Torino Film Festival 2015, il programma completo – arrivano Brooklyn, Refn, High-Rise e The Dressmaker

4 gli italiani in corsa per il 33esimo Torino Film Festival

10 giorni ancora e prenderà vita la 33esima edizione del Torino Film Festival, quest’oggi sugli scudi grazie alla presentazione del programma ufficiale. Oltre 4000 i titoli visionati, per una selezione finale che ha coinvolto 158 lungometraggi, 15 medi, 32 corti, 50 anteprime mondiali, 20 internazionali, 8 europee e 71 italiane. Un lavoro niente male per il direttore Emanuela Martini. Film d’apertura Suffragette di Sarah Gavron, interpretato da Carey Mulligan, Helena Bonham-Carter e Meryl Streep, con 4 italiani in corsa per il premio più ambito, legato ad un Concorso da sempre centrato sulle opere prime, seconde e terze. Ovvero Colpa di Comunismo di Elisabetta Sgarbi, Mia madre fa l’attrice di Mario Balsamo, I racconti dell’orso dell’esordiente Samuele Sestieri e Lo scambio di Silvia Cuccia.

Tra i titoli presenti nella sezione Festa Mobile, invece, “La felicità è un sistema complesso” di Gianni Zanasi, con Valerio Mastandrea e Giuseppe Battiston, “Borsalino City” di Enrica Viola, l’acclamato “Brooklyn” di John Crowley con Saoirse Ronan e Nick Hornby allo script, “The Dressmaker” di Jocelyn Moorhouse, record d’incassi in Australia con 12 nominations agli AACTA Awards, “High-Rise” di Ben Wheatley con Tom Hiddleston, “The Lady in the Van” di Nicholas Hytner con Maggie Smith, “Me and Earl and the Dying Girl” di Alfonso Gomez-Rejon, “Sunset Song” di Terence Davies, il già nominato “Suffragette”, “Nasty Baby” di Sebastián Silva, “Tangerine” di Sean Baker, “The Assassin” di Hou Hsiao-Hsien e “The Filth and the Fury” di Julien Temple. Premio Cipputi alla carriera per Francesca Comencini, con il Gran Premio Torino dedicato al regista Terence Davies e Chiara Francini madrina della kermesse.

Ospite d’eccezione Nicolas Winding Refn, che presenterà “Terrore nello spazio” di Mario Bava. Omaggio a Sion Sono nella sezione After Hours con tre suoi film, “Love and Peace“, “Tag” e “Shinjuku Swan“.

Concorso Torino 33:

God Bless the Child di Robert Machoian e Rodrigo Ojeda Beck
Idealisten The Idealist di Christina Rosendahal
La Patota Paulina di Santiago Mitre
Lo scambio di Salvo Cuccia
Sopladora de Hojas di Alejandro Iglesias
Coma di Sara Fattahi
Coup De Chaud di Raphael Jacoulot
Les Loups di Sophie Deraspe
I racconti dell’orso di Samuele Sestieri
A Simple Goodbye di Degena Yun
John From di Joao Nicolau
Colpa di comunismo di Elisabetta Sgarbi
The Waiting Room di Igor Drlijaca
Keeper di Guillaume Senez

Ultime notizie su Torino Film Festival

Tutto su Torino Film Festival →