• Film

Candyman: nuove clip e featurette, curiosità e anticipazioni sull’horror di Jordan Peele

Dal 26 agosto nei cinema italiani con Eagle Pictures l’horror “Candyman”, un sequel scritto e prodotto dal Jordan Peele dell’acclamato Scappa – Get Out.

Ad agosto arriva nei cinema italiani Candyman, un sequel diretto del film originale del 1992 che ha lanciato l’omonima icona horror creata dallo scrittore Clive Barker e interpretata all’epoca da Tony Todd, attore che ritroveremo in questo sequel. Il nuovo “Candyman” è diretto da Nia DaCosta (Little Woods) e scritto da Jordan Peele (Scappa – Get Out), Win Rosenfeld (The Twilight Zone) e DaCosta.

Ambientato come l’originale a Chicago nel quartiere Cabrini-Green, un tempo zona degradata della città e ora location “in” dove vive Anthony un artista talentuoso sempre in cerca di ispirazione per le sue opere. La leggenda di Candyman, oscura presenza che uccide brutalmente chi lo evoca dopo aver pronunciato cinque volte il suo nome in uno specchio, affascina Anthony che decide di capire se esista davvero. Ma Candyman è fin troppo reale e sta cercando un sostituto che prenda il suo posto, come nuovo spirito vendicatore.

Candyman trailer

Primo trailer internazionale pubblicato il 27 febbraio 2020

Spot tv internazionale pubblicato il 29 giugno 2020

Featurette con un messaggio di Nia DaCosta pubblicato il 18 giugno 2021

Primo trailer italiano ufficiale pubblicato il 30 giugno 2021

Primo spot tv in italiano pubblicato il 19 agosto 2021

Secondo spot in italiano pubblicato il 19 agosto 2021

nuova clip in lingua originale pubblicata il 22 agosto 2021

Nuova featurette in lingua originale pubblicata il 22 agosto 2021

La trama

Non pronunciare il suo nome. Questa estate il vincitore dell’Oscar Jordan Peele lancia una nuova interpretazione dell’agghiacciante leggenda urbana di cui probabilmente il fratello maggiore del tuo amico ti ha parlato durante un pigiama party: Candyman. La regista emergente Nia DaCosta (Little Woods) dirige questa incarnazione contemporanea del classico di culto. Per quanto i residenti possano ricordare, i progetti abitativi del quartiere Cabrini Green di Chicago sono stati terrorizzati da una storia di fantasmi narrata con il passaparola su un killer sovrannaturale con un uncino per mano, facilmente evocato da coloro che hanno il coraggio di ripetere il suo nome cinque volte davanti ad uno specchio. Oggi, un decennio dopo che la Cabrini Tower è stata demolita, il visual artist Anthony McCoy (Yahya Abdul-Mateen II; Watchmen, Us della HBO) e la sua fidanzata, la direttrice di una galleria Brianna Cartwright (Teyonah Parris; Se la strada potesse parlare, The Photograph), si trasferiscono in un condominio di lusso a Cabrini, ora nobilitato oltre ogni aspettativa e abitato da Millennial in ascesa. Con la carriera da pittore di Anthony sull’orlo dello stallo, un incontro casuale con un anziano di Cabrini Green (Colman Domingo; Euphoria, Assassination Nation della HBO) espone Anthony alla natura tragicamente orribile della vera storia dietro Candyman. Ansioso di mantenere il suo status nel mondo dell’arte di Chicago, Anthony inizia ad esplorare questi dettagli macabri nel suo studio come nuova grinta per i suoi dipinti, aprendo inconsapevolmente una porta ad un passato complesso che svela la sua sanità mentale e scatena un’ondata terrificante di violenza virale che lo mette in rotta di collisione con il destino.

Il cast del film

Il film vede protagonista Yahya Abdul-Mateen II (Aquaman) nei panni di Anthony McCoy, un visual artist che da bambino era perseguitato da un presunto mito urbano chiamato Candyman. Fu rapito da Candyman e quasi ucciso, ma fu salvato da Helen Lyle (Virginia Madsen); Abdul-Mateen II ritrae anche un riflesso allucinatorio del Candyman. Il cast include anche Teyonah Parris (Brianna Cartwright), la ragazza di Anthony e direttrice di una galleria d’arte; Hannah Love Jones nei panni della giovane Brianna Cartwright; Nathan Stewart-Jarrett come Troy Cartwright, il fratello di Brianna; Colman Domingo nei panni di William Burke, un residente del Cabrini Green che racconta ad Anthony della leggenda di Candyman; Tony Todd come Daniel Robitaille / Candyman, uno spirito vendicativo che uccide chiunque lo chiami dicendo il suo nome cinque volte mentre si trova di fronte a uno specchio; Vanessa Estelle Williams nei panni di Anne-Marie McCoy, la madre di Anthony che credeva nella leggenda metropolitana di Candyman mentre viveva al Cabrini Green (Anni fa ha condiviso l’esperienza di incontrarlo con Helen Lyle, che ha indagato sul mito per sostenere la sua tesi sulle leggende metropolitane); Cassie Kramer come Helen Lyle / Caroline Sullivan, una reincarnazione dell’amante di Candyman che è stata in grado di sconfiggere Candyman dopo essersi sacrificata per salvare Anthony quando era un bambino. Tuttavia è diventata lei stessa uno spirito vendicativo che uccide chiunque la chiami per nome cinque volte mentre si trova di fronte ad uno specchio (Il personaggio è stato precedentemente interpretato da Virginia Madsen nel primo film); Michael Hargrove è Sherman Fields / Candyman, un uomo che è stato torturato e ucciso dai poliziotti dopo essere stato falsamente accusato di aver messo lamette di rasoio all’interno di caramelle. Il cast è completato da Rebecca Spence (Finley Stephens), Kyle Kaminsky (Grady Smith), Christiana Clark (Danielle Harrington), Brian King (Clive Privler), Torrey Hanson (Jack Hyde), Carl Clemons-Hopkins (Jameson), Cedric Mays (Gil Cartwright) (Nancy Pender (Conduttrice del telegiornale) e Breanna Lind (Annika).

La trilogia originale

Il film originale datato 1992 era basato sul racconto “The Forbidden” di Clive Barker e seguiva la studentessa universitaria Helen Lyle (Virginia Madsen) che conducendo delle ricerche sul folklore moderno si troverà ad esplorare la leggenda metropolitana di Candyman, lo spirito vendicativo del figlio di uno schiavo brutalmente torturato ed ucciso, leggenda urbana che Helen scoprirà avere più che un fondo di verità. Il Candyman originale era il fantasma vendicativo di un uomo afroamericano evocato pronunciando cinque volte il suo nome in uno specchio.

Il Candyman era originariamente Daniel Robitaille, il figlio di uno schiavo che divenne un artista rispettato nel XIX secolo, ma la sua relazione con una donna bianca lo portò ad essere brutalmente assassinato. abbigliato con un cappotto di lana e munito di gancio arrugginito per una mano, Candyman perseguita e uccide coloro che ripetono il suo nome nello specchio.

L’originale Candyman – Terrore dietro lo specchio di Bernard Rose è diventato un cult horror degli anni ’90 e ha generato due sequel: Candyman 2 – L’inferno nello specchio del 1995 diretto da Bill Condon e Candyman – Il giorno della morte del 1999 diretto da Turi Meyer che chiude la trilogia originale. “L’inferno nello specchio” vede il Candyman in trasferta a New Orleans dove ricomincia a mettere in scena i suoi orribili omicidi. Questa volta la sua vittima designata è una insegnante di scuola che è la reincarnazione di sua moglie. Il padre dell’insegnante è stato ucciso da Candyman mentre il fratello è stato accusato ingiustamente degli omicidi; In “Il giorno della morte” il Candyman torna per cercare di convincere la sua discendente, un’artista, ad unirsi a lui come figura leggendaria. A tal fine, la incastra per una serie di orribili omicidi dei suoi amici e collaboratori in modo che non abbia nessun altro a cui rivolgersi.

Curiosità

  • Jordan Peele parla dell’eredità di Candyman: L’originale era un film punto di riferimento per la rappresentazione nera nel genere horror. Accanto a La notte dei morti viventi, Candyman è stata una grande fonte d’ispirazione per me come cineasta – e avere un nuovo audace talento come Nia alla guida di questo progetto è davvero emozionante. Siamo onorati di dare vita al prossimo capitolo del franchise di Candyman e desiderosi di offrire ad un nuovo pubblico un punto di accesso alla leggenda di Clive Barker.
  • Il protagonista Yahya Abdul-Mateen II interpreta un adulto Anthony McCoy, il bambino rapito e usato come esca da Candyman nel film originale.
  • Vanessa Williams era anche nell’originale Candyman (1992).
  • La produzione è stata riportata nel quartiere Cabrini Green. Sebbene i grattacieli siano stati demoliti da tempo, le case a schiera esistono ancora.
  • Lakeith Stanfield è stato preso in considerazione per il ruolo di Anthony McCoy, ma ha rifiutato l’offerta per girare Judas and the Black Messiah.
  • Il film è un sequel diretto dell’originale Candyman (1992) e ignora gli eventi dei sequel Candyman 2 – L’inferno nello specchio (1995) e Candyman – Il giorno della morte (1999).
  • Secondo la regista Nia DaCosta la troupe ha effettivamente riscontrato un’infestazione di api durante le riprese.
  • Inizialmente Jordan Peele doveva scrivere e dirigere il film.
  • Nia DaCosta dirigerà The Marvels (2022), film dell’Universo Cinematografico Marvel con Teyonah Parris nel cast.
  • Virginia Madsen, che ha interpretato Helen Lyle in Candyman (1992), non tornerà per questo film. La sua parte è invece interpretata da Cassie Kramer.
  • Il secondo lungometraggio di Nia DaCosta, dopo Little Woods (2019), nonché sua prima incursione nel genere horror.
  • Il primo film di Candyman girato in digitale. I film precedenti sono stati girati con macchine da presa da 35 mm.
  • Con una durata di soli 91 minuti (1 ora e 31 minuti), questo è il film Candyman più corto mai uscito.
  • Questo sequel è il primo film di Candyman ad avere un protagonista nero.
  • Tony Todd l’originale Candyman ha elogiato l’approccio al reboot e il divario di 30 anni tra i film che mostreranno i cambiamenti e le somiglianze tra il mondo di allora e quello di oggi.
  • La regista Nia DaCosta durante ha rivelato che il Candyman del reboot avrà una forma diversa rispetto all’originale: Nell’originale, è già completamente formato…suppongo un mostro, diremo, perché è decisamente così che è rappresentato nel film originale, come un mostro. E quindi, è davvero come una rivelazione del tipo, ‘Ecco il mio torace. Sono completamente formato, sono completamente grottesco mentre nel nostro film, volevamo davvero che fosse una lenta progressione, e per me, volevo davvero innescare una risposta del tipo, sai quando tutti noi abbiamo avuto un rasho o qualcosa del genere, e siamo tipo, hmm, che cos’è? Forse è un’eruzione di calore, e poi forse non se ne va per un po’ e tu sei come, hm, interessante. Devo andare dal dottore? No, probabilmente andrà bene. E poi, per la stragrande maggioranza delle persone, scompare. In questo film, ovviamente, non va via, peggiora e quindi volevo avere quell’effetto. Se qualcuno torna a casa dopo aver visto questo film e guarda la propria eruzione cutanea, urto o puntura di zanzara e sarà un po’ più spaventato, allora avrò fatto il mio lavoro. Ed è proprio quello che volevo fare, si tratta di entrare nella testa del pubblico e disturbarlo visceralmente e seguirlo psicologicamente con la sensazione trasmessa del personaggio principale.”

La colonna sonora del film

Le musiche originali del film sono del compositore Robert Aiki Aubrey Lowe alla sua terza colonna sonora di un lungometraggio di fiction dopo il dramma horror Last Kind Words (2012) e la commedia italiana Il colpo del cane con Edoardo Pesce e Silvia D’Amico. Lowe ha musicato anche il documentario Sunshine Soup (2014) e collaborato alle colonne sonore del dramma Maria Maddalena, degli horror Madre! e It Comes at Night e del dramma fantascientifico Arrival.

La data di uscita di “Candyman”

La data di uscita di “Candyman” è stata posticipata per tre volte rispetto alla data originale di giugno 2020 a causa di preoccupazioni relative alla pandemia di COVID-19. La data di uscita attuale è fissata al 26 agosto in Italia con Eagle Pictures e il 27 agosto nel Regno Unito e negli Stati Uniti con Universal Pictures.