• Film

Bad Roads – Le strade del Donbass: trailer italiano e anticipazioni sul film ucraino di Natalya Vorozhbit

Tutto quello che c’è da sapere su “Bad Roads – Le strade del Donbass”, il dramma ucraino di Natalya Vorozhbit al cinema dal 28 aprile 2022.

Il 28 aprile approda nelle sale italiane con Trent Film Bad roads – Le strade del Donbass, dramma della regista ucraina Natalya Vorozhbit, tratto dall’omonima pièce della stessa regista, oggi rappresentata nelle piazze e nei teatri delle capitali europee. Con uno stile documentaristico, “Bad roads” racconta quattro diverse risposte che le persone possono dare per sopravvivere al caos della guerra attraverso altrettante storie di una quotidianità a volte assurda ambientate lungo le strade del Donbass, regione dell’Ucraina orientale, nel pieno del conflitto iniziato nel 2014.

Trama e cast

La trama ufficiale: Quattro strade dissestate. Quattro storie di amore, odio, fiducia, tradimento e violazione dei confini personali proiettate sullo sfondo della violazione dei confini nazionali: un preside di scuola viene bloccato ad un check point; una ragazza aspetta il fidanzato ad una fermata d’autobus con delle amiche; una giornalista viene sequestrata da un violento militante; una donna investe la gallina di una coppia di contadini e cerca in tutti i modi di scusarsi.

Ci sono voluti 18 mesi per mettere insieme il cast, trovato dall’autrice e dal produttore Yuriy Minzyanov esplorando numerosi teatri di provincia, e cercando volti di persone comuni. Natalya ha preventivato un sacco di tempo per provare le scene negli uffici di produzione prima dell’inizio delle riprese. Mentre passava da drammaturga a regista, si sforzava di utilizzare al meglio i metodi acquisiti dopo un’attenta osservazione dei registi teatrali al lavoro sulle sue opere.

Igor Koltovskyy, il preside della scuola nel primo episodio, è un insegnante di recitazione e regista di teatro per bambini, apparso solo poche volte sullo schermo. È stato contattato per lavorare come insegnante di recitazione per il cast, ma dopo il loro incontro Natalya gli ha offerto il ruolo.

Andrey Lelyukh, che interpreta il comandante, è apparso in numerosi film per la televisione e dirige la sua piccola compagnia teatrale a Kiev.

Anna Zhurakovskaya ed Ekaterina Zhdanovich, le ragazze nel secondo episodio sono non professioniste che Natalya ha scoperto in un collegio sportivo vicino a Kiev, proprio come quello che Natalya stessa aveva frequentato.

Yuliya Matrosova, che interpreta la nonna, è un’attrice della compagnia del Chernihiv Youth Theatre.

Maryna Klimova, fa il suo debutto sullo schermo come giornalista nel terzo episodio. Natalya ha fatto un’audizione a diverse attrici prima di scoprire Maryna, come interprete della compagnia all’Odessa Academic Ukrainian Musical and Drama Theatre. E’ membro del prestigioso Kiev State Drama and Comedy Theatre.

Molti attori si sono rifiutati di interpretare il ruolo del brutale militante nel terzo episodio, finché Natalya non ha convinto Yuri Kulinich che accettare la sfida avrebbe potuto dare impulso alla sua carriera. Oggi, lavora in diverse serie televisive.

Zoya Baranovskaya, la giovane donna nell’ultimo episodio, si è laureata alla Kiev National I.K. Karpenko-Kary Theatre, Cinema and Television University nel 2005. Da allora ha fatto diverse apparizioni in film e in televisione.

Oksana Voronina, la Vecchia, era il membro del cast più affermato e versatile, avendo interpretato sia aristocratici che popolani in molti film e programmi televisivi. Ha lavorato al Lesya Ukrainka National Academic Theatre of Russian Drama a Kiev fino alla sua morte dopo una lunga malattia nel luglio 2020.

Sergei Solovyov, il Vecchio, ha fatto diverse apparizioni televisive. Ha sede a Kharkov ed è meglio conosciuto nei circoli teatrali regionali.

Bad Roads – trailer e video

Trailer ufficiale italiano pubblicato il 7 aprile 2022

Nuove clip ufficiali in italiano pubblicate il 14 aprile 2022

Curiosità

  • In occasione della presentazione del film alla 35.a Settimana della Critica a Venezia 2020, dove è stato insignito del Premio Circolo del Cinema di Verona, la regista Natalya Vorozhbit ha dichiarato: “Provo sempre a catturare l’ambiguità e usare l’ironia anche nelle storie più difficili. Quando si parla di cose spaventose solo in modo spaventoso, si ribadisce solo l’evidente. […] Con Bad Roads voglio spaventare coloro che pensano che questa guerra sia molto lontana da loro e non li riguardi. La guerra è vicina, non sei mai pronto.”
  • Il film è stato selezionato come rappresentante dell’Ucraina agli Oscar 2022 come Miglior Film Internazionale.
  • Bad Roads – Le strade del Donbass è stato designato Film della Critica dal Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani SNCCI con la seguente motivazione: “Quattro storie ambientate lungo le strade del Donbass testimoniano l’orrore della guerra in un monito universale. Tratto da uno spettacolo teatrale firmato dalla stessa autrice, il film alterna toni e registri senza mai allentare la tensione, con stile rigoroso e quasi “documentario”, aggiungendo all’intensità della violenza note di surrealismo e humor nero. Lo sguardo potente e schietto della regista si posa in particolare sui corpi delle donne, ma la denuncia della banalità del male travalica qualsiasi confine geografico o di identità: ci riguarda tutti.”
  • Al centro della trama quattro vicende di amore, odio, fiducia, tradimento e violazione dei confini personali proiettate sullo sfondo della violazione dei confini nazionali: quattro storie che sembrano distinte e separate, in realtà unite dal fluire del racconto di un unico grande destino comune. Un mondo dove sembra non ci sia un domani, ma in cui non tutti sono indifesi e miserabili e anche le vittime più innocenti possono improvvisamente prendere il controllo.
  • L’invasione dell’Ucraina da parte della Russia il 24 febbraio 2022 ha interrotto le riprese del secondo film della cineasta, “Demons”, anch’esso incentrato sulla relazione tra Russia e Ucraina. Sui social, Natalya Vorozhbit ha recentemente dichiarato: “Speravo che la mia opera Bad Roads avesse valore solo come riflesso del passato e non mi dà alcuna soddisfazione la sua rilevanza in questo momento.”

Note di regia

Quando giri in una strada secondaria dimenticata, non sai mai dove potresti finire. Le strade secondarie del mio film ci portano in zone di conflitto, dove le persone che vivono nella paura e nell’odio hanno imparato ad affrontare situazioni terribili; e hanno trovato modi straordinari per emergere come sopravvissuti. In questo mondo, i bambini vivono la vita come testimoni innocenti e indifesi, mentre i cani randagi captano il suono del fuoco dei proiettili in arrivo prima che gli umani siano in grado di farlo. Ambientando il film in un luogo in cui l’antagonismo tra civili e militari era palpabile ma silente, trattenuto e attutito, il mio obiettivo era girarlo in uno stile quasi documentaristico, chiedendo continuamente ai personaggi chi sei, perché sei qui e cosa sta succedendo? Il film descrive la violenza che esce dal nulla scatenando un grande conflitto. La mia speranza è che il conflitto rilasci la presa sul cuore umano e lasci il posto a una nuova era. [Natalya Vorozhbit, 2020]

Chi è Natalya Vorozhbit?

Natalya Vorozhbit è nata a Kiev nel 1975 e si è laureata all’Istituto letterario di Mosca. Bad Roads, il suo primo film, è stato originariamente presentato sul palco nel 2017 al Royal Court Theatre di Londra. La pièce originaria contemplava 6 episodi. Nel 2009, la Royal Shakespeare Company ha prodotto la sua commedia The Grain Store. La sua commedia Maidan: Voices From The Uprising è stata messa in scena nel 2014 sia alla Royal Court di Londra che al Teatr.doc di Mosca. Vorozhbit è stata la sceneggiatrice capo dell’acclamata serie TV russa del 2010 SCHOOL (69 episodi) e ha scritto i film Steel Butterfly (2012), Wild Fields (2016) e Cyborgs (2017). L’invasione dell’Ucraina da parte della Russia ha interrotto le riprese della sua opera
successiva, Demons, a soli quattro giorni dalla fine delle riprese. Dopo l’invasione, la pièce “Bad Roads” viene recitata nelle piazze di diverse città europee, come Londra e Parigi.

Foto e poster