• Film

Fletch: Jon Hamm annuncia riprese del reboot a primavera 2021

Il reboot di Fletch – Un colpo da prima pagina inizierà le riprese nella primavera del 2021, lo rivela il protagonista Jon Hamm.

Il reboot di Fletch – Un colpo da prima pagina inizierà le riprese nella primavera del 2021, lo rivela Jon Hamm protagonista e produttore di questo rifacimento aggiornato in tempi odierni. Il sito Collider riporta anche che Hamm ha rivelato che la produzione spera di girare a New York e che il film sarà approcciato come di ritorno alle origini, con il film che utilizzerà i romanzi di Gregory Mcdonald per avvicinarsi al materiale con una nuova prospettiva.

Il film originale “Fletch” del 1985 segue le vicende di Irwin “Fletch” Fletcher, giornalista d’assalto di Los Angeles interpretato da Chevy Chase che pubblica scoop dietro lo pseudonimo Jane Doe. L’ultima indagine di Fletch lo vede travestito da barbone vivere in spiaggia per infiltrarsi nel mondo dello spaccio di droga. Fletch in cerca di prove incappa nel miliardario Alan Stanwyk malato di cancro che chiede a Fletch, in cambio di 50.000$, di ucciderlo affinché sua moglie ottenga i soldi dell’assicurazione. Fletch fiuta subito che c’è qualcosa di losco e inizia a indagare imbattendosi in alcuni collegamenti tra il miliardario che in realtà è sano come un pesce e i narcotrafficanti che controllano lo spaccio sulla spiagge di Los Angeles. Il film diretto da Michael Ritchie (Che botte se incontri gli orsi) si rivelò un successo incassando 59 milioni di dollari e generando un sequel, Fletch, cronista d’assalto (Fletch Lives) uscito nel 1989 che ha visto di nuovo a bordo Michael Ritchie e Chevy Chase.

Un reboot del film è stato in lavorazione per vent’anni, con vari nomi collegati tra cui Kevin Smith che nel 2000 avrebbe dovuto scrivere e dirigere un film di Fletch per la Miramax Films. Smith dopo un disaccordo con Chase decise di adattare “Fletch Won”, prequel che segue un giovane Fletch nei suoi primi anni come giornalista junior. Smith aveva pensato a Jason Lee, Ben Affleck, Brad Pitt o Jimmy Fallon per il ruolo di protagonista e un potenziale cameo per Chase. Nel 2003 Smith si scontra con il capo della Miramax Harvey Weinstein che voleva imporre Zach Braff, alla fine Smith abbandonò e il progetto passò nelle mani Bill Lawrence, creatore della serie tv Scrubs che avrebbe fatto del progetto il suo debutto alla regia. Braff dopo aver intrapreso delle trattative con Miramax abbandonò per lavorare al remake di Open Hearts. Nel giugno 2007 venne annunciato che Lawrence era fuori dal progetto sostituito da Steve Pink. Nel 2011 i diritti del progetto sono stati acquisiti dalla Warner Bros., che ha reclutato diversi scrittori che hanno prodotto sceneggiature inadeguate. Nel 2013 David List, che rappresenta gli eredi di Mcdonald, è intervenuto con il suo progetto che ha visto coinvolto Jason Sudeikis nel ruolo del protagonista. Lo studio ha firmato la sceneggiatura, descritta come una “grintosa commedia d’azione ma con il cuore”, e ha iniziato a cercare un regista. Nell’aprile 2015 il film è stato trasferito ai Relativity Studios dopo che la Warner Bros. ha passato la mano, purtroppo Relativity Media è fallita quello stesso anno e poi di nuovo nel 2018.

Hamm rimpiazzerà Chase nei panni di Fletch nel nuovo film che sarà un adattamento del romanzo sequel “Confessa, Fletch” del 1976, ma ambientato ai giorni nostri. Alla regia è stato reclutato il Greg Mottola di Suxbad e Paul che torna a collaborare con Hamm dopo averlo diretto in Le spie della porta accanto. Mottola dirige da una sceneggiatura di Zev Borow al suo primo lavoro cinematografico dopo aver scritto episodi per le serie tv Chuck, Human Target, Forever e Lethal Weapon. Secondo quanto riferito, la storia del nuovo film vede il Fletch di Hamm, principale sospettato in un caso di omicidio, iniziare un corsa contro il tempo per dimostrare la propria innocenza e nel frattempo provare anche a recuperare collezione d’arte rubata alla sua fidanzata. Hamm è anche produttore del progetto insieme a Connie Tavel, con David List a bordo come produttore esecutivo.