Gods and Kings: Ang Lee al posto di Steven Spielberg?



Prima Robopocalypse, poi l'Interstellar finito a Christopher Nolan ed ora Gods and Kings. Sono mesi di addii a sorpresa per Steven Spielberg, uscito sconfitto dalla notte degli Oscar e ritrovatosi senza due progetti che fino a pochi mesi fa sembravano saldamente tra le sue mani. Rinviato a data da destinarsi lo sci-fi per mancanza di fondi (leggasi eccesso di costi), anche il kolossal su Mosè targato Warner Bros. lo ha infatti visto abbandonare la barca.

Sceneggiato da Michael Green e Stuart Hazeldine, il film era stato descritto come un 'Braveheart che incontra Salvate il Soldato Ryan che incontra I Dieci Comandamenti', andando così a sfidare un altro biopic su Mosé da tempo in mano a Ridley Scott. Perso Spielberg, la Warner si sarebbe subito mossa per trovare un degno sostituto. Offrendo la pellicola proprio a colui che solo un mese fa ha sconfitto il regista di Lincoln nella lunga corsa agli Oscar. Ovvero...

... Ang Lee. Vinta la sua seconda statuetta grazie a Vita di Pi, il regista sarebbe stato contattato dalla major, dimostrando non poco interesse nei confronti del progetto. Al momento di conferme non se ne hanno, ma certo è che la Warner avrebbe fretta di dar via alla produzione, in modo da bruciare sul tempo la concorrenza di Scott. La figura di Mosé sarebbe clamorosamente differente da quella vista fino ad oggi al cinema, tanto da portare sul grande schermo un vero e proprio guerriero.

Attualmente libero come un fringuello e privo di qualsiasi progetto futuro, il regista di Taiwan potrebbe seriamente accettare la sfida, andando a coprire un buco a sorpresa lasciato spalancato dal 'fuggitivo' Steven Spielberg, a breve Presidente di Giuria al Festival di Cannes e incredibilmente senza film da girare tra le mani. A meno che non torni un certo... Indiana Jones.

Fonte foto: GettyImage

  • shares
  • Mail