Quentin Tarantino dice la sua su Harvey Weinstein: ‘sono sconvolto, è un mio amico da 25 anni’

Harvey Weinstein, ora parla Quentin Tarantino.

Ci sono voluti giorni, prima che Quentin Tarantino dicesse la sua sullo scandalo Harvey Weinstein, che da una settimana circa sta letteralmente terremotando Hollywood. Questo perché il potentissimo produttore premio Oscar, travolto dalle accuse di molestie taciute per 30 anni, ha prodotto tutti i film del regista da Pulp Fiction in poi.

Un legame indistruttibile, che sarebbe dovuto proseguire anche con l’annunciato film su Charles Manson, a questo punto tornato in bilico. Tramite Amber Tamblyn, via Twitter, Tarantino ha così rotto il silenzio nei confronti della vicenda Weinstein, chiedendo ulteriore tempo per fornire una dichiarazione più approfondita.

[quote layout=”big”] ‘Ho passato la settimana sconvolto e a pezzi per via delle rivelazioni che sono venute alla luce su Harvey Weinstein, mio amico da 25 anni. Ho bisogno di qualche altro giorno per processare il mio dolore, le mie emozioni, la rabbia e i ricordi, e poi ne parlerò pubblicamente’.[/quote]

Persino Oliver Stone, che aveva inizialmente preso le difese di Harvey, ha dovuto ritrattare, chiedendo scusa per quanto detto dopo aver letto tutte le ultime dichiarazioni delle presunte vittime, le decine di accuse, i racconti delle tante, troppe attrici coinvolte.