Berlino 2012: Cesare deve morire di Paolo & Vittorio Taviani: foto e trailer

Aspettando la 62. edizione del Festival di Berlino e tutte le gustose anticipazioni della nostra ‘talpa’ berlinese, possiamo concederci una sbirciata a Cesare deve morire, il nuovo film di Paolo e Vittorio Taviani (Padre padrone, San Michele aveva un gallo, La notte di San Lorenzo), titolo italiano (e unico documentario) in concorso per il prestigioso Orso d'Oro, nelle nostre sale il 02 Marzo 2012.

Un documentario che mette in scena il potere, la mancanza di libertà, la colpa e il rimorso, nella Sezione di Alta Sicurezza del carcere Rebibbia di Roma, dove la maggior parte dei detenuti sono condannati all'ergastolo perché appartenenti alla criminalità organizzata (mafia, camorra, 'ndrangheta).

Un documentario girato in carcere, con un gruppo di detenuti, una 'sceneggiatura' cucita sulle peculiarità e i dialetti dei detenuti-attori, un bianco e nero che segue le prove dei laboratori teatrali e le trame della tragedia shakespeariana del “Giulio Cesare” insieme a quelle personali dei vari detenuti, fino alla rappresentazione finale dello spettacolo ripresa a colori. Nell'attesa possiamo sbirciare il trailer, qualche foto dal set, e la scheda tecnica (dopo il salto), insieme all'intervista ai Fratelli Taviani (in inglese), realizzata per la stampa internazionale dall'ufficio Stampa della FilmPressPlus, qui anche tradotta.

Cesare deve morire
Cesare deve morire Cesare deve morire Cesare deve morire Cesare deve morire

Cesare deve morire Cesare deve morire Cesare deve morire Cesare deve morire

Cesare deve morire [Italia 2011, durata 76']
Soggetto e sceneggiatura: Paolo Taviani eVittorio Taviani
Regia: Paolo Taviani eVittorio Taviani
produzione: Kaos Cinematografica in collaborazione con Rai Cinema (La Ribalta - Centro Studi Enrico Maria Salerno, Stemal Entertainment)
distribuzione: Sacher Distribuzione
Musiche: Giuliano Taviani e Carmelo Travia
Montaggio: Roberto Perpignani
Fotografia: Simone Zampagli
Cast: tutti detenuti
fatta eccezione per Maurilio Giaffreda (uno degli insegnanti di recitazione)
Salvatore "Zazà" Striano (Bruto) e Fabio Rizzuto (Stratone) ex detenuti
Cosimo Rega (Cassio)
Giovanni Arcuri (Cesare)
Antonio Frasca (Marcantonio)
Juan Dario Bonetti (Decio)
Vincenzo Gallo (Lucio)
Rosario Majorana (Metello)
Francesco De Masi (Trebonio)
Gennaro Solito (Cinna)
Vittorio Parrella (Casca)
Pasquale Crapetti (Legionär)
Francesco Carusone (Centurione)
Fabio Cavalli (Regista Teatrale)
Maurilio Giaffreda (Ottavio)

Foto | FilmPressPlus

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: