Quentin Tarantino, la Sony si è aggiudicata il suo atteso nuovo film

#9, è tutto pronto per il nono film di Quentin Tarantino.

Uno dei film più attesi dei prossimi anni, fino a due mesi fa saldamente tra le mani di Harvey Weinstein, ha finalmente trovato uno studios. Abbandonato al suo destino quel produttore con cui aveva realizzato tutti i suoi film, perché ormai travolto dallo scandalo molestie, Quentin Tarantino avrebbe trovato la major con cui realizzare la sua nona pellicola, ambientata nel 1969.

La Sony Pictures guidata da Tom Rothman. Un’asta che ha visto i principali studios contendersi l’agognato film, che verrà quindi prodotto e distributito dalla Sony. #9 il titolo provvisorio, con un prezzo d’acquisto sui diritti worldwide di distribuzione rimasto sconosciuto. Tarantino, rumor alla mano, aveva chiesto un budget da oltre 100 milioni di dollari e un totale controllo sulla pellicola, final cut compreso.

Il film non sarà un biopic su Charles Manson, come inizialmente scritto, ma un’opera d’insieme su quell’indimenticato 1969 che sconvolse il mondo e l’America tutta. Ambientazione a Los Angeles, con potenziale cast stellare. Oltre a Leonardo DiCaprio, Margot Robbie, Brad Pitt, Jennifer Lawrence e Samuel L. Jackson, in lizza ci sarebbe anche Tom Cruise.

David Heyman, Tarantino e Shannon McIntosh produrranno il tutto, con Georgia Kacandes produttore esecutivo. Il regista aveva programmato di girare ancora una volta con The Weinstein Company, per poi guardarsi altrove dopo l’esplosione dello scandalo Harvey Weinstein. I Weinstein, prima con la Miramax e a seguire con la Weinstein Company, hanno collaborato a tutti i precedenti film di Tarantino. Visti gli alti costi produttivi, secondo una fonte dell’HollywoodReporter, #9 dovrà incassare almeno 375 milioni di dollari in tutto il mondo per pareggiare il budget. Ad oggi solo Django è riuscito nell’impresa, arrivando ai 425 milioni worldwide. Uscita in sala nel 2019.

I Video di Cineblog