Beetlejuice 2: Michael Keaton ha seri dubbi che il film si farà

Michael Keaton non crede che vedremo mai un "Beetlejuice 2", ma l'attore è ancora entusiasta all'idea di farlo.

beetlejuice-2-michael-keaton-ha-seri-dubbi-che-il-film-si-fara.jpg

Alla stregua de I Goonies, anche Beetlejuice è uno di quei rari film anni '80 che non ha mai avuto un sequel, anche se la possibilità è stata ventilata per anni e come I Goonies tutti quelli coinvolti con l'originale hanno sostenuto che un sequel si farà...prima o poi. Nel caso di Beetlejuice 2, le cose sembrano essersi complicate rispetto a ciò che abbiamo sentito nella prima parte dell'anno. Sebbene Michael Keaton abbia  "confermato" la sua intenzione di tornare nel ruolo interpretato nell'originale, l'attore afferma anche di non aver mai saputo che questo tanto atteso sequel fosse in sviluppo e inoltre dubita fortemente che un sequel riesca ad approdare sul grande schermo.

Secondo Keaton però, se Beetlejuice 2 non dovesse accadere, non sarebbe di certo per mancanza di volontà o di tentativi dato che l'attore è stato uno dei primi sostenitori del sequel e ha sempre accolto con favore l'idea. Nel corso dell'ultimo anno l'idea che Beetlejuice 2 stesse realmente prendendo forma era stata supportata dalle parole di conferma di Tim Burton e da quelle di Winona Ryder che ha sostenuto che sarebbe tornata nei panni di Lydia. A loro si è aggiunto anche lo sceneggiatore Seth Grahame-Smith che ha ammesso in gennaio che stava lavorando allo script del sequel.

Seth Grahame-Smith all'epoca affermò di essere in contatto con Michael Keaton, ma ascoltando le parole dell'attore in una recente intervista le affermazioni dello sceneggiatore non sembrano trovare riscontro. Keaton vuole che il film si realizzi, ma teme che il momento giusto sia ormai passato e che ora si possa parlare di un'occasione mancata. Keaton parlando al sito Your Daily Dish nonostante sia apparso per nulla ottimista sul futuro del sequel resta entusiasta dell'idea che un Beetlejuice 2 possa un giorno approdare sul grande schermo.

Ho amato fottutamente fare quel film. Non ho mai fatto nessun'altra cosa a cui si potrebbe indicare come "Non c'è mai stato nulla di simile". Così ho sempre detto, amico facciamolo di nuovo. Chiunque fosse in carica ha avuto l'opportunità di farlo per molti, molti anni. Avrebbero dovuto farlo subito senza aspettare tanto. Ma non l'hanno fatto e con questo io e Tim non abbiamo nulla a che fare.

Keaton prosegue sostenendo che il suo pessimismo sulla fattibilità di un Beetlejuice 2 ha il pregio di mantere l'idea viva nella mente dei fan. L'attore pensa anche che ci sia il rischio di incorrere in un'operazione fuori tempo massimo e che un sequel doveva essere realizzato non oltre i vent'anni dall'uscita dell'originale che nel 2018 festeggerà il suo 30° anniversario.

Posso andare indietro di 20 anni, forse di più, e forse ero io quello che ha detto persino: "Se c'è una cosa che mi piacerebbe rifare è Beetlejuice". Parliamo di 20 anni fa e nessuno allora mi prestò attenzione, ma ora tutto ad un tratto la gente mi dice: "Ho sentito che lo stai facendo", e io li guardo come per dire "Non ho idea di cosa stai parlando". Aspetta un attimo, sono impazzito? Perché la gente sta ancora parlando di questo?

Ritroveremo Michael Keaton nei cinema italiani il 12 gennaio 2017 in The Founder nel ruolo di Ray Kroc, l'imprenditore di fast food che ha contribuito a trasformare McDonald's in una delle più grandi catene di ristoranti del mondo, e ancora il 6 luglio 2017 nel reboot Spider-Man: Homecoming in cui l'attore vestirà i panni del supercattivo "Avvoltoio".

 

Fonte: Movieweb

 

  • shares
  • Mail