Stasera in tv: “Attacco al potere 3 – Angel Has Fallen” su Italia 1

Italia 1 stasera propone “Attacco al potere 3 – Angel Has Fallen”, thriller d’azione del 2019 di Ric Roman Waugh con Gerard Butler e Morgan Freeman.

Cast e personaggi

Gerard Butler: Mike Banning
Morgan Freeman: presidente Allan Trumbull
Danny Huston: Wade Jennings
Michael Landes: Sam Wilcox
Tim Blake Nelson: vicepresidente Martin Kirby
Nick Nolte: Clay Banning
Piper Perabo: Leah Banning
Jada Pinkett Smith: agente Helen Thompson
Lance Reddick: David Gentry
Chris Browning: James Haskell
Frederick Schmidt: Travis Cole
Joseph Millson: agente Ramirez
Sapir Azulay: agente Peterson
Ori Pfeffer: agente Murphy
Brendan Kelly: camionista

Doppiatori italiani

Luca Ward: Mike Banning
Angelo Nicotra: presidente Allan Trumbull
Angelo Maggi: Wade Jennings
Massimo De Ambrosis: Sam Wilcox
Oreste Baldini: vicepresidente Martin Kirky
Stefano De Sando: Clay Banning
Chiara Colizzi: Leah Banning
Claudia Catani: agente Helen Thompson
Carlo Scipioni: David Gentry
Gabriele Sabatini: Travis Cole
Simone D’Andrea: agente Ramirez

La trama

Dopo una vorticosa fuga, l’agente dei Servizi segreti Mike Banning (Gerard Butler) è ricercato
dalla sua stessa agenzia e dall’FBI, mentre cerca di trovare i responsabili che minacciano la vita
del Presidente degli Stati Uniti (Morgan Freeman). Nel disperato tentativo di scoprire la verità,
Banning si rivolgerà a improbabili alleati per dimostrare la propria innocenza e per tenere la sua
famiglia e l’intero Paese e fuori pericolo.

Curiosità

  • Ric Roman Waugh dirige Attacco al potere 3 – Angel Has Fallen da una sceneggiatura che ha scritto insieme a Robert Mark Kamen e Matt Cook sulla base di una storia di Creighton Rothenberger e Katrin Benedikt, basata sui personaggi creati da Rothenberger e Benedikt.
  • Oltre a recitare nel film Gerard Butler è anche produttore insieme a Alan Siegel, Mark Gill, John Thompson, Matt O’Toole e Les Weldon. Il film presenta la fotografia di Jules O’Loughlin e il montaggio di Gabriel Fleming.
  • Come con Attacco al potere – Olympus Has Fallen (2013) e Attacco al potere 2 (2016), Morgan Freeman ha ammesso apertamente nelle interviste di aver realizzato “Attacco al potere 3” principalmente per soldi. Come ha spiegato per i due precedenti: “Soldi. È il terzo di una serie che paga meglio del primo. Posso interpretare di nuovo il presidente, sono in una serie di successo, sto lavorando con un ragazzo che davvero ammiro e apprezzo. È perfetto.” Quando gli è stato chiesto se sentiva ancora “il fuoco dentro” per quanto riguarda la recitazione, ha detto: “Mi piace, mi diverto ancora. Adoro fare film, ma ora è più come una brace ardente”.
  • La produzione del film è stata ritardata di tre mesi, per consentire a Gerard Butler di riprendersi da un infortunio subito mentre era in sella alla sua moto.
  • Gerard Butler e Morgan Freeman sono gli unici due attori che riprendono i loro ruoli per questa puntata diventando gli unici due attori ad apparire in tutti e tre i film di “Attacco al potere”.
  • Piper Perabo ha sostituito Radha Mitchell nel ruolo di Leah Banning, moglie di Mike, che Mitchell ha interpretato in Attacco al potere – Olympus Has Fallen (2013) e Attacco al potere 2 (2016).
  • Gerard Butler ha affermato che questo film sarà più cupo e guidato dal personaggio di Attacco al potere – Olympus Has Fallen (2013) o Attacco al potere 2 (2016), arrivando addirittura a paragonarlo a Logan – The Wolverine (2017). Ha anche espresso la speranza che questo sarà l’ultimo film.
  • Quando Mike Banning è dal neurologo fornisce un nome falso; Signor Jameson. Viene poi rivelato che Jameson è il secondo nome di Mike.
  • Secondo quanto riferito non c’erano piani per far tornare Aaron Eckhart ad interpretare il ruolo del presidente, come nel secondo film, si dice che Asher ha trascorso più di sei anni alla Casa Bianca dalla sua elezione e il tempo massimo per un presidente degli Stati Uniti è di due mandati (10 anni se la persona diventa presidente negli ultimi due anni del mandato di un altro e poi viene eletto per due mandati propri). Quindi Morgan Freeman ha assunto il ruolo.
  • Nick Nolte ha interpretato il ruolo di un veterano della guerra del Vietnam in questo film. Nella vita reale l’attore non è mai andato in Vietnam poiché all’età di ventidue anni fu condannato a cinque anni di carcere – sentenza poi sospesa – per aver falsificato le cartoline di chiamata alle armi. Tuttavia Nolte si è sempre sentito incompleto per non aver fatto il soldato, ma il motivo della sua renitenza è che in quel momento si sentiva obbligato a combattere nella guerra del Vietnam.
  • In un’intervista con Gerard Butler, ha affermato che il franchise potrebbe ottenere fino a tre ulteriori capitoli.
  • In Attacco al potere – Olympus Has Fallen (2013), Morgan Freeman interpreta il Portavoce della Camera, e in Attacco al potere 2 (2016), diventa Vicepresidente. Tra il secondo film e questo, il suo personaggio è stato eletto presidente degli Stati Uniti. Questo segna la seconda volta di Freeman come presidente, dopo aver interpretato il presidente Tom Beck in Deep Impact (1998).
  • Morgan Freeman, che al momento delle riprese aveva ottantuno anni, è uno degli attori più anziani ad aver interpretato un presidente degli Stati Uniti in carica in un film.
  • Per motivi legali i prigionieri federali non vengono mai trasferiti in vista della stampa o del pubblico senza indossare un giubbotto antiproiettile di tipo IIIc.
  • Tutti e tre i film della serie sono stati distribuiti da diversi studi. FilmDistrict ha distribuito Attacco al potere – Olympus Has Fallen (2013); Gramercy ha distribuito Attacco al potere 2 (2016) e Lionsgate ha distribuito Attacco al potere 3.
  • Sebbene sia la terza puntata, è la prima volta che Morgan Freeman e Gerard Butler lavorano davvero insieme. In Attacco al potere – Olympus Has Fallen (2013), non condividevano (almeno fisicamente) alcuna scena. In Attacco al potere 2 (2016), la scena che hanno condiviso è stata effettivamente girata separatamente (usando controfigure) e montata insieme.
  • Il vertice del G20 mostrato nel film, a cui partecipa il presidente Trumbull, è un filmato reale del vertice del G20 del 2017 ad Hamberg, in Germania. Trumbull (Morgan Freeman) è stato inserito al posto del presidente turco Recep Tayyip Erdogan e il primo ministro britannico Theresa May è stata eliminata.
  • La storia è ambientata circa due anni dopo gli eventi di Attacco al potere 2 (2016), è indicato dal fatto che il figlio di Banning ha circa due anni.
  • I titoli di coda dedicano il film al “nostro caro amico John Thompson”. Thompson è stato uno dei produttori del film che è morto di leucemia nello stesso anno di questo film. Questo è stato il suo ultimo progetto cinematografico. I suoi crediti includono gli altri film di questa serie, così come John Rambo (2008), Brooklyn’s Finest (2009), I Mercenari (2010), Come ti ammazzo il bodyguard (2017).
  • Danny Huston ha sostituito Holt McCallany.
  • Il personaggio Allan Trumbull è stato il presidente della Camera dei rappresentanti, il vicepresidente e il presidente. Attualmente, nella vita reale, nessun individuo ha ricoperto tutte e tre le posizioni nella storia degli Stati Uniti.
  • Morgan Freeman si è rasato un po’ i capelli e la barba per questo ruolo, per avere un aspetto più presidenziale.
  • Il presidente indossa un cappello con il logo dell’Università del Mississippi (con la M maiuscola rossa). Nella vita reale Morgan Freeman possiede una residenza nel Mississippi ad un’ora dal campus dell’Università (Ole Miss, Oxford).
  • In questo film il vicepresidente parla della Russia che ha manomesso le elezioni statunitensi. Questo è un riferimento alla teoria secondo cui sarebbe stato questo il motivo per cui Donald Trump ha vinto le elezioni del 2016.
  • La rappresentazione del vicepresidente Kirby è stata realizzata affinché somigliasse all’allora Segretario al Tesoro Steven Mnuchin, che aveva prodotto diversi film importanti prima del suo ruolo alla Casa Bianca. Questa somiglianza è stata deliberata, poiché è stato più volte notato quanto Mnuchin sembrasse un “cattivo di Bond”.
  • Il primo film, Attacco al potere – Olympus Has Fallen (2013), era simile nella trama al film Sotto assedio – White House Down (2013) che vedeva nel cast Lance Reddick. Apparire in questo film lo rende l’unico attore a partecipare ad entrambi i franchise.
  • Al momento dell’uscita del film, molte persone si chiedevano del personaggio di Benjamin Asher di Aaron Eckhart (dato che era stato un personaggio principale nei due precedenti capitoli). Non viene fatta menzione né alcuna prova che fosse un ex presidente. I creatori del film hanno difeso che ogni nuova puntata d’azione deve funzionare bene come “autonomo” (come i film di James Bond 007) senza menzionare molto ciò che è accaduto in precedenza.
  • Gerard Butler e Joseph Millson sono entrambi apparsi in opere di Andrew Lloyd Webber; Butler ha interpretato il personaggio del titolo nell’adattamento cinematografico de Il fantasma dell’opera (2004), e Millson ha interpretato Raoul, il drammatico contraltare del Fantasma, nella produzione originale del West End del sequel, “Love Never Dies”.
  • Nick Nolte e Tim Blake Nelson sono entrambi apparsi in diversi film sull’Incredibile Hulk, sono apparsi anche in La sottile linea rossa (1998).
  • Nick Nolte ha anche interpretato un veterano del Vietnam in Guerrieri dell’inferno (1978).
  • Nonostante un poster del film, che mostra l’abbattimento dell’Air Force One, la scena non si verifica mai nel film. (quel poster è stato realizzato prima che la sceneggiatura venisse modificata).
  • Il primo film di “Attacco al potere” in cui nessun leader mondiale viene assassinato. In Attacco al potere – Olympus Has Fallen (2013) viene assassinato il leader della Corea del Sud. In Attacco al potere 2 (2016) vengono assassinati i leader di Regno Unito, Germania, Canada, Italia, Francia e Giappone.
  • Verso la fine di Attacco al potere – Olympus Has Fallen (2013), Mike Banning pugnala a morte un suo ex amico e Banning si siede con lui fino a quando non muore dissanguato. Verso la fine di Attacco al potere 3 (2019), Mike Banning pugnala fatalmente un suo ex amico e Banning si siede con lui fino a quando non muore dissanguato.
  • Questa è la quarta volta che un personaggio interpretato da Danny Huston viene ferito a morte e muore davanti alla macchina da presa. La prima volta è stata in La proposta (2005) quando un personaggio interpretato da Guy Pearce ferisce mortalmente Huston, che muore lentamente davanti alla macchina da presa. La seconda volta è stata in 30 giorni di buio (2007) quando un personaggio interpretato da Josh Hartnett infila un pugno nella testa del personaggio interpretato da Danny Huston. La terza volta è in Fuori controllo (2010). Un personaggio interpretato da Mel Gibson spara allo stomaco, ferendolo, di un personaggio interpretato da Danny Huston che ha fatto uccidere la figlia di Gibson; poi Gibson versa una bottiglia di latte contaminato dalle radiazioni nella bocca di Huston; alla fine, Gibson gli dice “Lo sai che te lo meriti” e spara a Huston al collo che muore dissanguato davanti alla macchina da presa. La quarta volta è in Attacco al potere 3.
  • “Attacco al potere 3” è il  primo film della serie a non avere nel cast Aaron Eckhart, Angela Bassett, Radha Mitchell, Melissa Leo, Robert Forster, Sean O’Bryan e Lawrence O’Donnell. Per il ruolo di Mitchell è stato scelto un altro attore mentre il personaggio di Bassett è morto nel film precedente.
  • “Attacco al potere 3” costato 40 milioni di dollari, quasi la metà del budget di produzione di Attacco al potere – Olympus Has Fallen (70 milioni di dollari), ne ha incassati nel mondo circa 146, con un risultato sostanzialmente inferiore di 20 milioni di dollari d’incassi rispetto al film originale.

Note di produzione

Attacco al potere 3 – Angel Has Fallen, terzo capitolo della saga, è anche un thriller indipendente
con un’elevata dose di adrenalina e tensione psicologica che tiene l’acceleratore costantemente
premuto, a partire dall’attacco dei droni assassini nella sequenza di apertura. Il film aggiunge
poi un capitolo inedito alla leggenda di Mike Banning: i rischi del mestiere si scontrano con la
vita privata e lo spingono a esplorare il percorso che l’ha portato a diventare così com’è ora.
“Ero davvero entusiasta all’idea di riprendere la saga di Attacco al potere”, racconta Butler. “In
particolare alla prospettiva di fare qualcosa di nuovo con il mio personaggio, di esplorare una
dimensione diversa. Mike Banning è noto per essere uno tosto, ma anche per la sua umanità, e stavolta scopriamo molto di più sull’origine di queste sue caratteristiche. L’aspetto migliore è che anche se il film approfondisce molto di più la dimensione personale, c’è comunque più azione che mai, quindi è una corsa sulle montagne russe sotto tutti gli aspetti. Ci sonoì combattimenti epici, brutali e folli, ma allo stesso tempo c’è un percorso drammatico efficace, e poi credo che questo sia il più divertente dei tre film.”

Aggiunge il regista Ric Roman Waugh: “Non ho mai pensato ad Attacco al potere 3 – Angel Has Fallen come a un sequel. Lo vedo come un episodio inedito e innovativo della saga che può anche funzionare autonomamente, pur offrendo tutto ciò che i fan adorano di Mike Banning. Quello che volevamo fare io e Gerry era portare gli spettatori nella mente di Banning mentre quest’ultimo passa dall’attacco alla difesa e si trasforma da guerriero a fuggitivo, facendo loro provare tutto ciò che deve affrontare il personaggio. Per i fan della saga è un’occasione per vedere cosa rende Banning così tosto, ma spero che per il pubblico che non ha visto gli episodi precedenti possa comunque essere una chance per scoprire un personaggio con cui è facile identificarsi, un personaggio che cerca di sopravvivere in una situazione incredibile. Quindi c’è comunque una dose pazzesca di azione, ma con un punto di vista totalmente inedito.” Butler sottolinea che Banning si è sempre distinto dalla schiera di supereroi fantastici del cinema di oggi per via della sua autenticità e del suo umorismo ruspante, ma che in questo film viene messo a nudo il lato in assoluto più umano del personaggio. “Credo che parte del fascino di Banning derivi dal fatto che è un personaggio molto reale. È uno che cerca di prendersi cura della sua famiglia mentre affronta il pesante carico emotivo del proprio lavoro. Gli spettatori riescono a identificarsi con questi aspetti, ma Banning è anche uno dei personaggi più tosti che potrebbero mai sperare di incontrare. Non si arrende mai. È così che si vede, ma in questo film la concezione che ha di se stesso verrà messa alla prova in modi che lui avrebbe preferito evitare.” Mentre il suo coraggio e la sua lealtà vengono messi in discussione, Banning deve anche affrontare il peso della vita da guerriero, cercando di tenere a freno i segni sempre più evidenti della sindrome da stress post-traumatico. “In questo episodio ci si rende conto del prezzo pagato da questo eroe che abbiamo visto affrontare mille sparatorie, esplosioni e schianti”, spiega Butler. “Banning lotta in silenzio sul lavoro e a casa, tiene tutto per sé perché non vuole deludere gli altri e vuole continuare a fare il mestiere che ama e in cui crede. Per usare un eufemismo, non è il momento migliore perché l’intero paese si convinca che lui sia un terrorista in fuga. Banning inoltre sa benissimo che, a prescindere dal suo destino, il presidente è in grave pericolo e lui è l’unico che può capire da dove arriva la minaccia.”

La colonna sonora

  • Le musiche originali di “Attacco al potere 3” sono del compositore britannico David Buckley (The Town, Jason Bourne, Greenland, Il giorno sbagliato. Io sono nessuno).

TRACK LISTINGS:

1. The Kill Zone 3:38
2. Drone Attack 4:21
3. Swallowed by Trees 1:20
4. Home Life 2:32
5. Fishing Trip 2:26
6. Death Threats 3:15
7. Semi Chase 3:15
8. Deep Regrets 3:59
9. Resurrection 3:33
10. Into the Abyss 2:35
11. Hospital Breach 2:22
12. Accepting Betrayal 3:11
13. Atrium Firefight 2:03
14. Final Chess Match 1:12
15. Coup De Grace 5:13
16. No More Secrets 1:03
17. Angel Has Fallen 1:38

Ultime notizie su Film in tv

Tutto su Film in tv →