Oscar 2016, Spike Lee grida al boicottaggio - nessun nero tra gli attori candidati

Due mesi dopo aver ritirato l'Oscar alla carriera Spike Lee attacca l'Academy. E grida al boicottaggio.

Il 14 novembre scorso Spike Lee ha ricevuto il premio Oscar alla carriera 'per lo straordinario contributo che ha dato al mondo dello spettacolo durante la sua carriera'. Ebbene poco più di due mesi dopo lo stesso regista, via social, ha dichiarato guerra all'Academy a causa dell'assenza di attori di colore tra i candidati del 2016. #OscarsSoWhite l'hastag lanciato dal regista newyorkese, che ha così gridato al boicottaggio della cerimonia, annunciando di non voler prendere parte all'evento.

"Come e' possibile che per il secondo anno consecutivo tutti i candidati sotto la categoria attore/attrice siano bianchi? E non entriamo neanche negli altri settori. 40 attori/attrici bianchi in due anni e nessuna diversità'. Per caso non siamo in grado di recitare? Che cavolo". "Mia moglie, la signora Tonya Lewis Lee e io non saremo presenti alla cerimonia di consegna degli Oscar. Per troppi anni, ogni volta che le nomination agli Oscar vengono annunciate, i media mi telefonano per chiedermi che cosa penso della mancanza di candidati afroamericani. Stavolta, però, vorrei chiedere ai media di domandare a tutti i nominati e ai capi degli studio che cosa pensino loro di questi candidati totalmente bianchi. Arriva il momento in cui si deve prendere una decisione che non è né sicura, né politica, né popolare, ma la si deve prendere perché è la coscienza che gli dice che è giusto".

Spike Lee riconsegnerà quindi l'Oscar alla carriera già ritirato il 14 novembre scorso? Domanda da un milione di dollari. Al fianco del regista si è subito schierata Jada Pinkett Smith, moglie di quel Will Smith a sorpresa 'rimbalzato' dall'Academy per il drama sportivo Concussion.

"Agli Oscar le persone di colore sono sempre benvenute, se devono consegnare premi o presentare e intrattenere il pubblico. Ma difficilmente riceviamo riconoscimenti per il nostro talento. Forse le persone di colore dovrebbero rinunciare agli Oscar tutte insieme? La gente ci tratta nel modo in cui noi glielo permettiamo".

Parole di fuoco quelle dell'attrice, con Chris Rock, comico nonché conduttore della prossima edizione, che ha rincarato la dose definendo gli Oscar la versione bianca dei Bet Awards, premi ideati dalla Black Entertainment Television da sempre assegnati a personaggi di colore. Tra i tanti esclusi 'eccellenti' che hanno fatto rumore spazio anche a Michael B. Jordan (Creed), Idris Elba (Beasts of No Nation) e Samuel L. Jackson (The Hateful Eight), per non parlare di quel Straight Outta Compton candidato solo per la miglior sceneggiatura.

Fonte: Collider

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail