Iron Man tornerà al cinema anche senza Robert Downey Jr.

Un franchise infinito, un evergreen alla Bond, con un nuovo attore nei panni di Iron Man. Prepariamoci al ritorno di Tony Stark!

Un fulmine a ciel sereno, anche se tutt'altro che inatteso. D'altronde dinanzi al boom d'incassi di questi primi 10 giorni di programmazione, con quasi 550 milioni di dollari in cassa entro domenica, il franchise Iron Man non poteva finire con il terzo capitolo. Era folle anche solo pensarlo.

Però c'è un però, e si chiama Robert Downey Junior. Il contratto dell'attore è ormai in scadenza, tanto da rimettere in discussione l'intera saga. Shane Black ha avuto il merito di saper 'chiudere' la trilogia, mentre la stessa Gwyneth Paltrow, pochi giorni fa, ha ammesso di aver girato il suo ultimo Iron Man.

Tutto finito quindi? Certo che no. Perché Iron Man proseguirà, ma con un nuovo volto. Possibile sostituire lo straordinario Robert Downey, Tony Stark nato? Kevin Feige, Presidente Marvel, è stato alquanto chiaro su Entertainment Weekly:


"Credo che ci sarà un quarto film di Iron Man, e un quinto, un sesto, un decimo e un ventesimo". "Non vedo alcuna ragione per cui Tony Stark non possa essere evergreen come James Bond. O Batman, se per questo. O Spider-man".

L'annuncio finale dopo i titoli di cosa "Iron Man tornerà al cinema", riguarderà quindi non solo The Avengers 2, ma anche il franchise stesso. Nel caso in cui Robert Downey Jr. non volesse tornare nella celebre armatura, per stanchezza o anche solo per un mancato accordo economico con la Marvel, qualcun altro prenderà il suo posto, rilanciando una saga che con questo terzo capitolo punta con forza al traguardo del miliardo di dollari. Troppi, per finirla qui.

  • shares
  • Mail