Anne Heche rimane collegata al supporto vitale, ma è legalmente morta

Anne Heche è stata dichiarata legalmente morta, ma resterà collegata alle macchine per un’eventuale donazione degli organi.

Anne Heche 53 anni è stata dichiarata legalmente morta nello stato della California, ma il suo cuore continua a battere e l’attrice non è stata ancora tolta dal supporto vitale, a confermarlo il suo rappresentante. Heche sarà collegata al supporto vitale fino a quando non sarà determinata la possibilità di donare gli organi. Il distacco dalle macchine che consentono al cuore di Heche di battere potrebbe avvenire tra oggi sabato 13 agosto e martedì 16 agosto.

“Sebbene Anne sia legalmente morta secondo la legge della California, il suo cuore batte ancora e non le è stato tolto il supporto vitale in modo che One Legacy possa vedere se è compatibile per la donazione di organi”, ha dichiarato un rappresentante della famiglia di Heche.

Secondo fonti, Heche verrà tolta dal ventilatore nelle prossime 24 ore, ma per tutti i suoi amici e la famiglia l’attrice non c’è più. Questa consapevolezza si evince dalle parole del rappresentante che ha parlato alla stampa a a nome della famiglia e degli amici di Heche.

Abbiamo perso una luce brillante, un’anima gentile e gioiosa, una madre amorevole e un’amica leale”, afferma la dichiarazione. “Anne ci mancherà profondamente, ma sopravvive attraverso i suoi bellissimi figli, il suo iconico corpo di lavoro e la sua appassionata difesa. Il suo coraggio per essere sempre fedele alla sua verità, diffondendo il suo messaggio di amore e accettazione, continuerà ad avere un impatto duraturo”.

Anche il figlio maggiore di Heche, Homer Laffoon di 20 anni, ha condiviso una dichiarazione con suo fratello minore Atlas di 13.

Oggi mio fratello Atlas e io abbiamo perso nostra madre. Dopo sei giorni di incredibili oscillazioni emotive, rimango con una tristezza profonda e senza parole. Spero che mia madre sia libera dal dolore e inizi a esplorare ciò che mi piace immaginare come la sua eterna libertà. In quei sei giorni, migliaia di amici, familiari e fan mi hanno fatto conoscere il loro cuore. Sono grato per il loro amore, così come per il supporto di mio padre, Coley e della mia matrigna Alexi, che continuano ad essere le mie rocce in questo periodo. Riposa in pace mamma, ti voglio bene, Homer.

Ellen DeGeneres ha scritto alla famiglia di Anne Heche sui social media dopo la conferma della morte cerebrale di Heche. Degeneres e Heche si sono frequentate dal 1997 al 2000, diventando una delle coppie omosessuali più famose di Hollywood.

“Questo è un giorno triste”, ha scritto DeGeneres su Twitter. “Sto inviando ai figli, alla famiglia e agli amici di Anne tutto il mio amore”.

Heche in un’intervista rilasciata alla rivista Mr. Warburton nel 2020 aveva parlato della relazione con DeGeneres: “Il nostro tempo è stato una parte bellissima della mia vita e che indosso con onore. Facevo parte di una rivoluzione che ha creato un cambiamento sociale e non avrei potuto farlo senza innamorarmi di lei. Sono orgogliosa di aver fatto parte di una rivoluzione che ha contribuito a far progredire l’uguaglianza, ma c’è ancora del lavoro da fare”.

Tra i messaggi di cordoglio segnaliamo quello di Robert De Niro che ha dichiarato: “Sono molto triste di apprendere della tragica scomparsa di Anne Heche. Era un’attrice meravigliosa e mi è piaciuto moltissimo lavorare con lei in Sesso & Potere”.

Lo scorso venerdì Anne Heche viaggiando a velocità elevata si è schiantata con la sua auto contro una casa di Mar Vista, con il veicolo dell’attrice che ha poi preso fuoco. La residente della casa e il suo animale domestico sono stati in grado di lasciare indenni la casa. Cinquantanove vigili del fuoco hanno combattuto l’incendio, che aveva inghiottito sia l’auto di Heche che la casa, per 65 minuti fino a quando non è stata in grado di essere tirata fuori in sicurezza dalle macerie. Secondo quanto riferito, Heche è stata in grado di comunicare con i soccorritori al momento del suo salvataggio, ma ha perso conoscenza poco dopo e da allora è rimasta in coma. secondo il rappresentante della famiglia, Heche a seguito dell’incidente ha subito una grave lesione cerebrale anossica, che priva il cervello di ossigeno.

Heche è nota al grande pubblico per le sue interpretazioni in film come Donnie Brasco, Vulcano – Los Angeles e So cosa hai fatto tutti usciti nel 1997. Heche ha anche interpretato il ruolo che fu di Janet Leigh nel remake di Psycho di Gus Van Sant e ha recitato con Harrison Ford in Sei giorni, sette notti e con Denzel Washington in John Q.

Fonte: Variety