Robotech, James Wan alla regia?

Dopo il boom di Fast and Furious 7 James Wan diviso tra 3 opzioni: Furious 8, Aquaman ed ora la novità Robotech

A breve sul set di The Conjuring 2 e tra i papabili registi di Aquaman per la Waner/Dc Comics, James Wan sarebbe al primo posto tra i registi a cui la Sony Pictures affiderebbe più che volentieri l'adattamento cinematografico di Robotech. Dopo il colossale boom di Fast and Furious 7, diventato il 4° incasso worldwide di tutti i tempi con 1,348,869,420 dollari, ad Hollywood si sono tutti innamorati del regista di Saw, a dir poco travolto dalle proposte.

Parola dell'Hollywood Reporter. E' evidente che Wan non potrà dirigere sia Aquaman che Robotech, anche se il primo arriverà in sala non prima del luglio del 2018, mentre L'evocazione 2, le cui riprese non sono ancora iniziate, uscirà nei cinema d'America nel giugno del 2016. Però la Sony vuole 'muoversi rapidamente' con Robotech, sognando di poter lanciare un vero e proprio franchise, tanto da poter 'occupare' Wan subito dopo le riprese dell'horror Warner. Quel che è certo, ormai pare evidente, è che il regista non tornerà dietro la macchina da presa di Fast and Furious 8, in sala tra meno di due anni.

robotech-characters-610

Andy Muschietti, un paio di mesi fa dato come papabile regista di Robotech, l'avremmo quindi perso per strada. Serie televisiva animata creata nel 1985 fondendo tre diversi anime, in alcun modo correlati fra loro, prodotti in Giappone dalla Tatsunoko: Macross, Robotech vedeva la razza umana trovarsi sull'orlo dell'annientamento, sotto l'attacco di una flotta aliena di navi da guerra gigantesche capaci di distruggere un pianeta intero in un attimo. L'unica speranza di salvezza è legata al segreto di Robotech, una tecnologia avanzata aliena che ha dato agli esseri umani l'accesso ai poteri robotici e dei sistemi interstellari delle astronavi spaziali.

A produrre il tutto Gianni Nunnari e Mark Canton, già visti dietro Immortals e 300, con Michael Gordon (300, GI Joe) al lavoro sulla sceneggiatura.

Fonte: Comingsoon.net

  • shares
  • Mail