Ready Player One: guida a ester egg, cameo e citazioni del film di Steven Spielberg

Scopri con Blogo cameo, easter egg e citazioni del film “Ready Player One” di Steven Spielberg.

In Ready Player One di Steven Spielberg ci sono centinaia di citazioni, cameo ed ester egg che terrano impegnati i fan per mesi, ma per i più curiosi e impazienti abbiamo preparato questa guida ai principali easter egg del film, inclusi quelli più fugaci e sottili che magari non si è riusciti a cogliere ad una prima visione.

Dai cameo più “vistosi” come quelli del Gigante di Ferro, Gundam e Freddy Krueger ai moltissimi riferimenti ai videogiochi, fino alle più sottili citazioni da classici come il Superman del 1978 e la saga di Star Wars. Ready Player One è un vero e proprio sogno nerd / geek che si avvera, e segna il ritorno di Steven Spielberg ad un cinema e un immaginario anni ’80 che lo ha lanciato e che ha contribuito egli stesso a forgiare.

 

ATTENZIONE!!! A seguire trovate SPOILER sul film Ready Player One

 

Cameo principali: He-Man, Astro Boy, Beetlejuice, Duke Nukem, Chucky la bambola assassina, Jason Vorhees, Freddy Krueger, le nuove Tartarughe Ninja, il robot Gundam di Daito, Ryu, Chun-Li, Blanka e Sagat di Street Fighter, il Goro di Mortal Kombat, Batman, l’iconico Joker, Harley Quinn, Catwoman, Flash, Deadshot e Deathstroke dei fumetti DC, Shepard del videogioco Mass Effect 3, Proxima Midnight di Marvel, Spawn, Lara Croft di Tomb Raider, El Dragón e Attikus del videogioco Battleborn, Tracer del videogioco Overwatch, le rane del videogioco Battletoads, il cavaliere del videogioco Joust, il KIng Kong di Peter Jackson, il T-rex di Jurassic Park, Alex Murphy alias Robocop.

Cameo automobili: DeLorean DMC-12 (Ritorno al futuro), Ford Falcon XB GT Coupe 1973 / V8 Interceptor (Mad Max), Ford Lincoln Futura 1954 / Batmobile (serie tv Batman), Plymouth Fury 1958 (Christine – La macchina infernale), furgone GMC Vandura (A-Team), Pontiac Firebird Trans Am (Il Bandito e la Madama), Ferrari GT California (Una pazza giornata di vacanza), Mach 5 (anime Speed Racer), vettura di Formula 1 rossa (dal videogioco arcade Namco “Pole Position” del 1983) e l’iconico monster truck Bigfoot.

ready-player-one-guida-a-ester-egg-cameo-e-citazioni-del-film-di-steven-spielberg.jpg

1. L’easter Egg nel Logo – Nemmeno il logo del film può esimersi dall’includere un easter egg. Creato dal grafico Emily Oberman, tutte le lettere del logo sono collegate per diventare un labirinto funzionante che ha un easter egg nascosto nel mezzo della “O” di “One”.

1. La canzone “You Make My Dreams” sui titoli di coda – Il brano di Daryl Hall & John Oates è la canzone che l’autore originale di Ready Player One, Ernest Cline, e sua moglie hanno utilizzato come accompagnamento nella cerimonia del loro matrimonio. Una volta che Steven Spielberg l’ha scoperta ha deciso di usarla per chiudere il film.

2. I distintivi sulla giacca di Helen / Aech – Ci sono cenni ai Thundercats e riferimenti ai fuemetti DC di Wonder Woman e Supergirl.

3. Gli “easter egg” di Mortal Kombat – I draghi tra i quali viene mostrato l’uovo luminoso sono ispirati al logo del videogioco Mortal Kombat, inoltre una statua di Raiden è visibile a destra dell’uovo e ci sono altri personaggi del gioco nelle nicchie sullo sfondo.

4. La spada di Parzival – Il nome dell’alter ego di Wade Watts, Parzival, è ispirato al cavaliere Parsifal, alla leggenda della sua spada e del Santo Graal. La spada della leggenda si può vedere ricamata sul retro del gilet jeans di Parzival.

5. Cameo di Batgirl – La supereroina DC appare in un cameo tra i più difficili da individuare. Il cameo arriva nella sequenza di battaglia finale, dopo che Parzival si è fatto strada fino alla sfida finale, e dopo che Sorrento ha innescato il “Cataclyst” per spazzare via ogni giocatore nell’OASIS. L’inconfondibile maschera, il mantello e i capelli fluenti di Batgirl sono posti in primo piano a metà di un ignaro Sixer.

6. Parzival utilizza l’attacco “Hadouken” di Street Fighter – Nello scontro finale tra Parzival e Sorrento, Parzival convoca una palla di fuoco con un grido e la fa esplodere su Sorrento. Un attacco ben noto ai fan del videogioco Street Fighter come un “Hadouken”, lo stesso della parola pronunciata al momento del lancio.

7. Il blaster di Battlestar Galactica – Nelle fasi finali della battaglia, il blaster impugnato da Parzival, visto solo in una manciata di fugaci inquadrature e usato per uccidere Art3mis e costringere Samantha a tornare al sicuro nel mondo reale, e uno “Standard Colonial Blaster” in dotazione a tutti i soldati della serie originale Battlestar Galactica.

8. Il Lancer di Gears of Wars – Non è solo Dizzy Wallin del videogioco Gears of War a fare capolino in Ready Player One, ma nei nei minuti finali della battaglia finale, quando Art3mis sta ancora combattendo le forze dell’IOI sui gradini del castello di Anorak estrae il “Lancer”, arma del famoso videogioco, ma invece della motosega, l’arma è munita di un classico lanciagranate.

ready-player-one-guida-a-ester-egg-cameo-e-citazioni-del-film-di-steven-spielberg-3.jpg

9. Il Glaive del film Krull – un altro cameo di armi famose arriva dall’ampio arsenale di I-R0k. Mentre fa saltare le dita del Gigante di Ferro con il fuoco di un fucile, Daito sta cercando di trovare un’altra sua arma segreta e sfogliando il suo inventario trova il “Glaive” del film Krull, l’antica, mistica e molto affilata arma a cinque punte brandita dall’eroe del fantasy del 1983. L’easter egg è confermato dalla dicitura “Krull Glaive” che appare quando Daito la seleziona per la prima volta.

10. Cameo dei Gremlins – Uno dei pochi riferimenti alle produzioni di Spielberg si presenta sotto forma dei Gremlins, le infernali creature dell’omonimo film. Nella scena della scatola contenente il Globo di Osuvox, il cameo di un Gremlin a schermo intero appare in basso vicino a Spawn, e anche durante la fuga di Art3mis dal castello per rintracciare Parzival si può vedere un gruppo di Gremlins.

11. Gli eroi DC del videogioco “Injustice” collaborano con Joker – Una volta che Art3mis è riuscita a far calare la sfera magica di energia protettiva attorno al castello di Anorak, il vero combattimento ha inizio. Mentre risuonano le note di “We’re Not Gonna Take It” dei Twisted Sister e un orda di eroi si riversa in battaglia, potrebbe essere difficile vedere il Joker (notato in precedenza ballare con Harley) collaborare con altri eroi di DC Comics nella carica di fanteria. Joker è sulla destra dello schermo, ma i veri cameo per i fan DC sono a sinistra. Batgirl fa la sua prima fugace apparizione, ma dietro di lei su entrambi i lati ci sono altri due eroi del videogioco Injustice: Aquaman, la cui armatura per le spalle è visibile all’estrema sinistra dello schermo e Flash, nel suo costume versione Injustice (che potrebbe anche essere scambiato per una versione di quelli visti nella serie tv “The Flash”).

12. Master Chief & Arbiter in battaglia – Dopo che è stata mostrata la prima ondata di eroi visti nei trailer, l’azione si sposta su un nuovo gruppo di soldati. All’inizio gli spettatori vedono un settore di avatar con le armature Mjolnir indossate da Master Chief e gli Spartan nella serie di videogiochi Halo. Quell’inquadratura arriva più avanti nella battaglia, quando uno squadrone di Spartan viene mostrato correre con armi sollevate e sparando, e la scena rivela gli stessi giocatori nel mondo reale, una squadra di amici online che giocano effettivamente uno accanto all’altro. Nella prima inquadratura invece lo schermo rivela anche altri personaggi di Halo, c’è un avatar che appare come l’Arbiter di Halo 2 e un Grunt che corre con l’arma sollevata.

13. Cassie Cage di Mortal Kombat – C’è un altro cameo nascosto nella prima linea di soldati alla carica. Sulla destra di Lara Croft i fan di Mortal Kombat potranno riconoscere la figlia di due dei più grandi eroi dell’iconica serie picchiaduro. Il personaggio è il sergente Cassandra Carlton Cage delle forze speciali di Earthrealm aka la Terra. È nota ai fan del gioco come Cassie, la figlia di Johnny Cage e Sonya Blade e personaggio introdotto in Mortal Kombat X.

14. Cameo di Ambra di Battleborn – Oltre a El Dragón del videogioco Battleborn nella scena della battaglia appare anche Ambra. Il personaggio, famoso per i suoi incantesimi magici, lo si può intravedere al fianco dell’urlante Chun-Li di Street Fighter.

15. Cameo di Bloodrayne – Nella scena della carica di eroi, oltre ad una seconda apparizione di Lara Croft alla sinistra dei combattenti centrali, che urla un grido di guerra mentre alza la pistola, e forse anche un Na’avi dell’universo di Avatar dietro di lei (difficile da confermare), si può intravedere una “rossa” con un top nero e una profonda scollatura, si tratta di Rayne, l’eroina dei videogiochi di BloodRayne. la dhampir, metà umana e metà vampiro, è apparsa anche in una serie di film che i fan vorrebbero dimenticare.

16. Cameo della Shepard al femminile di Mass Effect 3 – In Ready Player One non appare solo il comandante Shepard del videogioco Mass Effect, ma anche la sua versione al femminile nota come ‘FemShep’. La si può scorgere alle spalle di Tracer e Chun Li, i suoi capelli rosso fuoco sono un po’ meno accesi del solito rispetto a Mass Effect 3, ma la stessa striscia rossa e bianca lungo il braccio della sua armatura la rende riconoscibile.

17. Il cameo di Optimus Prime – I fan dei Transformers potrebbero avere difficoltà ad individuare la più recente versione di Optimus Prime, l’iconico Autobot appare nella carica di fanteria di Ready Player One tra le rane Battletoads e il cavaliere del videogioco arcade Joust, si vedono chiaramente solo le spalle e la testa del leader degli Autobot, dipinti con il loro classico schema di colori blu e rosso.

18. Le Miniere d’oro di Gygax – Durante il suo discorso agli utenti di Oasis, Parzival menziona diversi luoghi che sono familiari ai fan di Halliday, uno di questi luoghi sono le Miniere d’oro di Gygax. Si tratta di un cenno a Gary Gygax scomparso nel 2008, il creatore con Dave Arneson dell’originale gioco da tavolo Dungeons & Dragons.

ready-player-one-guida-a-ester-egg-cameo-e-citazioni-del-film-di-steven-spielberg-5.jpg

19. L’easter egg dell’album “The Dark Side of The Moon” dei Pink Floid – Ready Player One include una manciata di riferimenti musicali e uno di questi è un “easter egg” fornito da Nolan Sorrento. Quando I-R0k origlia Parzival che rivela il suo vero nome come “Wade”, è solo una questione di tempo prima che il campo si restringa e si arrivi alla sua vera identità. Passando le informazioni a Sorrento, il capo dello IOI invia a Wade un messaggio in cui chiede un incontro. Per farlo, tutto ciò che deve fare è indossare i suoi occhiali e “toccare il prisma” che si libra davanti ai suoi occhi. Quando Wade tocca il prisma, quest’ultimo rifrange la luce in un arcobaleno e completa l’allusione alla copertina di “The Dark Side of The Moon” dei Pink Floyd.

20. Pistole di Halo, Giudice Dredd e Lazer Tag – in Ready Player One i personaggi impugnano diversi tipi di armi tra questi Art3mis utilizza il fucile ad impulsi M41A del film Aliens, porta con sé una Magnum Pistol dal videogioco Halo: Combat Evolved,  impugna due pistole che somigliano al “Legislatore” di Giudice Dredd, pistola d’ordinanza dei Giudici di Mega-City One e in un nostalgico easter egg per i ragazzini degli anni ’80, c’è anche la pistola “Starlyte” dalla linea di giocattoli Lazer Tag del 1986, linea di giocattoli che ha ispirato la serie animata per bambini “Lazer Tag Academy”.

21. Cameo di Conan il Barbaro? – L’affollata discoteca a gravità zero “Distracted Globe” include una miriade di potenziali e sfuggevoli cameo che non possono essere confermati, ma considerando i ruoli cinematografici di Arnold Schwarzenegger come un punto di riferimento degli anni ’80, un potenziale cameo di Conan il Barbaro potrebbe essere stato individuato. Quando Parzival entra nel club dopo Deathstroke, la figura più grande nella sala, che si trova di fronte a lui sulla sinistra, si presenta a torso nudo e con una schiena muscolosa, lunghi capelli castani, l’accenno di quella che sembra una fascia borchiata intorno alla testa e piccoli shorts di pelle sulla vita. A conferma di ciò Conan il barbaro è incluso nella lista delle icone di film fantasy a cui gli utenti di Oasis danno vita.

22. L’easter egg dell’ED-209 di Robocop – Insieme ad alcuni altri veicoli e astronavi nella rimessa di Aech si intravede anche un piccolo mech bipede. Per i fan di Robocop quel mech sarà immediatamente riconoscibile come l’ED-209 (Enforcement Droid Series 209).

23. La collezione di astronavi di Aech – Nella rimessa di Aech che può contenere astronavi e veicoli di ogni dimensione, grazie alla magia del mondo virtuale di OASIS, appaiono il camper spaziale “Eagle 5” pilotato dal Stella Solitaria di Bill Pullman in Balle Spaziali; l’astronave “Galactica” di classe Battlestar della serie tv Battlestar Galactica; l’astronave Thunderfighter della serie tv Buck Rogers (1979-1981); la navicella “EVA” di 2001: Odissea nello spazio di Stanley Kubrick; la “Swordifish II” dell’anime Cowboy Bebop (accanto alla navicella EVA e nei pressi dell’ED-209 di Robocop); la “USS Sulaco”, una nave da trasporto truppe di classe Conestoga o come dice Parzival: “la Sulaco di Aliens”.

24. Cameo della Serenity di Firefly – Nel film Ready Player One la discosteca “Distracted Globe” è un pianeta a parte, raggiungibile solo a bordo di astronavi e nella sequenza delle astronavi che si stanno dirigendo verso la discoteca, appare l’astronave della serie tv originale di Battlestar Galactica e si scorge la silhoutte della Serenity, l’iconica astronave della serie tv Firefly. La Serenity può essere individuata anche durante l’ultima sequenza di battaglia del film durante il dispiegamento del leggendario Gundam di Daito.

25. Poster di Goldie Wilson da Ritorno al futuro – In Ready Player One c’è un riferimento più sottile a Ritorno al futuro, oltre all’iconica Delorean scelta da Parzival e al nome di “McFly” citato da Art3mis. Mentre Parzival si sta vestendo per il suo appuntamento, ci sono alcuni evidenti richiami alla cultura pop sul muro alle sue spalle. C’è un poster vintage del primo “Mad Max” e gruppi di successo degli anni ’80, ma la vera chicca è piazzata a sinistra di Parzival. non sta pubblicizzando un film, ma un sindaco. La campagna di rielezione del sindaco Goldie Wilson per la città di Hill Valley in California.

26. L’insegna “Cocktails & Dreams” – Diversi riferimenti alla cultura pop si trovano nella rimessa di Aech. Prima che Parzival si prepari per il suo appuntamento si può vedere un’insegna al neon appesa fuori dall’ufficio / alloggio di Aech. L’insegna dice “Cocktails & Dreams” ed è un riferimento al locale nel film Cocktail (1988) che il personaggio di Tom Cruise sogna un giorno di aprire.

27. Il Superman di Christopher Reeve – Parzival non è pronto per affrontare la popolarità e quando in una scena del film una folla di fan lo circonda, viene salvato da Art3mis che gli spiega che la sua ricerca potrebbe dover essere condotta sotto mentite spoglie. Fortunatamente Parzival è munito degli occhiali di Clark Kent in grado di cambiare istantaneamente l’aspetto di Parzival in un giornalista mite e poco appariscente. Ma l’omaggio al Superman di Christopher Reeve non si limita agli occhiali, ma anche il taglio di capelli e l’abito di Parzival sono stati creati per richiamare le fattezze del Clark Kent di Reeve.

ready-player-one-guida-a-ester-egg-cameo-e-citazioni-del-film-di-steven-spielberg-8.jpg

28. Cameo di Arkam Knight – I cameo legati all’universo DC non provengono solo da fumetti, film e serie tv, ma anche dai videogiochi dell’universo di Batman, in particolare quelli ideati dagli sviluppatori di “Batman: Arkham Asylum” di Rocksteady Studios. In Ready Player One fa capolino Arkam Knight, antagonista del terzo gioco Rocksteady di Arkham. Il personaggio sta uscendo dall’edificio dei “Diari di Hallyday” proprio quando Parzival entra dopo aver vinto la prima gara.

29. La supergirl di Injustice – Nei “Diari di Halliday”, un archivio virtuale delle memorie del programmatore, Beetlejuice è ovviamente il personaggio immediatamente riconoscibile, ma il gruppo mostrato include diversi nomi importanti tra cui Lara Croft e Arkham Knight dei videogiochi di Batman. Ma non appena Beetlejuice annuncia la presenza di Parzival, c’è una donna bionda che si alza tavolo più vicino. Mantello, stivali e i guanti rossi e una “S” sul petto rivelano la presenza di Supergirl, ma attenzione perché si tratta della più recente Supergirl, introdotta come parte della serie di videogiochi e fumetti Injustice.

30. L’easter “Granata Sacra” dei Monty Python – Molti spettatori di Ready Player One potrebbero non avere familiarità con la commedia del 1975 Monty Python e il Sacro Graal. La parodia classica dei Monty Python è omaggiata nel film attraverso una delle sue armi più memorabili: la Granata Sacra di Antiochia (conosciuta anche come “la Granata Sacra di Anarchia”). Quest’arma mistica viene citata anche nei videogiochi Worms (dove appare come la Granata Sacra) e Duke Nukem: Time to Kill (nei livelli ambientati nel medioevo). La granata viene acquistata istantaneamente quando Parzival la vede disponibile dopo aver ricevuto il premio in denaro per aver vinto la gara. La granata arriva nell’atto finale e anche se Parzival non conta fino a tre come nel film dei Monty Python, il coro di voci angeliche ritorna per la gioia dei fan.

31. L’easter egg di The Breakfast Club – L’immenso atrio dell’ingresso dell’edificio dei “Diari di Halliday” presenta alcuni tavoli e sedie per consentire ai Gunters di esplorare la vita e i ricordi dell’inventore dell’Oasis. Tavoli, sedie, scale, ringhiere e luci fluorescenti sono stati tutti estratti direttamente dal film The Breakfast Club di John Hughes.

32. Citazione di Lex Luthor dal film Superman (1978) – Quando Parzival ha finalmente la possibilità di passare un po’ di tempo con Art3mis, mentre Aech ricostruisce la sua moto, si affida alla sua conoscenza di Halliday per dimostrare di essere un vero Gunter. Il miglior esempio che può dare? Recitare la citazione del film preferito di Halliday, che Art3mis aiuta a completare: “Alcuni possono leggere ‘Guerra e pace’ e pensare che sia solamente un libro d’avventure; altri leggono gli ingredienti su una cartina di chewing-gum e scoprono i segreti dell’universo”. Una frase del Lex Luthor di Gene Hackam nel Superman del 1978.

33. L’easter egg del Power Loader di Aliens? – Nella rimessa di Aech e nella battaglia finale fa capolino un esoscheletro giallo che sembra proprio il Power Loader di Aliens (quello pilotato da Ripley nella battaglia finale contro la Regina aliena). Abbiamo inserito un punto di domanda poiché per alcuni fan ci sarebbero discrepanze con le dimensioni, che farebbero pensare che quello che appare in Ready Player One sia invece un “PO-024 Field Repair E-Frame” della serie animata Exo-Squad, e in particolare si tratterebbe del veicolo pilotato dal tenente Maggie Weston.

34. Lo scrigno del mogway Gizmo – L’oggetto misterioso che Sorrento ha pagato ad I-R0k si è rivelato essere il “Globo di Osuvox”, un artefatto che ha diverse ester egg associate ad esso. La magia contenuta all’interno del Globo è mostrata come un dado a 20 facce incandescente e ruotante (reso famoso nel gioco di ruolo “Dungeons & Dragons”). Ma per i fan dei film degli anni ’80, quando I-R0k scopre per la prima volta il Globo sotto alcune macerie, lascia Sorrento per aprire la scatola che lo contiene. Il contenitore passa presto in secondo piano, ma notando i dettagli si scopre che si tratta dello scrigno usato un tempo per ospitare Gizmo, l’adorabile mogway del film Gremlins, quando venne portato a casa per Natale dal padre di Billy Peltzer.

35. cameo dei tripodi del film La guerra dei mondi – La scena introduttiva di I-R0k, in cui il personaggio cita Amleto con tanto di teschio in mano, si svolge nel mezzo di grandi pile di relitti bruciati e tra questi relitti, alle spalle di sorrento appena apparso da un portale, fa capolino un lungo collo metallico con una testa senza vita munita di un solo “occhio” meccanizzato rosso, per quello che appare come un cenno ai tripodi marziani de La Guerra dei Mondi, nella versione remake di Steven Spielberg.

36. L’avatar di Superman di Sorrento – L’antagonista aziendale Nolan Sorrento sceglie nel film un avatar oltremodo familiare: dalla corporatura, mascella squadrata e iconico “ricciolo” è indubbio che Sorrento ha scelto una versione personalizzata di Superman, ma non quello più recente di Mark Hamill o la versione iconica di Christopher Reeve, piuttosto quella iperrealista del disegnatore Mark Ross.

37. L’easter egg della fabbrica ACE Chemicals – La corsa ha inizio in una New York che è un riflesso dell’idea di virtuale e citazionista che è il cuore pulsate di OASIS.  Una delle versioni più celebri di New York nei fumetti è Gotham City, per questo dopo che che Wade ha impedito ad Art3mis di essere catturata da Kong, appare sullo sfondo della città la fabbrica “ACE Chemicals”. Famosa per aver dato i natali al Joker, ACE Chemicals è apparsa in Batman v Superman e ancora quando Joker ha contribuito a “creare” Harley Quinn in Suicide Squad. In Ready Player One il logo dell’azienda è visibile per una frazione di secondo dietro Art3mis, su un edificio in mattoni posizionato sullo sfondo rispetto all’autodromo.

38. L’easter egg di Delta City del film Robocop – Nelle fasi finali della corsa, Quando le strade sono distrutte dall’assalto di Kong, seguiamo Art3mis impegnata in un salto a bordo della sua auto mentre sullo sfondo si scorge un grande cartellone affisso su un edificio vicino, che pubblicizza la futuristica metropoli di “Delta City”, la città militarizzata dalla polizia del film RoboCop.

ready-player-one-guida-a-ester-egg-cameo-e-citazioni-del-film-di-steven-spielberg-9.jpg

39. L’easter egg del film Last Action Hero – Altro tributo al ruolo di Arnold Schwarzenegger come icona degli anni ’80, in Ready Player One l’attore è omaggiato con il cartello di un cinema mostrato durante la corsa che richiama film Last Action Hero con la scritta “Schwarzenegger in Jack Slater III”.

40. Gli easter egg sulla moto di Artemis – Il design della moto di Artemis ammicca a quello della moto di Shotaro Kaneda nell’anime Akira con strizzatine d’occhio anche alle Light Cycle di Tron. Inoltre le decorazioni che l’adornano includono richiami alle serie tv Wonder Woman e Ralph supermaxieroe, al videogioco Ms. Pac-Man e al logo aziendale della Taito, produttore di giochi come Bubble Bobble e Space Invaders.

41. Cameo Tomb Raider & Gears of War – Lara Croft, l’eroina della serie di videogiochi Tomb Raider ha diversi cameo nel film, uno di questi la vede alla griglia di partenza della corsa poggiata a Christine, la letale automobile del racconto di di Stephen King, mentre chiacchiera con il Dizzy Wallin del videogioco Gears of War 2.

42. Cameo di Supercar sulla Delorean di Parzival – Nel romanzo Ready Player One la DeLorean di Parzival era un intrigante mash-up filmico che includeva il logo dei Ghostbusters su ogni portiera e la targa “ECTO-88”. La Delorean del film invece viene equipaggiata con l’intelligenza artificiale della serie tv Supercar e presenta lo scanner rosso che all’epoca del telefilm era ispirato dai Cyloni di Battlestar Galactica.

43. Cameo di Hello Kitty – Anche la ben poco “nerd” Hello Kitty appare in Ready Player One; la possiamo vedere incrociare la strada di un Parzival appena arrivato nell’Oasis mentre sta facendo una passeggiata lungo una passerella. Hello Kitty sta passeggiando con tre personaggi tra cui Sanrio e Badtz-Maru. Più tardi, dopo che Parzival perde la gara e si dirige verso i “Diari di Halliday” per un indizio mancante, Hello Kitty può essere vista da un lato opposto di uno dei tavoli posizionati nell’atrio all’ingresso dell’edificio.

44. L’easter egg della fondina di Han Solo – Tra gli easter egg di Star Wars in Ready Player One ce n’è uno davvero sottile, si tratta della fondina che porta Parzival che è una replica dell’iconica fondina del blaster di Han Solo…con qualche gustosa modifica. La fondina è dotata di cinghie marroni e delle fibbia metallica dell’originale con l’aggiunta di un logo dei Thundercats ritagliato sulla fondina.

45. Il cameo di Doc Brown – Ready Player One è una vera goduria per i fan di Ritorno al futuro. Quando la chat di Parzival con Aech si sposta su altri Avatar che vengono uccisi, incluso quello appartenente ad un uomo d’affari, guardando oltre lo schermo a proiezione olografica di Parzival si può notare il Dr. Emmet Brown di Ritorno al Futuro. Doc è vestito con il lungo spolverino giallo, la camicia rossa, la cravatta e persino gli occhiali protettivi che indossa quando appare alla fine del primo film, che è anche l’incipit del secondo.

46. Cameo del Jim Raynor di StarCraft – Il film chiarisce che il fidanzato della zia di Wade, “Rick”, è l’uomo giusto quando si tratta del mondo di Oasis, come dimostrato con la sua selezione di personaggi nel bagno di sangue sul Pianeta Doom. La massiccia armatura blu può sembrare generica per chi non è avvezzo ai videogiochi, ma in realtà armatura e aspetto di Rick richiamano Jim Raynor, l’eroe terrestre della serie di videogiochi StarCraft di Blizzard.

47. L’easter egg del fucile a impulsi del film “L’eliminatore – Eraser” – Aech nel suo inventario vanta anche un’arma al centro della trama di un film con Arnold Schwarzenefgger, trattasi dell’EM-1 Railgun, un’arma hi-tech del film L’eliminatore – Eraser che permette di mirare attraverso i muri.

48. Il cameo di Jason Voorhees sul Pianeta Doom – Quando Wade entra in contatto con la sua migliore amica Aech, la trova impegnata sul Pianeta Doom. Il pianeta ospita numerosi cameo, tra quello del famigerato re dello slasher Jason Voorhees. L’icona horror è visibile quando la prospettiva passa da Aech ai suoi compagni alleati Sho e Daito, mentre i due si uniscono per sopraffare e fare a pezzi Jason.

49. L’easter Egg di Indiana Jones – Un poster del classico I predatori dell’arca perduta di Steven Spielberg appare nella cameretta del giovane Halliday alla fine del film.

ready-player-one-guida-a-ester-egg-cameo-e-citazioni-del-film-di-steven-spielberg-10.jpg

50. Easter Egg di Star Wars – Quando sta cercando di corrompere Parzival ercando di portarlo a lavorare con la IOI, Nolan Sorrento gli offre ricchezza e oggetti da non perdere nell’OASIS, incluso il suo Millennium Falcon, tutto quello che deve fare è accettare di lavorare per lui. Inoltre si può scorgere un X-Wing e uno Shuttle imperiale Lambda nella carovana spaziale diretta al “Distracted Globe”, e un modellino in mattoncini del droide R2-D2 può essere visto nell’appartamento di Halliday alla fine del film, quando Parzival risolve il terzo enigma e sblocca l’ultima porta.

51. L’easter egg di Terminator 2 – Quando il Gigante di Ferro cade in un fiume di lava dopo aver aiutato i suoi compagni di squadra, affonda mostrando il pollice in alto nello stesso modo in cui faceva il T-800 quando si distrugge alla fine di Terminator 2.

52. La citazione di John Hughes – Mentre tenta di convincere Parzival a lavorare per la IOI, Sorrento afferma che la prima cosa che farebbe, se riuscisse a prendere in mano il gioco, sarebbe trasformare tutte le scuole superiori in scuole alla John Hughes. E quando gli viene chiesto specificare quali scuole (usando quelle di film che Hughes non ha diretto), Sorrento coglie il tentativo di ingannarlo. Nella sequenza si menzionano The Breakfast Club e Una pazza giornata di vacanza che sono film di John Hughes, ma anche Fuori di testa e Animal House che sono invece l’esordio alla regia di Amy Heckerling e il classico con John Belushi diretto da John Landis.

53. L’easter egg del film Excalibur – Quando I-R0k recita l’incantesimo difensivo progettato per individuare Parzival e impedirgli di risolvere il terzo enigma, l’incantesimo che usa è “Anál nathrach, orth ‘bháis’s bethad, do chél dénmha!”. Si tratta di un incantesimo pronunciato nel film Excalibur del 1981 di John Boorman. Ciò si lega anche al fatto che Wade ha scelto di chiamare il suo avatar Parzival in onore del cavaliere della tavola rotonda che era l’eroe originale nella ricerca del Santo Graal (fu successivamente sostituito da Galahad nelle versioni successive della storia).

54. L’easter egg di “Wargames – Giochi di guerra” – Il computer nella stanza del giovane Halliday sembra essere un IMSAI 8080, lo stesso tipo di computer utilizzato da Broderick e Ally Sheedy nel film WarGames (1983), film che ha un ruolo molto importante nel libro di Ready Player One.

55. L’ester egg di Buckaroo Banzai – Quando Parzival si sta vestendo per il suo appuntamento con Art3mis, sceglie il completo grigio e la cravatta a strisce che Peter Weller indossa come protagonista in Le avventure di Buckaroo Banzai nella quarta dimensione (1984).

56. La sequenza di Shining – Durante il tentativo di risolvere il terzo enigma, quando Parzival e gli High Five si dirigono al cinema per rivisitare il primo appuntamento di Halliday con Kira, scoprono attraverso l’interpretazione del suo indizio che Halliday l’ha portata a vedere l’horror Shining, dove non è riuscito a baciarla. Ciò li porta ad entrare in una replica perfetta dell’Overlook Hotel (il cinema in cui si recano si chiama Overlook Theatre), dove rivivono alcune delle scene più famose dell’adattamento di Stanley Kubrick del libro di Stephen King. Su schermo tornano le gemelle, la stanza 237, il labirinto e l’ascensore con tsunami di sangue.

57. L’easter egg del film “L’armata delle tenebre” – durante la sequenza della battaglia appaiono quelli che sembrano gli scheletri guerrieri dell’esercito di Evil Ash nel film L’armata delle tenebre di Sam Raimi.

58. Il cameo di Mecha-Godzilla – Dopo aver fatto alcune dichiarazioni riguardo ai suoi poteri all’interno di OASIS, e agli apparentemente infiniti artefatti e oggetti che potrebbe usare per cementare la sua posizione, la grande rivelazione di Nolan Sorrento alla fine della battaglia finale nel gioco si presenta sotto forma di un Mecha-Godzilla che sorrento pilota. Quando arriva il mostro, si può ascoltare il tema “Godzilla March” di Akira Ifukube dal film Godzilla (1954). C’è anche un Godzilla classico in forma di giocattolo nella cameretta del giovane Halliday.

59. L’easter egg di Highlander – Nella sequenza della gara è possibile vedere la scritta al neon “Silvercup”, un cenno alla scritta utilizzato alla fine dell’originale Highlander, che è il film preferito di Art3mis.

60. Gli easter egg di Star Trek – Al funerale di Halliday durante l’apertura del film, il suo corpo si trova all’interno della medesima bara nera di Spock mostrata alla fine di Star Trek II – L’ira di Khan e i fiori sono sistemati per rappresentare loghi della Flotta Stellare. Più avanti, nella cameretta del giovane Halliday, vediamo vediamo una bat’leth, tradizionale arma Klingon, e nella stanza del seminterrato di Aech c’è anche una foto in bianco e nero del Will Wheaton di Star Trek: The Next Generation.

61. Il cameo di Gandalf – Nella sequenza di ballo a gravità zero all’interno del “Distracted Globe”, ci sono alcune figure abbastanza riconoscibili, tra cui un Gandalf, dalle trilogie Il signore degli anelli e Lo Hobbit, che galleggia a mezz’aria.

62. Altri videogiochi citati nel filmGoldeneye, il classico videogioco multiplayer di James Bond è specificamente menzionato come il gioco preferito di Halliday, che pare amasse giocare in modalità “Slappers” (una modalità che rimuoveva le pistole e faceva schiaffeggiare i giocatori a vicenda). Parzival rivela che un altro  gioco preferito di Halliday era il gioco di corse arcade “Turbo” prodotto da Sega nel 1981. Mentre Parzival cerca di spendere le sue vincite ricavate dalla soluzione del primo enigma nel mercato virtuale di OASIS, uno store del videogioco Borderlands può essere visto sullo sfondo (purtroppo Parzival non sceglie nulla dal gioco). Quando Sorrento sta cercando di convincere Wade a lavorare per la IOI, afferma di amare il gioco sparatutto Robotron di Astaris del 1982. Halliday è chiaramente un grande fan dei videogiochi arcade e un “retrogamer”, infatti in due momenti del film lo vediamo indossare una maglietta di Asteroids e una di Space Invaders. Halliday possiede anche una Arcade Machine da tavolo di Space Invaders che si può vedere nel suo appartamento alla fine del film, e nello stesso appartamento si possono vedere sulle pareti anche poster di Galaga e Pac-Man.

 

 

 

Fonte: Whatculture