• Film

Efa 2015, i vincitori: Youth di Paolo Sorrentino trionfa agli Oscar europei

Tripletta agli Oscar del cinema europeo per Youth di Paolo Sorrentino.

Due anni dopo La Grande Bellezza, vincitore nel 2013 e poi in trionfo agli Oscar, Paolo Sorrentino ha fatto il bis agli European Film Awards 2015, Oscar del cinema europeo assegnati ieri sera a Berlino. Youth, tornato da Cannes incredibilmente a mani vuote, è stato infatti eletto ‘film europeo dell’anno’, battendo titoli assai ostici come The Lobster di Yorgos Lanthimos, Mustang di Deniz Gamze Ergüven, Un piccione seduto su un ramo riflette sull’esistenza di Roy Andersson, Rams – Storia di due fratelli e otto pecore di Grímur Hákonarson e Victoria di Sebastian Schipper.

Come già avvenuto due anni fa Sorrentino ha vinto anche il premio per la miglior regia, con Michael Caine eletto miglior attore dell’anno. Per il divo britannico anche l’Honorary Award of the EFA President and Board. “Non ho vinto nessun premio europeo in cinquant’anni e ora ne ho presi due. Cosa succede?“, ha commentato divertito Caine, affiancato in questa speciale doppietta dalla superba Charlotte Rampling di 45 anni, omaggiata con l’EFA Lifetime Achievement Award ed eletta miglior attrice dell’anno.

[quote layout=”big”]’Grazie all’Academy, questo è un piccolo film sulla percezione della libertà che abbiamo e sono felice di questo premio perché la cosa più importante in Europa è questa, è la percezione della libertà che noi dobbiamo avere’.[/quote]

Così Sorrentino ha commentato il triplo successo, in arrivo pochi giorni dopo le 3 nomination ai Golden Globes 2016. Il resto della serata ha visto Asif Kapadia vincere l’Efa per il miglior documentario con Amy, con Yorgos Lanthimos & Efthymis Filippou premiati grazie allo script di The Lobster, film premiato anche per i costumi. Dio Esiste e Vive A Bruxelles si è portato a casa l’Efa per le scenografie, con Mustang, candidaro francese agli Oscar, eletto ‘film rivelazione’ dell’anno. Miglior cartoon Song of The Sea di Tomm Moore.

Grazie al successo di Sorrentino l’Italia ha staccato la Francia nella classifica dei trionfi EFA. 6 le vittorie. Una in più dei cugini e una in meno dei tedeschi, ieri padroni di casa. Il primo italiano a vincere, nel 1990, Gianni Amelio con Porte Aperte, riuscito poi a bissare nel 1992 con Il ladro di bambini e a fare tris nel 1994 con Lamerica. Nel 1998 il successo di Roberto Benigni con La vita è bella, seguito da Gomorra di Garrone nel 2008 e dai due Sorrentino nel corso degli ultimi 24 mesi.

[accordion content=”vincitori” title=”European Film Awards 2015″]

FILM EUROPEO
Youth, Paolo Sorrentino

COMMEDIA EUROPEA
Un piccione seduto su un ramo riflette sull’esistenza, Roy Andersson

DOCUMENTARIO EUROPEO
Amy, Asif Kapadia

REGISTA EUROPEO
Paolo Sorrentino, Youth

ATTRICE EUROPEA
Charlotte Rampling, 45 Anni

ATTORE EUROPEO
Michael Caine, Youth

SCENEGGIATORE EUROPEO
Yorgos Lanthimos & Efthymis Filippou, The Lobster

DIRETTORE DELLA FOTOGRAFIA EUROPEO
Martin Gschlacht, Goodnight Mommy

MONTATORE EUROPEO
Jacek Droslo, Body

SCENOGRAFO EUROPEO
Sylvie Olivé, Dio Esiste e Vive A Bruxelles

COSTUMISTA EUROPEO
Sarah Blenkinshop, The Lobster

COMPOSITORE EUROPEO

Cat’s Eyes, The Duke of Burgundy

SOUND DESIGNER EUROPEO

Vasco Pimentel e Miguel Martins, Le Mille e Una Notte Vol. I-III

RIVELAZIONE EUROPEA – PREMIO FIPRESCI
Mustang, Deniz Gamze Ergüven

FILM D’ANIMAZIONE EUROPEO
Song of The Sea, Tomm Moore

CORTOMETRAGGIO EUROPEO
Picnic (Croazia), di Jure Pavlovic

PEOPLE CHOICE’S AWARD 2015

Marshland, Alberto Rodríguez

I Video di Cineblog