Cannes 2013 – Michael Kohlhaas: una clip dal film e intervista a Arnaud des Pallières

Il racconto di Heinrich von Kleist è ora un film con Mads Mikkelsen

di carla,

E’ in Concorso, al Festival di Cannes 2013, il film drammatico Michael Kohlhaas, diretto da Arnaud des Pallières e interpretato da Mads Mikkelsen, Mélusine Mayance, Delphine Chuillot, David Kross, Bruno Ganz, Denis Lavant, Paul Bartel, Sergi López, Stefano Cassetti, Amira Casar, David Bennent, Swann Arlaud, Roxane Duran. Oggi vi presentiamo una piccola clip registrata nel corso di una visita al set del film: vediamo Mads Mikkelsen parlare, intervallato da brevi inquadrature. Ecco la trama ufficiale e di seguito incontriamo il regista e il protagonista. Le interviste sono tratte e tradotte dal pressbook ufficiale francese, direttamente dal Festival Di Cannes.

Nel 16esimo secolo nelle Cevenne, un commerciante di cavalli di nome Michael Kohlhaas conduce una vita felice. Quando un signore lo tratta ingiustamente, l’uomo solleva un esercito e mette il paese a ferro e fuoco per far valere i suoi diritti.

Intervista con il regista Arnaud des Pallières

Da dove viene la storia di Michael Kohlhaas?
Michael Kohlhaas è una novella di Heinrich von Kleist, basata sulla vera storia di un commerciante trattato ingiustamente da un nobile ed è andato su tutte le furie, scatenando una sanguinosa vendetta al fine di ottenere un risarcimento. Franz Kafka ha dichiarato che Michael Kohlhaas era la sua opera preferita della letteratura tedesca e che lo ha spinto a scrivere!

Come hai scoperto il libro?
Ho letto Michael Kohlhaas quando avevo 25 anni. Fin dall’inizio, lo vedevo come un film, ma non mi sentivo in grado di farlo. Ero giovane e sembrava un film costoso e complicato da produrre. Inoltre, avevo tre travolgenti modelli nella mia testa: Aguirre di Herzog, I sette samurai di Kurosawa e Andrej Rublev di Andrej Tarkovskij. Così ho pensato che avrei dovuto aspettare, a quando fossi più vecchio e più esperto, il che non è avvenuto. Alla fine, 25 anni dopo, ho pensato che qualcun altro avrebbe finito col fare il film e ho deciso di farlo io.

Cosa ti è piaciuto di più della storia?
Il personaggio, ovviamente. La sua dignità, i suoi lampi abbaglianti di energia. Credo sia una delle più grandi storie di politica mai raccontata.

Il tuo Michael Kohlhaas è descritto come “liberamente tratto” dal romanzo di Kleist. Che libertà hai preso con la storia originale?
La libertà più evidente che ho preso è che è una storia tedesca. Io amo e ammiro la letteratura tedesca, ma non so il tedesco. Poi volevo preservare il collegamento dei personaggi con gli inizi del protestantesimo, quindi la zona Cevenne è stata una scelta ovvia della posizione di come i cattolici e i protestanti hanno condiviso pacificamente questa regione bella e selvaggia nei primi anni del 16esimo secolo. Un’altra libertà che ho preso era che la novella di Kleist ha una sottotrama piuttosto fantasiosa che non è in sintonia con il materialismo deliberato del mio film. Inoltre, abbiamo sviluppato diversi ruoli di supporto al fine di sollevare Kohlhaas dalla sua “solitudine eroica”. E, infine, i dialoghi sono stati interamente riscritti in una lingua volutamente contemporanea.

Michael Kohlhaas è un rivoluzionario?
Kohlhaas subisce un torto e chiede i suoi diritti. Lui reagisce improvvisamente e brutalmente dichiara guerra alla società. Egli sceglie la via della violenza, con un un tagliente senso di giustizia come unica linea guida morale. Kohlhaas conduce la sua banda di uomini senza una strategia politica. Ottenere risarcimento vale più per lui che la vita stessa, la propria vita o di chiunque altro. La sua è una vendetta personale. Lui non è un rivoluzionario.

Oggi Kohlhaas sarebbe definito un terrorista?
Kohlhaas è una persona comune che, in nome della giustizia, diventa il nemico assoluto di tutta una società. Quindi, forse sì, Kohlhaas è una specie di terrorista. Ma io ricordo sempre la tesi del filosofo tedesco del diritto, Rudolf von Jhering, per lui Kohlhaas è un precursore nella lotta per lo stato di diritto, una sorta di presa pre-rivoluzionaria contro i privilegi radicati. Per Jhering, è ingiusto accusare Kohlhaas dell’individualismo. Per Jhering, Kohlhaas è un “eroe della legge” che sacrifica la sua vita per un’idea. Giudicare Kohlhaas è un affare complicato.

Qual è il tuo atteggiamento verso la violenza nel tuo film?
Essendo un romantico, Kleist era affascinato da personaggi e situazioni violente. Massacri, saccheggi ed esecuzioni sono descritte nel romanzo più o meno allo stesso modo in cui i film spettacolari li mostrano al giorno d’oggi, in cui la violenza è sempre frenetica e spesso liricamente vertiginosa. Incendi ed esplosioni sembrano essere sempre il sintomo ultimo di questa idealizzazione, di questa spiritualizzazione di violenza. Ho preferito trattare la violenza più freddamente, per mostrare la paura, il dolore, la paura del dolore.

Michael Kohlhaas è un film storico. Come hai fatto a gestire i codici del genere?
I film storici spesso soffrono di una sorta di rigidità accademica, anche perché costano di più. Volevo che le scene e i costumi fossero discreti, quasi invisibili. Allo stesso modo, al fine di rendere questa rappresentazione più realistica possibile, volevo che la fotografia e il sonoro fossero sofisticati. Volevo fare un film che respira nel presente. Un documentario sul 16esimo secolo.

Quali scelte hai fatto in termini di design?
Ho sempre preferito luoghi all’aperto che sono storicamente più accurati. I set di interni, non importa quanto minimamente ricostruiti, non sono mai così naturali: devono sempre essere “vestiti” e illuminati. Ogni volta che ho potuto, ho preso le scene originariamente scritte per interni e li ho messi all’aperto. Fin dall’inizio, ho voluto i luoghi all’aperto per evitare la contaminazione dalla modernità, ma anche per riflettere la natura del personaggio. Se Kohlhass fosse un paesaggio, sarebbe montuoso. Austero. Magnifico. Come il volto di Mads Mikkelsen.

La fotografia è potente. Come hai lavorato con Jeanne Lapoirie?
Abbiamo lavorato sulla luce. Guardando I sette samurai siamo rimasti colpiti dal laconico, uso dinamico di Kurosawa delle immagini panoramiche. Abbiamo cercato di riprendere i migliori momenti della giornata: alba, tramonto e crepuscolo.

E Mads Mikkelsen?
Ero alla ricerca di un Clint Eastwood 30 anni più giovane. Un giorno Sarah Teper, il direttore del casting, ha citato Mads Mikkelsen. L’ho guardato su internet e ho visto il suo volto. Come posso dire? In un primo momento ho detto di no… così siamo andati avanti con il casting. Poi il nome di questo attore danese tornò di nuovo. Ho scoperto Pusher e sono rimasto spiazzato dalla sua intraprendenza, ma non ero sicuro per il ruolo di Kohlhaas. Poi l’ho visto interpretare un uomo comune in Dopo il matrimonio e mi sono convinto.

Intervista con Mads Mikkelsen

Come hai fatto a prepararti per il ruolo?
Prima di tutto, lavorando sullo script. Ma la preparazione più importante è sempre il lavoro che si fa con il regista. Durante la pre-produzione, Arnaud e io abbiamo parlato molto.

Quale scena ti ricordi come migliore?
Quella tra Kohlhaas e la moglie morente. Ma c’era anche la scena incredibile in cui consegno un puledro appena nato. Potevamo preparare la scena della nascita fino a un certo punto. Ci era permesso un solo ciak! Sanabra, l’addestratore di cavalli, era accanto a me, mi sussurrò quello che dovevo fare, e poi improvvisamente il puledro era lì, tra le mie braccia. Il momento fu assolutamente magico.

Ultime notizie su Cannes

Tutto su Cannes →