Ernest e Celestine 2 – L’avventura delle 7 note: trailer italiano e anticipazioni del film animato al cinema dal 22 dicembre

Tutto quello che c’è da sapere “Ernest e Celestine 2 – L’avventura delle 7 note”:, il film d’animazione al cinema dal 22 dicembre 2022 con I Wonder Pictures.

Dopo l’anteprima come evento speciale al Festival di Annecy 2022, dal 22 dicembre nei cinema d’Italia con I Wonder Pictures e Unipol Biografilm Collection Ernest e Celestine 2 – L’avventura delle 7 note, il film d’animazione di Jean-Christophe Roger e Julien Chheng con le voci italiane di Alba Rohrwacher e Claudio Bisio. Dopo il successo del primo lungometraggio di animazione Ernest e Celestine tornano al cinema con L’avventura delle 7 note, un viaggio nella terra natale di Ernest per poter riparare il suo violino Stradivorso. Ostrogallia è la patria dei più grandi musicisti del mondo e le note non smettono mai di suonare tra le strade di questa esotica destinazione. O meglio: era così una volta. Arrivati a Ostrogallia, Ernest e Celestine scoprono che la musica è stata bandita. Ma una vita senza musica è impensabile e quindi i nostri eroi faranno tutto il possibile per far tornare la gioia nel paese.

Ernest e Celestine 2 – Trama e cast

La trama ufficiale: Dopo la candidatura agli Oscar “Ernest e Celestine” sono tornati con le voci di Claudio Bisio e Alba Rohrwacher per una nuova entusiasmante avventura: la loro amicizia unica e il loro amore per la musica li porteranno a scoprire mondi fantastici, in una storia poetica e commovente che affascinerà grandi e piccini. Per riparare il loro violino rotto, Ernest e Celestine iniziano un viaggio verso il lontano paese natale dell’orso, una terra magica dove da sempre si esibiscono i migliori musicisti del mondo e incredibili melodie riempiono l’aria di gioia. Al loro arrivo, i nostri eroi scoprono però una realtà completamente diversa: tutte le forme di musica sono state bandite! “Ernest e Celestine” non riescono proprio ad immaginare una vita senza musica. Insieme ai loro amici e a un misterioso fuorilegge mascherato, faranno di tutto per riportare la felicità nella Terra degli Orsi.

Ernest e Celestine 2 – Trailer e video

Curiosità sul film

  • Jean-Christophe Roger e Julien Chheng dirigono “Ernest e Celestine 2 – L’avventura delle 7 note” da una sceneggiatura di Guillaume Mautalent eSébastien Oursel basata sugli album “Ernest e Celestine” di Gabrielle Vincent con la collaborazione dI Jean Regnaud, da un’idea originale di Agnès Bidaud e Didier Brunner.
  • Ernest e Celestine, l’orso e la topina nati dalla tavolozza della pittrice belga Gabrielle Vincent, sono diventati in pochi anni un classico internazionale. E’ disponibile libreria anche l’albo illustrato tratto dal film. Il libro è pubblicato da Gallucci, editore in esclusiva delle opere dell’artista Gabrielle Vincent, creatrice dei personaggi di Ernest e Celestine.

La trama ufficiale del libro: Bim, bum, badabum… il violino di Ernest è andato in pezzi! E ora che si fa? L’orso e la topolina partono per l’Ostrogallia in cerca del liutaio Octavius, l’unico che possa ripararlo. Ma, arrivati a destinazione, scoprono che nel paese è severamente vietato fare musica. Cosa inventeranno Ernest e Celestine per riparare a questa incredibile ingiustizia?

Il libro illustrato “Ernest e Celestine – L’avventura delle 7 note” è disponibile su Amazon.

La trama ufficiale del libro: C’erano una volta due mondi, quello degli orsi e quello dei topi. Due universi distinti che si evitavano l’un l’altro, guardandosi con sospetto. A scombussolare l’ordine stabilito saranno Ernest, il pacifico orso, e la topina aspirante pittrice Celestine, che diventeranno amici scatenando un putiferio.

Il libro illustrato “Ernest e Celestine” ispirato al primo film è disponibile su Amazon.

Jean-Christophe Roger & Julien Chheng – Note biografiche

Jean-Christophe Roger è sceneggiatore e regista di film d’animazione. Dopo aver studiato all’École nationale supérieure des Arts Décoratifs, ha lavorato come animatore 2D alla Disney, occupandosi anche della creazione di sfondi e personaggi, prima di dedicarsi all’illustrazione e alla regia. Ha diretto e co-sceneggiato diverse serie televisive come Ernest e Celestine The Collection, Le nuove avventure di Lassie, Belphegor, Che drago di un drago, Cooking? Child’s Play!, The Fairy Shell e Lupo Alberto, oltre a lungometraggi come The Storytelling Show!.

Julien Chheng è un animatore e regista di film d’animazione. Dopo essersi diplomato alla scuola Gobelins di Parigi, ha scritto, illustrato e inventato personaggi per progetti personali. Ha poi lavorato a Le Chat Du Rabbin (The Rabbi’s Cat), The Worlds Of Ralph, Ernest e Celestine e Mune. Nel 2014 ha co-fondato lo Studio La Cachette, dove ha prodotto i pilot delle serie televisive Kairos, The Ballad Of Bea And Cad. Ha inoltre
lavorato alla supervisione artistica dei personaggi e dell’animazione di progetti come Love, Death & Robots per Netflix, andato in onda nel 2019, e Primal per Cartoon Network/Adult Swim.

Intervista ai registi

Jean-Christophe Roger & Julien Chheng raccontano la loro avventura con “Ernest e Celestine”.

Julien Chheng: Dieci anni fa ho lavorato come animatore per “Ernest e Celestine”. Quel film è stato un momento incredibile per me, perché mi ha permesso di fare il mio debutto nell’animazione disegnata a mano, unendomi a un team di grande talento. Ho imparato molto da questa prima esperienza e in seguito ho potuto condividere queste conoscenze con giovani animatori alle prime armi lavorando alla serie “Ernest e Celestine 2 – The Collection”, che ho co-diretto con Jean-Christophe. La serie è stata realizzata con lo studio Blue Spirit, animando personaggi modellati in 3D ma con un rendering 2D a colori piatti. La linea di contorno è stata calcolata dal computer per imitare l’aspetto di un disegno fatto a mano e poi colorato con l’acquerello. Per gli animatori che non avevano mai lavorato all’animazione tradizionale su carta, non è stato facile gestirla. È stato necessario apportare molte correzioni per ottenere una resa che ricordasse il trattamento 2D dell’animazione classica. Quindi, condividere la mia esperienza con il primo film è stato di grande aiuto.

Jean-Christophe Roger: La serie ci ha permesso di conoscere a fondo i personaggi e il mondo di Gabrielle Vincent, attraverso la scrittura e la direzione degli episodi. Poiché abbiamo imparato a lavorare bene insieme, è stata anche una preparazione ideale per il film. Ma abbiamo dovuto “disimparare” i limiti tecnici e i piccoli trucchi di messa in scena della serie per affrontare “Ernest e Celestine 2 – L’avventura delle 7 note” in modo totalmente nuovo. Con il film, abbiamo potuto permetterci di lavorare in modo diverso, con più scala, più set e utilizzando l’animazione tradizionale disegnata a mano.

Jean-Christophe spiega come i suoi viaggi sono stati utilizzati per definire il paese d’origine di Ernest.

Jean-Christophe Roger: Questo approccio, come gli altri, è il risultato di un lavoro svolto in collaborazione con Julien. L’uno ha delle idee, l’altro le rilancia, e questo permette di migliorare e arricchire le creazioni del film. Ma è anche vero che ho usato i ricordi di un viaggio che avevo fatto sulla Via della Seta, nei territori del Pakistan settentrionale e della Cina. Credo che il motivo per cui mi è venuto in mente questo disegno sia perché il mondo di Ernest e Celestine è radicato in un certo realismo. Le illustrazioni di Gabrielle Vincent presentano descrizioni realistiche della vita quotidiana di questo orso e di questo topo che vivono in un piccolo villaggio francese o belga. Non volevamo dare al viaggio in Ostrogallia un trattamento fantastico, perché il pubblico avrebbe avuto un’impressione confusa di finire in un altro mondo. Da qui l’idea di mantenere una certa credibilità nel paesaggio. Il nostro ragionamento è il seguente: se Ernest è andato in esilio, significa che si è allontanato dal suo paese d’origine. E quindi il viaggio verso l’Ostrogallia deve essere lungo e difficile, il che lo rende ancora più rischioso per un topolino come Celestine. Durante il mio viaggio sulla Via della Seta, lungo la strada del Karakorum, mi ha colpito il passaggio di un valico situato a 4400 metri di altitudine, dove si attraversava il confine. Queste strade della valle dell’Indo erano scavate in pareti rocciose quasi verticali, come nella scena in cui Celestine è in moto. La gente che vive lì è talmente isolata da tutto che ha creato una propria civiltà, una propria lingua, e ciò corrispondeva abbastanza bene all’idea di questo remoto paese di orsi descritto dalla sceneggiatura, in cui la regola vigente dice: “Così è e sempre sarà”. Le tradizioni sono ancorate nel tempo, forse anche perché non c’è quasi nessuna comunicazione con il mondo esterno, nessun nuovo pensiero. Per i paesaggi mi sono ispirato alle valli Kalasha del Pakistan settentrionale e al fiume Gilgit nell’estremo nord, dove le case sono aggrappate ai fianchi di alte montagne. Per l’architettura, invece, abbiamo scelto forme più elaborate e più colorate che ricordano la Turchia o i vecchi quartieri di Tbilisi, la capitale della Georgia.

Julien Chheng: L’Ostrogallia è un mosaico di influenze. Ma dovevamo dare l’impressione che queste strade esistessero da secoli e simboleggiare la sottomissione del paese rappresentando un’architettura più autoritaria. Si deve avere la sensazione che se tutto è colorato è perché un tempo era un paese felice, un luogo di festeggiamenti, ma poi è successo qualcosa di inusuale. Questa era la sfida estetica di questi ambienti. Tra le altre influenze, possiamo aggiungere che, poiché il team di scenografi conosceva molto bene tutti i lavori di Gabrielle Vincent, ha tratto riferimenti grafici di alberi o di certe architetture anche dagli altri suoi album, oltre a quelli di Ernest e Celestine.

Jean-Christophe Roger & Julien Chheng spiegano cosa è cambiato a livello tecnico nei dieci anni trascorsi dal primo film e come il sequel ha beneficiato a livello artistico di questa evoluzione.

Julien Chheng: Abbiamo utilizzato il software TV Paint, molto facile da usare, che permette di disegnare l’animazione fotogramma per fotogramma in modo digitale, riproducendo molto bene le caratteristiche del disegno su carta. Per quanto riguarda i rendering ad acquerello, all’epoca del primo film, l’elaborazione delle immagini era affidata a un grande team. Doveva ritagliare la linea di animazione dei personaggi, ricolorarla e sfumare i colori piatti per creare la sfumatura da acquerello. L’intero processo era lungo, complesso e costoso. Il software TV Paint era già utilizzato dal team del Lussemburgo che si occupava della colorazione delle scenografie e abbiamo sviluppato un metodo simile per ottenere un effetto acquerello sui personaggi. Si è rivelato molto efficiente e più veloce del sistema utilizzato nel primo film. Questo è uno dei principali progressi che abbiamo fatto nella creazione del rendering delle immagini.

Julien Chheng: Una volta completata la sceneggiatura, con Jean-Christophe ci siamo occupati del pre-montaggio, ovvero della trasposizione di ogni scena in immagini attraverso rapidi schizzi. Questo primo schizzo stabilisce già il tono e il ritmo del film e permette di impostare le battute. Poi siamo passati al montaggio di questi disegni, durante il quale abbiamo affidato alcune scene agli illustratori affinché le portassero avanti. A questo punto, aggiungiamo dettagli a ciò che è stato abbozzato in precedenza e ci occupiamo dell’aspetto dei personaggi. In seguito, possiamo iniziare a creare i primi sfondi in line art e poi a colori, e prepariamo anche i modelli dei personaggi illustrati su tutti gli assi. È qui che inizia la realizzazione del film, con la preparazione dei layout: i personaggi vengono disegnati “da modello”, con il loro aspetto finale definitivo, nelle pose chiave corrispondenti all’azione di ogni scena, e gli sfondi in line art corrispondenti. Questi layout permettono poi agli animatori di intervenire e di trascorrere dodici mesi ad animare ogni scena, guidati da queste immagini chiave. Disegnano con le penne sugli schermi, portando tutta la sensibilità e la giocosità dei personaggi. Il loro lavoro viene poi colorato dal team del Lussemburgo, che aggiunge anche le ombre. Sono stati loro a colorare i fondali del film, come ho spiegato prima. Infine, tutti questi pezzi del puzzle vengono assemblati a Parigi dal team di compositori dello studio Fost: le animazioni dei personaggi vengono inserite nelle scenografie, vengono realizzati i movimenti di macchina e vengono aggiunti gli effetti visivi.

Ernest e Celestine 2 – La colonna sonora

  • Le musiche originali del film sono composte e orchestrate da Vincent Courtois che ha musicato sia il precedente lungometraggio “Ernest e Celestine” che la serie tv “Ernest e Celestine The Collection”.

TRACK LISTINGS:

1. Qu’est-ce qu’on fait de l’amour? (Pomme & Vincent Courtois) 3:55
2. Free Charabie 2:13
3. A deux 0:42
4. Ouverture 1:55
5. Un coup de déprime 1:59
6. En route Célestine ! 1:22
7. Le paysage change 1:39
8. Concert à une note 1:19
9. Glissade vers la Charabie 0:46
10. Le tribunal 1:41
11. En filature 1:05
12. Duo avec l’oiseau 1:43
13. Tempête 0:34
14. Mifasol 1:32
15. Poursuite dans le bar 1:22
16. Appel à la résistance 2:28
17. Désespoir 4:08
18. Final 2:39

La colonna sonora di “Ernest e Celestine 2 – L’avventura delle 7 note” è disponibile su Amazon.

Ernest e Celestine 2 – Foto e poster

Ultime notizie su Film Europei

Tutto su Film Europei →