Spawn: il reboot non è morto, Todd McFarlane sta valutando Kickstarter

Todd McFarlane non rinuncia al reboot di "Spawn" e sta valutando di lanciare una campagna su Kickstarter.

Il reboot di Spawn di Todd McFarlane con Jamie Foxx e Jeremy Renner ha subito una battuta di arresto. McFarlane ha recentemente parlato al Comic-Con di San Diego delle questioni finanziarie legate al film e ha detto che se non si troverà un accordo andrà avanti da solo, e nel caso utilizzerà una piattaforma di crowdfunding come Kickstarter per finanziare il suo film.

Todd McFarlane è chiaro sulla sua intenzione di non mollare, il film si farà ma a modo suo.

Senti, sono implacabile. Sono come un cane con un osso. Ci arriveremo, ve lo prometto. Ci arriverò. Perché batterò il sistema. Ecco cosa farò: lo farò con Kickstarter: ho bisogno di 20 milioni di persone che mi diano un dollaro. E farò questo film, e quando avrò indietro i soldi, vi restituirò il dollaro. E voi potreste essere i miei produttori e tutto ciò di cui avrò bisogno è la distribuzione. Oggi è fattibile. Non capisco perché Ryan Gosling non lo faccia per ognuno dei suoi film, "Ho bisogno che 20 milioni di voi mi diano un dollaro", scherzi?, ce li avrebbe in un'ora e potrebbe andare a fare le sue cose! Ma le persone nel sistema sono rispettate e hanno degli obblighi, e il tipo all'esterno, io, dice: "Vi sto concedendo ancora un po' di tempo e poi andrò avanti con un'idea folle".

 

McFarlane ha poi continuato a spiegare perché i finanziamenti si sono bloccati e si scopre che il problema è che McFarlane vuole un divieto ai minori pieno (R-rated) mentre i potenziali produttori vogliono uno Spawn più morbido (PG-13), così da catturare un pubblico pagante il più ampio possibile. McFarlane però non ne vuole sapere di snaturare l'elemento horror del suo personaggio.

Ho bisogno di 20 milioni di dollari per realizzare questo film, non li ho tutti. Devo chiedere soldi alle persone, e una volta che chiedi soldi alle persone, hanno voce in capitolo. Come ho detto, è una battaglia un po' in salita, perché di nuovo, voglio solo fare questo piccolo film cupo e vietato ai minori e invece a loro piacciono quei film di successo per adolescenti. Ci sono persone all'esterno che vogliono darmi soldi e che non sono nel sistema. Ma lo faremo. Sto solo cercando di giocarmela bene, ma sto iniziando a perdere la pazienza. Ma ci proveremo; ci arriveremo in un modo o nell'altro, ve lo prometto. Non mollerò.

 

A questo punto non resta che attendere e monitorare l'evolversi della situazione, quel che è certo è che i fan non vogliono uno Spawn "addomesticato" come quello del film del 1997, anche in quel caso i produttori intervennero in fase di montaggio per tagliare le scene più violente e abbassare il rating della censura da un "R-rated" iniziale fino ad un "PG-13".

 

Fonte: ComicBook

 

 

 

  • shares
  • Mail