Stasera in tv: “First Man – Il primo uomo” su Canale 5

Su Canale 5 “First Man – Il primo uomo”, dramma biografico del 2018 di Damien Chazelle con Ryan Gosling, Claire Foy, Corey Stoll e Kyle Chandler.

Cast e personaggi

Ryan Gosling: Neil Armstrong
Claire Foy: Janet Shearon Armstrong
Corey Stoll: Buzz Aldrin
Pablo Schreiber: Jim Lovell
Jason Clarke: Edward Higgins White
Kyle Chandler: Deke Slayton
Christopher Abbott: David Scott
Patrick Fugit: Elliott See
Ciarán Hinds: Robert R. Gilruth
Lukas Haas: Mike Collins
Shea Whigham: Gus Grissom
Ethan Embry: Pete Conrad
Olivia Hamilton: Patricia White
Gavin Warren: Rick Armstrong
Connor Colton Blodgett: Mark Armstrong
Brian d’Arcy James: Joseph A. Walker
Cory Michael Smith: Roger Chaffee
Brady Smith: Butch Butchart
William Gregory Lee: Gordon Cooper
Skyler Bible: Richard F. Gordon Jr.
John David Whalen: John Glenn

Doppiatori italiani

Massimiliano Manfredi: Neil Armstrong
Elena Perino: Janet Shearon Armstrong
Roberto Certomà: Buzz Aldrin
Sergio Lucchetti: Jim Lovell
Massimo De Ambrosis: Edward Higgins White
Francesco Prando: Deke Slayton
Francesco Meoni: David Scott
Giorgio Borghetti: Elliott See
Paolo Buglioni: Robert R. Gilruth
Simone D’Andrea: Mike Collins
Pasquale Anselmo: Gus Grissom
Fabrizio Manfredi: Pete Conrad
Emanuela Damasio: Patricia White
Gabriele Meoni: Rick Armstrong
Alberto Vannini: Mark Armstrong

Trama e recensione

“First Man – Il Primo Uomo” narra l’avvincente storia della prima missione della NASA sulla luna, focalizzandosi sulla figura di Neil Armstrong e sui dieci anni che precedono la storica missione dell’Apollo 11. Resoconto intimo e viscerale raccontato dal punto di vista di Armstrong, basato sul libro di James R. Hansen, il film esplorerà i sacrifici e il costo, per Armstrong, per la sua famiglia e per l’intera nazione stessa, di una delle missioni più pericolose della storia.

Curiosità

  • Il film è stato candidato a 4 Premi Oscar: Migliori effetti speciali, miglior scenografia, miglior montaggio sonoro e  miglior sonoro vincendo una sola statuetta per gli effetti speciali.
  • Mark Armstrong e Rick Armstrong hanno detto che First Man è stato il ritratto più accurato del loro padre Neil Armstrong e della loro madre Janet Armstrong.
  • Gli astronauti dell’Apollo erano considerati dipendenti del governo, con la maggior parte al grado di capitano. Indipendentemente dalla loro sostanziale istruzione, il reddito medio annuo di questi astronauti negli anni ’60 era di $17.000 ($ 112.000 nel 2019) esclusivamente in base al grado militare. Inoltre non sono stati pagati alcun compenso per i rischi corsi. Inoltre, gli astronauti sono stati pagati al giorno di 8 dollari extra al giorno ($ 56 nel 2019) per ogni giorno trascorso nella navicella spaziale. Tuttavia la loro indennità giornaliera era “pre-deduzione” e venivano detratte per le spese di soggiorno quando erano a bordo della navicella, poiché venivano forniti loro cibo e un letto.
  • Nella scena della colazione appena prima del lancio dell’Apollo 11, il ritrattista della NASA Paul Calle è stato interpretato da suo figlio Chris Calle.
  • William Safire, uno degli autori dei discorsi presidenziali di Nixon, aveva preparato una dichiarazione che sarebbe stata consegnata dal presidente nel caso in cui la missione Apollo 11 fosse fallita. Safire ha scritto un breve discorso intitolato “In caso di disastro lunare” per una tale eventualità, ma non lo ha consegnato a Nixon. Dopo il successo della missione, Safire ha tranquillamente inserito il discorso negli archivi presidenziali dove è rimasto fino a quando non è stato declassificato e rilasciato al pubblico nel 1999. La prima riga del discorso recita: “Il destino ha voluto che gli uomini che sono andati sulla luna per esplorare in pace resteranno sulla luna per riposare in pace”.
  • Gli allarmi “1201” e “1202” che suonavano durante la discesa lunare indicavano che il computer stava ricevendo più dati di quanti ne potesse elaborare. La procedura per risolvere questo problema consisteva nel ciclo dello switch, che essenzialmente ha posto fine al collo di bottiglia. Questa non sarebbe stata l’ultima volta che questo errore si era verificato in un volo Apollo. Quando l’Apollo XII fu colpito da un fulmine durante il suo lancio, anche in quel caso attivò un 1202.
  • In questo film sono stati evitati errori comuni: la Terra e la luna sono sempre illuminate dal sole alla stessa angolazione, la natura paradossale dei razzi in accelerazione e frenata in orbita, nessuna luce invadente nascosta all’interno dei caschi degli astronauti per mostrare i loro volti e nessun suono ambientale nel vuoto dello spazio.
  • Un personaggio di spicco in questo film è Donald K. Slayton aka Deke Slayton. Era uno degli astronauti Mercury originali, ma è rimasto a terra a causa di palpitazioni cardiache. Scegliendo di rimanere con la NASA, divenne il suo primo capo dell’ufficio astronauti e direttore delle operazioni dell’equipaggio di volo. La sua persistenza alla fine avrebbe ripagato, poiché fu dichiarato abile nel 1971 e finalmente andò nello spazio nel volo congiunto americano / sovietico Apollo Soyuz nel 1975, circa 14 anni dopo la prima missione Mercury con equipaggio.
  • I realizzatori hanno utilizzato i progetti originali della casa di Neil Armstrong per replicare l’aspetto della sua casa nel film.
  • L’equipaggio dell’Apollo 11 mangia bistecche e uova prima del loro lancio. Questa è stata la tradizionale colazione del giorno del lancio degli astronauti della NASA dal 1961, quando fu servita ad Alan Shepard per il primo volo del Progetto Mercury.
  • Buzz Aldrin menziona il suo Personal Preference Kit (PPK), che era una piccola borsa in cui gli astronauti potevano scegliere di portare oggetti personali durante il viaggio. Insieme ad altri oggetti, Buzz Aldrin includeva una piccola coppa d’argento, un’ostia da comunione e un piccolo contenitore di vino da comunione, che usava per una cerimonia personale formale quando era sulla luna.
  • La prima scelta di Damien Chazelle per interpretare il ruolo di Neil Armstrong è stata Ryan Gosling. Si diceva addirittura che Gosling fosse collegato al progetto durante la sua fase di sviluppo, ma nulla è stato ufficialmente confermato. Non è stato fino a dopo che Gosling ha girato La La Land (2016) con Chazelle che Gosling ha ufficialmente firmato per realizzare il progetto.
  • “First Man – Il primo uomo” è basato sul libro di James R. Hansen “The First Man: Discovering Neil Armstrong” (Robert Laffont Editions). Dopo aver scritto una tesi in storia della scienza e della tecnologia all’Università dell’Ohio e trascorso più di vent’anni scrivendo e insegnando sui temi della storia e dello spazio, Hansen ha deciso di iniziare a scrivere la sua prima biografia. Nel 2000 ha contattato Neil Armstrong che, riluttante a rilasciare interviste, ha rifiutato la proposta. Alla fine, Hansen ha impiegato due anni per convincere Armstrong, con il sostegno della sua famiglia.
  • James R. Hansen, l’autore di First Man: The Life of Neil Armstrong (Simon and Schuster, 2005, 2012), è due volte candidato al Premio Pulitzer nella storia. Il suo libro del 1995 Spaceflight Revolution: NASA Langley Research Center from Sputnik to Apollo è stato nominato per il Pulitzer dalla National Aeronautics and Space Administration, l’unica volta in cui la NASA ha mai nominato un libro per il premio.
  • Mentre Neil Armstrong era il “comandante” del LEM e Buzz Aldrin il “pilota”, Armstrong era quello ai comandi del LEM. La designazione di Aldrin come pilota significava che era incaricato di monitorare i sistemi e trasmettere informazioni ad Armstrong, proprio come il modo in cui un pilota in un porto oceanico guida il capitano di una nave a manovrare la nave in porto.
  • La scena di apertura mostra il famigerato contrattempo di Armstrong durante il volo del veicolo supersonico X-15, ma lo fonde con un incidente successivo che coinvolge Chuck Yeager per l’economia. Armstrong stava volando in un T-33 con Yeager, testando i siti di atterraggio dell’X-15 quando il T-33 si è bloccato su un letto di lago, bloccando Armstrong e Yeager nel deserto. Questi primi incidenti nella carriera di Armstrong divennero parte della tradizione del pilota collaudatore, sebbene Yeager presumibilmente trovò il fiasco del T-33 esilarante e si divertì a prendersela con il pilota più giovane.
  • Il direttore Linus Sandgren e il regista Damien Chazelle hanno utilizzato pellicole da 16 mm per le scene terrestri e 35 mm per le scene nello spazio per creare la sensazione di stare davvero guardando questo film nel 1969.
  • Alan Bean è stato il quarto uomo a camminare sulla luna e un consulente tecnico per questo film. Purtroppo è morto per una breve malattia subito dopo la fine della produzione e prima dell’uscita del film.
  • Ryan Gosling e il regista Damien Chazelle hanno visitato il museo Armstrong Air and Space nella città natale di Neil Armstrong, Wapakoneta, Ohio, per fare ricerche su Armstrong e sulla missione Gemini VIII.
  • Il vero figlio di Neil Armstrong, Mark, interpreta l’addetto al controllo della missione che spegne la scatola squawk che trasmette l’audio durante la missione Gemini 8.
  • Questa è stata la seconda collaborazione di Damien Chazelle e Ryan Gosling, la prima è stata La La Land (2016).
  • Come indicato nel film, l’incendio dell’Apollo I è stato causato dall’abrasione di parte dell’isolamento in teflon da un filo. A differenza di quanto mostrato, la scintilla è effettivamente avvenuta in un luogo fuori dalla vista. Anche se l’ossigeno non è infiammabile, un’atmosfera di ossigeno al 100% rende la combustione estremamente facile, rendendo anche infiammabile l’alluminio. Inoltre, una grande quantità di varie superfici rivestite di velcro all’interno della navicella, poiché era utile per trattenere penne e altri piccoli oggetti in un ambiente a gravità zero, come si vede sulla chiave di uscita. Quando è sottoposto a pressione e calore estremi in un ambiente completamente ossigenato, il velcro può infiammarsi. La combinazione di circuito ad arco, calore e pressione dell’ossigeno ha causato l’accensione dei materiali all’interno della capsula.
  • Contrariamente alla credenza popolare e alla sua rappresentazione in molti film, l’ossigeno non è infiammabile. Invece, agisce come un ossidante e fa bruciare altri materiali, specialmente in alte concentrazioni, come all’interno della capsula dell’Apollo 1. Il fuoco richiede tre elementi: calore, carburante e ossigeno. Il cortocircuito elettrico ha fornito il calore. L’alluminio, il velcro e altri materiali hanno fornito il carburante. L’ossigeno ha fatto interagire il calore con il carburante.
  • La famosa citazione di Neil Armstrong mentre calpestava il terreno lunare è oggetto di controversia storica. Il film cita accuratamente ciò che è stato ascoltato sulla Terra e in tutte le registrazioni: “Questo è un piccolo passo per l’uomo, un passo da gigante per l’umanità”. Armstrong in seguito ha rivelato che intendeva dire “… un piccolo passo per [un] uomo …” e che pensava di averlo fatto, ma tutti gli sforzi per estrarlo dalla registrazione, anche con l’elettronica, sono stati inconcludenti.
  • Quando”First Man – Il primo uomo” è stato presentato in anteprima al Festival del cinema di Venezia, è stato oggetto di controversie per non aver raffigurato l’iconica messa a terra della bandiera americana sulla luna durante la sequenza lunare. Ryan Gosling ha difeso l’omissione, dicendo: “Ha trasceso paesi e confini…Penso che questo sia stato ampiamente considerato come un risultato dell’umanità [ed] è così che abbiamo scelto di vederlo. Penso anche che Neil fosse estremamente umile, perché lo erano molti di questi astronauti, e più e più volte ha ha sviato l’attenzione da se stesso alle 400.000 persone che hanno reso possibile la missione. Potrei avere pregiudizi cognitivi, [ma] non credo che Neil si considerasse un eroe americano. Dalle mie interviste alla sua famiglia e alle persone che lo conoscevano, è stato esattamente il contrario. E volevamo che il film riflettesse Neil”. La biografia su cui si basa il film racconta in dettaglio le lotte degli astronauti con l’asta della bandiera malfunzionante, che “si è quasi trasformata in un disastro per le pubbliche relazioni”.
  • Dalla polemica della mancata scena lunare con la bandiera il regista ha negato di aver omesso la bandiera sulla luna per fare una dichiarazione politica. A difesa del regista e del film sono intervenuti i figli dell’astronauta, Rick e Mark Armstrong, affermando che Chazelle voleva raccontare la storia da una prospettiva unica: “Questo è un film incentrato su ciò che non sai di Neil Armstrong, un film incentrato su cose che non hai visto o che potresti non ricordare del viaggio di Neil sulla luna. I cineasti hanno trascorso anni a fare ricerche approfondite per ottenere l’uomo dietro il mito, per arrivare alla storia dietro la storia. E’ un film che ti dà una visione unica della famiglia Armstrong e degli eroi americani caduti come Elliot See e Ed White, è un film molto personale sul viaggio di nostro padre, visto attraverso i suoi occhi. Questa storia è umana ed universale. Naturalmente, celebra un successo dell’America, e celebra anche un traguardo per tutta l’umanità, come dice la targa che Neil e Buzz hanno lasciato sulla luna. Un uomo comune che fa profondi sacrifici e soffre intensamente attraverso la perdita per raggiungere l’impossibile.”
  • “First Man – Il primo uomo” costato 59 milioni di dollari ne ha incassati nel mondo circa 105 milioni.

La colonna sonora

  • Le musiche originali di “First Man – Il primo uomo” sono del compositore Justin Hurwitz alla sua quarta collaborazione con il regista Damien Chazelle dopo aver musicato Guy and Madeline on a Park Bench, Whiplash e La La Land, quest’ultimo è valso a Hurwitz due premi Oscar (Miglior colonna sonora e Miglior canzone originale per “City Of Stars”), due Golden Globes ( Miglior colonna sonora originale e Miglior canzone originale per “City of Stars”) e un BAFTA alla Migliore colonna sonora.
  • La musica originale composta da Justin Hurwitz comprendeva vari strumenti, tra cui il theremin (che Hurwitz ha imparato a suonare; la sua performance è nella partitura finale) e un sintetizzatore Moog, insieme a un’unità di ritardo basata su nastro Echoplex, che conferiscono alla partitura la sua unicità. L’Echoplex, che dispone di una testina di riproduzione scorrevole che può spostare il ritardo (eco) del segnale inviato alla testina di registrazione, viene utilizzato per creare ripetizioni singole o multiple da informazioni registrate temporaneamente su un loop di nastro, che è stato utilizzato per un certo numero di registrazioni pop negli anni settanta. Hurwitz ha anche registrato nuovamente un’orchestra d’archi riprodotta attraverso un cabinet del rotore Leslie per creare effetti sonori speciali.
  • L’attore Ryan Gosling ha scoperto per la prima volta l’amore di Neil Armstrong per il theremin durante le sue ricerche di fondo con la famiglia e gli amici di Armstrong. Lo portò all’attenzione di Damien Chazelle e Justin Hurwitz, che in seguito scelsero di includere lo strano strumento nella partitura.
  • La canzone “Whitey on the Moon” durante la sequenza di protesta è una cover della famosa canzone del cantante / poeta Gil Scott-Heron. È una critica delle priorità economiche della corsa allo spazio per molti dei diseredati economici e sociali dell’epoca.

TRACK LISTINGS:

1. X-15 1:22
2. Good Engineer 1:06
3. Karen 0:45
4. Armstrong Cabin 1:15
5. Another Egghead 1:05
6. It’ll Be an Adventure 0:41
7. Houston 2:16
8. Multi-Axis Trainer 2:54
9. Baby Mark 0:47
10. Lunar Rhapsody (feat. Les Baxter) (Dr. Samuel J. Hoffman) 3:04
11. First to Dock 1:27
12. Elliot 0:28
13. Sextant 1:45
14. Squawk Box 1:54
15. Searching For the Aegena 1:51
16. Docking Waltz 3:22
17. Spin 1:15
18. Naha Rescue 1 1:05
19. Pat and Janet 1:34
20. The Armstrongs 2:25
21. I Oughta Be Getting Home / Plugs Out 1:10
22. News Report 0:42
23. Dad’s Fine 1:03
24. Whitey on the Moon (Leon Bridges) 1:48
25. Neil Packs 1:25
26. Contingency Statement 1:56
27. Apollo 11 Launch 5:50
28. Translunar 1:01
29. Moon 1:07
30. Tunnel 0:52
31. The Landing 5:31
32. Moon Walk 1:29
33. Home 1:51
34. Crater 2:00
35. Quarantine 2:15
36. End Credits 4:19
37. Sep Ballet (Bonus Track) 1:17

[Per guardare il video clicca sull’immagine in alto]

I Video di Cineblog

Ultime notizie su Film in tv

Tutto su Film in tv →