I racconti di Terramare nelle sale italiane

Diciamo subito che Gedo senki non è stato accolto benissimo, e i commenti a Venezia 63 non sono stati sicuramente all’acqua di rose. Goro Miyazaki non è papà, e I racconti di Terramare non è La città incantata, e lo possiamo notare. E’ anche vero che è il primo lavoro di Miyazaki jr., ed è



Diciamo subito che Gedo senki non è stato accolto benissimo, e i commenti a Venezia 63 non sono stati sicuramente all’acqua di rose. Goro Miyazaki non è papà, e I racconti di Terramare non è La città incantata, e lo possiamo notare. E’ anche vero che è il primo lavoro di Miyazaki jr., ed è anche vero che dietro a tutto il lavoro c’è sempre lo Studio Ghibli. Ma c’è chi ha notato un’animazione al di sotto dello standard e una certa piattezza nello stile.

Con questo non voglio non invitarvi ad andare a vedere il film, anzi: sono convinto che qualcuno saprà comunque apprezzare questa storia di maghi, draghi e magia, in cui il giovane Ged, destinato a diventare un grande arcimago grazie ai suoi poteri, viaggia assieme al principe Arren per salvare l’Arcipelago degli uomini, sempre più in pericolo. Imperversa la siccità, compaiono draghi, muoiono le pecore senza spiegazione: i protagonisti dovranno affrontare un malvagio e misterioso stregone, ambiguo e cattivissimo, per riportare il tutto alla normalità.

In uscita il 20 aprile nelle sale italiane, I racconti di Terramare potrebbe avere una sua personale rivincita con il pubblico dopo essere stato un po’ maltrattato dalla critica. Qui trovate la nostra recensione, su continua il trailer e uno speciale sulla pellicola, entrambi in italiano.

Ultime notizie su Film Orientali

Tutto su Film Orientali →