Jurassic Park: nuova statua "Iron Studios" di John Hammond

 

In attesa che le riprese di Jurassic World 3 aka Jurassic World: Dominion riprendano, l'attore Sam Neill ha recentemente affermato che un riavvio della produzione sarebbe previsto per luglio, torniamo ad occuparci del nostro spazio dedicato ad action figures e gadget con una statua in scala 1:10 che ritrae John Hammond, uno dei personaggi più amati del franchise Jurassic Park, il magnate proprietario di Jurassic Park e fondatore della InGen che lo scrittore Michael Crichton ha definito il "lato oscuro di Walt Disney". Secondo il romanzo e il recente Jurassic World: Il regno distrutto, il suo nome completo è John Alfred Hammond, anche se nel videogioco "Trespasser" del 1998 e in una scena cancellata da Il mondo perduto - Jurassic Park (1997) il personaggio viene chiamato invece John Parker Hammond.

Nella serie di film la personalità di Hammond è quasi l'opposto della versione del romanzo, con l'attore Richard Attenborough che mantiene solo la sua eccentricità. Hammond è raffigurato come un capitalista scozzese gentile, gioviale e carismatico che si assume la responsabilità delle sue azioni, un nonno simpatico e amorevole e un leader che ha buone intenzioni e cerca di proteggere tutti.  Nel romanzo Hammond è invece uno dei principali antagonisti ed è descritto come un CEO freddo, eccentrico e interessato solo a realizzare un profitto e riuscire a ricreare i dinosauri. Spiegando al Dr. Henry Wu perché ha scelto di spendere i suoi soldi in un parco divertimenti piuttosto che aiutare l'umanità, Hammond dice: "È un'idea terribile. Un uso molto scarso delle nuove tecnologie...aiutare l'umanità è molto rischioso in affari. Personalmente, non aiuterei mai l'umanità."

Nel secondo film, Hammnod è più anziano e sembra avere problemi di salute. È sollevato dalla sua posizione di CEO e sostituito da suo nipote, Peter Ludlow (Arliss Howard), dopo un incidente a Isla Sorna, il "Sito B" di Jurassic Park. Hammond non appare nel terzo film, ma è menzionato nella conferenza di Grant sui Velociraptor: "ciò che John Hammond e InGen hanno fatto a Jurassic Park è creare mostri geneticamente modificati per parchi a tema". Nel quarto film, Jurassic World, Hammond è deceduto da tempo. Una sua statua commemorativa è presente nel nuovo parco. Secondo il sito web di marketing virale per la fittizia Masrani Global Corporation, lanciato per promuovere il film Jurassic World, Hammond è morto nel 1997, con Simon Masrani, CEO di Masrani Corporation e proprietario di Jurassic World, incaricato da Hammond di dirigere il nuovo parco e onorare l'eredità e la filosofia di Hammond. In "Jurassic World: Il regno distrutto" è stato rivelato che Hammond era stato partner di Benjamin Lockwood (James Cromwell) nel perseguire la clonazione dei dinosauri, fino a quando i piani di Lockwood di far clonare la figlia defunta con la stessa tecnologia hanno portato ad uno scontro tra i due che li ha portati su percorsi differenti (nel film appare un dipinto di Hammond).

La statua di John Hammond misura circa 20 centimetri, è dipinta a mano, realizzata in edizione limitata e dispone di un completo in tessuto bianco completo di cappello, un bastone da passeggio con impugnatura contenente la zanzara imprigionata nella resina fossile ambra e una base a tema.

La statua Iron Studios di John Hammond è disponibile su Amazon.it o in alternativa QUI.

 

 

 

 

  • shares
  • Mail