L'ombra dello scorpione: Josh Boone porta al cinema il romanzo di Stephen King

Forse ci siamo. La Warner ha trovato il regista de L'ombra dello scorpione?

Forse ci siamo. Perso per strada Ben Affleck, 'legato' al ritardo distributivo di Batman vs. Superman, e l'annunciato Scott Cooper, a quanto pare non più della partita, la Warner Bros avrebbe trovato colui che dovrà portare al cinema L'ombra dello scorpione, straordinario classico post-apocalittico scritto da Stephen King nel 1978.

Il fortunato del giorno sarebbe Josh Boone, a detta di The Wrap, 35enne fan sfegatato delle opere di King, ad oggi visto in sala con il film Stuck in Love e presto di nuovo al cinema con l'atteso Colpa delle stelle, tratto dal romanzo di John Green. Da sempre grande ammiratore di King, Boone volle lo scrittore per un 'cameo' nel suo debutto alla regia, con quell'omaggio ad un passo dall'essere ricambiato con un compito tutt'altro che facile.

stand-cover

Ovvero dar vita a The Stand, già diventato miniserie televisiva nel lontano 1994. La trama? Tutto nasce con l'errore di un computer e l'incoscienza di pochi uomini, che di fatto scateneranno la fine del mondo. Il morbo sfuggito a un segretissimo laboratorio semina morte e terrore. Il novantanove per cento della popolazione della terra non sopravvive all'apocalittica epidemia e per i pochi scampati c'è una guerra ancora tutta da combattere, una lotta eterna e fatale tra chi ha deciso di seguire il Bene e appoggiarsi alle fragili spalle di Mother Abagail, la veggente ultracentenaria, e chi invece ha scelto di calcare le orme di Randall, il Senza Volto, il Male, il Signore delle Tenebre.

Anche se inizialmente si era ipotizzato la nascita di un film diviso in due parti, vista la ricchezza del romanzo di King, è facile pensare che alla fine L'ombra dello scorpione arrivi al cinema in un'unica 'portata', e senza avere l'occasione di sfuggire ad un rating R-Rated. O almeno questo si augurano i suoi più fedeli ammiratori.

Fonte: Comingsoon.net

  • shares
  • Mail