David di Donatello 2021: in corsa anche i film usciti direttamente in streaming

Dopo gli Oscar e i Golden Globe, anche i David di Donatello 2021 si adeguano alle conseguenze della pandemia di Covid-19.

Dopo gli Oscar e i Golden Globe, anche i David di Donatello 2021 si adeguano alle conseguenze della pandemia di Covid-19 che ha recentemente decretato una nuova chiusura delle sale cinematografiche. A partire da marzo molti distributori si sono trovati costretti a far esordire pellicole programmate per le sale sulle piattaforme streaming, apprendiamo dall’account Twitter ufficiale dei David che i titoli usciti in digitale dal 23 febbraio al 15 luglio 2020 saranno ufficialmente inclusi nella corsa per i premi.

Per il #David66 saranno eleggibili tutti i film italiani la cui uscita era prevista per la sala e che a causa dell’emergenza sono stati diffusi su piattaforme streaming e VOD. Siamo vicini a chi sta operando con modalità distributive restrittive, inedite e più che mai complesse.

A seguire il comunicato stampa ufficiale dell’Accademia.

La Presidente Piera Detassis e il Consiglio Direttivo dell’Accademia del Cinema Italiano – Premi David di Donatello, considerata la situazione straordinaria che l’audiovisivo sta attraversando e al fine di rafforzare ancor più il ruolo del David nella ripresa dell’industria cinematografica, hanno stabilito che, ai Premi David del prossimo anno, potranno partecipare i film usciti dal 1° gennaio 2020 al 28 febbraio 2021. È stata dunque spostata di due mesi la tradizionale data del 31 dicembre che segnava il termine ultimo per poter concorrere. Come previsto dai Decreti Ministeriali del 04/05/2020 e dell’11/06/2020, saranno ammessi al concorso anche i film che, pur previsti in uscita in sala, a causa dell’emergenza Coronavirus siano stati poi distribuiti attraverso piattaforme streaming tra il 23 febbraio e il 15 luglio 2020. Le produzioni e distribuzioni potranno iscrivere i film italiani alla 66a edizione dei Premi David di Donatello a partire dal 1° settembre 2020.

“Con questa decisione – commenta la Presidente Detassis a nome anche del Consiglio – l’Accademia del Cinema Italiano, il cui Direttivo rappresenta gli artisti, le associazioni e vari comparti della filiera audiovisiva, si augura di contribuire a sostenere e celebrare ancor più il prodotto italiano, l’eccellenza dei nostri talenti e tutti i lavoratori dello spettacolo particolarmente colpiti dalla pandemia, con l’auspicio che il cinema, superata l’emergenza, possa proporre sempre più titoli, importanti e accattivanti, agli spettatori della sala”.

Fonte: David

I Video di Cineblog