• Film

E’ morto George Segal, attore in “Chi ha paura di Virginia Woolf?” e “Senti chi parla”

L’attore americano George Segal del classico Chi ha paura di Virginia Woolf? e della sit-com The Goldbergs è scomparso all’età di 87 anni.

George Segal, attore statunitense apparso in classici come Chi ha paura di Virginia Woolf?, Il gufo e la gattina e Una pazza storia d’amore, e noto per il ruolo di Albert Solomon nella sit-com The Goldbergs, è morto a 87 anni a Santa Rosa, in California, per complicazioni dovute ad un intervento chirurgico di bypass. A dare il triste annuncio la moglie dell’attore, Sonia.

George Segal nasce il 13 febbraio 1934 a Long Island, New York. Dopo un periodo nell’esercito, si è fatto le ossa come attore teatrale prima di essere scelto per il suo primo ruolo cinematografico di rilievo in Giorni senza fine (1961). Dopo ruoli di pregio in La nave dei folli (1965) e Qualcuno da odiare (1965), nel 1966 viene candidato all’Oscar per la sua interpretazione in Chi ha paura di Virginia Woolf? in cui recita accanto a Richard Burton ed Elizabeth Taylor. Il film divenne un fenomeno culturale, influì sul codice della censura americana in vigore dal 1934 e fu un enorme successo al botteghino.

All’inizio degli anni ’70 Segal raggiunge l’apice della sua carriera inanellando apparizioni in film come Il gufo e la gattina (1970), Una pazza storia d’amore (1973), Il mio uomo è una canaglia (1971), La pietra che scotta (1972) e Un tocco di classe (1973), tutti ruoli che consolidano il suo status di star, anche se l’attore non riesce a vincere riconoscimenti che rispecchino la sua popolarità. Dopo qualche pellicola che non funziona al botteghino, vedi Qualcuno sta uccidendo i più grandi cuochi d’Europa (1978), L’uccello tutto nero (1975) e La volpe e la duchessa (1976), alla fine del decennio la stella di Segal appare un po’ appannata e di certo non aiuterà la scelta di abbandonare il film 10 di Blake Edwards (1979), pellicola che insieme ad Arturo (1981) renderà Dudley Moore una star.

Gli anni ottanta vedranno Segal protagonista della commedia Il pollo si mangia con le mani (1981) e in ruoli di supporto al fianco di Davis Carradine e Franco Nero nel thriller Marathon (1988), di Burt Reynolds in Scherzare col fuoco (1985) e recita con John Travolta e Kirstie Alley nel campione d’incassi Senti chi parla (1989). Gli anni novanta vedono Segal recitare con Carol Alt nella commedia italiana Un orso chiamato Arturo (1992), è nel film d’azione Caccia mortale (1993) con protagonista Dolph Lundgren, recita per Gus van Sant nella commedia noir Da morire (1995) con Nicole Kidman, Matt Dillon e Joaquin Phoenix ed è nel cast della commedia Il rompiscatole con Jim Carrey e Matthew Broderick. Altri ruoli di Segal includno L’amore ha due facce (1996) dove torna a recitare con Barbra Streisand, è nel nutrito cast del disaster-movie apocalittico 2012 (2009) di Roland Emmerich (2009). L’ultimo ruolo cinematografico di Segal  risale al 2014 nella commedia Elsa & Fred con Shirley MacLaine e Christopher Plummer, seguito nel 2017 da una stella assegnata all’attore sulla Hollywood Walk of Fame. La carriera di Segal si conclude sul piccolo schermo con il ruolo dell’amato nonno Albert nella sit-com The Goldbergs.

Filmografia

Giorni senza fine (The Young Doctors), regia di Phil Karlson (1961)
Il giorno più lungo (The Longest Day), regia di Ken Annakin, Andrew Marton (1962)
Act One, regia di Dore Schary (1963)
Squadra d’emergenza (The New Interns), regia di John Rich (1964)
Invito ad una sparatoria (Invitation to a Gunfighter), regia di Richard Wilson (1964)
Qualcuno da odiare (King Rat), regia di Bryan Forbes (1965)
La nave dei folli (Ship of Fools), regia di Stanley Kramer (1965)
Chi ha paura di Virginia Woolf? (Who’s Afraid of Virginia Woolf?), regia di Mike Nichols (1966)
Né onore né gloria (Lost Command), regia di Mark Robson (1966)
Quiller Memorandum (The Quiller Memorandum), regia di Michael Anderson (1966)
Il massacro del giorno di San Valentino (The St. Valentine’s Day Massacre), regia di Roger Corman (1967)
Addio Braverman (Bye Bye Braverman), regia di Sidney Lumet (1968)
Non si maltrattano così le signore (No Way to Treat a Lady), regia di Jack Smight (1968)
Il suo modo di fare, regia di Franco Brusati (1968)
La stella del Sud (The Southern Star), regia di Sidney Hayers (1969)
Il ponte di Remagen (The Bridge at Remagen), regia di John Guillermin (1969)
Loving, gioco crudele (Loving), regia di Irvin Kershner (1970)
Senza un filo di classe (Where’s Poppa?), regia di Carl Reiner (1970)
Il gufo e la gattina (The Owl and the Pussycat), regia di Herbert Ross (1970)
Il mio uomo è una canaglia (Born to Win), regia di Ivan Passer (1971)
La pietra che scotta (The Hot Rock), regia di Peter Yates (1972)
Un tocco di classe (A Touch in Class), regia di Melvin Frank (1973)
Una pazza storia d’amore (Blume in Love), regia di Paul Mazursky (1973)
L’uomo terminale (The Terminal Man), regia di Mike Hodges (1974)
California Poker (California Split), regia di Robert Altman (1974)
L’uccello tutto nero (The Black Bird), regia di David Giler (1975)
Roulette russa (Russian Roulette), regia di Lou Lombardo (1975)
La volpe e la duchessa (The Duchess and the Dirtwater Fox), regia di Melvin Frank (1976)
Rollercoaster – Il grande brivido (Rollercoaster), regia di James Goldstone (1977)
Non rubare se non è strettamente necessario (Fun with Dick and Jane), regia di Ted Kotcheff (1977)
Qualcuno sta uccidendo i più grandi cuochi d’Europa (Who Is Killing the Great Chefs of Europe?), regia di Ted Kotcheff (1978)
Marito in prova (Lost and Found), regia di Melvin Frank (1979)
L’ultima coppia sposata (The Last Married Couple in America), regia di Gilbert Cates (1980)
Il pollo si mangia con le mani (Carbon Copy), regia di Michael Schultz (1981)
Sfida alla vita (Not My Kid), regia di Michael Tuchner (1985)
Scherzare col fuoco (Stick), regia di Burt Reynolds (1985)
Marathon (Run for Your Life), regia di Terence Young (1988)
Senti chi parla (Look Who’s Talking), regia di Amy Heckerling (1989)
Giorni di gloria… giorni d’amore (For the Boys), regia di Mark Rydell (1991)
Un orso chiamato Arturo, regia di Sergio Martino (1992)
Senti chi parla adesso! (Look Who’s Talking Now), regia di Tom Ropelewski (1993)
Caccia mortale (Joshua Tree), regia di Vic Armstrong (1993)
Da morire (To Die For), regia di Gus Van Sant (1995)
Babysitter… Un thriller (The Babysitter), regia di Guy Ferland (1995)
Amore e disastri (Flirting with Disaster), regia di David O. Russell (1996)
Il rompiscatole (The Cable Guy), regia di Ben Stiller (1996)
L’amore ha due facce (The Mirror Has Two Faces), regia di Barbra Streisand (1996)
Un party per Nick (It’s My Party), regia di Randal Kleiser (1996)
Heights, regia di Chris Terrio (2004)
13 giorni a Las Vegas (Three Days to Vegas), regia di Charlie Picerni (2007)
Made for Each Other, regia di Daryl Goldberg (2009)
2012, regia di Roland Emmerich (2009)
Amore & altri rimedi (Love and Other Drugs), regia di Edward Zwick (2010)
Elsa & Fred, regia di Michael Radford (2014)

Fonte: THR

I Video di Cineblog