• Film

Antigone: trailer italiano e tutte le anticipazioni sul film di Sophie Deraspe

Tutto quello che c’è da sapere su “Antigone”, il film di Sophie Deraspe ispirato ad una storia vera nei cinema italiani a partire dal 4 novembre.

Il 4 novembre Parthénos Distribuzione in partnership con Lucky Red portano nei cinema italiani Antigone di Sophie Deraspe. La regista canadese si ispira ad una storia vera per rileggere in chiave moderna il personaggio di Antigone: una giovane donna piena di coraggio, che lotta con tutte le sue forze per difendere la sua famiglia da un’ingiustizia subita, anteponendo alle leggi degli uomini quella del cuore e dell’amore, in una storia di ribellione contro l’ingiustizia di profonda attualità.

Cast e trama

La trama ufficiale: Antigone (Nahéma Ricci) è una studentessa brillante: 17 anni, il primo amore e un futuro promettente. Quando il fratello maggiore Eteocle (Hakim Brahimi) viene ucciso dalla polizia, metterà in gioco tutto per salvare l’altro fratello, Polinice (Rawad El-Zein), incarcerato per aver aggredito il poliziotto che ha fatto partire il colpo. Alla legge degli uomini Antigone sostituisce il proprio senso di giustizia, fondato sull’amore e sulla solidarietà per la sua famiglia. “Ho infranto la legge ma lo rifarei, il cuore mi dice di aiutare mio fratello” diventa la voce del coro, guidato dall’amato Emone (Antoine Desrocher), che invade le strade e i social network in una rivolta generazionale in cui tutti i giovani si riconoscono in Antigone.

Il cast è completato da Sebastien Beaulac, L. Fernando Becerra Sánchez, Nour Belkhiria, Hakim Brahimi, Lise Castonguay, Zalfa Chelhot, Eric Clark, Jean-Sébastien Courchesne, Paul Doucet, Benoît Gouin e Rachida Oussaada.

Antigone – trailer e video

Trailer italiano ufficiale pubblicato il 21 ottobre 2021

Curiosità

  •  La regista Sophie Deraspe (Un soffio di vita) dirige “Antigone” da una sua sceneggiatura basata sull’omonima tragedia greca di Sofocle rappresentata per la prima volta ad Atene alle Grandi Dionisie del 442 a.C.. L’opera appartiene al ciclo di drammi tebani ispirati alla drammatica sorte di Edipo, re di Tebe, e dei suoi discendenti. L’opera narra la vicenda di Antigone (aurora), che decide di dare sepoltura al cadavere del fratello Polinice, pur contro la volontà del nuovo re di Tebe, Creonte, che l’ha vietata con un decreto. Polinice, infatti, è morto assediando la città di Tebe, comportandosi come un nemico: non gli devono quindi essere resi gli onori funebri. Scoperta, Antigone viene condannata dal re a vivere il resto dei suoi giorni imprigionata in una grotta. In seguito alle profezie dell’indovino Tiresia e alle suppliche del coro, Creonte decide infine di liberarla, ma è troppo tardi perché Antigone nel frattempo si è suicidata impiccandosi. Questo porta prima al suicidio del figlio di Creonte, Emone, promesso sposo di Antigone, e poi della moglie Euridice, lasciando Creonte solo a maledirsi per la propria intransigenza.
  • Presentato con successo a numerosi festival, tra cui Toronto International Film Festival 2019 dove è stato premiato come Miglior Film Canadese, e alla 14° Festa del Cinema di Roma, “Antigone” è stato scelto per rappresentare il Canada ai Premi Oscar 2020.
  • La 21enne Nahéma Ricci (Antigone) è nata a Montreal da genitori immigrati di origine franco-tunisina. Nahéma interpreta il personaggio centrale del film Antigone di Sophie Deraspe. Ha recentemente completato il programma professionale di danza 2018-2019 presso la scuola Danceworks di Berlino (Germania). In precedenza, ha avuto un ruolo nel film Ailleurs diretto da Samuel Matteau (2017, produzioni Vélocité).
  • Nato ad Algeri, Hakim Brahimi (Eteocle) è cresciuto in una città povera. I suoi genitori speravano di immigrare già da tempo, ma dopo l’11 settembre 2001 non fu più possibile per lui arrivare a Montreal, fino a gennaio 2008, cinque giorni prima del suo decimo compleanno. Ha studiato ad Ahuntsic. Appassionato di arte e musica, Hakim suona la chitarra classica, disegna molto e in particolare ama ballare hip hop e la breakdance. È stato per puro caso che ha deciso di fare l’audizione per un ruolo in Antigone , mentre stava completando i suoi esami al CEGEP. Gli è stato affidato il ruolo di Eteocle, sua prima esperienza cinematografica.
  • Nato a Montreal da genitori che si sono conosciuti in Canada alla fine degli anni ’80, Rawad El-Zein (Polinice) è cresciuto in un mondo artistico: suo padre è un musicista la cui carriera internazionale è iniziata a Beirut, dove ha suonato per la cantante Sabah, considerata una delle dive della musica araba, e suo zio era un attore. Si è diplomato al College Pasteur, dove ha preso parte ad alcuni spettacoli teatrali, e quest’anno ha portato a termine i suoi primi corsi di amministrazione al CEGEP Montmorency, ai quali ha aggiunto alcuni corsi di cinema. Antigone è il debutto cinematografico di Rawad, che spera di proseguire in questo campo perché ha davvero amato questa esperienza. Nel frattempo, continua a registrare canzoni in francese, inglese e arabo, poiché canta da quando aveva 3 anni. Ha imparato l’inglese da solo guardando i canali TV anglofoni locali.
  • Antoine Desrocher (Emone) ha iniziato a recitare all’età di 5 anni. È stato visto in alcune pubblicità e poi in serie televisive. All’età di 10 anni, ha interpretato il figlio di Theo Max (Guillaume Lemay-Thivierge) nel film Nitro di Alain Desrochers, che ha segnato il suo debutto cinematografico. Da allora, ha collaborato con diversi registi del Quebec, come Léa Pool ( Maman est chez le coiffeur ), Guillaume Sylvestre ( Premier amour ), Anne Émond ( Les êtres chers et Jeune Juliette ), Xavier Dolan ( È solo la fine del mondo ) e Anaïs Barbeau-Lavalette ( La déesse des mouches à feu ).
  • La regista Sophie Deraspe spiega una delle assonanze con la tragedia greca: “Simile alla tragedia greca, la storia di Antigone è punteggiata in tutto il film da interventi del coro, un collettivo che, senza essere direttamente coinvolto nell’azione, commenta gli eventi vissuti dai personaggi o esprime le emozioni che suscitano. Trovo che i social media agiscano esattamente allo stesso modo in quel grande teatro che è la società contemporanea. Sono il mormorio della città. I cori/i social media prendono posizione mentre la storia avanza, commentano i fatti, a volte li distorcono o traggono ispirazione da loro. Quando Antigone e i suoi fratelli vengono screditati online dalla stampa e dal pubblico, il suo amico Emone aiuta a perorare la sua causa. Infine, Antigone acquista dai cori anche una certa forza che conferisce alla sua azione una portata che trascende il suo ambiente familiare di immigrati.”

Chi è Sophie Deraspe?

Sono state le arti visive e la letteratura a guidare Sophie Deraspe verso una carriera nel cinema. Come Direttore della Fotografia e/o regista, ha fatto diverse incursioni nel documentario prima di dirigere il suo primo lungometraggio, Missing Victor Pellerin (2006), che gioca con i codici della realtà. Beneficiando di ottime recensioni e di numerose proiezioni in tutto il mondo, il lavoro di Sophie è proseguito con la produzione di un secondo lungometraggio, nel 2009, Vital signs , ugualmente intriso di realismo. Dalla sua nomination ai Tiger Awards di Rotterdam, Vital signs ha vinto 15 premi in circa 30 festival internazionali. In Quebec, il film è stato finalista per il premio di miglior film ai Jutra Awards. Nel 2015, Sophie ha diretto il film Les Loups , vincitore del premio FIPRESCI International Critics’ Award a Torino, nonché il documentario Le profil Amina (titolo USA: The Amina Profile – A Gay Girl in Damascus ), in concorso ufficiale al Sundance Film Festival. Antigone è il suo quinto film.

Note di regia

Avevo circa vent’anni quando ho letto per la prima volta Antigone . Questa tragedia greca mi ha colpito immediatamente e sono stato sedotta e affascinata dall’intelligenza, dall’onestà e dalla virtù irremovibile del personaggio. Nonostante la sua giovane età, la sua esperienza limitata e il potere del suo antagonista (il re), Antigone difende ciò in cui crede. È stato corroborante per me! Dopo la versione di Jean Anouilh, ho quindi letto la versione originale di Sofocle. Ho scoperto una Antigone la cui ricerca della giustizia è tanto più forte perché si basa su leggi che considera superiori a quelle scritte dagli uomini. Antigone parlava moltissimo alla giovane donna che ero in quel momento, così tanto che una forte intuizione mi disse che un giorno mi ci sarei dedicata…Anni dopo, dopo aver già diretto due film, ho ascoltato un’intervista rilasciata da una delle sorelle di Freddy Villanueva, morto in un parco di Montreal durante un raid della polizia che era andato storto. Ho iniziato a immaginare che questa sorella potesse essere un’Antigone. Da quel momento in poi, la storia si è sviluppata… Volevo dare vita, nel nostro tempo e nel contesto sociale delle nostre città occidentali, all’integrità di Antigone, al suo senso di giustizia e alla sua capacità di amare. Volevo anche che Antigone fosse molto giovane (16 anni) e fisicamente minuta, al fine di mettere in evidenza la forza interiore di questo individuo che contrappone valori più alti alle leggi ufficiali dell’uomo. Nel mio adattamento, la figura reale dell’autorità è divisa tra vari personaggi, che vanno dagli agenti di polizia ai magistrati, alle guardie carcerarie, passando per la figura paterna, con la quale Antigone inizia la negoziazione. Il film è in qualche modo una storia che riguarda un realismo sociale. Vi è tuttavia una strana scena in cui Antigone viene interrogata da una psichiatra cieca di nome Teresa, una moderna incarnazione dell’indovino Tiresia. Oltre al gioco di associazione creato tra un indovino che appartiene al mondo della tragedia greca e la figura contemporanea di una psichiatra, ho trovato essenziale creare uno spazio in cui il subconscio di Antigone potesse parlare e testimoniare la forza che la anima e che la rende così eroica. Antigone si sente in dovere verso coloro che l’hanno preceduta, verso i suoi cari defunti, che percepisce sempre al suo fianco. Antigone non è sola. Le leggi dell’uomo hanno meno valore ai suoi occhi di quelle dettate dai suoi cari defunti, il che significa che si trova ad affrontare un dilemma che è l’essenza stessa di questa tragedia. La psichiatra/indovina prevede: “Sarai murata, viva!” Qui, per un breve istante, la narrazione realistica si interseca con i codici del cinema fantasy, che si basa sulle nostre paure più profonde sepolte nel subconscio. [Sophie Deraspe]

La colonna sonora

  • Le musiche originali del film sono dei compositori Jean Massicotte (L’uomo medio + medio) e Jad Orphée Chami al suo primo lungometraggio dopo aver musicato un paio di cortometraggi.
  • La colonna sonora include i brani: “1919” di High Klassified feat. Zach Zoya, “Awah Awah” e “Ssendu” di Idir, “Gayé” di Fouki, “To See More Light” di Colin Stetson, “Catherine” di Nate Husser, Nathaniel Huskinson, Ariane Bisson McLernon, Jason Brando O’Farrell & Mathieu Sénéchal, “Fools Rhythm” di Two Fingers.

TRACK LISTINGS:

1. Ouverture (Jad Orphée Chami) 0:58
2. Chemin vers l’oracle (Jad Orphée Chami) 1:34
3. Une femme (Jad Orphée Chami) 3:29
4. Le sacrifice (Jean Massicotte) 5:30
5. Arrestation d’Antigone (Jean Massicotte) 2:06
6. Polynice, ce que l’on retient (Jad Orphée Chami & Jean Massicotte) 1:09
7. Étéocle, ce que l’on oublie (Jad Orphée Chami & Jean Massicotte) 2:43
8. Arrestation de ménécée (Jean Massicotte) 1:52
9. Antigone et hémon (Jad Orphée Chami) 1:51
10. Hémon peint (Jad Orphée Chami) 0:26
11. Chant de ménécée (Jad Orphée Chami) 1:25
12. Retour victoire (Jean Massicotte) 2:03
13. Lâchez-moi (Jad Orphée Chami) 1:18
14. L’oracle (Jad Orphée Chami) 2:56
15. Évasion avec hémon (Jean Massicotte) 1:59
16. Une femme (Finale) (Jad Orphée Chami) 1:59
17. Musique de fin (Jean Massicotte) 5:10

 

Foto e poster