La presentazione di Tokyo Drift ad Ostia

Il binomio donne & motori è sempre vincente. Ringraziamo la Dg-Image per l'articolo relativo a Fast and the Furious: Tokyo Drift e soprattutto per le foto (su continua...)

A tutto... drifting!
Il 'drifting' (letteralmente 'andare alla deriva', in ambito automobilistico sbandare in curva con il controllo del sovrasterzo) era conosciuto come una tecnica usata dai rallisti. Quando correvano nei rally, i piloti 'sbandavano', o scivolavano in curva su una grande varietà di condizioni di strada: sporcizia, fango e neve. Sbandare in curva permetteva ai corridori di mantenere un'alta velocità invee di rallentare per curvare.
Al Cineland di Ostia si è tenuta una originale serata di presentazione del film Fast and the Furious: Tokyo Drift, imperniata su motori, belle donne e...drifting! Le vetture supermodificate hanno fatto sbavare gli appassionati, che hanno potuto vedere da vicino le modifiche, salirci sopra, e assaporare, con l'esibizione, tutta la potenza di queste vetture.
In serata si è tenuta poi la proiezione della terza parte della saga di Fast and the Furious. Niente da dire sul film: siete appassionati di belle macchine, belle donne, belle ambientazioni? E' il film che fa per voi. L'esile trama è solo un pretesto per vedere le esibizioni delle vetture su pericolosi percorsi; il regista Justine Lin riesce a supportare al meglio l'apparato tecnico con una regia pulita e comprensibile anche nei movimenti più azzardati; convincenti i protagonisti Lucas Black, Bow Wow, Brian Tee e la bellissima Nathalie Kelley che esordisce sul grande schermo proprio con questo film.
Cameo finale per l'indimenticabile Vin "Toretto" Diesel, che ha strappato un sincero applauso nell'arena dove è stato proiettato il film.


Servizio: Giovanni Lembo
Foto: Danilo Ventimiglia








  • shares
  • Mail
5 commenti Aggiorna
Ordina: