• Film

Generazione Low Cost: trailer italiano e anticipazioni sul film di Julie Lecoustre & Emmanuel

Tutto quello che c’è da sapere su “Generazione Low Cost”, il film con Adèle Exarchopoulos transitato a Cannes al cinema dal 12 maggio.

Dal 12 maggio nei cinema italiani con I Wonder Pictures e Unipol Biografilm Collection Generazione Low Cost (Zero Fucks Given), il film interpretato da Adèle Exarchopoulos che ha incantato all’ultima edizione del Torino Film Fest e al Festival di Cannes dove era in concorso alla Semaine de la Critique. Diretto dalla coppia di registi Julie Lecoustre & Emmanuel Marre, “Generazione Low Cost” racconta la vita di Cassandre, una giovane hostess che lavora per una compagnia aerea low cost ch esembra soddisfatta della sua vita frenetica scandita dai viaggi, finché un imprevisto non la costringe a tornare a casa e fare i conti con nodi irrisolti e mai realmente affrontati.

La trama del film

La trama ufficiale: Assistente di volo per una compagnia aerea low cost, Cassandre vive alla giornata, viaggia e si diverte, fedele al suo soprannome di Tinder “Carpe Diem”. Un’esistenza senza legami e senza radici all’insegna del presente e della ricerca della libertà, tra vendita di profumi a bordo, feste e sesso occasionale durante gli scali, nell’ambizione un giorno di lavorare per una compagnia di alto livello. La sua routine viene però interrotta da un imprevisto che mette in crisi la sua visione della vita.

Cast e registi

  • Adèle Exarchopoulos si è rivelata al grande pubblico con La vita di adele, di Abdellatif Kechiche, per il quale ha ricevuto la Palma d’Oro al Festival di Cannes 2013, e poi il César come migliore attrice promettente. Da allora l’abbiamo vista in The Anarchists di Elie Wajeman (2015), Il tuo ultimo sguardo di Sean Penn (2016) e Back Home di Jessica Palud (2018). È stata poi vista in Sibyl – Labirinti di donna, un dramma psicologico di Justine Triet che è stato nominato per il concorso principale al Festival di Cannes 2019. Nel 2021 recita in Mandibules – Due uomini e una mosca di Quentin Dupieux e torna a Cannes con The Stronghold di Cédric Jimenez e Generazione Low Cost di Emmanuel Marre.
  • Avvistata per caso davanti alla sua scuola dalla regista Camille Mol, Mara Taquin ha debuttato come attrice nel cortometraggio di Mol del 2016, Creatures. Poi, Mara Taquin ha recitato in vari film di produzione belga prima di recitare in Francia. Ha terminato le riprese della serie Fils De con Béatrice, “Generazione Low Cost” di Emmanuel Marre, After Blue di Bertrand Mandico e The Hive di Christophe Hermans.
  • Alexandre Perrier è soprattutto un produttore. Quindi quando Emmanuel e Julie gli hanno chiesto di venire a vedere la sessione del casting, non pensava che sarebbe finito sullo schermo un anno dopo. In “Generazione Low Cost” ha pensato solo a supportare il suo partner di produzione, François-Pierre Clavel. Ma i due registi lo hanno convinto a interpretare Jean, il padre del protagonista. Alexandre ha fondato l’azienda Kidam 15 anni fa. In particolare ha prodotto Swagger di Olivier Babinet (Acid 2016). Più recentemente, ha prodotto il film di Damien Odoul, Theo & The Metamorphoses (Berlinale 2021). Ora, all’età di 43 anni, attende con calma il César del miglior attore promettente per iniziare la sua nuova carriera…
  • I registi Emmanuel Marre e Julie Lecoustre vivono e lavorano tra Parigi e Bruxelles. Nel 2017 Emmanuel Marre ha diretto The Summer Movie (premio Jean Vigo, Grand Prix al Clermont Ferrand Short Film Festival). Nel 2018 Julie Lecoustre si è unita a lui per scrivere, ideare e produrre Castle To Castle (Premio Pardino d’Oro al festival di Locarno). Nel 2020 continuano la loro collaborazione co-dirigendo “Generazione Low Cost”.

Generazione Low Cost – trailer e video

Primo trailer italiano ufficiale pubblicato il 22 aprile 2022

Prima clip ufficiale in italiano pubblicata l’11 maggio 2022

Intervista ai registi

Julie Lecoustre racconta come è nata questa nuova collaborazione co Emmanuel Marre.

Avevamo già lavorato insieme a uno dei mediometraggi di Emmanuel, Castle To Castle Emmanuel ha iniziato a scrivere Generazione Low Cost e io mi sono unita a lui a novembre 2018. Inizialmente, avrebbe dovuto dirigere il film da solo, ma questo era un costante lavoro a quattro mani, in cui la sceneggiatura si mescolava alla preparazione e la scrittura si mescolava ad una riflessione sul metodo di lavoro. Poiché tutto si svolgeva simultaneamente, la co-regia era la logica continuazione del progetto. In termini di produzione, il nostro principale interesse era quello di mantenere una sorta di artigianato “fai da te” e di non essere inghiottiti dalla pesantezza della produzione. Come si preserva questo stato d’animo pur essendo ambiziosi? Bisognava mantenere una certa distanza dal copione, e non santificarlo, in pratica usarlo come una sorta di progetto. Era sempre chiaro (anche nella dichiarazione del regista) che la sceneggiatura doveva essere una guida, un filo conduttore, ma non qualcosa di fisso e rigido. Il film non deve essere la semplice esecuzione della sceneggiatura. Non santifichiamo nemmeno il contrario: nel film trovi anche alcune scene che seguono alla lettera il copione. Ma siamo più attaccati all’idea di scrivere che alla sceneggiatura in sé.

Marre e Lecoustre raccontano il percorso tra la genesi del personaggio e il casting di Adèle Exarchopoulos.

Emmanuel Marre: Generazione Low Cost nasce da un’immagine, anzi, da una doppia immagine. Un giorno mi sono ritrovato seduto in prima fila su un volo Ryanair, proprio davanti all’assistente di volo. Mentre l’aereo decollava, la guardavo: era evidente che soffriva atrocemente, come se stesse lottando con una profonda ferita interiore. Era una scena molto potente. Poi abbiamo sentito il “ding!”, si è slacciata la cintura di sicurezza ed è apparsa un’immagine diversa: ha fatto un grande sorriso e ha iniziato a tirare fuori il carrello delle bibite, offrendo cose da vendere… La dicotomia tra queste due immagini (questo momento di
introspezione e di questa inquietudine professionale) è stata potente e ha sollevato una domanda: cosa ha lasciato questa giovane donna per terra prima di decollare? Più tardi, ho ripensato a quella scena e ad un dipinto di Hopper, “New York Movie” e ho voluto sviluppare questa doppia immagine. Il film è nato da lì, e non da un personaggio, il che pone anche il problema del casting. Il direttore del casting mi chiedeva: “chi è il tuo personaggio?” “Nessuna idea”, dissi. Inizialmente, volevamo scegliere una vera assistente di volo per il ruolo di Cassandra, ed è così che abbiamo preventivato il film. Ma avevo ancora Adele in testa, e quando abbiamo deciso di incontrarci, abbiamo visto subito che qualcosa risuonava in lei. Innanzitutto, puoi dire subito che non è la stessa ragazza che vedi nelle riviste. E poi la sua malinconia, il tipo di angoscia che trasuda, la sua capacità di perdere il controllo e poi spegnersi il momento successivo, tutto questo ci ha convinto che poteva essere Cassandra.

Julie Lecoustre: In questa immagine originale, vediamo anche come il lato intimo della personalità di qualcuno lotta con il suo lato pubblico. Se nascosta sotto un’uniforme e regolata da atteggiamenti codificati, l’unicità di qualcuno esploderà ancora di più, e c’è qualcosa di inquietante in questo. È travolgente il modo in cui il granello di sabbia umano si insinua nell’ingranaggio della grande macchina standardizzata. Mentre oggi c’è questa tendenza a smaterializzare il lavoro, gli assistenti di volo hanno ancora un lavoro fisico, presente e quasi carnale. E c’è un parallelo tra il lavoro di assistente di volo e quello di attrice: a volte, ti chiedi cosa pensa un’attrice quando non recita… Questo obbligo di sorridere, e indossare il trucco come una sorta di maschera, si trova in entrambe le professioni. Infatti, nel film, Adèle si trucca e si acconcia da sola e indossa i suoi stessi vestiti. Doveva trovare la sua Cassandra dentro di sé.

Marre e Lecoustre spiegano cosa volevano mostrare sull’essere un’assistente di volo.

EM: Non volevamo fare un “film su una professione”, cioè schiacciare la protagonista sotto le determinazioni del sistema, e negarle ogni libertà e interiorità… Piuttosto, abbiamo deciso di costruire un personaggio attorno a qualcuno per il quale questa professione e le condizioni di lavoro specifiche del mondo low cost, funzionano bene.

JL: Per un po’ abbiamo incontrato persone che lavorano per aziende low-cost, e non era solo per il casting del film, ma anche per studiare questo mondo da vicino, con un approccio documentaristico. Nonostante le condizioni di lavoro e la paga patetica, è un lavoro che ispira sempre sogni e le candidature non mancano. Abbiamo imparato molto sulle condizioni di vita degli assistenti di volo: sono molto giovani, provengono da tutta Europa (e sempre più dai paesi dell’est europeo) e vivono spesso in piccole comunità apolidi, in appartamenti condivisi vicino agli aeroporti. Sono costantemente fuori sincronia, le settimane non esistono più; ricevono un programma settimanale e scoprono le loro destinazioni. Volevamo che il personaggio si perdesse in un “non tempo”, tra “non luoghi”. È una vita episodica: nel momento in cui si chiude la porta dell’aereo, l’assistente di volo si stacca da tutto il resto. Trova un parallelo nello “swipe”, che ti consente di passare da una data potenziale a quella successiva su un’app di appuntamenti; e anche nel fatto che quando a Cassandra viene chiesto da quanto tempo lavora, è costretta a guardare la sua timeline di Instagram. Inoltre, quando guardi l’Instagram degli assistenti di volo, vedi solo scatti di cielo, oblò, asfalto, tutti intercambiabili. Vanno in tre paesi al giorno, ma non viaggiano. Cassandra vive in una località di villeggiatura, Lanzarote (nelle isole Canarie), ma non conosce bene il luogo in cui vive.

EM: Detto questo, non volevamo ricorrere al cliché di denunciare la vita moderna come una “non vita”. Dicono che il mondo digitale ci taglia fuori dalla vita reale, ma nel mondo digitale, attraverso le app di appuntamenti, puoi anche trovare scintille di vita, e non sono meno preziose delle altre. Non volevamo filmare l’assenza di incontri, ma l’impossibilità di avere un incontro davvero significativo. Cassandra vede le persone tutto il tempo e con ognuna potrebbe succedere qualcosa. Ma a causa del suo stile di vita, è impossibile. Quando chiude la porta dell’aereo, quando passa il dito sull’app di appuntamenti, è finita, lei va avanti. Durante le audizioni ci siamo accorti che molte assistenti di volo hanno scelto questa professione per sfuggire a qualcosa, una tragedia, un cuore spezzato… È un film che parla di solitudine, e di quello che abbiamo visto a Dubai durante il periodo del Covid (con questi quadratini disegnati sul terreno per separare le persone) mostra anche cosa sta succedendo sul lavoro, dove si cerca di atomizzare i lavoratori, di spezzare solidarietà e legami. Cassandra incontra costantemente una moltitudine di individui, ma non è possibile una vera connessione. E quando torna a casa, trova questo legame che dura, che è solido. È quello che esprime a modo suo quando dice alla sorella “mi dispiace”: “Je suis désolée”, in francese. E non lo intende come scusa, ma nel suo senso etimologico: qualcosa di desolato, disabitato. Cassandra è in uno stato di desolazione, non abita da nessuna parte ed è disabitata.

Foto e poster

ELENCO SALE