• Film

Quei bravi ragazzi compie 25 anni e torna al cinema

Il 18 novembre UCI Cinemas riporta in sala “Quei bravi ragazzi” per celebrare i 25 anni del cult di Martin Scorsese.

Il cult Quei bravi ragazzi compie 25 anni e Cineblog non può lasciarsi sfuggire l’occasione di celebrare il classico di Martin Scorsese che per l’occasione torna nei cinema grazie ad un’iniziativa di UCI Cinemas, che il 18 novembre programmerà il film nelle sale del circuito proprio per celebrare il 25° anniversario della pellicola uscita nel 1990.

Quei bravi ragazzi non è solo un capolavoro del gangster-movie alla stregua di classici come Il padrino, ma il film di Scorsese è anche un cult che va oltre il genere cui fa riferimento e andrebbe visto a prescindere, per la regia ispirata e per le peformance di un cast stellare che include Robert De Niro, Ray Liotta, Lorraine Bracco, Paul Sorvino e un monumentale Joe Pesci che vincerà l’unico Oscar, quello per il miglior attore non protagonista, su ben 6 nomination che hanno incluso miglior film, regia e sceneggiatura non originale.

A seguire abbiamo assemblato una piccola guida al film con tante curiosità, video e la colonna sonora di quello che è un’inestimabile pezzo di storia della cinematografia che ogni appassionato di cinema dovrebbe aver visto almeno una volta nella vita.

 

Henry Hill – Una vita da star nella mafia

Henry Hill (Ray Liotta) cresciuto a pane e mafia ha sempre saputo chi voleva diventare, non era una questione di alternative mancate o di indole criminale, si trattava solo di voler far parte della “Famiglia”. A Henry piacevano il rispetto e il timore reverenziale che la sua posizione incutevano, qualcosa di troppo potente ed inebriante per essere descritto a parole. E in fondo c’era la consapevolezza che tutto questo prima o poi sarebbe finito, avrebbero ritrovato i suoi resti putrescenti sotto un metro di terra o divorati dai granchi oppure sarebbe finito in qualche squallida cella, ma questa è la vita di un “bravo ragazzo” e si vive una volta sola e tutta d’un fiato.

[quote layout=”big” cite=”Henry Hill / Ray Liotta]Ci trattavano come delle stelle del Cinema, ma eravamo più potenti, eravamo tutto. Le nostre mogli, le madri, i figli campavano bene con noi. Io avevo dei sacchetti pieni di gioielli nella credenza in cucina, avevo una zuccheriera piena di cocaina sul comodino accanto al letto. Mi bastava una telefonata per avere tutto quello che volevo: macchine gratis, le chiavi di una dozzina di appartamentini in città. Scommettevo 30 mila dollari ai cavalli di domenica, e sperperavo le vincite la settimana dopo oppure ricorrevo agli strozzini per pagare gli allibratori. Non aveva importanza, non succedeva niente quando eri in bolletta andavo a rubare un altro po’ di grana, noi gestivamo tutto; pagavamo gli sbirri, pagavamo gli avvocati, pagavamo i giudici stavano sempre con la mano tesa, le cose appartenevano a chi se le prendeva. E adesso è tutto finito. È questa la parte più dura, oggi è tutto diverso. Non ci si diverte più, io devo fare la fila come tutti gli altri e si mangia anche di schifo. Appena arrivato ordinai un piatto di spaghetti alla marinara e mi portarono le fettuccine col Ketchup. Sono diventato una normale nullità. Vivrò tutta la vita come uno stronzo qualsiasi. [/quote]

 

La scena cult . “Come sarebbe buffo?”

quei-bravi-ragazzi-compie-25-anni-e-torna-al-cinema-6.jpg

La scena cult “Come sarebbe buffo?” è stata basata su una storia che Joe Pesci ha raccontato a Martin Scorsese. Quando era ragazzo Pesci lavorava in un ristorante e una volta disse ad un mafioso che era divertente e il mafioso si arrabbiò molto. Scorsese ha permesso a Pesci e Ray Liotta di improvvisare la scena. Lui non disse agli altri attori partecipanti alla scena ciò che sarebbe accaduto, perché voleva che le loro fossero autentiche reazioni di sorpresa.

 

 

Curiosità sul film

quei-bravi-ragazzi-compie-25-anni-e-torna-al-cinema-1.jpg
  • Il film è tratto dal romanzo del 1986 “Il delitto paga bene – Wiseguy” di Nicholas Pileggi.
  • Secondo il vero Henry Hill, la cui vita è stata la base per il libro e il film, il ritratto di Joe Pesci di Tommy DeSimone è afttendibile del 90 al 99%, con una sola eccezione; il vero Tommy DeSimone era un uomo alto e massiccio.
  • L’ormai leggendario piano sequenza con la Steadicam che attraversa la cucina del locale notturno è nata da un fortunato contrattempo. A Scorsese era stato negato il permesso di passare attraverso la parte anteriore del locale e il regista ha dovuto improvvisare un’alternativa.
  • Dopo che la madre di Joe Pesci vide il film, disse al figlio che il film era buono, poi gli chiese se c’era bisogno di imprecare così tanto.
  • In un documentario intitolato “The Real Goodfellas” andato in onda nel in Inghilterra nel 2006, Henry Hill ha affermato che Robert De Niro gli avrebbe telefonato dalle sette alle  otto volte al giorno per discutere del personaggio di Jimmy, come il modo in cui Jimmy avrebbe tenuto la sua sigaretta e dettagli del genere.
  • Il personaggio di ‘Fat Andy’ che Henry ci presenta nel bar è interpretato da Louis Eppolito, un ex detective della polizia di New York il cui padre, lo zio e il cugino erano stati tutti nella mafia. Nel 2005 Eppolito e il suo partner sono stati arrestati e accusati di racket, intralcio alla giustizia, estorsione e fino a 8 omicidi. Entrambi sono stati condannati a più di 80 anni di carcere.
  • Nel gennaio del 2014, molti delle più importante figure del crimine organizzato di New York  sono state arrestate nell’ambito di un’indagine federale su una serie di crimini irrisolti, il più famoso dei quali era la rapina alla Lufthansa perpetrata nel 1978 presso l’Aeroporto JFK, un crimine al centro della trama di Quei bravi ragazzi che fruttò oltre 6 milioni di dollari in contanti e gioielli.
  • Ad Al Pacino venne offerto il ruolo di Jimmy Conway ma lui rifiutò temendo di interpretare un gangster una volto di troppo. Ironia della sorte in quello stesso anno Pacino ha finito per interpretare un gangster ancor più stereotipato, il Big Boy Caprice nel Dick Tracy (1990) di Warren Beatty. L’attore ha poi ammesso di essersi pentito di quel rifiuto.
  • Secondo Nicholas Pileggi, alcuni mafiosi veri sono stati assunti come comparse per dare autenticità alla scena. I mafiosi hanno dato falsi numeri di previdenza sociale alla Warner Bros. e non si sa quanto abbiano ricevuto come compenso
  • La madre di Ray Liotta è morta di cancro durante le riprese. Liotta dice che ha usato la sua rabbia per aver perso la madre per alcune scene del film tra cui quella dei ripetuti colpi al volto dati con il calcio della pistola.
  • La parola “fuck” e gli altri suoi derivati vengono utilizzati 321 volte, per una media di 2,04 al minuto. Circa la metà sono pronunciati da Joe Pesci. Al momento della sua uscita il film aveva il record della pellicola più scurrile di sempre.
  • Ray Liotta ha rifiutato la parte di Harvey Dent in Batman (1989) per poter girare Quei bravi ragazzi.
  • Quando Paulie affronta Henry dopo che quest’ultimo viene rilasciato dalla prigione, Paul Sorvino ha improvvisato lo schiaffo al volto di Ray Liotta, quindi la reazione di Liotta è genuina.
  • Martin Scorsese non ha voluto che Ray Liotta avesse dei contatti con il vero Henry Hill prima di girare perché non aveva mai diretto Liotta prima e non voleva che Hill influenzasse l’attore.
  • Il dipinto mostrato dalla madre del personaggio di Joe Pesci è stato dipinto dalla madre dello scrittore Nicholas Pileggi, lo sceneggiatore del film.
  • Robert De Niro ha voluto utilizzare soldi veri per la scena in cui Jimmy distribuisce soldi. Il responsabile degli oggetti di scena a dato a De Niro 5000$ in contanti e di tasca propria. Alla fine di ogni ripresa a nessuno è stato permesso di lasciare il set fino a quando tutto il denaro non era stato restituito e contato.
  • Lo studio era inizialmente molto nervoso per il film a causa della sua estrema violenza e del linguaggio. Il film ha ricevuto la peggiore risposta ad un’anteprima nella storia dello studio. Tuttavia il film è uscito senza alcuna alterazione riscuotendo un travolgente successo di critica e consolidando la reputazione di Scorsese come uno dei più eminenti registi americani.
  • Anche se Scorsese e Pileggi hanno collaborato alla sceneggiatura e hanno ricevuto nomination agli Oscar per il loro lavoro di scrittura, la gran parte dei dialoghi del film sono stati improvvisati dagli attori.
  • Quando uscì il film, si raccontò che il vero gangster Jimmy Burke era così felice di avere Robert De Niro che lo interpretava che gli telefonò dal carcere per dargli alcuni indicazioni. Lo sceneggiatore Nicholas Pileggi negò che ciò fosse mai avvenuto affermando che De Niro e Burke non avevano mai parlato, ma ammettendo che sul c’erano stati uomini per tutto il tempo delle riprese che avevano conosciuto molto bene tutti i personaggi principali.
  • La scena della cena con la madre di Tommy era quasi completamente improvvisata dagli attori, tra cui Tommy che chiede alla madre se poteva prendere in prestito il suo coltello da macellaio.
  • La censura americana ha chiesto la rimozione dal film di dieci fotogrammi con sangue prima di concedere al film il divieto ai minori di 17 anni se non accompagnati da un adulto.
  • Ray Liotta ha raccontato che Robert De Niro e Tina Sinatra hanno messo una falsa testa mozzata di cavallo nella sua roulotte, un omaggio a Il Padrino e come iniziazione al cinema di mafia.
  • Louis Eppolito (Fat Tony) ha scritto “Mafia Cop”, una storia vera sul crescere in una famiglia mafiosa e poi diventare un agente di polizia di New York. Nel mese di aprile 2006 Eppolito è stato condannato per omicidio, tentato omicidio, cospirazione, racket e per aver lavorato come informatore e killer della mafia. La condanna è stata annullata a causa di un cavillo, poi reintegrato in appello nel 2008 e nel 2009 Eppolito è stato condannato al carcere a vita.
  • Tom Cruise e Madonna sono stati la prima scelta dei produttori per i ruoli di Henry Hill e sua moglie. Ray Liotta e Lorraine Bracco sono stati scelti solo successivamente.
  • Jimmy Burke, su cui è basato il personaggio di Jimmy Conway, sarebbe stato essere rilasciato sulla parola nel 2004, ma è morto di cancro ai polmoni nel 1996, mentre era ancora in carcere.
  • Joe Pesci era sulla quarantina al momento delle riprese anche se il vero Tommy DeSimone su cui si basava il personaggio di Pesci era poco più che ventenne.
  • L’American Film Institute ha inserito il film al secondo posto  nella lista dei dieci più grandi film del genere “Gangster”.
  • Durante la guida da e per il set, Ray Liotta ascoltava cassette di interviste che Nicholas Pileggi aveva registrato con Henry Hill. Liotta ha osservato che Hill discuteva tranquillamente di omicidi e altri reati mentre mangiava patatine fritte.
  • In un primo momento il produttore Irwin Winkler non era d’accordo quando Martin Scorsese scelse Ray Liotta per il ruolo di Henry Hill. Una sera Liotta ha avvicinato Winkler in un ristorante e gli ha chiesto un minuto da soli. Entrarono nella zona bar e Liotta disse Winkler perché si ritenesse giusto per il ruolo. Winkler ha chiamato Scorsese il giorno dopo dicendogli di procedere con il casting di Liotta.
  • Nella fase iniziale, Karen affronta Henry e dice: “Chi ti credi di essere Frankie Valli o qualche pezzo grosso?” Lei si riferisce, naturalmente, al cantante dei Four Seasons. Come Henry anche la band ha avuto legami con la mafia.
  • Il discorso di accettazione dell’Oscar di Joe Pesci è il sesto più breve della storia dell’Academy. Tutto quello che Pesci ha detto è statò “E’ un grande privilegio, grazie”. Pesci in seguito ammetterà che non disse molto perché era impreparato e sinceramente non credeva che avesse una qualche possibilità di vincere.
  • Mike Starr, che nel film interpreta “Frenchy”, interpreta lo stesso ruolo in Il furto del secolo (1991) raccontando della parte della rapina alla Lufthansa di “Quei bravi ragazzi”.
  • La vita successiva di Henry Hill dopo essere entrato nel programma protezione testimoni è stata raccontata in maniera più ironica in Il testimone Più Pazzo del Mondo uscito lo stesso anno di Quei bravi ragazzi e scritto da Nora Ephron, che è la moglie di Nicholas Pileggi.
  • Il nome di Tommy DeVito è un cenno ovvio a Tommy DeVito, il chitarrista dei Four Seasons di cui Joe Pesci è amico.
  • Dopo la morte del vero Henry Hill avvenuta il 12 giugno 2012 Ray Liotta ha sostenuto che aveva avuto solo un paio di incontri con Hill e di non aver mai avuto modo di conoscerlo bene.
  • Secondo Martin Scorsese, Marlon Brando ha cercato di convincerlo a non fare il film.
  • A Robert De Niro sono stati offerti sia il ruolo di Jimmy “The Gent” Conway che quello di Tommy DeVito. Ha scelto il primo.
  • Barry Sonnenfeld è stato assunto come direttore della fotografia per gli ultimi giorni di riprese poiché Michael Ballhaus ha dovuto lasciare per girare Cartoline dall’inferno (1990).
  • John Malkovich è stato considerato per il ruolo di Jimmy Conway, ma l’attore interpellato rifiutò.
  • Mentre dirigeva la madre Catherine Scorsese, il regista Martin Scorsese non le disse che il figlio del suo personaggio, Tommy DeVito, aveva appena ucciso qualcuno e che il corpo era nel bagagliaio della sua auto. Lui le disse solo che suo figlio era a casa per la cena e che doveva cucinare per lui e i suoi amici.
  • Nel film Henry e Tommy sono visti insieme molte volte. Nella vita reale il migliore amico di Henry nei suoi anni giovanili era Paulie Jr, figlio del capo mafia Paulie Vario [rinominato Paulie Cicero nel film].
  • Jimmy Conway è basato sul gangster Jimmy Burke, nato James Conway.
  • Alec Baldwin ha sostenuto un provino per il ruolo di Henry Hill.
  • Frank Vincent in origine voleva il ruolo di Paulie Cicero, che è andato poi a Paul Sorvino.
  • Originariamente Scorsese prevedeva di fare questo film prima di L’ultima tentazione di Cristo (1988). Quando i finanziamenti per il film religioso finalmente arrivarono decise di rinviare il film che all’epoca aveva il titolo provvisorio “Wiseguys”.
  • L’American Film Institute ha classificato Quei bravi ragazzi come il 92° più grande film di tutti i tempi.
  • Henry Hill dopo aver ottenuto l’immunità è stato condannato per un altro crimine e alla fine ha passato 14 anni in prigione.
  • Basato sul libro “Wiseguy” di Nicholas Pileggi al fim è stato cambiato titolo per evitare confusione con la serie tv Oltre la legge – L’informatore (1987) che in originale si intitolava proprio “Wiseguy”.
  • Il film nel 2000 è stato selezionato per la preservazione nel National Film Registry della Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti per essere “culturalmente, storicamente ed esteticamente significativo”.
  • Nel libro “Wiseguy”, Henry Hill cita alcuni motivi per cui Tommy è stato ucciso; la ragione principale, naturalmente, è stato perché ha ucciso Billy Batts e un ragazzo di nome Foxy. Un altro motivo agghiacciante è probabilmente perché una volta ha dichiarato che al capo mafia Paulie non piaceva avere intorno Tommy.
  • Henry Hill è stato pagato circa 550.000$ per Quei bravi ragazzi (non compresi guadagni supplementari derivanti dalla fama avuta dalla popolarità enorme e costante del film). Ma secondo Hill erano spiccioli rispetto ai soldi che faceva nei suoi giorni da gangster, che variavano da 15.000$ a 40.000$ a settimana. Tuttavia le ingenti somme dei suoi giorni di gloria non lo hanno lasciato come un uomo ricco dato che tutto il patrimonio è stato sperperato per fare la bella vita e per un problema di gioco d’azzardo “degenerato”.
  • Le due vere figlie di Lorraine Bracco interpretano  la parte di Judy Hill in età diverse. Margaux Guerard interpreta Judy a 10 anni e Stella Keitel interpreta la parte di Judy a 5 anni.
  • Quei bravi ragazzi è stato accolto con recensioni molto positive e ha ottenuto alcuni importanti nomination, ma ci sono voluti un paio di anni prima che raggiungesse lo status di “classico”. Tuttavia Roger Ebert è stato uno dei primi a eleggere Quei bravi ragazzi il più grande gangster-movie di tutti i tempi scrivendo: “Non c’è stato film più bello mai realizzato sulla criminalità organizzata, nemmeno Il Padrino”.
  • Nonostante la sua reputazione di film violento, il numero di morti sulle schermo ritratte in Quei bravi ragazzi in realtà sono soltanto cinque e sorprendentemente addomesticate (Spider, Billy Batts, Stacks Edwards, Morrie e Tommy) o 10 se si includono i risultati della “pulizia” fatta da Jimmy Conway a seguito della rapina alla Lufthansa. Naturalmente vale la pena ricordare che la violenza e la minaccia di violenza è una presenza costante per tutto il film. Eppure a fronte di un bodycount di 214 vittime nell’action Bullet in the Head di John Woo uscito nello stesso anno o i 255 caduti in Salvate il soldato Ryan o anche i 24 di The Departed, alla fine Quei bravi ragazzi non risulta così efferato.

 

La colonna sonora

quei-bravi-ragazzi-compie-25-anni-e-torna-al-cinema-12.jpg
  • Scorsese ha scelto le canzoni per la colonna sonora utilizzando solo quelle che commentavano la scena o i personaggi “in modo indiretto”.
  • L’unica regola rispettata con la colonna sonora era quella di utilizzare solo musica che avrebbe potuto essere ascoltata in quel dato momento. Ad esempio se una scena aveva luogo nel 1973, si sarebbe potuta usare qualsiasi canzone che era di quell’anno o precedente. Scorsese ha fatto suonare alcuni dei brani sul set durante le riprese, ad esempio “Layla” (1970) suonava sul set durante le riprese della scena in cui i cadaveri vengono scoperti in auto, nel cassonetto e sul camion della carne.
  • A volte i testi delle canzoni selezionate erano inseriti tra le righe dei dialoghi per commentare l’azione.
  • Parte della musica del film Scorsese l’aveva scritta nella sceneggiatura, mentre altre canzoni le ha scoperte durante la fase di montaggio.
  • La colonna sonora originale non ha incluso molte delle canzoni presenti nel film, la maggior parte delle quali sono brani riprodotti durante la scena dove Henry si aggira per la città cercando di portare a termine il suo affare di droga. Le canzoni suonate durante la scena sono nell’ordine: “Jump Into the Fire” di Harry Nilsson, “Memo From Turner” di Mick Jagger, “Magic Bus” degli Who (from the Live at Leeds album), “Monkey Man” dei Rolling Stones, “Mannish Boy”di Muddy Waters, “What is Life” di George Harrison, “Mannish Boy” e “Toad” dei Cream.

 

quei-bravi-ragazzi-compie-25-anni-e-torna-al-cinema-41.jpgTRACK LISTINGS

1. Rags To Riches – Tony Bennett
2. Sincerely – The Moonglows
3. Speedo – The Cadillacs
4. Stardust – Billy Ward & His Dominoes
5. Look In My Eyes – The Chantels
6. Life Is But A Dream – The Harptones
7. Remember [Walkin’ In The Sand] – The Shangrilas
8. Baby I Love You – Aretha Franklin
9. Beyond The Sea – Bobby Darin
10. Sunshine Of Your Love – Cream
11. Mannish Boy – Muddy Waters
12. Layla (Piano Exit) – Derek And The Dominoes

 

Rags To Riches – Tony Bennett:

Life Is But A Dream – The Harptones:

Beyond The Sea – Bobby Darin:

Sunshine Of Your Love – Cream:

Mannish Boy – Muddy Waters:

Layla (Piano Exit) – Derek And The Dominoes:

 

Fonte: IMDb