima cosa bella"

MIGLIORE ATTORE PROTAGONISTA

Valerio MASTANDREA per "La prima cosa bella"

MIGLIOR ATTRICE NON PROTAGONISTA

Ilaria OCCHINI per "Mine vaganti"

MIGLIORE ATTORE NON PROTAGONISTA

Ennio FANTASTICHINI per "Mine vaganti"

MIGLIOR REGISTA ESORDIENTE

Valerio MIELI per "Dieci inverni"

MIGLIORE SCENEGGIATURA

Francesco BRUNI, Francesco PICCOLO, Paolo VIRZÌ per "La prima cosa bella"

MIGLIORE PRODUTTORE

Aranciafilm (Simone Bachini, Giorgio Diritti), RAI Cinema per "L'uomo che verrà"

MIGLIORE DIRETTORE DELLA FOTOGRAFIA

Daniele CIPRÌ per "Vincere"

MIGLIORE MUSICISTA

Ennio MORRICONE per "Baarìa"

MIGLIORE CANZONE ORIGINALE

"Baciami ancora”" musica di Jovanotti, Saturnino Celani, Riccardo Onori testi di Jovanotti, interpretata da Jovanotti per "Baciami ancora"

MIGLIORE SCENOGRAFO
Marco DENTICI per "Vincere"

MIGLIORE COSTUMISTA
Sergio BALLO per "Vincere"

MIGLIORE TRUCCATORE

Franco CORRIDONI per "Vincere"

MIGLIORE ACCONCIATORE

Alberta GIULIANI per "Vincere"

MIGLIORE MONTATORE
Francesca CALVELLI per "Vincere"

MIGLIORE FONICA IN PRESA DIRETTA

Carlo MISSIDENTI per "L'uomo che verrà"

MIGLIORI EFFETTI VISIVI

Paola TRISOGLIO e Stefano MARINONI per Visualogie per "Vincere"

MIGLIOR FILM DELL'UNIONE EUROPEA
"IL CONCERTO" di Radu Mihaileanu (BIM)

MIGLIOR FILM STRANIERO

"BASTARDI SENZA GLORIA" di Quentin Tarantino (Universal)

L’apposita Giuria composta da Andrea Piersanti, Presidente, Francesca Calvelli, Enzo Decaro, Paolo Fondato, Enrico Magrelli, Mario Mazzetti, Paolo Mereghetti comunicano le cinquine del miglior documentario di lungometraggio e del miglior cortometraggio.
MIGLIOR DOCUMENTARIO DI LUNGOMETRAGGIO
"LA BOCCA DEL LUPO" di Pietro Marcello

MIGLIOR CORTOMETRAGGIO
"PASSING TIME" di Laura Bispuri

DAVID GIOVANI

Baaria


Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 37 voti.  

I VIDEO DEL CANALE ENTERTAINMENT DI BLOGO