Louisiana – The Other Side: 3 clip del film di Roberto Minervini selezionato a Cannes 2015

Louisiana – The Other Side: video, trailer, poster, immagini e tutte le informazioni sul film documentario di Roberto Minervini nei cinema italiani dal 28 maggio 2015.

di cuttv

Aggiornamento di Pietro Ferraro

Dopo la tappa al Festival di Cannes il prossimo 28 maggio arriva nei cinema italiani Louisiana – The Other Side, il documentario di Roberto Minervini.

Lucky Red dopo il trailer ufficiale (lo trovate scorrendo l’articolo) ha reso disponibili tre clip in italiano e un’intervista al regista di cui a seguire vi proponiamo uno stralcio.

Vi lasciamo alle clip e all’intervista ricordandovi che è anche disponibile una recensione in anteprima del film.

IL LATO NASCOSTO – INTERVISTA A ROBERTO MINERVINI

I tuoi primi tre film, The Passage, Low Tide e Stop the Pounding Heart costituiscono quella che hai definito la “trilogia del Texas”. Quest’ultimo lavoro, Louisiana (The Other Side), indaga e racconta luoghi e genti della Louisiana. Come sei entrato in contatto con queste comunità?

Sono arrivato in Louisiana attraverso Todd Trichell, il padre di Colby, il giovane protagonista di Stop the pounding heart. Todd è stato per me una guida, mi ha fatto conoscere luoghi, usi e costumi del sud degli Stati Uniti. Ha una storia difficile: è scappato dalla Louisiana povera e disastrata per approdare in Texas, terra fertile e ricca. Si è salvato, si è rifatto una vita in Texas, ed è l’unico della sua famiglia che ce l’ha fatta ad uscire dal baratro. L’ho incontrato in Texas e ho raccontato la sua nuova vita. Dopo Stop the Pounding Heart, che chiude la trilogia del Texas, ho sentito la necessità di andare a scoprire il luogo da dove è partito Todd, West Monroe nella Louisiana del Nord, per conoscere meglio le radici della sua famiglia, indagare il passato per meglio capire il suo presente. Una volta arrivato in Louisiana ho scoperto un mondo e ci sono rimasto. Dovevo iniziare una nuova esplorazione. Quel che avevo immaginato come la tappa finale di un lungo ciclo, rappresentato dalla trilogia, si era trasformato in un nuovo inizio. Alcuni dei personaggi di Louisiana (The Other Side), sono imparentati con Todd, come Lisa, sua sorella, fidanzata di Mike, protagonista del film.

Che cosa hai trovato in Louisiana?

Nella Louisiana del Nord il 60 per cento delle persone è disoccupata, distrutta dall’anfetamina e dalla povertà. Questa è la condizione da cui è fuggito Todd e che affligge ancora i membri della sua famiglia d’origine. Pensavo, inizialmente, di raccontarli attraverso ritratti di storie intime e famigliari, un po’ come ho fatto nei mie i film precedenti. Poi ho capito che quell’approccio non era sufficiente. C’era bisogno di rappresentare non solo la condizione di povertà e dipendenza dalle droghe, ma anche di indagare e comprendere il sentimento di rivalsa e di rabbia che tiene unita questa comunità di bianchi, dispersa nel profondo nord della Louisiana. La rabbia è nei confronti di tutti quelli che non sono come loro e nei confronti delle istituzioni che li hanno abbandonati. Il film da intimista ha iniziato a prendere una piega politica che ha assunto poi contorni ancor più netti quando ho scovato la comunità dei paramilitari presente nella seconda parte del film. Il raggio si è allargato, come l’ambizione di raccontare qualcosa di più grande e sconosciuto: il midwest alla deriva, senza lavoro, antigovernativo e antiliberista, un posto in cui il collegamento fra le politiche di governo e l’opinione pubblica si è perso, trasformandosi in un divario. Non si trattava di raccontare solo la storia della famiglia Trichell, ma di abbracciare vicende che fossero rappresentative di una zona importantissima dell’America, quella in cui si fa, per capire, il gioco delle presidenziali.

Louisiana – The Other Side: trailer del film di Roberto Minervini selezionato a Cannes 2015

Aggiornamento di Pietro Ferraro

Lucky Red ha reso disponibili un trailer e una locandina ufficiale per Louisiana – The Other Side, il film documentario del regista Roberto Minervini selezionato al Festival di Cannes 2015 nella principale sezione parallela “Un certain regard”.

Minervini racconta un territorio invisibile, ai margini della società, sul confine tra illegalità e anarchia, dove vive una comunità dolente che tenta di reagire a una minaccia: essere dimenticati dalle istituzioni e vedere calpestati i propri diritti di cittadini. Veterani in disarmo, adolescenti taciturni, drogati che cercano nell’amore una via d’uscita dalla dipendenza, ex combattenti delle forze speciali ancora in guerra con il mondo, giovani donne e future mamme allo sbando, vecchi che non hanno perso la voglia di vivere. In questa umanità nascosta si aprono gli abissi dell America di oggi.

Minervini parla del film:

Sono andato nella Louisiana del nord, quella tra Texas e Arkansas, in particolare a West Monroe che è come la West Bank di Gerusalemme perché è il ghetto bianco di Monroe, città nera. Una di quelle ex zone rurali che, come avviene spesso negli Usa, si trasformano in culle della produzione di metanfetamina. Mi sono trovato in comunità devastate dalla droga e dalla disoccupazione e ho lavorato – e in questo la storia è cambiata – anche con organizzazioni paramilitari e antigovernative, due realtà che convergono a livello politico, proprio per il fervore con cui si scagliano contro il governo federale. E’ un film sul libertarismo estremo nell’America del Centro-Sud. [fonte Cinecittà News]

Roberto Minervini, nato a Fermo nel 1970, è autore, sceneggiatore e regista cinematografico. Il suo film piu’ recente, ‘Stop The Pounding Heart – Trilogia del Texas, Atto III’, ha fatto parte della Selezione ufficiale (Fuori concorso) del Festival di Cannes nel 2013 e ha ottenuto moltissimi riconoscimenti, tra cui il David di Donatello come miglior documentario nel 2014. Attualmente Roberto Minervini vive e lavora tra l’Italia e gli Stati Uniti.

A seguire trovate la locandina ufficiale del film.

Louisiana (The Other Side): Minervini per Un Certain Regard a Cannes 2015

LOUISIANA (The Other Side) di Roberto Minervini

Ai margini degli abissi americani con Louisiana (The Other Side) di Roberto Minervini, nella sezione Un Certain Regard del 68° Festival di Cannes

La primavera del 68° Festival di Cannes inizia a scaldarsi, soprattutto per Rai Cinema che rappresenta la sorprendente presenza italiana con Il Racconto dei Racconti di Matteo Garrone e Mia Madre di Nanni Moretti, in concorso insieme a Youth – Giovinezza di Paolo Sorrentino, ma anche con Louisiana (The Other Side), il documentario di Roberto Minervini selezionato per Un Certain Regard.

Il giovane regista marchigiano dal linguaggio particolare e il talento a dir poco promettente, torna a Cannes a due anni dall’acclamato Stop The Pounding Heart – Trilogia del Texas, Atto III, con un viaggio che sfiora i margini per sbirciare gli abissi.

“In un territorio invisibile, ai margini della società, sul confine tra illegalità e anarchia, vive una comunità dolente che tenta di reagire a una minaccia: essere dimenticati dalle istituzioni e vedere calpestati i propri diritti di cittadini.

Veterani in disarmo, adolescenti taciturni, drogati che cercano nell’amore una via d’uscita dalla dipendenza, ex combattenti delle forze speciali ancora in guerra con il mondo, giovani donne e future mamme allo sbando, vecchi che non hanno perso la voglia di vivere.
In questa umanità nascosta si aprono gli abissi dell’America di oggi.”

Il documentario, scritto da Minervini con Denise Ping Lee, è prodotto da Muriel Meynard, Paolo Benzi e Dario Zonta per AgatFilms & Cie, Okta Film in coproduzione con ARTE France Cinéma e Rai Cinema, la partecipazione di Mymovies.it, il riconosciuto di interesse culturale con il contributo del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo Direzione Generale per il Cinema e il sostegno del Centre National de la Cinématographie.

“Sono fiero e onorato di partecipare ancora una volta al Festival di Cannes. “Louisiana – The Other Side” è senza dubbio il mio film più complesso. Credo, quindi, che l’invito a un festival così prestigioso costituisca un forte segnale di apertura nei confronti di un cinema senza compromessi.”

Dalla sezione “Un certain regard” della 68° Festival di Cannes (dal 13 al 24 maggio 2015), Louisiana (The Other Side) arriverà nelle nostre sale dal prossimo 28 maggio, distribuito da Lucky Red.

Roberto Minervini

Via | Lucky Red

Ultime notizie su Cannes

Tutto su Cannes →