Ant-Man: Kevin Feige conferma una teoria dei fan che ha impostato il sequel

Marvel Studios conferma una teoria dei fan sul film di "Ant-Man" che coinvolge un'apparizione di Janet van Dyne nel Regno quantico.

ant-man-kevin-feige-conferma-una-teoria-dei-fan-che-ha-impostato-il-sequel.jpg

Kevin Feige, presidente di Marvel Studios, ha confermato una teoria dei fan in circolazione da diverso tempo e in cui si afferma che il primo film di Ant-Man include una fugace apparizione di Janet van Dyne, l'originale Wasp, mostrata nel Regno quantico. Janet può essere vista verso la fine del film, dopo che Scott Lang si è ristretto a livello subatomico per sabotare la tuta di Calabrone, e si ritrova a non poter più controllare la miniaturizzazione. Scott vede una serie di luci mentre si restringe, e ad un certo punto la sagoma di Wasp può essere vista, sia nella luce, sia riflessa nel casco di Ant-Man.

In Ant-Man and the Wasp, nei cinema italiani dal 14 agosto, rivedremo Janet interpretata da Michelle Pfeiffer. Il sequel è ambientato prima di Avengers: Infinity War e vedrà Scott affrontare le conseguenze della sua decisione di unirsi al "Team Cap" in Captain America: Civil War. Nel sequel torna anche l'Hope van Dyne di Evangeline Lilly, che stavolta sarà "promossa" a supereroina, e l'Hank Pym di Michael Douglas. Il terzetto lavorerà insieme per tornare nel Regno Quantico e ritrovare Janet.

ant-man-kevin-feige-conferma-una-teoria-dei-fan-che-ha-impostato-il-sequel.jpg

Feige ha confermato alla conferenza stampa per la promozione di "Ant-Man and the Wasp" che Scott ha effettivamente incontrato Janet nel Regno quantico e che è stato un modo per impostare il sequel.

Nel primo film l'abbiamo intravista, ma era visibile solo guardando la sequenza fotogramma per fotogramma. C'era una piccola sagoma di Janet come Wasp, che ha una grande storia in questo film.

Questa non è l'unica volta in cui Janet van Dyne appare in "Ant-Man", in quanto il film presenta anche una scena di flashback che mostra come Wasp, per disattivare una bomba, ha finito per perdersi nel Regno Quantico.

Il Regno Quantico è raggiungibile rimpicciolendosi a livello subatomico, ma ci sono altri modi per accedervi. Scott Derrickson, regista di Doctor Strange, ha confermato che il suo film mostra il Regno Quantico tra le varie dimensioni che Stephen Strange visita quando l'Antico lo introduce per la prima volta alla magia. È una dimensione completamente misteriosa in cui secondo Hank Pym: "tutti i concetti di tempo e spazio diventano irrilevanti".

 

 

Fonte: Heroic Hollywood

 

 

  • shares
  • Mail