Giffoni Film Festival 2020, i 50 film dell'edizione numero 50

Giffoni 2020 si moltiplica nell'anno del COVID per dividere i giurati e dare la possibilità almeno a una parte di loro di vivere il Festival. Vediamo i film in concorso ad Agosto.

"Giffoni 2020 si fa in quattro": questo il claim scelto per lanciare la cinquantesima edizione del Giffoni Film Festival che cade nell'estate della pandemia da COVID-19. Una circostanza questa che ovviamente non permette al Festival di riunire nella cittadina salernitana di Giffoni Valle Piana le migliaia di giurati di età compresa tra i 3 e i 100 anni che solitamente si ritrovano alla Cittadella del Cinema dalla metà di luglio. Per quest'anno, sia pure quello del 50° anniversario, il Festival si divide in diversi momenti per dare alle diverse sezioni competitive un proprio spazio, in sicurezza, sia in sala che all'aperto.

Due i segmenti previsti ad agosto 2020, con un mese di ritardo dunque sulle consuete date: dal 18 al 22 agosto per le sezioni Generator +16 e Generator +18, dal  25 al 29 agosto per i Generator +13. Annunciati i film in concorso per queste due diverse tranches di #Giffoni50. E vediamoli insieme.

Giffoni 2020, i film in concorso per le sezioni +16 e +18


Dal 18 al 22 agosto arriveranno a Giffoni 200 giurati della sezione +16 e 105 della sezione +18. I Generator +16 dovranno valutare 14 opere (7 lunghi e 7 corti), mentre i +18 avranno 19 opere da votare, divise in 7 lunghi e 12 corti.

Generator +16, film e corti in concorso a #Giffoni50


I lungometraggi:


  • BEAST BEAST (USA) di Danny Madden;

  • BLACK CONFLUX (Canada) di Nicole Dorsey;

  • LAST VISIT (Arabia Saudita) di Abdulmohsen Aldhabaan;

  • NAKED ANIMALS (Germania) di Melanie Waelde;

  • HERE ARE THE YOUNG MEN (Irlanda) di Eoin MacKen, con nel cast Dean-Charles Chapman, il Tommen Baratheon di Game of Thrones;

  • OUR LADY OF THE NILE (Francia, Belgio, Rwanda) di Atiq Rahimi;

  • JUST KIDS (Francia, Svizzera) di Christophe Blanc.


I cortometraggi:


  • SCHIAVONEA (Italia) di Natalino Zangaro, sull'incontro tra il giovane calabrese Vincenzo e il migrante Ayana;

  • CUBAN HEEL SHOES (Spagna) di Julio Mas Alcaraz;

  • 90% (Germania) di Jerry Hoffmann;

  • MAMMAN (Svezia) di Farzad Farzaneh;

  •  JAMILA (Svezia) di Sophie Vuković;

  • WILMA (Islanda) di Haukur Björgvinsson;

  • ROPELESS (Italia) di Andrea Carrino.


Generator +18, film e corti in concorso a #Giffoni50



I lungometraggi:


  • AUERHOUSE (Germania/2020) di Neele Leana Vollmar;

  • ALM WITH HORSES (Gran Bretagna, Irlanda) di Nick Rowland, con l'attore Barry Keoghan (Dunkirk) nel cast;

  • GODDESS OF THE FIREFLIES (Canada) di Anaïs Barbeau-Lavalette;

  • KIDS RUN (Germania) di Barbara Ott;

  • PACIFIED (Brasile) di Paxton Winters, vede tra i produttori Darren Aronofsky, regista de Il Cigno Nero.

  • ROSA PIETRA STELLA (Italia) di Marcello Sannino, con le cast Ivana Lotito (Gomorra - La serie) e Ludovica Nasti (L'Amica Geniale);

  • THE SLEEPWALKERS (Argentina, Uruguay) di Paula Hernández.


I cortometraggi:


  • A DEVIL IN THE POCKET (Francia) di Antoine Bonnet e Mathilde Loubes.

  • BUBE MAISES (Israele) di Or Levy;

  • DAUGHTER (Repubblica Ceca) di Daria Kashcheeva, ha ricevuto un Oscar come miglior corto animato studentesco;

  • DRY SEA (Belgio) di Yves Bex e Bart Bossaert;

  • HOW MY GRANDMOTHER BECAME A CHAIR (Libano) di Nicolas Fattouh;

  • IRON ME (Francia) di Ivan Rabbiosi;

  • THE MIDNIGHT FREAK TRAIN (Regno Unito) di Joseph Derrick e Samuel Elphick;

  • ON THE BEACH (Slovacchia) di Samuel Chovan è un film d'animazione 3D sugli sbarchi del D-Day;

  • REFLECTION (Spagna) di Juan Carlos Mostaza;

  • SURA (Corea del Sud) di Jeong Hae-ji;

  • THEMES (Croazia) di Danijel Žeželj;

  • TIES (Germania) è un film di Dina Velikovskaya che con “About a Mother” ha vinto il Grifone per il miglior cortometraggio della sezione Generator +18 nel 2015.


 

Giffoni 2020, i film in concorso per le sezioni +13


Dal 25 al 29 agosto sono in concorso 14 opere (7 lungometraggi e 7  cortometraggi) valutati da 305 jurors della sezione Generator +13 (dai 13 ai 15 anni).

I lungometraggi:


  • THE CASTLE (Lituania, Irlanda) di Lina Lužytė;

  • LIFE WITHOUT SARA AMAT (Spagna) di Laura Jou;

  • MAN UP! (Francia) di Benjamin Parent vede nel cast anche Isabelle Carré, la suor Marguerite di "Marie's Story" presentato nella sezione +13 nel 2015.

  • ROM (Vietnam) di Tran Thanh Huy;

  • LA GUERRA DI CAM (Italia) di Laura Muscardin;

  • DANIEL '16 (Grecia) di Dimitris Koutsiabasakos;

  • YOUNG JULIETTE (Canada) di Anne Émond.


I cortometraggi (tutti italiani):


  • AFRAID di Daniele Suraci;

  • KLOD di Giuseppe Marco Albano;

  • LUCE & ME di Isabella Salvetti;

  • OUR TIME di Veronica Spedicati;

  • SEPTEMBER di Giulia Louise Steigerwalt;

  • SULLE PUNTE di Ulisse Leonardo;

  • INVERNO di Giulio Mastromauro, vincitore del David di Donatello 2020 come Miglior Cortometraggio.


Immagine tratta dal Flickr ufficiale di Giffoni Opportunity

  • shares
  • Mail