La tassa Siae sui Trailer: ora parla chi lavora nel cinema

Tassa_Siae_trailer

La faccenda della Siae che vuol far pagare chi pubblica i trailer online continua la sua corsa. I siti di cinema e gli utenti del web in generale sono in rivolta ma oggi lasciamo la parola a chi nel cinema ci lavora: attori, produttori e registi.

Luca Miniero regista di Benvenuti al Sud e Benvenuti al Nord:

''A me sembra una follia. Non è possibile confondere gli obiettivi promozionali con lo sfruttamento dei diritti. E come sempre la Siae, alla quale siamo tutti iscritti, si preoccupa di inviare la rivista e mai una informazione importante sulle decisioni che sta prendendo. Di certo una decisione che dovesse essere seguita danneggerebbe tutto il sistema promozionale del cinema, con maggiori problemi con i film che hanno meno soldi. Aggiungo poi che, anche se involontariamente, questa scelta sembra appartenere alla medesima mentalità che cerca di mettere sotto attacco il web, per limitarne le potenzialità''.


La produttrice Federica Lucisano
:

''Ignobile a dir poco. Non tutela il diritto d'autore (si scarica gratis tutto) e fanno pagare il trailer? Oltre il danno la beffa! Vergogna!''

Il regista e sceneggiatore Paolo Virzì:

"Voglio pensare che sia solo una distorsione giornalistica. Altrimenti sarebbe un'iniziativa più insensata che goffa. Dimostrerebbe di esser stata concepita da chi non ha idea di cosa sia la Rete. E finirebbe suo malgrado per danneggiare la circolazione e la promozione dei film''.


Massimo Boldi
:

''La tassa che la SIAE vuole applicare sui trailer dei film è ingiusta e non costituzionale, capisco che internet è diventato un inferno per tutti dove non ci sono regole e chiunque può metter bocca dicendo qualsiasi cosa le passi per la testa, ma chi ci lavora con internet non può essere penalizzato e messo alla pari con qualsiasi capace di metter le mani sulla tastiera. Perchè invece la SIAE non fa un accordo con le agenzie e le major e perseguiti invece chi fa abuso della musica e dei diritti d'autore con pene al limite della denuncia penale. (...) Speriamo che si possa trovare un accordo e regolamentare così il problema, perchè poi il problema c'è, anche se non si vede''.

Update 30 ottobre ore 21.00: la dichiarazione di Carlo Verdone

  • shares
  • Mail
8 commenti Aggiorna
Ordina: